venerdì 20 Settembre 2019

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Il bullismo della borghesia. Una risposta a Michele Serra

Un insegnante scrive a Michele Serra: una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta

Del Michele Serra di Cuore non vi è più traccia da oltre un decennio. Il giornalista di Repubblica, nonché autore televisivo dei programmi di Fabio Fazio, è la pallida e illanguidita ombre della brillante, corrosiva e satirica penna degli anni ’90. Detto questo, proviamo senza pregiudizi ad entrare nel merito dell’elzeviro di 1500 battute del 20 aprile 2018, in cui lo scrittore affronta il tema della violenza degli alunni contro gli insegnanti, che tanto scalpore sta destando tra gli addetti ai lavori e tra l’opinione pubblica in questi mesi
Come prima cosa, Michele Serra afferma che la violenza e il bullismo scolastico sono una piaga che colpisce quasi esclusivamente gli istituti tecnici e professionali e, conseguentemente, in modo del tutto marginale ed insignificante i licei. Tale affermazione mi sembra una verità tanto corretta e incontrovertibile quanto scontata e banale, che si fonda sulla analisi empirica di quanto avviene nella realtà. I casi di cronaca, per quanto magari ingigantiti, romanzati e spettacolarizzati dai social media e da giornali e tv sempre più agonizzanti e alla spasmodica ricerca di scandali, corroborano tale situazione.
Il secondo passaggio logico, su cui si cimenta Michele Serra, è più complesso e, a mio avviso, incompleto e in parte errato. Lo scrittore, infatti, sostiene che “il livello di educazione, di padronanza dei gesti e delle parole, di rispetto delle regole è direttamente proporzionale al ceto sociale di appartenenza”. Vediamo insieme. Per quanto riguarda il livello di padronanza delle parole, Michele Serra non ci dice purtroppo nulla di nuovo, anzi ci ribadisce quanto sostenuto negli anni Sessanta da don Milani, ovvero che la scuola italiana è ancora profondamente classista, e in essa vengono perpetuate le disuguaglianze sociali di un sistema economico e sociale profondamente ingiusto. Pertanto, alle 1000 parole possedute dallo studente figlio della borghesia ne corrispondono 100 posseduto dal figlio del proletariato. Ciò determina, ovviamente, non possedere le stesse possibilità per costruirsi una vita libera e dignitosa. Intendiamoci possiamo anche pensare che questo sia giusto e naturale, in un’ottica di darwinismo sociale.

