-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomecultureL'armadillo e il partigiano: ecco Kobane calling di ZeroCalcare

L’armadillo e il partigiano: ecco Kobane calling di ZeroCalcare

Invito alla lettura di “Kobane Calling” di Zerocalcare (Bao Publishing), reportage a fumetti dai territori dove il popolo curdo sperimenta il sogno dell’autonomia e l’incubo della guerra

di Francesco “baro” Barilli

zerocalcarekobane

Te lo confesso, sono preoccupato.

Mi dirai che è tipico mio: sono pessimista, vedo sempre tutto nero… E poi c’ho ‘sta fissa del “minimalismo intellettuale”: mi soffermo su piccoli episodi e ne ricavo – magari arbitrariamente – buoni o cattivi indizi in senso generale. Accetto la critica.

(a Kobane Calling e Zerocalcare ora ci arrivo, non mettermi fretta…)

Quindi, dicevo: troppe cose m’han fatto venire ‘sta epifania: in Italia non manca molto che a ricordare i partigiani ci sarà da stare attenti. Pure il 25 aprile sarà festa pacificatrice, “la piazza è di tutti” eccetera. Dirsi partigiano e antifascista sarà sinonimo di sovversivo. Fantapolitica? Ce la raccontiamo fra un paio d’anni…

Allora ti dico: ci vuole un libro come Kobane Calling (vedi che ci arrivo, prima o poi) a ricordare i valori della Resistenza. Ed è un bene che lo faccia un autore giovane parlando di vicende attuali e (solo apparentemente) lontane.

Perché, guarda, per me è questo il nodo di KC: è un libro partigiano.

COVER-KOBANE-CALLING

Che poi ci stanno molte altre cose da dire, su KC. E te le dico in ordine sparso, perché non voglio annoiarti con una recensione/pippone, perché ‘sto libro meriterebbe qualcosa di diverso e di meglio, ma quello lo lascio fare ad altri.

Cosa sia Kobane Calling lo sai già, però visto che non parliamo da soli lo ripeto per gli alieni che ancora non lo sanno: è un reportage a fumetti. Zerocalcare da Rebibbia è andato nei territori dove il popolo curdo (da troppo tempo represso e disperso fra Turchia, Siria e Iraq, e ora ferocemente minacciato dall’Isis o Daesh che dir si voglia) si è riorganizzato in una società secondo direttrici progressiste (emancipazione femminile, partecipazione dal basso, libertà religiosa, rispetto dell’ambiente). E combatte, contro Isis e non solo, la propria lotta (che poi non è “propria” ma di tutti; ma non come o perché lo dice Il Giornale). E Michele racconta di questa società e delle persone incontrate (positive e meno: combattenti, perseguitati politici, ma pure funzionari corrotti).

Oh, dico: Zerocalcare c’è andato, lì. E non per fare una passerella. C’è andato il “Michele Rech uomo”, che poi ha raccontato la storia come “Michele Rech detto Zerocalcare (fumettista)”. Questa è un po’ la sua ricetta da sempre, dalla Profezia dell’Armadillo in poi intendo: Michele mette se stesso nei suoi fumetti. Carne e sangue e pensieri e sentimenti, dico, e non è una novità. L’ho già detto altre volte: certo, la freschezza del tratto, l’ironia, la capacità di rappresentare le inquietudini di una generazione. Tutto vero, ma qualcuno dovrà pur dire che ciò che caratterizza davvero Zerocalcare è la sua umanità.

Però in KC c’è uno scatto, un qualcosa che non so dirti. Compare pochissimo l’armadillo. Ci sono più concessioni al “giornalismo grafico puro”. L’ironia c’è sempre, certo (alcune scene ti faranno ridere come sempre, credi a me!), ma stavolta sembra venata da una tenerezza malinconica. Credo che Michele stesso abbia sentito di partecipare a qualcosa di storico, di epocale, e vi si sia accostato con intelligenza e in punta di piedi.

C’è un punto del racconto, nella prima parte, quella già pubblicata tempo fa su Internazionale, dove parla “del cuore” (oh, io lo brutalizzo, sennò non finiamo più). Ecco cosa volevo dirti: lui c’è andato “col cuore”, capendo che quello era (è) “il cuore” di una battaglia che riguarda tutti (ma mica nel modo in cui bercia Salvini, eh, lo ripeto se prima non era chiaro!), è tornato e ha scritto “col cuore”. Capisci?

Insomma, io ti parlo nel giorno in cui – leggo – Bertinotti dice che il movimento operaio è morto e che in CL ha ritrovato un popolo. Zerocalcare la connessione sentimentale col popolo l’ha trovata a Kobane. Dai, non dirmi che devo pure commentare…

Poi altri ti diranno quanto è importante e innovativo KC per il fumetto italiano in generale. Magari sottolineando che è strano, se non paradossale, che il lavoro più completo e attuale sul Rojava arrivi da un fumetto e non dal “giornalismo classico”. Ed è giusto, e ti sembrerà paradossale che non lo faccia io, che pure ne scrivo, di fumetti. Però a me interessava dirti che, per me, questo è un libro che tocca il cuore (ancora…). Tu leggilo, ti farà bene. Poi mi dirai…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi