mercoledì 23 gennaio 2019

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

mercoledì 23 gennaio 2019 Checchino Antonini
Caso Cucchi, nuove anomalie: il tratto di colonna vertebrale esaminato post-mortem non corrisponderebbe a quello che andava radiografato
La campagna: stop ISDS, diritti per le persone, regole per le multinazionali
mercoledì 23 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Da Davos al via la campagna per la difesa dei diritti dei cittadini e dell’ambiente contro la minaccia di sanzioni e ritorsioni da parte delle grandi imprese
mercoledì 23 gennaio 2019 Francesca Zaccari
Ex Penicillina, le voci di una rioccupazione accendono la gara a chi è più truce tra la sindaca e il ministro. Inascoltate le proposte dei movimenti territoriali
Rifugiati, deportazioni al Cara di Castelnuovo
martedì 22 gennaio 2019 Redazione
Cara Castelnuovo. «Migranti portati via come pacchi, lavoratori senza futuro». Primi trasferimenti dal centro alle porte di Roma
martedì 22 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Brexit: Jeremy Corbyn, propone vari scenari, compreso quello di un nuovo «voto pubblico» in grado di rimettere in discussione l'uscita dall'Ue
Aulla, dove la normalità era l’abuso. 27 carabinieri rinviati a giudizio
martedì 22 gennaio 2019 Checchino Antonini
Ci sarà un processo per i carabinieri finiti sotto inchiesta in Lunigiana per abusi in divisa soprattutto contro gli stranieri

in fondo a sinistra

Europee, che farà Pap? Com’è andata la consultazione on line
lunedì 14 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Pap: Carofalo e Cremaschi eletti portavoce. Il 73% vuole andare alle europee ma da soli (55%). Hanno votato in 1600, per lo statuto furono più di 4mila
Europee, doccia fredda sul Pd: verdi e Pizzarotti correranno da soli
sabato 12 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
#OndaverdeEcivica: verdi e sindaci in campo per le Europee nella speranza di emulare i tedeschi e intercettare delusi del Pd e di M5S
Cgil, il derby Landini-Colla spiegato (forse) bene
lunedì 7 gennaio 2019 Giulio AF Buratti
Congresso Cgil, ancora aperta la gara per il posto di segretario generale. Nella sinistra sindacale c'è chi sta con Landini, chi sceglie Colla e chi resta alternativo

cronache sociali

«Meglio morire che “salvarsi” in un lager in Libia»
martedì 22 gennaio 2019 Francesca Zaccari
144 migranti riportati in Libia nei centri di detenzione dove, per mesi, hanno subito violenze.  Per le Ong quello che è avvenuto è contro i trattati internazionali
Oxfam: ricchi sempre più ricchi, povertà in aumento
lunedì 21 gennaio 2019 Redazione
“Bene pubblico o ricchezza privata?”, il nuovo rapporto Oxfam alla vigilia del forum economico mondiale di Davos
Roma, il malgoverno e la strage di senza dimora
mercoledì 16 gennaio 2019 Redazione
Senza dimora, 11 morti a Roma, sono le vittime dell’emergenza freddo da novembre a oggi Diodati (Croce Rossa): “Servono strutture di accoglienza”. Sant’Egidio: “Ci vuole un piano che duri tutto l’anno”. Roma Capitale mette a disposizione 1600 posti per l’emergenza notturna ma la stima è di 10 mila persone in strada ROMA – Aveva ...

consumare stanca

Privatizzare farmacie? Fatto. Il pacco di Raggi ai romani
sabato 5 gennaio 2019 Francesca Zaccari
Roma, non era nel programma elettorale ma Raggi punta a privatizzare le partecipate. Ennesimo voltafaccia a cinquestelle
Hilary, Clerici, Albano, Romina, Isoardi, Padre Pio. E noi
domenica 23 dicembre 2018 Checchino Antonini
Perché i nostri vicini di casa, la gente in fila alla posta o nei centri commerciali ci sembrano marziani? Dove nasce il senso comune?
A Piacenza tornano i Vignaioli Indipendenti 
venerdì 23 novembre 2018 Ludovica Schiaroli
Sabato 24 e domenica 25 Mercato dei Vini a Piacenza Expo: oltre 600 vignaioli racconteranno il loro vino.

