martedì 18 settembre 2018

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

venerdì 14 settembre 2018 Checchino Antonini
«Ci fosse stato il taser, Federico Aldrovandi sarebbe ancora vivo», dice il questore di Reggio Emilia. Ma la taser è uno strumento di tortura che semina morti
Sahra “la Rossa” a Fassina: «Fatelo anche in Italia»
sabato 8 settembre 2018 Redazione
Il messaggio spedito da Sahra Wagenknecht ai fondatori di Patria e costituzione, i sovranisti "di sinistra" come Fassina e D'Attorre
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Roma, nel palazzo di via Carlo Felice tra gli occupanti che aspettano lo sgombero
Il debito di Napoli non è ingiusto, è illegittimo
venerdì 7 settembre 2018 Redazione
Napoli, la lotta contro il debito illegittimo per liberare risorse per la collettività  
mercoledì 5 settembre 2018 Redazione
I rifugiati di Scorticabove ancora in strada. "Non ce la facciamo più". Il progetto di cohousing in un luogo confiscato alle mafie
Milano, Salvini mette sessanta famiglie in mezzo alla strada
martedì 4 settembre 2018 Redazione
Milano, la circolare Salvini sugli sgomberi colpisce 60 famiglie. Terzo sgombero in tre anni per “Aldo dice 26x1” 
giovedì 23 agosto 2018 Redazione
Pap: da Eleonora Forenza una risposta, lunga ma non esaustiva, ai tanti commenti su un post su Potere al Popolo Care compagne e cari compagni, ovviamente ne riparleremo al campeggio, in toni che mi auguro più festosi e costruttivi di alcuni dei commenti che ho letto. Credo però che alcune questioni sollevate meritino una risposta ...

in fondo a sinistra

Effetto Melenchon sulla Linke, nasce Aufstehen
domenica 5 agosto 2018 Giulio AF Buratti
Linke, Sahra Wagenknecht, della minoranza "nazionalista di sinistra", annuncia un nuovo movimento: Aufstehen, Alziamoci
Silenzi che uccidono: la sinistra e il Nicaragua
sabato 28 luglio 2018 Redazione
Nicaragua, l'assordante silenzio di politici e intellettuali della sinistra è uno smarrimento etico che annuncia i peggiori risultati politici
De Masi passa a Leu, deluso dai cinque stelle anzi no
lunedì 9 luglio 2018 Checchino Antonini
Leu. Il sociologo De Masi entra nel comitato che prepara il passaggio da lista a partito: «Felice di dare una mano sui temi del lavoro ma nessuna delusione per M5s»

cronache sociali

Dopo Grillo e Grasso, il Cnca: Mujica e l’Italia
domenica 2 settembre 2018 Checchino Antonini
Il CNCA avvia collaborazione
 con Pepe Mujica: “Stessa visione della vita 
che privilegia le relazioni umane e la necessità di un’economia sobria” Dopo l’endorsement per Grasso alle politiche e l’incontro con Grillo di venerdì scorso a Milano, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) annuncia l’avvio di una collaborazione con Pepe Mujica, ex presidente dell’Uruguay, e il ...
Genova, funerale alla pacatezza
venerdì 24 agosto 2018 Mauro Baldassarri
Tutti avremmo dovuto partecipare al funerale di Genova, ma senza moderazione, senza pacatezza, senza calma. Incazzati neri da Genova, Mauro Baldassarri* Il 18 agosto 2018 abbiamo reso l’ultimo omaggio a una quarantina di caduti nella tragedia del viadotto Morandi, a Genova. La parola “caduti” non è usata a cuor leggero, né a sproposito. Perché non ...
Corbyn: nazionalizzare i social media
giovedì 23 agosto 2018 Redazione
Al posto di Facebook un social media pubblico. Come la Bbc. La proposta di Corbyn contro i “tech giants”

consumare stanca

Che carcere sarebbe senza proibizionismo?
martedì 26 giugno 2018 Ercole Olmi
Carcere e proibizionismo: le simulazioni su come la Fini-Giovanardi riempie le galere mentre cresce il Pil delle narcomafie. Presentato il Nono Libro Bianco
Cannabis, quei falsi miti del proibizionismo
martedì 26 giugno 2018 Redazione
Cannabis, i miti e i fatti della legalizzazione. Un'anticipazione del Nono Libro Bianco sulle Droghe 
L’ingannevole rosa del salmone d’allevamento
venerdì 25 maggio 2018 Redazione
Esiste un campionario di tonalità di rosa per il salmone di allevamento, distribuito dalla multinazionale olandese DSM

