32.2 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
32.2 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
Homequotidiano movimentoMessico, in prescrizione i reati del subcomandante Marcos

Messico, in prescrizione i reati del subcomandante Marcos

Sono stati dichiarati prescritti i reati per cui erano stati spiccati mandati di cattura ai danni del subcomandante Marcos e di altri zapatisti nel 1995. In Chiapas problemi ancora irrisolti

di Enrico Baldin

Cb9L-ymWEAAKZSn

Sono stati dichiarati prescritti i reati per cui erano stati spiccati mandati di cattura ai danni del subcomandante Marcos e di altri zapatisti nel 1995. A darne l’annuncio ieri il quotidiano messicano La Jornada, che ha ripreso quanto emesso dal giudice federale Juan Marcos Davila martedì.

Oltre al subcomandante Marcos sono definitivamente prosciolti altri alti dirigenti dell’EZLN, tra cui il comandante Vicente e la comandante Elisa, catturati a febbraio 1995 nell’ambito di una operazione dei federali, giunta pochi giorni dopo la firma di un accordo di tregua che l’EZLN firmò con l’allora segretario di governo Esteban Moctezumo. Il mandato di cattura annunciato dal presidente Zedillo quattro giorni dopo il trattato di pace – probabilmente su spinta degli ambienti finanziari messicani – minò la stabilità degli insediamenti chiapanechi, anche se l’operazione di polizia non portò alla cattura del sup.

In seguito, viste le pressioni popolari provenienti da tutto il Messico e da importanti personalità da tutto il mondo, il Messico fu indotto a proseguire le trattative con l’EZLN, che garantirono una sorta di sospensiva del mandato di cattura verso i dirigenti zapatisti che poterono anche giungere nel 2001 a Città del Messico e portare una delegazione zapatista davanti al Parlamento e ai rappresentanti del governo per portare le istanze comunicate durante la marcia che attraversò 12 stati del Messico e che chiedeva il recepimento in Costituzione delle clausole di dignità chieste dagli indigeni del Chiapas per bocca dell’EZLN.

Ad oggi, rispetto a quegli anni turbolenti, le condizioni in Chiapas paiono migliorate, ma alcuni problemi sono ancora irrisolti. Dai femminicidi, ai desaparecidos, alla povertà e all’accesso ai beni di primaria importanza, la recente visita di Papa Francesco ha messo in luce solo in parte le problematiche del sudest del Messico, ed i media italiani non paiono aver colto l’occasione per parlare delle condizioni di questa fetta di Pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]