Le fantasie di Fusaro sul Bilderberg

Le fantasie di Fusaro sul Bilderberg

Fusaro, filosofo di moda, e le fantasie sul Bilderberg. Luoghi comuni, inesattezze e, soprattutto, soluzioni reazionarie

di Franco Ferrari

bilderberg-1

1) Fusaro non lo cita ma è evidente che si basa su un’unica fonte, il libro di Estulin, autore del tutto inaffidabile. Non sarei nemmeno sicuro che l’abbia letto tutto però, perché ci sono frasi chiave che mi sembrano riprese solo dalle introduzioni alla versione italiana del libro. In particolare sono riprese quasi “verbatim” (cioè copiate) quelle dove si afferma che “il gruppo Bilderberg non consiste in una società, né in una cospirazione: si tratta, invece, di un incontro privato tra potenti di tutto il mondo” o dove si parla di ” società per azioni mondiale e di aristocrazia di intenti”. Interessante questo articolo di Diego Fusaro sul Bilderberg pubblicato dal Fatto Quotidiano, giornale molto vicino al Movimento 5 stelle. Meriterebbe un’analisi anche la massa degli oltre 800 commenti, che mi sembrano equamente divisi tra “complottisti” ed “anticomplottisti”. Le considerazioni che si possono trarre dalla lettura, in sintesi, sono queste:

Sono formule utilizzate da Estulin solo nei testi più recenti, ovvero dal momento in cui si è parzialmente allontanato dall’estrema destra “patriottica” americana e si è avvicinato al movimento di Lyndon LaRouche (movimento che per la sua ambiguità può trovare ascolto anche a sinistra). Su tutto questo percorso rimando al mio libro.

2) Fusaro ripete il luogo comune “complottista” sull’assoluta segretezza delle riunioni del Bilderberg: “Dal 1954 ad oggi, non è mai stato permesso alla stampa di assistere ai consessi del gruppo Bilderberg, né si è mai pubblicata l’agenda del convegno, né sono state rilasciate dichiarazioni da parte di chi vi ha partecipato.”

Di queste tre affermazioni solo la prima è vera. E’ bastata una modesta ricerca per accertare che dopo la prima riunione il Principe Bernhard d’Olanda (uno dei fondatori dell’iniziativa) convocò una conferenza stampa alla quale partecipò anche un giornalista italiano che ne riferì ampiamente sul suo giornale. Venne anche pubblicato un lungo comunicato di 6 pagine sui contenuti della discussione. Ancora a metà degli anni ’70 si tenne una conferenza stampa di presentazione il cui video è stato messo in rete dalla Associated Press. Questa pratica cessò per lo scarso interesse dei giornalisti. L’agenda degli incontri viene pubblicata. I report riservati che sintetizzano le discussioni avvenute, sono ormai largamente disponibili (io, senza muovermi da casa, ne ho raccolti almeno una quarantina, l’ultimo del 2002).

I ricercatori seri che si sono occupati del Bilderberg, ne hanno trovato ampia documentazione in molti archivi, anche se, essendo ricerche storiche, questa è più abbondante per gli anni più lontani. Sempre in rete si trova tutta la documentazione della prima riunione (400 pagine di fotocopie, fatture dell’albergo comprese) raccolta da un partecipante italiano.

Gli autori “complottisti” non fanno mai riferimento a questa documentazione perché il mito delle riunioni segrete consente di attribuire ad esse qualsiasi dichiarazione o interpretazione, dato che è difficile smentire ciò che non si sa. Per questo il Bilderberg può essere considerato un gruppo di destra o di sinistra a seconda delle preferenze ideologiche dell’autore. Molti esponenti dell’estrema destra lo considerano un gruppo che vuole instaurare “il socialismo” ed i cui predecessori hanno finanziato la rivoluzione bolscevica.

3) Se si analizza con una certa attenzione critica l’articolo di Fusaro si capisce che c’è un tentativo di mescolare critiche di destra e reazionarie al capitalismo con altre di sinistra. Dove però il nocciolo ideologico (la difesa dello stato nazionale contro l’élite finanziaria che vuole cancellare le identità plurali) è una versione leggermente ripulita del pensiero della destra razzista americana dalla quale, non per caso, nasce la campagna che fa del Bilderberg il presunto “governo occulto del mondo”.

Ora, chiarire tutto questo non significa nascondere il fatto che il Bilderberg sia un’iniziativa che si propone, dall’origine, di favorire l’alleanza atlantica (NATO in primis), di rinsaldare i rapporti tra Europa occidentale e Stati Uniti, di estendere il “libero mercato” e tutti i processi di globalizzazione ritenuti utili alle imprese ed al capitale (finanziario ed industriale, non solo “la finanza internazionale”). Ma le critiche “complottiste”, sia per il metodo, che si avvicina più alla superstizione ed all’esorcismo che all’analisi scientifica dei processi, sia per il contenuto, che tende ad “inquinare” la ricerca di un’alternativa al neoliberismo con posizioni reazionarie, non sono affatto affini ma del tutto alternative alle nostre.

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

1 Commento

  1. Gabriele87

    L’articolo e il suo punto di vista sono estremamente chiari: Fusaro, nell’ambito di questi argomenti, è un filosofo da quattro soldi, che sfruttando la sua attuale fama e forza mediatica contribuisce a propinare a destra e a manca visioni tendenzialmente destrorse-reazionarie, in ambito politico, sociale ed economico. Insomma il suo pensiero non sarebbe altro che una nebulosa di luoghi comuni condita di discorsi fascistoidi. Il problema, prof. Ferrari, è che questo tipo di rappresentazione dei vari Fusaro, Onfray e compagnia cantando non fa altro che favorire un certo tipo di potere (che non deve essere chiamato “di destra” né “fascista”), che è quello del mercato, del mondialismo dell’estensione di unico dogma paradigmatico a tutto il sistema mondo, a partire dagli stilemi politico-sociali-economici statunitensi, ma che ormai sono dappertutto. I sui discorsi, Ferrari, ricalcano l’antico coro per cui Nietzsche sarebbe stato nazista, Camus non impegnato e Pasolini un ricco borghese a favore dal manganello di Stato. Mi corregga se sbaglio.
    GM

    Rispondi

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Cookies necessari

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

__cfduid, csrftoken, JSESSIONID, SESS#
__cfduid
SESS#
JSESSIONID

Cookies per preferenze

I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi

lang, lang
lang
lang

Cookies statistici

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gali, _gat, _gid, d
d
_ga, _gali, _gat, _gid

Cookies per il marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi. Tali dati sono raccolti in forma anonima.

_twitter_sess, ATN, bcookie, bscookie, c, ck1, CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST, collect, CSNUtId, ct0, drtn#, DSID, everest_g_v2, everest_session_v2, external_referer, gglck, guest_id, i/jot/syndication, id, IDE, khaos, leo_auth_token, lidc, mc, mdata, na_id, na_tc, NID, pcs/activeview, personalization_id, r/collect, rlas3, rtn1-z, test_cookie, UID, UIDR, uuid, visit,
ct0, external_referer, personalization_id
ATN
bcookie, bscookie, leo_auth_token, lidc, RT, visit, _auth
c, khaos
ck1, drtn#, rlas3, rtn1-z
CMDD, CMID, CMPRO, CMPS, CMSC, CMST
collect, NID
CSNUtId
dpixel, mc
DSID, IDE, doubleclick.net, test_cookie
everest_g_v2, everest_session_v2, gglck
id, mdata
na_id, na_tc
pcs/activeview
UID, UIDR
uuid
_pinterest_sess

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?