padrini & padroni

Pedofilia clericale. Stupri, abusi e impunità
sabato 18 agosto 2018 Marina Zenobio
Contro l’impunità della pedofilia un Gran Giurì della Pennsylvania propone di prolungare la prescrizione dei delitti e dare più tempo alle vittime per presentare le denunce
Ponte Morandi, così le privatizzazioni fanno strage
giovedì 16 agosto 2018 Redazione
Il crollo del Ponte Morandi di Genova: disastro inevitabile o tragedia del capitalismo?
Legge Mancino, Fontana teme d’essere incriminato
venerdì 3 agosto 2018 Checchino Antonini
Legge Mancino, Fontana, il ministro della famiglia bianca-etero-bigotta vorrebbe abolirla. Salvini pure poi frena

malapolizia

Sgomberi e taser, ecco la circolare di Salvini
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Il Viminale: «Tempestività negli sgomberi» e via con le pistole taser. E' il pacchetto sicurezza di Salvini che debutta in società
Uomini (in divisa) che odiano sui social
sabato 1 settembre 2018 Ercole Olmi
Il caso del poliziotto hater di Rovigo non è unico nel suo genere. E' la stessa sottocultura che applaude gli autori di abusi e censura i film su Cucchi
G8 del 2001, i poliziotti paghino il conto
lunedì 27 agosto 2018 Ercole Olmi
G8 2001, la Corte dei conti chiede 8 milioni di risarcimento agli "eroi" della Diaz, i superpoliziotti condannati per la mattanza cilena

quotidiano movimento

Crisi: 10 anni bastano, lo spiega Attac
mercoledì 29 agosto 2018 Redazione
La presentazione dell'Università popolare di Attac Italia.  14-16 settembre 2018, New Camping “Le Tamerici” Cecina Mare (Li)
Tempo Rosso: «Sentenza storica, non solo per noi»
giovedì 16 agosto 2018 Francesco Ruggeri
Centri sociali, sentenza storica. La Cassazione nega il sequestro di Tempo Rosso alla Procura di S.Maria Capua Vetere
Roma. Donne “Socialmente pericolose” per aver cantato Bella Ciao
martedì 31 luglio 2018 Marina Zenobio
Avevano risposto alla provocazione fascista cantando Bella Ciao. Il Questore ha risposto scomodando il Codice Antimafia

in genere

Argentina: il senato rigetta la legge sull’aborto
giovedì 9 agosto 2018 Marina Zenobio
Nonostante il testo fosse stato approvato dalla Camera dei Deputati, la legge sull’aborto non ha superato il vaglio del Senato per sette voti contrari e due astensioni
Casa Internazionale delle Donne: il Comune di Roma annuncia la “revoca immediata della convenzione”
giovedì 26 luglio 2018 Marina Zenobio
E’ l’esito di un logorante braccio di ferro tra la Casa, storico spazio femminista romano, e il consiglio comunale a maggioranza 5stelle
Repubblicanesimo e femminismo
sabato 16 giugno 2018 Redazione
Un'analisi sul femminismo che, radicalizzando la critica marxiana, svela l’esistenza di un lavoro che è la base di tutte le altre forme di lavoro, perché è il lavoro che produce la forza lavoro

mondi

Mediterraneo, partono in pochi, muoiono in tanti
lunedì 3 settembre 2018 Redazione
Migranti, rotta del Mediterraneo: meno partenze ma più morti. In emergenza i centri di accoglienza nelle isole greche
Chemnitz blindata, nazi ancora in piazza
domenica 2 settembre 2018 Francesco Ruggeri
Chemnitz, «Cuore invece di odio», è stato lo slogan della contro protesta, che in tedesco suona come un gioco di parole «Herz statt Hetze» L’ultradestra torna a manifestare a Chemnitz, e una settimana dopo la morte di un 35enne tedesco in una rissa con due migranti che ha scatenato una riposta violenta, le strade della ...
Brasile, Lula ineleggibile. Bolsonaro in testa
sabato 1 settembre 2018 Checchino Antonini
Brasile, Lula dichiarato ineleggibile dal tribunale supremo elettorale. Estrema destra in testa, minacce ai candidati del Psol, il partito di Marielle Franco

culture

Lindsay Kemp non c’è più

Lindsay Kemp non c’è più, ma di lui ci restano sogni, immaginazioni e quell’espressione rapita da ultimo Pierrot

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Cortona, sguardi di donne

Cortona on the move, fino al 30 settembre appuntamento nella cittadina toscana per il festival della fotografia. Quest’anno tutto al femminile

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Claudio Lolli è vivo, e muore insieme a noi

E’ morto Claudio Lolli, cantautore e intellettuale. Aveva 68 anni. Per dirla con Nick Hornby, «sapeva come ti sentivi e lo cantava»

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Racconti d’estate 5. Moravia, Scherzi di ferragosto

Da Racconti romani (1954), Scherzi di ferragosto di Alberto Moravia. Echi di una Roma sparita che ancora resiste

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.