martedì 25 settembre 2018

Pugni, carte, epilessia: sette giorni di repressione

Pugni, carte, epilessia: sette giorni di repressione

News dal 3 al 9 ottobre a cura dell’Osservatorio Repressione. Dall’autopsia Cucchi fino all’escalation di violenza poliziesca in Francia

carcere

 

#Editoriale

 Un omicidio chiamato «epilessia»

Non è il perito Introna a dover definire il nesso causale tra violenze subite e la morte di Stefano Cucchi. Saranno i magistrati a farlo. Dal canto nostro, pensiamo che sia possibile arrivare a un processo per omicidio preterintenzionale

 Un “movimento unico” per una nuova deriva autoritaria??

Perché per il m5s è così fondamentale non definirsi partito? La risposta, con un po’ di pazienza, la troverete alla fine.

#Repressione #LotteSociali #LotteSindacali #NoTav #MisureCautelari

Nicoletta, i miei primi quindici giorni da evasa

Quindici giorni. Quindici giorni sono passati da quando ho lasciato la mia casa, i grandi alberi carichi di nidi che da quasi un secolo la proteggono, i miei animali, i libri che accompagnano la mia vita.

Manifestazione No Muos: tagliate le reti, lacrimogeni sul corteo

Il 2 ottobre si è tenuta a Niscemi la manifestazione nazionale No Muos: oltre un migliaio di manifestanti si sono avvicinati alla base americana e hanno tagliato le reti.

Studenti medi in piazza: Cariche della polizia a Firenze. Tensioni a Roma e Torino

Studenti medi  in piazza  per il primo sciopero dell’anno, con cariche poliziesche a Firenze e tensioni a Roma e Torino.

Lucca: Decreti penali per la contestazione a Renzi

Nella giornata di venerdì 30 settembre sono state notificate 10 denunce per aggressione e minaccia a pubblico ufficiale a diversi manifestanti colpevoli di aver contestato Renzi a Lucca lo scorso 10 giugno

Il Coisp contro i NoTav: «Fermate il loro film al Senato»

Franco Maccari, segretario del Coisp, piccolo sindacato di polizia, stavolta tuona contro la proiezione in Senato, annunciata per il prossimo 20 ottobre, di “Archiviato, l’obbligatorietà dell’azione penale in Val Susa”, un film che documenta come gli illeciti commessi da agenti e funzionari di pubblica sicurezza ai danni di manifestanti o fermati, ampiamente documentati dai media, non determinino, specialmente a Torino, i medesimi esiti giudiziari di quelli commessi dai manifestanti. 

#Migranti

 Arriva lo STOP ai rigetti indiscriminati delle Questure per il rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro autonomo.

L’irregolarità fiscale esula dalle competenze del Ministero dell’Interno.

Assolto l’indiano accusato di avere rapito una bimba. Però Alfano lo ha espulso

Quando la politica fa strage dello stato di diritto, delle libertà individuali, della giustizia. Si susseguono espulsioni di stranieri per motivi di sicurezza nazionale e in omaggio al peggior populismo penale.

#Malapolizia

Omicidio Cucchi: Per il perito Introna, Stefano è morto per “epilessia”

Nella relazione del collegio dei periti, guidati dal professor Francesco Introna, ex massone, uomo di destra con un passato in Alleanza Nazionale,  viene sottolineato che “le lesioni riportate da Stefano dopo l’arresto non possono essere considerate correlabili causalmente o concausalmente, direttamente o indirettamente, con l’evento morte”.

#Carcere

Caso Fiordiso, tutto da rifare. «Indagini lacunose»

Rigettata la richiesta di archiviazione per la morte in carcere del giovane salentino. Il pm «avrebbe dovuto disporre la riesumazione della salma e un esame autoptico»

Il carcere di Marassi è diventato un “lazzaretto” sovraffollato

Zecche nelle celle detentive ed escrementi di topi e piccioni nei posti di lavoro della polizia penitenziaria. È la fotografia attuale del carcere genovese di Marassi dove si aggiunge anche il grave problema del sovraffollamento, 701 detenuti su 541 posti disponibili.

