3.4 C
Rome
domenica 24 Gennaio 2021
3.4 C
Rome
domenica 24 Gennaio 2021
Home culture Cinema. Una montagna ci salverà

Cinema. Una montagna ci salverà

Al cinema La pelle dell’orso, film di Marco Segato, con Marco Paolini, tratto dal romanzo “di montagna” di Marco Righetto

di Enrico Baldin

14996518_10207796006999551_1695378599_n

E’uscito al cinema “La pelle dell’orso”, film di Marco Segato – al suo esordio dopo un intenso lavoro documentaristico –  basato sull’omonimo romanzo di Marco Righetto. E’un film lento e riflessivo, come la terra che descrive la storia, dotata di una espressività come poche altre. La vita dura e ruvida allo stesso tempo, l’intensa laboriosità del paesino di montagna, le tradizioni mescolate a credenze e riti pagani del secondo dopo guerra, e l’imperiosità del paesaggio dolomitico, descrivono l’ambientazione della pellicola.

Pietro, uomo rude col vizio del bicchiere è disprezzato dalla sua comunità per il suo funesto passato. E’ vedovo e ha un figlio 14enne con cui ha un rapporto distaccato, viziato da silenzi e freddezze e aggravato dalla mancanza della madre. Una sera all’osteria, tra scetticismo e derisioni, Pietro – animato dai fumi dell’alcol che ne alimenta l’incoscienza – affronta il suo datore di lavoro e tutti gli avventori scommettendo di riuscire ad uccidere l’orso che negli ultimi giorni ha ammazzato alcuni animali allevati dai paesani. L’indomani, armato di fucile, parte tra i boschi per una impresa impossibile. Il figlio Domenico successivamente si incamminerà per mettersi alla ricerca di un padre che fino a quel momento non si era mai fatto trovare.

A scandire la pellicola sono il rapporto intenso con la natura, la condivisione del comune obiettivo, un crescere di gesti e attenzioni intervallate da tante attese e tanti silenzi così consueti tra le venature di una montagna popolata da uomini che hanno l’impermeabilità delle rocce come Pietro (interpretato da un Marco Paolini a suo agio tanto nella loquacità del palco, quanto all’espressività del protagonista). La storia descritta da Segato pare voler dire che nella vita, in qualche modo, può esserci un’altra cartuccia da sparare, ci può essere una possibilità di riscatto. A patto che ci sia qualcuno determinato a cercarla.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Marasma, il serial killer nei manicomi

Bambini e le donne segregate ingiustamente nei manicomi prima della legge 180. Un documentario e un seminario su Zoom

Regolamento di conti al Campidoglio: Raggi fa fuori il suo vice

Roma, la sindaca Raggi dimissiona Luca Bergamo, assessore alla Cultura. L'Arci: «Si sancisce il più tetro inverno della progettazione culturale»

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]