1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
1.6 C
Rome
lunedì 17 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniRoma, sfratti a 5 stelle. Associazioni nel mirino

Roma, sfratti a 5 stelle. Associazioni nel mirino

Roma, gli sfratti continuano contro le sedi delle associazioni. Nessun riscontro dal Campidoglio. Un coordinamento chiede di riconoscere il “valore sociale” del non profit

decide-Roma-sedi-delle-associazioni

ROMA – Le associazioni a Roma continuano ad essere sotto sfratto e a dover fronteggiare richieste di risarcimento insostenibili. L’ultimo sfratto in ordine di tempo non è ancora stato notificato, ma è pronto e, paradossalmente, riguarda un’associazione che da anni collabora con il comune, e ha appena rivinto il bando. La storia l’abbiamo già raccontata: nella capitale centinaia di associazioni ed enti non profit, che avevano sede in locali del comune concessi a canone agevolato, hanno ricevuto lo sfratto e richieste di arretrati per centinaia di migliaia di euro, dopo che il procuratore della Corte dei conti del Lazio aveva considerato irregolari i contratti di locazione. Anche le associazioni erano così finite in quel tritacarne politico-mediatico che era stato definito “Affittopoli”, anche se in realtà si trattava di tutt’altro.

La situazione non è cambiata nonostante quella che era sembrata una svolta. Da aprile ad oggi, infatti, la stessa Corte dei conti ha emesso una serie di sentenze che smentiscono il procuratore e che scagionano i funzionari del comune, che avevano firmato le concessioni e che per questo erano finiti sotto inchiesta. In sostanza, le sentenze riconoscono che le assegnazioni erano state fatte in base a un’ordinanza del sindaco del 1997 e a successive deliberazioni regolamentari comunali (dell’83, del ‘95 e del ’96), che prevedevano l’assegnazione di beni demaniali o patrimoniali indisponibili per attività di utilità sociale a prezzi scontati. E poiché alcune associazioni erano entrate nei locali prima che la procedura di concessione fosse perfezionata, la Corte ha ritenuto irrilevante la tempistica: l’importante è che, nel frattempo, le attività di utilità sociale fossero effettivamente svolte, come di fatto è stato.

A questo bisogna aggiungere che non si tratta di appartamenti o di locali che avrebbero potuto essere messi sul mercato: per la posizione, per lo stato di manutenzione, o per altri motivi. Non a caso appartengono al patrimonio indisponibile, tant’è vero che non si parla di affitti, ma di concessioni. Le associazioni hanno dovuto investire cifre a volte molto alte per lavori di restauro e ristrutturazione e, se lasciati inutilizzati, con tutta probabilità quegli spazi sarebbero stati occupati abusivamente, con tutti i problemi che ne conseguono.

Perché allora gli sfratti continuano? E perché non si trova una soluzione per chi ha già dovuto lasciare la propria sede e ha pagato o sta pagando gli arretrati? Le richieste di proroga agli sfratti non ricevono risposta, né, più in generale, richieste di chiarimenti.

La svolta per le associazioni non è arrivata dopo le sentenze e neanche a giugno, quando il comune ha approvato un’ordinanza in cui si diceva che dovevano essere riesaminati i procedimenti che hanno portato all’emanazione dei provvedimenti di sgombero. Da allora nulla è successo, e anzi, le brutte notizie continuano ad arrivare.

Il Coordinamento Valore Sociale continua la propria battaglia perché il problema venga affrontato con chiarezza e perché anche il comune riconosca il valore sociale delle attività delle organizzazioni non profit per la collettività e per i diritti delle persone e ne tenga conto nei propri rapporti con esse. Con questo obiettivo, le associazioni che hanno aderito al coordinamento hanno scritto una lettera aperta all’Assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Capitale, Andrea Mazzillo, per chiedere “di essere controllati e valutati per il riconoscimento del valore sociale delle attività svolte”. Non solo non temono i controlli, ma chiedono che avvengano più spesso.  (Paola Springhetti)

© Copyright Redattore Sociale

TAG:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi

Pitti uomo e la giostra del lavoro di merda

Nel giorno dell'inaugurazione di Pitti Uomo la denuncia dei lavoratori precari. Gkn "disintossichiamoci da questi livelli di sfruttamento"

«Quel generale anima nera dei depistaggi su Cucchi»

«Chi ha pestato Stefano non si poteva permettere che vedesse un legale di fiducia». Fabio Anselmo ricostruisce il depistaggio

Francia, l’ultima pallottola di Mélenchon

Il leader di France Insoumise è il candidato meglio posizionato nella campagna presidenziale 2022 ma è una figura logorata [Enric Bonet]

Depistaggi Cucchi: «C’è un regista, non è indagato ma c’è»

Il processo ai carabinieri accusati di aver deviato le indagini sull'omicidio di Stefano Cucchi. Parlano le parti civili