Certamente su questo tema, l’intellettuale, un tempo comunista, tace, non proferendo una sola parola, sulle responsabilità di quei governi liberisti a guida Pd, che ha di fatto sempre appoggiato in questi anni. Non ricordo, infatti, articoli critici sulla buona scuola renziana, che, ad esempio, impoverisce culturalmente ancor di più gli istituti tecnici e professionali, portando da 200 a 400 le ore destinate all’alternanza scuola lavoro, ovvero le ore di lavoro gratuito che gli studenti donano alle imprese. Per quanto concerne, invece, il rispetto delle regole, spero francamente che Michele Serra abbia preso un abbaglio, dovuto alla calura improvvisa di fine aprile; magari le classi popolari non rispetteranno le regole della buona educazione civile, ma cosa dire del rispetto delle regole da parte dell’alta borghesia e del ceto imprenditoriale e dirigente di questo Paese? Evasione fiscale, tangenti, corruzione, mafia, stragi, riciclaggio di denaro, lavoro nero, leggi ad personam, guerre: sono queste le regole rispettate da coloro che frequentato i licei? Ruttare, picchiare, insultare, minacciare sono certamente delle violenze, invece rubare denaro pubblico, sfruttare il lavoro, trattare con la mafia o bombardare civili sono azioni civili e democratiche? A tanto si è ridotta la sinistra moderata? A vedere la violenza brutta, volgare e rozza del popolo e a non percepire e condannare la violenza strutturale, in doppiopetto o pullover che sia, della borghesia sorridente e vincente sulla miseria e ignoranza delle masse?
Michele Serra passa poi a criticare i populismi, in quanto movimenti che sfruttano la subalternità dei ceti popolari per proporre ricette politiche politica demagogiche e pericoloso. In questo caso, mi sembra che il giornalista affermi una sacrosanta verità. Le destre populiste e xenofobe, in Europa e in tutto il mondo, incanalano il malcontento popolare contro gli stranieri, i politici e le lentezze della democrazia, per costruire un progetto politico autoritario, che di certo non andrà a cambiare la struttura economica della società, che rimarrà sempre divisa in sfruttati e sfruttatori, in ricchi e poveri. Anche in questo caso vi è un però, un però che pesa come un macigno. Da che parte si è schierata la sinistra moderata italiana in questi anni? Con Monti, le banche, Confindustria e i mercati finanziari o con i lavoratori salariati, gli operai, i precari e i disoccupati? Le classi sociali meno abbienti sono state abbandonate da quella che un tempo si chiamava la borghesia illuminata, che ora si illumina solo realizzando politiche di austerità e tagli alla spesa sociale. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso, se non ci fossero di mezzo i destini delle nostre sempre più malate democrazie rappresentative.
Il finale dell’articolo è la sintesi dei pregi (pochi) e difetti (molti) dell’articolo. Michele Serra, infatti, ci ricorda che oggi come ieri i poveri continuano a riempire le carceri. Non serve, infatti, aver letto il capolavoro di Michel Foucault “Sorvegliare e punire” per comprendere che la modernità borghese, fondata sui diritti individuali e sulla proprietà privata, a partire dal ‘600, ha inventato le carceri per isolare, eliminare e sanzionare i soggetti sociali pericolosi, che minacciano lo status quo, l’ordine costituito, ovvero i poveri, i marginali. Le istituzioni totali quali carceri, manicomi ed eserciti sono da sempre luoghi politici per sorvegliare e punire coloro che con i loro atteggiamenti mettono, comunque, in discussione l’esistente e i rapporti di forza.
A mio avviso, il problema del bullismo e della violenza nella scuola andrebbero affrontati, al di fuori della spettacolarizzazione mediatica ed emotiva, come un problema sociale ed educativo complessivo. Invocare severità, punizioni, sanzioni esemplari, uso della forza o addirittura delle armi, nel medio e lungo periodo, serve a poco o a nulla. La convivenza civile e solidale infatti è il frutto maturo di un albero civile e solidale, che ad ora non c’è. Non cadiamo nell’infondato mito di una passata età dell’oro in cui vi erano rispetto ed educazione, in quanto il passato patinato vince sempre sulla vivida durezza del presente. La società di massa porta inevitabilmente con sé la sfida difficile di costruire una una società democratica, inclusiva e soprattutto GIUSTA. Altrimenti, che scuola può sorgere in una società fondata su leggi che legittimano lo sfruttamento e la precarietà del lavoro, la disuguaglianza tra gli esseri umani, l’iniqua distribuzione delle risorse, il saccheggio della natura, e la mercificazione del mondo?
Al di là della forma e della retorica di alcuni progetti didattici educativi, una scuola figlia di una società ingiusta non potrà che riprodurre una società ingiusta, in cui i ceti popolari sempre conosceranno meno parole della borghesia e in cui i poveri saranno sfruttati e spesso finiranno in carcere per permettere ai ricchi di continuare ad arricchirsi.

vc_row gap=”5″ full_height=”yes” equal_height=”yes” content_placement=”top” parallax=”content-moving” css_animation=”fadeIn”]

