Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

domenica 19 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Mimmo Lucano: «Voto La Sinistra e sostengo Eleonora Forenza che a Riace e ai migranti è stata tanto vicina», ha detto l'ex sindaco di Riace candidato al Nobel
Napoli, la manganellata del celerino al suo ispettore
sabato 18 Maggio 2019 Ercole Olmi
Salvini, proteste e scontri a Napoli: poliziotto ferito. Ma la manganellata gliel'ha data un altro celerino
sabato 18 Maggio 2019 Checchino Antonini
Caso Cucchi, al processo per l'omicidio i primi testi della difesa. Casamassima sarà parte civile all'eventuale processo sui depistaggi
Genova, camalli contro le navi delle armi
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
Il boicottaggio dei camalli genovesi contro il cargo saudita Bahri Yanbu, niente carichi d’armi per lo Yemen
venerdì 17 Maggio 2019 Redazione
L'attacco violento del ministero dell'Istruzione a una docente sospesa per 15 gg con stipendio dimezzato. Non si può sospendere la libertà di insegnamento
Hope Fest, un concerto per l’Europa
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
Genova, Leeroy Thornhill (ex Prodigy)e Africa Unite il 19 maggio in concerto per portare al voto gli elettori e chiedere ai candidati un impegno chiaro sul futuro dell’Europa.

in fondo a sinistra

Meglio tutta l’erba che il fascio. Una candidata stupefacente a Lecce
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
La parabola di Salvini, dai selfie con lo spacciatore internazionale di coca alla crociata contro i cannabis shop, vista da una candidata di sinistra a Lecce 
Sinistra, consultazione su nome e simbolo per le europee
lunedì 1 Aprile 2019 Giulio AF Buratti
Europee,  alle 14 del 1° aprile scatta la consultazione on line sul simbolo e sul nome della lista della sinistra di alternativa per le elezioni del 26 maggio 
Europee, la tav fa il vuoto intorno a Zingaretti
giovedì 7 Marzo 2019 Giulio AF Buratti
Europee, la tav fa allontanare Civati, verdi, Bonino e Pizzarotti. Prc: «Siamo a buon punto nella definizione della coalizione antiliberista» 

cronache sociali

La lettera che Salvini non riceverà mai
sabato 11 Maggio 2019 Redazione
La lettera che conservava un ufficiale italiano di marina morto nella II guerra mondiale. Una donna lo ringraziava per aver salvato la vita a dei naufraghi 
Case popolari di Roma, i falsi miti dei razzisti
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
Roma e le case popolari: i tre luoghi comuni da sfatare: gli stranieri sono “favoriti”, gli alloggi non bastano,  l'emergenza abitativa
L’Aquila, il boato dentro. La cronaca della fine del mondo…
sabato 6 Aprile 2019 Checchino Antonini
... e dei primi giorni dopo il terremoto delle 3.32 del 6 aprile di dieci anni fa. Gli articoli dell'epoca di uno degli inviati di Liberazione

consumare stanca

Europee, non votiamo per chi ha impoverito i contadini
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
Europee, una risposta di sinistra all'ex ministro dell'Agricoltura del Pd, De Castro, teorico della liberalizzazione dei mercati
Napoli, Paolo Maddalena guiderà l’audit sul debito
venerdì 10 Maggio 2019 Francesco Ruggeri
Napoli, parte l'iter per la Consulta pubblica di audit sulle risorse e sul debito. Come la trappola del debito ha ingabbiato i Comuni
Tanuro: «Per ridurre il Co2 bisogna eliminare del tutto il capitalismo»
venerdì 29 Marzo 2019 Redazione
Tanuro: «Noi non difendiamo la natura. Siamo la natura che si difende». Le ragioni di una transizione ecosocialista 

padrini & padroni

Assolto con formula piena Aldo Milani, crolla il teorema contro il SiCobas
lunedì 13 Maggio 2019 Checchino Antonini
Sbattuto in prima pagina per una presunta estorsione ma è innocente. Assolto Aldo Milani, leader del SiCobas
Napoli, flashmob contro la “bastardata di Pizzofalcone”
sabato 11 Maggio 2019 Giulio AF Buratti
Napoli, continua la mobilitazione contro il progetto voluto da De Magistris per ospitare la prima scuola di guerra europea nel centro della città
Acerbo: «Mussolini è il cognome di un assassino»
lunedì 6 Maggio 2019 Redazione
«Mussolini è il cognome di un assassino. Il pronipote chieda almeno scusa per i crimini del bisnonno»

malapolizia

No Tav, non è punibile la reazione agli abusi in divisa
giovedì 16 Maggio 2019 Checchino Antonini
No Tav, assolti in quattro per avere reagito ad «atto arbitrario di un pubblico ufficiale». Le difese: «E' la prima volta in tanti anni»
Omicidio alla caserma della Folgore, da riesumare la salma di Scieri
sabato 11 Maggio 2019 Checchino Antonini
Nuova svolta per il caso Scieri, il più famoso caso di nonnismo. La nuova autopsia per capire se un soccorso immediato lo avrebbe potuto salvare
Cucchi, prescrizione per i medici. La sconfitta della giustizia
lunedì 6 Maggio 2019 Checchino Antonini
Cucchi, non doversi procedere per prescrizione del reato. In cavalleria la sciatteria e la negligenza dei cinque medici del Pertini

quotidiano movimento

Mimmo Lucano non si tocca!
sabato 11 Maggio 2019 Marina Zenobio
Forza Nuova lancia minacce contro Mimmo Lucano e vuole impedire un suo intervento a La Sapienza
«Mio fratello Peppino era comunista, che c’entrano gli alleati dei fascisti?»
venerdì 10 Maggio 2019 Checchino Antonini
Perché Giovanni Impastato ha cacciato i pentastellati dal corteo in memoria di suo fratello Peppino, militante di Dp ucciso dalla mafia
Un ragazzo torna a casa. Storia di un guerrigliero anarchico
venerdì 10 Maggio 2019 Redazione
La storia di Ezio Ziglioli, fuoriuscito italiano a Parigi che si unì alla resistenza antifranchista dopo la Liberazione dal nazismo

in genere

Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 
Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 Ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro

mondi

Stato spagnolo, il voto “utile” ha rubato un milione di voti a Unidas Podemos
mercoledì 1 Maggio 2019 Redazione
Spagna. Luci e ombre di una vittoria socialista, le dimensioni della sconfitta di UP, i guai delle destre e i nazionalismi di sinistra
Il testamento di Orso: «Non abbandonate la speranza. Mai!»
lunedì 18 Marzo 2019 Ercole Olmi
Il testamento di Lorenzo Orsetti, Orso per i suoi amici, Tekoşer (lottatore) per chi combatteva con lui, con le milizie dell'Ypg contro l'Isis
Quando il gioco di ruolo si fa nazi
sabato 23 Febbraio 2019 Sergio Braga
Giochi di ruolo, un maestro ne inventa uno in cui un alunno dalla pelle nera è discriminato. Gli sembra una bella idea. Invece è sbagliato. Ecco perché.

culture

Letteratura d’evasione al Salone del Libro, così scrivono i detenuti

Salone del Libro. Al Lingotto la cerimonia di premiazione del Premio Goliarda Sapienza-Racconti dal carcere

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Spazio vitale, il teatro fisico di Ahlbom

Jakop Ahlbom arriva al Teatro della Tosse di Genova direttamente dalla Biennale di Venezia del 2018

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.