#DalMondo

Francia: Violenze della polizia, razzismo e islamofobia: FACCIAMO FRONTE!

La vera natura della polizia, non deve rimanere nascosto nel mese di novembre; c’è in gioco una presa di coscienza necessaria per le nostre lotte future!

La Francia al servizio della repressione di Erdogan

La longa manus della repressione turca colpisce anche in Europa. Infatti l’operatore satellitare francese Eutelsat ha sospeso le trasmissioni dal Belgio della televisione curda MedNuce (La voce della Mesopotamia) su richiesta del regime di Ankara. “I funzionario di Eutelsat hanno ammesso di aver ricevuto una lettera dalla Turchia in cui chiedeva di sospendere le trasmissioni di MedNuce”, hanno detto esponenti del Consiglio democratico curdo di Francia.

La Turchia degli arresti nell’emergenza infinita

Nel corso d’una recente intervista la giornalista kurda Sibel Güler ci aveva rivelato questo paradosso: tutti i magistrati che avevano trattato il caso suo e di altri 46 cronisti accusati d’essere membri o simpatizzanti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan e dunque terroristi (secondo il governo turco, l’Unione Europea, gli Stati Uniti)

Espulse da Israele le 13 donne a bordo della Freedom Flotilla

Il governo israeliano fa in fretta, per evitare che l’attenzione si concentri sull’azione di forza compiuta contro la “nave delle donne” e sulla condizione di Gaza sotto blocco totale.

Usa, vietato l’ingresso a ZeroCalcare

E’ stato a Kobane:  niente visto per ZeroCalcare.

Messico, i 43 e non solo

l 26 settembre del 2014, l’azione congiunta di polizia e narcotrafficanti ha attaccato gli studenti della Normal Rural di Ayotzinapa, portando alla scomparsa di 43 ragazzi. A due anni dall’episodio, famigliari degli scomparsi e movimenti hanno organizzato in Venezuela iniziative di denuncia insieme a famigliari e sopravvissuti delle “guarimbas”

#Appuntamenti

Presentazione del documentario “ARCHIVIATO – L’obbligatorietà dell’azione penale in Valsusa” arriva in Senato. Roma 20 ottobre

La “questione psichiatrica” – Incontro pubblico, Bologna 16 ottobre

Inoltre Leggi, scarica e diffondi i Materiali raccolti dall’Osservatorio Repressione e segui la rubrica “Accadde oggi” per non dimenticare….e la sezione Documentazione su movimenti e organizzazioni rivoluzionarie armate in Italia”

L’Osservatorio sulla Repressione è al nono anno di attività. In questi anni abbiamo lavorato in condizioni difficilissime e malgrado l’impegno che non risparmia energie, abbiamo bisogno necessariamente del vostro aiuto. Vi chiediamo di sostenerci,  affinché possiamo proseguire il nostro cammino. Grazie

Sostieni l’Osservatorio. Acquista la t-shirt “Liberi Tutti”

Per sottoscrivere: Postepay numero: 4023 6006 0447 6053

Il versamento può essere effettuato presso tutti gli uffici postali oppure on line da parte di chi è possessore di una carta “poste pay”. Oppure può essere effettuato anche presso le tabaccherie, in questo caso al numero bisogna aggiungere il seguente codice fiscale: DCRNRT70A44L113D. Una volta effettuata la donazione, inviate una mail a info@osservatoriorepressione.info con oggetto “donazione” in cui specificate nome e cognome di chi ha effettuato la sottoscrizione

PayPal direttamente dal sito dell’osservatorio www.osservatoriorepressione.info – cliccando su Donazione

Bonifico bancario intestato all’Osservatorio sulla Repressione presso Banca Etica

Codice IBAN: IT29B0501803200000000149425 Causale: donazione per l’osservatorio



www.osservatoriorepressione.info

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.