Focus

giovedì 19 Settembre 2019 Redazione
Un articolo di Carola Rackete, capitana della Sea Watch. L'apartheid climatico porterà solo ad altre tragedie nel Mediterraneo
Torino, la multinazionale si prende il bar del campus ma scarta chi ci lavora
mercoledì 18 Settembre 2019 Redazione
A Torino, contro i licenziamenti al bar del campus, lavoratori e studenti bloccano il senato accademico. L'Ateneo se ne lava le mani
sabato 14 Settembre 2019 Maurizio Zuccari
Erdogan alza la voce perché l’Europa non chiuda i cordoni della borsa e riconosca una safe zone per tenere a bada i curdi e mettere le mani su una bella fetta di Siria
Autonomia differenziata, mica è finita qui. La lotta continua
martedì 10 Settembre 2019 Redazione
Non basta il cambiamento di un Governo per eliminare gli aspetti divisivi e discriminatori dell’autonomia differenziata
mercoledì 4 Settembre 2019 Checchino Antonini
Il suo nome risuona a sproposito a ogni crisi parlamentare. Intervista a Franco Turigliatto, di Sinistra Anticapitalista: la sinistra al tempo del governo giallo-rosa
Lucha y Siesta, non sgomberate quella Casa
sabato 31 Agosto 2019 Marina Zenobio
Arrivata alla Casa rifugio di Cinecittà una comunicazione di sgombero per il 15 settembre. Non si sa che fine faranno i bambini e le donne vittime di violenza ospitate

in fondo a sinistra

Nessun potere, se non quello dal basso, sconfiggerà Salvini
mercoledì 21 Agosto 2019 Redazione
Non ci sono vie di fuga che non passino attraverso la creazione di una forte soggettività di sinistra, unitaria ma che non faccia sconti
Contro Salvini il Pd non è un porto sicuro
venerdì 9 Agosto 2019 Redazione
L'ora delle scelte irrevocabili di Salvini è scoccata. Nella crisi tenere insieme la battaglia democratica e quella sociale
Nicaragua: Ortega non c’entra nulla con Sandino
martedì 23 Luglio 2019 Redazione
Nicaragua, quarant’anni dopo la rivoluzione, fra rivoluzione e dittatura. L'analisi di una comandante guerrillera del FSLN

cronache sociali

Mimmo Lucano torna a Riace. E Salvini indagato per diffamazione di Carola
giovedì 5 Settembre 2019 Checchino Antonini
Revoca del divieto di dimora per Mimmo Lucano: potrà tornare a Riace. Intanto Salvini è indagato per diffamazione dopo la denuncia di Carola Rackete
Così Jerry Masslo cambiò la politica e la nostra vita
domenica 25 Agosto 2019 Redazione
Jerry Masslo fu, per me e molti altri, ciò che gli affogati sono oggi per chi sta sulle navi di soccorso. Morti che ti cambiano del tutto vita e politica
Roma, il normale razzismo di mezza estate
venerdì 23 Agosto 2019 Redazione
Il razzismo non va in ferie, tantomeno a Roma. La storia di Andi Ngaso, medico della Cri, che ha trovato una scritta razzista sull'auto

consumare stanca

Olio di palma e cacao della Nutella: gli impegni millimetrici di Ferrero
sabato 24 Agosto 2019 Redazione
Ferrero dice di sostenere un'agricoltura sostenibile ma non rinuncia all'olio di palma e  il suo cacao è causa di deforestazione e sfruttamento minorile
Blitz di Goletta Verde per difendere ambiente e clima
mercoledì 14 Agosto 2019 Redazione
La Spezia. Blitz di Goletta Verde che oggi pomeriggio nel porto della Spezia ha puntato la prua contro il progetto della nuova centrale a Gas prevista da Enel.
Nei campi di nocciole turche, il sapore amaro della Nutella
martedì 13 Agosto 2019 Redazione
Le manovre di Ferrero per controllare le coltivazioni di nocciole nella regione turca del Mar Nero da dove viene il 70% della produzione mondiale

padrini & padroni

Ursula e noi, perché la sinistra non può baciare il rospo
martedì 10 Settembre 2019 Redazione
Il governo Ursula porta il marchio di Trump e delle cancellerie europee. Costruire un'opposizione ricca di apporti teorici e pratiche di lotta, è il compito della sinistra
Crisi di governo, la roulette giallorosa
martedì 20 Agosto 2019 Maurizio Zuccari
Come finirà la crisi di governo e l’harakiri di Salvini
Xylella, ovvero l’epidemia inesistente per cambiare il paesaggio
venerdì 9 Agosto 2019 Checchino Antonini
Xylella, la guerra continua anche se il monitoraggio smentisce l'ipotesi dell'epidemia in corso. Allora perché questa emergenza?

malapolizia

Francia, l’infiltrata della polizia al controG7
giovedì 5 Settembre 2019 Checchino Antonini
Francia, i siti alternativi pubblicano la foto di una donna, sarebbe un'infiltrata che informava la polizia durante la violenta repressione dei cortei contro il G7
G8, bloccata l’estradizione di Vincenzo Vecchi
sabato 24 Agosto 2019 Checchino Antonini
G8, una prima vittoria per i legali di Vincenzo Vecchi, l'attivista condannato per devastazione e saccheggio a Genova, arrestato a Rennes
Nantes, dov’è Steve? La polizia è colpevole
venerdì 2 Agosto 2019 Checchino Antonini
Nantes, domani in piazza per Steve Maia Caniço, annegato nella Loira durante le cariche di polizia del 21 giugno. Un verbale dimostra che quell'assalto non si doveva fare

quotidiano movimento

Agnoletto: M5S complice di De Gennaro
lunedì 22 Luglio 2019 Checchino Antonini
Genova 20 luglio, con Carlo nel cuore. Centinaia in piazza Alimonda. La solita provocazione di un sindacatino di polizia. Il ricordo di ZeroCalcare
Per non dimentiCarlo: le giornate del luglio
venerdì 19 Luglio 2019 Redazione
Genova 2001-2019. Il programma delle iniziative nell'anniversario delle giornate del luglio: per non dimenticare Carlo, per rilanciare le lotte
Attac: non rinunciare a immaginare la società che vogliamo
venerdì 19 Luglio 2019 Redazione
L'università estiva di Attac: immaginare l'alternativa nello spazio pubblico occupato dal conflitto apparente fra populisti e oligarchia

in genere

Ddl Pillon rimandato a settembre, ma la piazza delle donne sarà ancora lì
venerdì 26 Luglio 2019 Redazione
Colloquio con Teresa Gennari del Centro Antiviolenza Donna L.I.S.A. durate la protesta anti-Pillon di martedì scorso in Piazza Montecitorio
Il centro antiviolenza Donna L.I.S.A. ha bisogno di te
domenica 28 Aprile 2019 Redazione
In vent’anni il centro ha colto e sostenuto migliaia di donne nel difficile percorso di fuoriuscita dalla violenza, ora rischia la chiusura.
Macché sicurezza, questo decreto è anche contro le donne
domenica 2 Dicembre 2018 Redazione
Dl Salvini: donne incinte o con bimbi nati da stupri buttate in mezzo a una strada. Gli effetti deleteri del decreto sicurezza cominciano a vedersi 

mondi

Israele, lo spettacolo elettorale del partito unico sionista
martedì 6 Agosto 2019 Redazione
Chiunque invidi gli Usa perché non vi sono che due partiti dovrebbe sapere che in Israele ve ne sono ancora di meno
Hong Kong, domino cinese
giovedì 1 Agosto 2019 Maurizio Zuccari
Hong Kong e la sua crisi di piazza, spontanea quanto un teatrino d'ombre cinesi, può innescare ben altre crisi sulle piazze finanziarie del mercato globale e nel confronto tra Oriente e Occidente
Amazzonia: aumentano deforestazione e violenza contro gli indios
martedì 30 Luglio 2019 Marina Zenobio
Indios massacrati e foresta deforestata. In sette mesi di presidenza Bolsonaro sono stati distrutti 4.200 chilometri quadrati di foresta.

culture

Togliatti, l’iper-realista

Togliatti, il realismo della politica. Una biografia (Carocci 2018), di Gianluca Fiocco [Carlo Scognamiglio]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

L’Angelo azzurro e la gentrification

Mein Blauer Engel, Angelo azzurro: tornano, mescolando gin e triple sec, le parole in fondo al bicchiere dello scrittore-barman

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La colonia non è acqua

Il trauma bellico è indifferente al colore della pelle. Fratelli d’anima di David Diop (Neri Pozza 2019) [Carlo Scognamiglio]

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]

La storia eravamo noi

Note a margine del dibattito sulla cancellazione dell’insegnamento della storia

[vc_gitem_acf field_group="34264" field_from_34264="field_5ada0f4f85d87" show_label="yes"]
[/vc_row]

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.