mercoledì 23 maggio 2018

Francia, una racchetta per difendersi dalla violenza della polizia

Francia, una racchetta per difendersi dalla violenza della polizia

Una racchetta si aggira per le piazze di Francia. Serve a respingere le granate dei lacrimogeni. Continua la lotta contro la Loi Travail e continua la violenza della polizia. Ieri cariche al corteo antifa in memoria di Clement

di Checchino Antonini

99159714_france-large_trans++zLhBCBTUP5peMii574YzVWoRpsipTVNW6gX36t8mCFA

 

Unknown

 

Bisognerà pur decidere – recitava Giorgio Gaber – o avere dei nemici, o giocare a tennis». Bene, molti decenni dopo, questo anonimo manifestante francese – fotografato il 2 giugno a Nantes – sembra aver risolto il dilemma di Gaber: ci sono i nemici e c’è il tennis o, almeno, la racchetta. 

I nemici sono quelli dei lavoratori e dei giovani a ogni latitudine del mondo: i governi liberisti e i loro poliziotti violentissimi. E anni di lezioni di tennis sono serviti ad avere l’intuizione geniale, forse, che una racchetta può servire a respingere al mittente le granate dei lacrimogeni spesso sparate ad altezza d’uomo come sovente fanno corpi addestrati con molta disinvoltura sull’utilizzo delle armi e sul rispetto della dignità e dei diritti fondamentali della persona, corpi pervasi da una subcultura sprezzante delle regole e da un’etica violentissima.

156975871

 

Prima di Nantes, lo street tennis era stato avvistato a Parigi e, nel 2012, durante le proteste contro la costruzione di un devastante aeroporto a Notre-Dame-des-Landes, nell’ovest della Francia. 

 

La protesta contro la Loi Travail, intanto, continua. Si tratta di una sorta di jobs act che rende più lunghi i giorni di lavoro, più facili i licenziamenti, più leggere le buste paga e carta straccia i contratti collettivi. In Italia è passato come un coltello nel burro della capacità di mobilitazione della Cgil. In Francia, da quasi tre mesi, la Cgt è stata praticamente costretta a guidare le colossali proteste dei lavoratori e del movimento delle Nuit debout grazie alla radicalità di importanti settori di massa. Varie categorie sono scese in sciopero e per il 14, quando la legge passa al Senato per la discussione, sono stati proclamati uno sciopero generale e una manifestazione nazionale nella capitale francese.

Tutto ciò proprio dalla Francia dove, proprio in queste ore,  si stanno svolgendo le finali del Roland Garros, il torneo di tennis più importante e prestigioso al mondo sulla terra rossa.

882183-les-forces-de-l-ordre-lors-d-une-manifestation-de-militants-antifascistes-a-paris-le-4-juin-2016

 

Intanto, in una Parigi ancora scossa dalla piena della Senna, sono accaduti sabato scontri tra manifestanti e polizia durante una marcia di diverse centinaia di antifascisti raccolti in memoria di Clement Meric, ucciso tre anni fa dagli skinheads. Gli scontri sono avvenuti sul quai de Valmy, lungo il canale Saint-Martin nel nord-est della capitale dove la polizia aveva bloccato un ponte per impedire il corteo che era iniziato da Place Stalingrad poco dopo le 14 ore con slogan come “noi non dimentichiamo, noi non dimentichiamo”, e l’immancabile “tutti odiano la polizia” che si sente sempre nelle manifestazioni di piazza all’indomani della proclamazione dell’etat d’urgence, strumento pensato dopo gli attentati jihadisti ma che è considerato un fucile puntato contro il dissenso sociale. La morte di Clement Meric, 18 anni, ucciso il 5 giugno 2013 a Parigi, ha fatto scalpore. Dopo l’inchiesta, conclusa il 22 marzo, quattro skinheads sono stati incriminati, di cui due per violenza volontaria ma senza intenzione di uccidere, e due per la “semplice” violenza.

339FF68F00000578-0-image-a-28_1461868582480

Il ministro dell’Interno all’epoca dei fatti, Manuel Valls aveva evocato il reato di “omicidio” e il primo ministro Jean-Marc Ayrault, aveva promesso di “tagliare a pezzi” i gruppi di estrema destra. In seguito, il governo aveva sciolto Troisième Voie, da cui venivano gli skinhead, e il suo servizio d’ordine, Jeunesses nationalistes révolutionnaires (JNR).

Ma i giudici istruttori ha respinto l’ipotesi dell’intenzionalità dell’uccisione, nei loro atti d’accusa, anche nei confronti di due principali accusati, Esteban Morillo e Samuel Dufour, che è stato rilasciato dopo oltre un anno di detenzione provvisoria.

Print Friendly, PDF & Email

Articoli correlati

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *