Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

venerdì 20 luglio 2018 Ercole Olmi
20 luglio 2001, un carabiniere uccideva Carlo Giuliani dopo ore di cariche illegittime. 17 anni dopo il ricordo e le ragioni di quei movimenti in un percorso di letture
Msna, bambini migranti e soli
mercoledì 18 luglio 2018 Checchino Antonini
Msna: c'è chi scappa dalla guerra, chi cerca un futuro migliore più a nord in Europa e trova emergenza, razzismo e criminalità ma anche buone pratiche
mercoledì 18 luglio 2018 Checchino Antonini
Ecco la lettera della Comunità sudanese sgomberata a Roma dallo stabile di Via Scorticabove
Dino Budroni, una vita che vale otto mesi
mercoledì 18 luglio 2018 Checchino Antonini
Omicidio Budroni. Condannato in appello per omicidio colposo l'agente che gli sparò il 30 luglio 2011
martedì 17 luglio 2018 Ercole Olmi
Processo per l'omicidio di Stefano Cucchi: oggi al banco dei testimoni i familiari del ragazzo ucciso durante le operazioni di arresto e detenzione. Imputati cinque carabinieri
Ieri a Ventimiglia domani in tutta Italia
domenica 15 luglio 2018 Ludovica Schiaroli
Migliaia di antirazzisti a Ventimiglia per un pacifico corteo di frontiera. Una mobilitazione che il sindaco Pd ha provato a boicottare

in fondo a sinistra

De Masi passa a Leu, deluso dai cinque stelle anzi no
lunedì 9 luglio 2018 Checchino Antonini
Leu. Il sociologo De Masi entra nel comitato che prepara il passaggio da lista a partito: «Felice di dare una mano sui temi del lavoro ma nessuna delusione per M5s»
Fassina lasci il Campidoglio. L’appello
lunedì 25 giugno 2018 Giulio AF Buratti
Fassina ha due poltrone, una in Campidoglio l'altra in Parlamento. Un appello perché si dimetta da consigliere comunale per lasciare il posto a Sandro Medici
Prima gli sfruttati: la piazza dell’opposizione sociale
sabato 16 giugno 2018 Giulio AF Buratti
Prima gli sfruttati: un corteo nazionale contro le disuguaglianze per la solidarietà dal basso e il conflitto. Oggi a Roma Usb e Potere al Popolo

cronache sociali

Bambini sbarcati a Pozzallo, la fame e la scabbia
mercoledì 18 luglio 2018 Redazione
La fame e la scabbia, le immagini choc dei bambini sbarcati a Pozzallo
Se vi manca Don Gallo andate a Ventimiglia
giovedì 12 luglio 2018 Ludovica Schiaroli
L’appello della Comunità San Benedetto per la manifestazione pro migranti sabato 14 luglio a Ventimiglia.
Sgombero sudanesi. Dall’integrazione alla strada nella Roma di Raggi
sabato 7 luglio 2018 Redazione
Sgombero di Via Scorticabove. Storia di Ismael e dei suoi compagni. Imbarazzante contegno del Comune di Roma

consumare stanca

Che carcere sarebbe senza proibizionismo?
martedì 26 giugno 2018 Ercole Olmi
Carcere e proibizionismo: le simulazioni su come la Fini-Giovanardi riempie le galere mentre cresce il Pil delle narcomafie. Presentato il Nono Libro Bianco
Cannabis, quei falsi miti del proibizionismo
martedì 26 giugno 2018 Redazione
Cannabis, i miti e i fatti della legalizzazione. Un'anticipazione del Nono Libro Bianco sulle Droghe 
L’ingannevole rosa del salmone d’allevamento
venerdì 25 maggio 2018 Redazione
Esiste un campionario di tonalità di rosa per il salmone di allevamento, distribuito dalla multinazionale olandese DSM

