giovedì 20 Febbraio 2020

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

venerdì 14 Febbraio 2020 Redazione
La marcia del 15 febbraio, l'espansionismo turco e la repressione, i rapporti con chi si ribella in Irak. Intervista a Ylmaz Orkan dell'Uiki 
Bernie e il movimento di massa, l’incubo di chi governa il mondo
lunedì 10 Febbraio 2020 Redazione
Quando Bernie Sanders e il suo movimento di massa diventano "l'incubo peggiore" di chi governa il mondo... 
venerdì 7 Febbraio 2020 Giulio AF Buratti
Sul settimanale Left l'intervista all'attivista che ha sconfitto Amazon a Seattle. Popoff ha trovato i suoi compagni italiani
Omicidio Cucchi. L’«ingiustificabile» di pestaggi e depistaggi
giovedì 6 Febbraio 2020 Checchino Antonini
Stefano Cucchi fu ucciso da una «concatenazione» di fattori originati dal pestaggio da parte dei due carabinieri. Le motivazioni della sentenza
martedì 4 Febbraio 2020 Checchino Antonini
La Mare Jonio, la nave di Mediterranea Saving Humans, dissequestrata dopo un sequestro illegittimo di cinque mesi
Sei sicuro La Russa che il saluto romano uccida meno del coronavirus?
martedì 4 Febbraio 2020 Ercole Olmi
Coronavirus e ironia fascista. A proposito di un post agghiacciante sui social di Ignazio La Russa

in fondo a sinistra

«Il sostegno per Sanders è travolgente, vincerà le primarie»
lunedì 3 Febbraio 2020 Redazione
Maria Svart, dirigente nazionale dei Socialisti democratici americani: «Qui si incubano nuove idee e nuove modalità di organizzazione» 
Francia, la gauche è con chi sciopera ma ancora non basta
lunedì 20 Gennaio 2020 Redazione
Francia, l'introvabile sbocco politico a sinistra per i grevistes contro la "riforma" macronista delle pensioni
2020. Crisi drammatiche e nuove speranze
mercoledì 1 Gennaio 2020 Redazione
Il capitalismo e le sue manifestazioni violente. Grandi mobilitazioni popolari nel mondo. Gli aspettti contrastanti dell’Italia

cronache sociali

Roma, il Tar boccia l’ennesimo assalto dei Radicali all’Atac
martedì 4 Febbraio 2020 Francesco Ruggeri
I radicali hanno fatto ricorso contro la delibera capitolina sull'affidamento all'Atac ma per il Tar non ne hanno legittimità
Giornata della Memoria 2020. Eresia della memoria e dell’accoglienza
venerdì 24 Gennaio 2020 Redazione
Giornata della Memoria 2020. Agli Archivi della Resistenza cena concerto con Pierpaolo Capovilla e presentazione della campagna #IoAccolgo
La scuola liquida delle disuguaglianze
sabato 18 Gennaio 2020 Redazione
La scuola della Repubblica si è frammentata in tante scuole che rispecchiano le ingiustizie dei territori  e delle classi sociali. Le scuole di serie A, B e C esistono

consumare stanca

Tormentone Green New Deal. Le proposte di Legambiente
giovedì 16 Gennaio 2020 Redazione
#opereprioritarie per il Green New Deal: Legambiente propone al governo 170 opere pubbliche, 11 emergenze nazionali 
Cannabis, Cassazione choc: piantarla non è reato
giovedì 26 Dicembre 2019 Ercole Olmi
Non costituirà più reato coltivare in minime quantità la cannabis in casa. La decisione epocale delle sezioni unite penali della Cassazione
Legambiente: «Il clima è già cambiato. E’ emergenza città
martedì 19 Novembre 2019 Francesco Ruggeri
Dal 2010 a oggi 68 morti nelle inondazioni, danni in 350 Comuni, 73 giorni di stop a metro e treni, 72 di blackout. Aumenta impatto delle ondate di calore

padrini & padroni

Ecco come la Brexit inguaia i Verdi a Bruxelles
martedì 4 Febbraio 2020 Redazione
Dopo la Brexit, Verdi superati dall'estrema destra del Parlamento europeo. E ritorna il dilemma se accettare o no i pentastellati
L’Italia continuerà a foraggiare la Libia per torturare i migranti
giovedì 30 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Italia-Libia, domenica il rinnovo per tre anni del memorandum. Rapporto Oxfam sul fiume di soldi per il contenimento brutale dei migranti Negli ultimi 4 anni oltre 1 miliardo di euro, il 26% degli aiuti totali del Trust Fund, siano stati deviati dal loro scopo umanitario per finanziare politiche nazionali di brutale contenimento dei flussi migratori. In ...
Italia: cresce il negazionismo su Shoah e crimini di Mussolini
giovedì 30 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Rapporto Italia di Eurispes, il 15,6% degli italiani nega la Shoah e uno su cinque giustifica Mussolini 