padrini & padroni

Da Salvini a Zingaretti: la santa alleanza per il Tav
sabato 12 gennaio 2019 Checchino Antonini
Torino, nemmeno questa volta sono stati in 40mila ma il grande affare del Tav mette insieme i poliziotti buoni e i poliziotti cattivi del liberismo
Salva Carige, quando la banca chiama qualsiasi governo accorre
martedì 8 gennaio 2019 Redazione
Il decreto Salva Carige. Il primo salva banche del governo del "cambiamento". Una montagna di soldi che potrebbero essere spesi meglio
Decreto Salvini, disobbedire è giusto
domenica 6 gennaio 2019 Antonio Moscato
A proposito dello scontro tra sindaci e Salvini. Riscoprire il dovere della disobbedienza

malapolizia

La morte di Arafet e il senso del macabro del ministro di malapolizia
lunedì 21 gennaio 2019 Ercole Olmi
La morte di Arafet Arfaoui sconvolge i familiari di altre vittime di malapolizia ma da Salvini solo frasi choc. Acad segue il caso da vicino. Oggi l'autopsia
Il cestista: «Abbassa la pistola». L’agente: «Da noi è normale»
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
La denuncia del cestista Mike James, che gioca nel Milano, fermato pistola in pugno mentre passeggiava vicino casa
Cpr di Bari e Potenza, condizioni disumane e violenza poliziesca
sabato 15 dicembre 2018 Ercole Olmi
Tensione contro un rimpatrio nel Cpr di Palazzo S.Gervasio e a Bari rivolta contro la violenza della polizia e le condizioni di reclusione

quotidiano movimento

L’alleanza “indivisibile”. Metodologie per coalizioni durature
sabato 19 gennaio 2019 Redazione
La grande risposta del 10 novembre e l’alleanza “indivisibile”. Metodologie per coalizioni durature
Cgil, parla l’opposizione: «Davvero credete al Landini movimentista?»
giovedì 17 gennaio 2019 Francesco Ruggeri
Eliana Como: «in Riconquistiamo tutto siamo per una Cgil più radicale, Colla moderato e Landini continuità con Camusso»
Antirazzismo, gli Indivisibili fanno rete
lunedì 17 dicembre 2018 Checchino Antonini
Com'è andata l'assemblea nazionale di Roma convocata dal cartello, gli Indivisibili, che diede vita al corteo del 10 novembre contro il dl Salvini

in genere

Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro
Nudm, oggi a Verona contro le mozioni antiabortiste
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Sabato 13 ottobre mobilitazione a Verona contro le mozioni anti-abortiste. Non Una Di Meno lancia lo stato di agitazione permanente

mondi

Cuba più sola che mai
domenica 20 gennaio 2019 Antonio Moscato
Forza e debolezza di Cuba sessant’anni dopo la rivoluzione, la resistenza, la nuova Costituzione, il quadro latinoamericano La forza principale della rivoluzione cubana è stata, soprattutto nel primo decennio, la partecipazione appassionata e libera di una parte grandissima della popolazione alle discussioni sul futuro e sul presente. Ma il secondo fattore è stato l’atteggiamento degli ...
Gilet gialli, act X: Liberté, Egalité, Flash Ball. Le jaune est toujours là!
sabato 19 gennaio 2019 Checchino Antonini
Francia, il giallo è sempre là. Il decimo atto vede ancora 84mila manifestanti. Molti gridavano Liberté, Egalité, Flash Ball. Le cifre della repressione
Gilet gialli, ottavo atto. Sfondato il portone di un ministero
sabato 5 gennaio 2019 Checchino Antonini
Gilet gialli, ancora 50mila in piazza in tutta la Francia. Scontri e arresti soprattutto a Parigi. Identità e prospettive di un movimento

culture

Genova, Circumnavigando alla diciottesima

Acrobati, funamboli, saltimbanchi. E Perfino santi a piedi nudi. Circumnavigando Festival a Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Erri De Luca: Prontuario per il brindisi di Capodanno

Gli auguri per il 2019 della redazione di Popoff, il Prontuario per il brindisi di Capodanno di Erri De Luca

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Danza, il festival dentro un altro festival

Genova, Michela Lucenti e Nour al Sharq Festival chiudono Resistere e Creare, rassegna di danza contemporanea al Teatro delle Tosse

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova, il rifugio della fabbrica

Visita al rifugio di Campi costruito durante la seconda guerra mondiale che poteva ospitare fino 4500 persone.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Genova in 15 oggetti +1

La storia di Genova e della Liguria in una mostra di design che recupera oggetti della tradizione con qualche sorpresa.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Solo vino naturale nel cuore della Roma pasoliniana

SO2 si afferma nella capitale fra i primi rappresentanti del “movimento” dei vini naturali a Roma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Quando la lotta di classe è un film, di guerra

Cinema militante. Recensione a “In Guerra” di Stephane Brizé, con Vincent Lindon e Melanie Rover [Leonardo Staita]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.