Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

sabato 27 Giugno 2020 Checchino Antonini
Veglia a Bergamo per l'arrivo di Mattarella: «Vogliamo dirgli che la strage si poteva e si doveva evitare», dice Eliana Como da ieri in sciopero della fame
Francia, perché la polizia è razzista
giovedì 25 Giugno 2020 Redazione
Francia, seconda puntata del dossier sulla polizia più violenta d'Europa. E anche molto, molto razzista (Denis Godard)
martedì 23 Giugno 2020 Checchino Antonini
Dossier Francia, 1. Perché la polizia da quelle parti è diventata la più violenta dell'Unione europea (Roseline Vachetta)
“Quella merda scende come se fosse fatta di wafer”
martedì 23 Giugno 2020 Redazione
Come sono cominciate a cadere le statue in Gran Bretagna a cominciare da quella dello schiavista Colston a Bristol (Anna Russell)
domenica 21 Giugno 2020 Giulio AF Buratti
Tassare le grandi ricchezze e collegare riflessioni, appelli, campagne, per affrontare la crisi del covid
I post razzisti del poliziotto che piace a De Luca
sabato 20 Giugno 2020 Ercole Olmi
Napoli, il poliziotto che vorrebbe annegare i naufraghi con una pietra al collo e insegnare alla figlioletta a scrivere Dux con le lettere magnetiche

in fondo a sinistra

Covid, e adesso chi pagherà il conto?
giovedì 11 Giugno 2020 Redazione
Appello. Tassare le grandi rendite e i grandi capitali, redistribuire le risorse, avviare l'audit dei debiti pubblici dei paesi membri
2 giugno, non sia un paese per repubblichini
lunedì 1 Giugno 2020 Checchino Antonini
Non lasciamo il 2 giugno alla destra. Appello per manifestazione a Roma, il 2 giugno dalle 10 alle 13 in Piazzale Tiburtino 
Francia, prove di unità della sinistra politica, sociale e sindacale
mercoledì 27 Maggio 2020 Giulio AF Buratti
Francia, sindacati, partiti e associazioni ragionano di un blocco sociale alternativo mentre Macron e i padroni preparano l'attacco

cronache sociali

Centri estivi non per tutti, partono ma costano
lunedì 15 Giugno 2020 Redazione
Centri estivi, rette aumentate per tutti, bonus per qualcuno (Chiara Ludovisi ©Redattore Sociale)
Roma fa scuola sotto il cielo
mercoledì 10 Giugno 2020 Redazione
Roma, ecco alcune iniziative sperimentali di didattica all'aperto e autorganizzate
8 giugno: tutti nei luoghi della didattica negata
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Apriti, Scuola! Docenti, genitori e studenti in scuole, piazze, parchi per chiedere il ritorno in classe in una scuola aperta e più ricca

consumare stanca

Macedonia di microplastica
mercoledì 17 Giugno 2020 Marina Zenobio
Pubblicata la prima ricerca che quantifica l'esposizione a microplastiche  nella popolazione generale mediante l'ingestione di alcuni frutti e verdure
Morti di covid, anzi no: morti di pareggio di bilancio
domenica 7 Giugno 2020 Redazione
L'ossessione del riequilibrio finanziario ha smantellato il servizio sanitario pubblico e i risultati li stiamo vedendo (Marco Bersani)
Tutte le magagne di Immuni
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Ho deciso di installare la app per il tracciamento dei possibili positivi al covid ma... C'è un ma... (Mauro Baldassarri)

padrini & padroni

Faccette nere, gilet arancioni, mascherine tricolori
martedì 2 Giugno 2020 Redazione
Non solo Lega e Fdi, c’è chi marcia su Roma in nome del popolo e col gilet arancione. E le curve fasciste a Roma sabato 6  (Saverio Ferrari*)
La folle storia del laboratorio P4 di Wuhan
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Wuhan, il laboratorio di alta sicurezza (P4) dell'Istituto di virologia è stato progettato dalla Francia su cui dal 2017 non ha più alcun controllo  (Karl Laske e Jacques Massey)
La leggenda dei Recovery Fund spiegata bene
domenica 31 Maggio 2020 Redazione
Pochi soldi e a caro prezzo, ecco cosa si cela dietro le narrazioni trionfali sul Recovery Fund  (Marco Bersani)