malapolizia

Omicidio Vannini, processo da rifare a tutta la famiglia dell’ex militare
venerdì 7 Febbraio 2020 Ercole Olmi
La Cassazione annulla la sentenza d'appello che aveva derubricato l'omicidio e ridotto le condanne ai Ciontoli
Polizia violenta in Francia, il potere è violento perché è il potere
martedì 4 Febbraio 2020 Redazione
Francia, la repressione di Macron è un segnale della crisi di egemonia della borghesia
Un carabiniere dietro la citofonata di Salvini. Indagine interna dell’Arma
mercoledì 29 Gennaio 2020 Ercole Olmi
Bologna, indagini interne sul ruolo di un carabiniere nel più famoso presunto caso d'istigazione all'odio razziale commesso da Salvini

quotidiano movimento

L’Emilia la sfanga, i 5S no
lunedì 27 Gennaio 2020 Maurizio Zuccari
L’Emilia resiste alle orde leghiste, i Cinque stelle no. E il Pd già chiede il conto
Kurdistan, due giorni a Firenze per rilanciare la lotta
venerdì 24 Gennaio 2020 Redazione
L'assemblea nazionale della Rete Kurdistan, le condizioni di Öcalan, il quadro dell'aggressione al Rojava. Intervista con Ylmaz di Uiki
Iraq, la guerra uccide la lotta di classe
mercoledì 22 Gennaio 2020 Checchino Antonini
Verso la mobilitazione internazionale contro la guerra del 25 gennaio. L'iniziativa di Sinistra Anticapitalista Roma. Intervista ad Alfio Nicotra di Un Ponte Per

in genere

Lucha y Siesta. Figurine all’attacco della violenza sulle donne
martedì 19 Novembre 2019 Redazione
All'attacco-Storie da collezionare. L'album di figurine a sostegno di Lucha y Siesta contro la violenza sulle donne
Lucha y Siesta, non sgomberate quella Casa
sabato 31 Agosto 2019 Marina Zenobio
Arrivata alla Casa rifugio di Cinecittà una comunicazione di sgombero per il 15 settembre. Non si sa che fine faranno i bambini e le donne vittime di violenza ospitate
Ddl Pillon rimandato a settembre, ma la piazza delle donne sarà ancora lì
venerdì 26 Luglio 2019 Redazione
Colloquio con Teresa Gennari del Centro Antiviolenza Donna L.I.S.A. durate la protesta anti-Pillon di martedì scorso in Piazza Montecitorio

mondi

Come si risolve un problema come la violenza di destra?
mercoledì 29 Gennaio 2020 Redazione
Il mio aggressore può andare in prigione, ma cosa si otterrà? Dobbiamo cercare altrove una risposta alla crescente minaccia fascista
Perché la cacciata di Meghan c’entra con la Brexit
martedì 28 Gennaio 2020 Redazione
Regno Unito. La Megxit, lo sfratto del principe Harry e di sua moglie Meghan, rivela il darwinismo razzista della Brexit
Impeachment per Trump, più boomerang che bingo
martedì 21 Gennaio 2020 Maurizio Zuccari
Al via al Senato il processo d'Impeachment per Trump, più boomerang che bingo per i Democratici

culture

Il partito che si fece giornale

“Il giornale-partito” di Massimiliano Di Giorgio per Odradek. Tre appuntamenti a Roma per presentare il libro

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Fare i conti col padre nello spazio

Bellissimo e malinconico, Ad Astra non è un film sulla conquista dello spazio ma sui rapporti tra gli esseri umani

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Mettere al muro la pop art. Banksy a Genova

Fino al 29 marzo la mostra “Il secondo principio di un artista chiamato Bansky”  al Sottoporticato di Palazzo Ducale a Genova  

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

The solidarity of labour and the labour of solidarity

Marxian anthropology. A conversation with Sharryn Kasmir. Anthropology, class and social movements [Maria Vasile]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Le identità sono cangianti, qualcuno lo dica a Galli della Loggia

Perché Galli della Loggia non ama la cucina bengalese. Una lettera agli antropologi sul concetto di culture

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La Pantera, siamo ancora noi

Un racconto in soggettiva del movimento della Pantera che trent’anni fa occupò gran parte delle università italiane. Dal Magistero di Roma

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

Scopa, sacco, scarpe rotte: la Befana di Rodari

Trattato della Befana di Gianni Rodari dalle Novelle fatte a macchina 

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.