-3.1 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
-3.1 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniUranio e amianto, killer ignorati di mille militi noti

Uranio e amianto, killer ignorati di mille militi noti

La relazione finale della IV commissione d’inchiesta sull’uranio impoverito riconosce le responsabilità dei vertici militari. Ma per la Difesa le accuse sono «inaccettabili»
di Maurizio Zuccari

«Mai più militari morti e ammalati senza sapere perché, mai più una penisola interdetta». Non le manda a dire Gian Piero Scanu, presidente della IV commissione sull’uranio impoverito, che nella sua relazione finale chiama in causa i vertici della Difesa per le «sconvolgenti criticità» in cui hanno operato i militari italiani nei poligoni di tiro e sui campi delle guerre infinite dell’ultimo trentennio. Morti non sul terreno ma per le polveri cancerogene sprigionate da missili e proietti, nostri e alleati, caricati a uranio e usati senza conoscenze né precauzioni nelle missioni Nato.

Un’ecatombe che ha disseminato di cadaveri e malati terminali lo Stivale: quasi 350 morti, oltre 4mila contagiati dal 2000 in qua nei vari fronti del dopomuro, dal Medio Oriente ai Balcani. Senza contare le nascite dei bambini deformi, le vittime civili che nessuna Ong umanitaria – tanto attente ai gas farlocchi – ha contabilizzato ma si contano a milioni. Una strage e un j’accuse che i vertici delle forze armate continuano a negare, definendo «inaccettabili» le accuse. «L’uranio? Mai usato né acquistato. Le forze armate hanno la massima attenzione per la salute dei militari», dice, buon ultima, l’ineffabile ministra della Difesa Pinotti, sulla scia negazionista dei suoi predecessori.

Eppure basta scorrere i bollettini dell’Osservatorio militare messo in piedi da Domenico Leggiero, ex pilota, per la conta dei morti e delle sentenze. Oltre una quarantina, poco più d’una decina passate in giudicato. L’ultima condanna del ministero di via XX settembre al risarcimento è del Tar di Napoli, ai primi di febbraio. Lungaggini nei rimborsi e cavilli negazionisti sono pure in calce alla relazione della commissione presieduta da Scanu – una vita nella Diccì nelle sue varie salse, fino al Pd – che alle Idi di marzo non sarà riconfermato, con buona pace delle sue raccomandazioni.

Ma peggio va ai contagiati dall’amianto in Marina. Nel libro Navi di amianto (Oltre edizioni) i giornalisti Lino Lava e Giuseppe Pietrobelli raccontano quest’altra tragedia negata, costata finora il doppio dei morti ma appena annunciata. Mille militi noti, morti senza un perché.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La mappatura del nazi

Antifascist Europe , una mappa dei nazi-fascisti di tutta Europa, i loro collegamenti internazionali e le risorse finanziarie 

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri