5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
5.7 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniAslı Erdoğan appena liberata!

Aslı Erdoğan appena liberata!

Aslı Erdoğan rilasciata dopo cento giorni di detenzione. «Sono una scrittrice e il motivo per cui esisto è quello di parlare»

di Francesco Ruggeri

img_2614-768x768

Le autorità turche hanno rilasciato due note intellettuali che erano state arrestate con l’accusa di propaganda terroristica. Lo riferisce il quotidiano Hurriyet. La scrittrice Asli Erdogan e la linguista Necmiye Alpay facevano parte di un gruppo di giornalisti e autori che scrivevano per il quotidiano Ozgur Gundem, chiuso per presunti legami con i curdi del Pkk. Le due scrittrici sono rimaste dietro le sbarre per oltre 100 giorni. «Sono una scrittrice e il motivo per cui esisto è quello di parlare. L’unica prova di appartenenza ad un’organizzazione terroristica che mi è stata mostrata è stata solo il mio nome sul giornale», ha detto in tribunale la Erdogan, che faceva parte del comitato consultivo del giornale. Poi ha aggiunto che i principi basilari del diritto erano stati violati accusando i redattori del giornale. Oltre alle due scrittrici, sono stati rilasciati anche altri giornalisti.

In Italia, tra gli altri, è stato lo scrittore veneziano Roberto Ferrucci ad attivarsi per una mobilitazione degli intellettuali per la liberazione di Aslı Erdoğan e degli altri giornalisti incarcerati dal feroce regime dello stato turco. 

Così si legge sul blog di Ferrucci:

Aslı Erdoğan appena liberata
La notizia mi è arrivata poco fa, mentre ero in vaporetto, e stavo leggendo il suo romanzo, Il mandarino meraviglioso. Un messaggio chiaro, da parte di un amico scrittore francese: Aslı Erdoğan è libera!  È una di quelle coincidenze che ti fanno assaporare la stranezza della vita: avevo deciso che l’ultimo libro di quest’anno sarebbe stato il suo, pubblicato qualche anno fa dall’editore Keller. Suo sarà anche il primo del prossimo anno, Je t’interpelle dans la nuit,pubblicato dalla Meet di Patrick Deville, nella collana bilingue, che leggerò subito dopo questo, pensando all’appartamento degli scrittori di Saint-Nazaire, dove entrambi siamo stati in residenza. Ora il resto della lettura de Il mandarino meraviglioso avrà un tono del tutto diverso, meno cupo, più piacevole. Non conosco i dettagli della liberazione, oggi è iniziato il processo, che la vede accusata di terrorismo insieme ad altri intellettuali e giornalisti, ma dubito che sia tutto a posto, tutto finito. Però adesso è un sollievo andare a letto con la consapevolezza che anche la mia cara collega Aslı Erdoğan stanotte potrà finalmente addormentarsi nel suo, dopo cinque mesi di assurda e ingusta incarcerazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi