lunedì 19 novembre 2018

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

domenica 18 novembre 2018 Checchino Antonini
No Tav, quindici denunce dopo la manifestazione di ieri in Valle. Il manifesto di Zero Calcare per l'8 dicembre. L'assemblea contro le grandi opere: a Roma il 23 marzo
Roma, vivere senza acqua nel “palazzo dei bambini”
sabato 17 novembre 2018 Redazione
Roma: nel "palazzo dei bambini", l'hotel 4 stelle di via Prenestina senza acqua dopo l’incendio
venerdì 16 novembre 2018 Francesco Ruggeri
Roma sempre più blindata. Mentre il Csm esprime forti dubbi sul decreto Salvini, viene proibita la manifestazione del prossimo 15 dicembre 
Potere al popolo, ecco i nomi del coordinamento nazionale
venerdì 16 novembre 2018 Giulio AF Buratti
Potere al Popolo ha il suo coordinamento nazionale. Hanno votato un po' più di duemila dei settemila circa iscritti alla piattaforma
venerdì 16 novembre 2018 Francesco Ruggeri
Caso Magherini, la Cassazione ribalta due sentenze e assolve tre carabinieri accusati di omicidio colposo
Sos dall’Ex Penicillina: «Siamo solo poveri»
giovedì 15 novembre 2018 Redazione
Ex Penicillina nel mirino di Salvini ma le centinaia di persone che vivono nella fabbrica abbandonata hanno un piano B

in fondo a sinistra

«Stare insieme, a sinistra, come in un social forum»
venerdì 16 novembre 2018 Redazione
Sinistra, la relazione che ha introdotto l’assemblea di Compagne e compagni
Sinistra: negando il dissenso la rivoluzione nega se stessa
giovedì 25 ottobre 2018 Redazione
Osservazioni sparse su potere, obbedienza, egemonia. Il riformismo ne è un eloquente esempio: un po' di nuovo per salvare il vecchio
I delusi (ma non vinti di PaP): ripartiamo da due parole
lunedì 22 ottobre 2018 Redazione
Una lettera aperta dei delusi dall'esito di PaP: «"Compagni e compagne": se pensate che queste parole vi riguardino, vi proponiamo di ritrovarci ed ascoltarci»

cronache sociali

Reportage dall’Italia del Rei
venerdì 16 novembre 2018 Redazione
L’Italia del Rei. Il rischio di un nuovo anno zero per la lotta alla povertà
Cadtm: come le controriforme fiscali pesano sul debito
venerdì 26 ottobre 2018 Redazione
Sabato 27, a Roma, il Cadtm presenta un dossier Gli effetti delle controriforme fiscali sul nostro debito pubblico. Sala ENGIM Internazionale, Via degli Etruschi 7, Roma dalle 10 
Braccianti e migranti, vite al buio, lavoro al nero
venerdì 19 ottobre 2018 Redazione
Ricattabili, sfruttati, senza contratto: le vite sottocosto dei braccianti stranieri

consumare stanca

Baobab dans la rue, la prima notte in strada
mercoledì 14 novembre 2018 Redazione
Baobab, prima notte in strada per 40 persone. Altri 42 nei centri del Comune
Atac, fallisce referendum. “Privato è bello” non attacca più
domenica 11 novembre 2018 Redazione
Atac resta pubblica. Naufraga l’inganno del referendum. Costruire un'alleanza lavoratori e cittadini per cambiare Atac
Atac ai privati? Parlano i lavoratori di Genova e Firenze
domenica 11 novembre 2018 Redazione
Atac, smascherare l'inganno referendario: la parola ai lavoratori di Genova e Firenze, ai Giuristi democratici e a Sinistra Anticapitalista

padrini & padroni

Baobab sgomberato, Baobab riparte
mercoledì 14 novembre 2018 Redazione
Baobab, 22 sgomberi in 3 anni. "Ripartiremo, nessuno rimarrà indietro"
Pubblico impiego: la fiera del luogo comune
domenica 28 ottobre 2018 Redazione
I tetti di spesa per il personale della Pa non sono stati rimossi, il pareggio di Bilancio è ancora in Costituzione, dove sarebbero le novità del governo Conte?
La flat tax è iniqua, come il debito
sabato 27 ottobre 2018 Redazione
Fisco e debito. Il grande business del debito pubblico italiano: un'indagine sul nesso tra fisco, speculazioni, debito pubblico e disuguaglianze sociali

malapolizia

Cucchi, i carabinieri schedano chi va a vedere il film?
giovedì 8 novembre 2018 Ercole Olmi
Cucchi: carabinieri di Siderno alla proiezione: «dateci lista dei partecipanti». Schedature di massa, antico vizio dell'Arma
L’inchiesta Cucchi arriva al numero 2 dei carabinieri di Roma. Per ora
sabato 27 ottobre 2018 Checchino Antonini
Le nuove carte su Stefano Cucchi: un tenente colonnello dei carabinieri modificò le relazioni sulle condizioni dell'arrestato
Carabinieri infedeli e trafficanti di rifiuti, sei arresti
venerdì 26 ottobre 2018 Checchino Antonini
Quattro carabinieri coinvolti in un traffico di rifiuti assieme a due imprenditori, tra loro un ex Aisi reintegrato dopo Consip e il protagonista del caso Noe Niagara

quotidiano movimento

#10Novembre: contro il governo razzista e patriarcale
sabato 10 novembre 2018 Redazione
#10Novembre, contro il govero: Indivisibili a Roma, contro il decreto Salvini e cento piazze contro il decreto Pillon
Con i migranti contro la barbarie. Tutti nelle piazze
sabato 27 ottobre 2018 Redazione
Con i migranti contro la barbarie. Appello a manifestare il 27 ottobre in tutta Italia. A Roma l’appuntamento è alle 14 a San Lorenzo
Movimenti sociali: tre paradossi e una via d’uscita
giovedì 18 ottobre 2018 Redazione
Movimenti: il numero di donne e uomini che lottano ogni giorno non è mai stato così alto ma non ha mai inciso così poco sull'agenda politica

in genere

Nudm, permanentemente agitate
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Il punto su Non Una Di Meno, l’unico movimento capace di rivendicare che la libertà di un soggetto non si basa sull’esclusione di un altro
Nudm, oggi a Verona contro le mozioni antiabortiste
sabato 13 ottobre 2018 Redazione
Sabato 13 ottobre mobilitazione a Verona contro le mozioni anti-abortiste. Non Una Di Meno lancia lo stato di agitazione permanente
Brasile, saranno le donne a fermare Bolsonaro
domenica 7 ottobre 2018 Redazione
Brasile. Cinque idee sull’importanza della mobilitazione delle donne contro Bolsonaro

mondi

Caetano Veloso, la resistenza a Bolsonaro riparte su Spotify
sabato 3 novembre 2018 Redazione
Caetano Veloso crea "Politics", una lista di Spotify per motivare la resistenza contro Bolsonaro. Brani suoi, di Chico Buarque, Carlinhos Brown e Os Mutantes
Bolsonaro presidente, Brasile in mano al razzista a cui piace torturare
lunedì 29 ottobre 2018 Francesco Ruggeri
Oltre il 55% dei voti, Bolsonaro batte Haddad, l'erede di Lula. La quarta democrazia del mondo in mano ai fascisti
Il Brasile è già in mano alla tripla B. Anche se Bolsonaro perdesse
venerdì 26 ottobre 2018 Antonio Moscato
Brasile: sconfiggere Bolsonaro è difficile, ma potrebbe non bastare la vittoria del fragile Haddad

culture

Genova, lo spirito del porto. Al porto

Genova, ai Cantieri Mariotti, la prima del progetto teatrale LINEA.NewYork_Amsterdam_Genova

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Fotografia, le nove vite di Fulvio Roiter

Cinquantanove anni in 150 scatti, la retrospettiva che Palazzo Ducale dedica a Fulvio Roiter

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.