padrini & padroni

Melfi, Fca riduce il lavoro. 5.857 in solidarietà
venerdì 6 luglio 2018 Checchino Antonini
Fca presenta il conto e lo pagheranno lavoratori e contribuenti: 1640 esuberi, 5.857 lavoratori a rotazione in contratto di solidarietà, su una platea di 7.400
Gig economy vista dall’Inps, com’è grigia “l’economia dei lavoretti”
giovedì 5 luglio 2018 Redazione
600 mila "Gig" lavoratori, le aziende dicono di svolgere servizi informatici ma consegnano merci. Ed evadono l'Inps
Dignità, sotto il decreto niente
martedì 3 luglio 2018 Redazione
Il Decreto Dignità del Governo: solo piccoli ritocchi, praticamente ininfluenti. Il Dl visto dall'interno del sindacato

malapolizia

Chicago, poliziotta uccide afroamericano, riot a South Side
domenica 15 luglio 2018 Checchino Antonini
Scontri a Chicago dopo l’ennesimo omicidio di un afroamericano da parte di un agente di polizia Una folla inferocita ha invaso le strade di un quartiere del South side di Chicago dopo l’uccisione di un uomo da parte di un agente di polizia nella notte di sabato. Ci sono stati degli scontri tra manifestanti e ...
Stefano Cucchi, il suo nome sbianchettato per depistare
mercoledì 11 luglio 2018 Ercole Olmi
Processo Cucchi: così fecero sparire le tracce delle prime fasi dell'arresto di Stefano. Cancellate da un correttore dal registro del fotosegnalamento
Amnesty: tutti i rischi della Taser
venerdì 6 luglio 2018 Redazione
Taser, sperimentazione in 11 città. L’analisi del portavoce di Amnesty Riccardo Noury. Negli Usa oltre mille morti per l’uso di pistole elettriche

quotidiano movimento

Africa: appello di Zanotelli ai giornalisti italiani
martedì 3 luglio 2018 Redazione
Profondo conoscitore dell’Africa, Zanotelli si appella ai giornalisti italiani sul tema dei migranti, per “Rompere il silenzio” su quanto sta accadendo in Africa
Un altro Forum Sociale Mondiale è possibile, e necessario
sabato 19 maggio 2018 Redazione
Dopo 17 anni sarebbe ora di rivedere la carta dei principi del Forum Sociale Mondiale per adattarla al mondo d’oggi
Itinerante e conflittuale: ecco il nuovo mutualismo
martedì 15 maggio 2018 Checchino Antonini
Le culture del movimento operaio si confrontano sul mutualismo. La mappa di un mondo in cerca di collegamenti e definizioni 

in genere

Repubblicanesimo e femminismo
sabato 16 giugno 2018 Redazione
Un'analisi sul femminismo che, radicalizzando la critica marxiana, svela l’esistenza di un lavoro che è la base di tutte le altre forme di lavoro, perché è il lavoro che produce la forza lavoro
Violenza di genere e Contratto Lega-M5S: D.i.Re scrive a Mattarella
lunedì 21 maggio 2018 Redazione
Contratto Lega-M5S in aperto contrasto con quanto stabilito nella Convenzione di Istanbul. Mai nominata la violenza maschile contro le donne
Roma: Consiglio comunale 5Stelle vota  chiusura della Casa internazionale delle donne
domenica 20 maggio 2018 Redazione
Slogan e proteste delle attiviste contro l’arroganza a 5Stelle che vuole togliere alla città un luogo storico per le donne. Mobilitazione permanente

mondi

Seicento in un mese: annegati dall’Ue
venerdì 13 luglio 2018 Redazione
In un mese oltre 600 morti in mare,almeno 410 in acque internazionali tra Malta, Italia e Libia. “L'Ue ha deciso di lasciarli annegare» 
No Tap, otto attivisti alla sbarra nella Grecia di Tsipras
mercoledì 11 luglio 2018 Redazione
Otto No Tap greci sotto processo dal 12 luglio, nello stesso giorno sit-in di solidarietà degli attivisti italiani sotto l'ambasciata di Atene a Roma
Brasile, bloccata la scarcerazione di Lula
domenica 8 luglio 2018 Francesco Ruggeri
Brasile, lo stesso magistrato che l'aveva imprigionato ha bloccato l'ordinanza di scarcerazione di Lula

culture

In Liguria va in scena la Bellezza

In Liguria con Petruzzelli alla scoperta di capolavori d’arte nascosti: a Sassello Joan Mirò e Bacon a Celle Ligure Lucio Fontana.

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.