malapolizia

La polizia è dannosa e costosa
martedì 16 Giugno 2020 Checchino Antonini
E’ tempo di ridistribuire i bilanci osceni della polizia a scuole, ospedali e autobus (Samantha Winslow, Alexandra Bradburyenlarge) Le marce stanno travolgendo ogni stato. Centinaia di migliaia di persone hanno sfidato la pandemia per protestare contro l’assassinio di un nero disarmato, George Floyd, da parte della polizia di Minneapolis. Come le ondate di scioperi degli ...
Black lives matter, arriva la vendetta della polizia italiana
martedì 9 Giugno 2020 Ercole Olmi
Black lives matter, la digos di Milano annuncia multe in arrivo per i manifestanti antirazzisti sdegnati per l'omicidio di George Floyd
Usa, come le proteste hanno cambiato la pandemia
venerdì 5 Giugno 2020 Redazione
I gas lacrimogeni e lo spray urticante aggravano la diffusione del virus. Razzismo, police brutality e pandemia (Dhruv Khullar)

quotidiano movimento

La salute non è merce. Il 26 giugno  protesta in Regione Lazio
giovedì 18 Giugno 2020 Marina Zenobio
Il 26 luglio protesta sotto la Regione Lazio, per una sanità pubblica, gratuita, universale e umanizzata. La dedica di Zerocalcare
Torino, la speculazione uccide la socialità più del virus
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Torino, quartiere Aurora, le realtà associative di Corso Brescia sotto sfratto causa "riqualificazione"
Black lives matter. Chi sono i neri italiani scesi in piazza
lunedì 8 Giugno 2020 Redazione
Black lives matter. Le storie dei partecipanti alla manifestazione di Roma (Eleonora Camilli © Copyright Redattore Sociale)

in genere

Paolo Massari in carcere per stupro
domenica 14 Giugno 2020 Redazione
Arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista Mediaset ed ex assessore milanese di Forza Italia durante la giunta Moratti
Una lettura femminista del lockdown e di come uscirne
giovedì 4 Giugno 2020 Redazione
Donne sull'orlo di una crisi pandemica. Diretta Facebook. Venerdì 5 giugno, 18.30 sulla pagina di Sinistra Anticapitalista (Donne Di Classe)
1° Maggio femminista transnazionale: lo sciopero vive nelle lotte
mercoledì 29 Aprile 2020 Redazione
Non Una Di meno invita ad una giornata di lotta virtuale e tanto rumore da ogni balcone. Una iniziativa internazionale che coinvolgerà le realtà femministe di numerosi paesi In questa data storica, che unisce le lavoratrici e i lavoratori di tutto il mondo nella lotta per i loro diritti, Non Una Di Meno convoca – ...

mondi

La baia dei porcellini. Il fallito golpe Usa contro Maduro
venerdì 15 Maggio 2020 Redazione
Jon Lee Anderson ricostruisce il tentativo farsesco contro il governo del Venezuela. L'ambiguità di Trump e l'incapacità di Guaidò
AIDS in Africa. Morti di un virus “minore”
giovedì 14 Maggio 2020 Marina Zenobio
In Africa l'interruzione dei servizi sanitari di lotta all'AIDS, dovuta alle misure contro il Covid-19, sta mettendo a rischio la vita di centinaia di migliaia di persone
Colombia, stracci rossi da sos per la povertà a simboli di protesta
mercoledì 13 Maggio 2020 Redazione
In Colombia, gli stracci rossi alle finestre avvertono la presenza di famiglie in povertà. Reportage sul covid nelle cittadelle del lavoro informale (da Bogotà, Pascale Mariani)

culture

Rifondiamo Montanelli!

Il dibattito su Montanelli mi ha rotto i coglioni: la sua statua dovrebbe essere semplicemente fusa per riutilizzarne il bronzo

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La lotta di classe in bicicletta

La bicicletta come veicolo di protesta ma anche arma per la polizia, ecologico ma strumento della colonizzazione (Jody Rosen)  

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Perché Instagram ci vuole mettere in mutande

Su Instagram, il bonus segreto della nudità: lo spogliarello per guadagnare likes. Un’inchiesta di Mediapart

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Piketty: La disuguaglianza è un’ideologia

Piketty: La disparità di proprietà crea un’enorme disuguaglianza di opportunità nella vita

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Necrologi, vite che non sono – ancora – la tua

Perché sono tornati popolari i necrologi sui giornali nell’era del coronavirus (Casey Cep)

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.