9.3 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
9.3 C
Rome
giovedì 29 Febbraio 2024
HomecultureLa censura grillina non ferma Acad: oggi la prima di Noise

La censura grillina non ferma Acad: oggi la prima di Noise

Cambia location la prima di Noise perché la i grillini del municipio hanno chiuso il cinema Aquila. Appuntamento all’Ambra Garbatella

17622131_1380587345335869_6689840138894437961_o

Cambia location l’evento di Acad a Roma per la presentazione del corto Noise e del volume “Per uno Stato che non tortura”, curato da Simone Santorso e Caterina Peroni, al quale hanno collaborato alcuni attivisti dell’Associazione contro gli abusi in divisa. L’appuntamento è al Teatro Ambra Garbatella, in Piazza Giovanni da Triora, 15. Martedì scorso, 28 marzo, una delegazione di Acad ha partecipato all’assemblea tra il municipio, l’assessorato alla Crescita culturale e il cinema Aquila dov’era prevista la proiezione di Noise, in prima nazionale. «Siamo intervenuti per spiegare l’importanza della giornata del 31 marzo – spiegano gli attivisti contro la malapolizia – iniziativa che stiamo costruendo ormai da mesi anche con i ragazz* dell cinema Aquila, un bene comune dentro uno stabile confiscato alle mafie nel quartiere Pigneto. Un evento al quale parteciperanno persone che vivono lontane km da Roma e dall’Italia. Nonostante il nostro intervento, condiviso anche dai ragazz* del cinema e del quartiere, alla domanda di proiettare il nostro corto con relativa iniziativa ci siamo trovati davanti un quartetto penta-stellato sordo e incapace di darci delle risposte concrete, che per un capriccio ha dapprima censurato 3 film come nemmeno il Big Brother di Orwell avrebbe mai immaginato di fare e poi bloccato tutta la programmazione a seguire, costringendoci di conseguenza a dover fare l’impossibile per trovare un luogo adatto e disponibile alla prima proiezione di Noise a sole 48h dall’iniziativa». La censura s’è abbattuta sull’esperienza del cinema Aquila quando sono apparsi in cartellone tre film proposti dalla campagna BDS, movimento non violento per Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni nei confronti di Israele e contro l’apartheid del popolo palestinese, uno dei quali presentato agli Oscar, uno nominato ai Nastri d’Argento e al David di Donatello nonché trasmesso dalla Rai, uno selezionato a Cannes (“The wanted 18”, “This is my land… Hebron”, “The salt of the sea”), e il pluripremiato spettacolo teatrale “Mi chiamo Rachel Corrie”. Ma quello che ha fatto saltare la mosca ai nasi a 5 stelle è “Piccolo mondo cane”, che racconta la vicenda sociale dell’autogestione del canile comunale della Muratella portata avanti dai lavoratori ex dipendenti del canile. La proiezione, per esplicita dichiarazione dell’assessora municipale, non si sarebbe potuta svolgere perché un post su Facebook degli ex lavoratori aveva annunciato la notizia accompagnandola con una critica alla sindaca Raggi. Se vi sembrano cialtroni gli inquilini del Campidoglio non avete idea di chi governi in periferia.

«Crediamo siamo doveroso precisare chi e cosa ha causato questo spiacevole inconveniente figlio di un’oggettiva incompetenza nel gestire gli spazi pubblici. Tuttavia, nonostante i continui e inutili tentativi del comune di boicottare iniziative sociali senza scopo di lucro, attraverso giochi di potere e ridicole ripicche il cortometraggio verrà proiettato presso il TEATRO AMBRA ALLA GARBATELLA. HONESTAH’!», concludono ad Acad.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale