21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
Homepadrini & padroniAquarius, assalto fascista alla sede di SOS Mediterranée

Aquarius, assalto fascista alla sede di SOS Mediterranée

Generation Identitaire attacca a Marsiglia la sede della Ong SOS Mediterranée. 22 fermati. Obiettivo: il sequestro dell’Aquarius

La sede della Ong umanitaria SOS Mediterranée, conosciuta per aver noleggiato insieme a Medici Senza Frontiere la nave Aquarius, è stata «attaccata da una dozzina di attivisti» del gruppo francese di estrema destra Generation Identitaire. L’associazione ha spiegato in un tweet che «la polizia è sul posto e sono stati compiuti degli arresti». Il personale è «sano e salvo, ma sotto shock», si legge ancora nel post. Secondo il sito d’informazione France Bleu Provence 22 persone sono in stato di fermo. Generation Identitaire ha sostenuto questa occupazione in un tweet pubblicato poco dopo le 15:00, in cui il portavoce Romain Espino esortava a firmare una petizione «per richiedere il sequestro dell’Aquarius».

La formazione fascistoide era riuscita a conquistare i titoli già in aprile, quando un centinaio di squadristi è piombato al Colle della Scala ancora innevato, srotolando sul versante della montagna un enorme striscione con slogan in lingua inglese: «Closed border. You will not make Europe home. Back to your homeland. No Way» (Frontiere chiuse. Non farete dell’Europa la vostra casa. Tornate a casa vostra). E hanno poi sistemato una rete in plastica arancione, di quelle usate per delimitare i cantieri, per erigere un simbolico muro tra l’Italia e la Francia. L’iniziativa fa parte della campagna ‘Defende Europe. Mission Alpes’ promossa da Generation Identitaire, il movimento nato nel 2012 in Francia “per combattere la massiccia immigrazione e l’islamizzazione dell’Europa”.

Il blitz a 25 chilometri da Briancon (Francia) e a 14 da Bardonecchia (Torino), teatro a inizio mese della scorreria di alcuni poliziotti francesi in un centro di accoglienza di migranti gestito dalla associazione umanitaria. Nel cielo sopra il Colle della Scala ha volteggiato anche un elicottero noleggiato dai militanti di ‘Generation Identitaire’. «Fermeremo qualsiasi tentativo di entrare in Francia illegalmente – spiega il movimento di estrema destra francese – dall’estate del 2017 il flusso di immigrati che utilizzano questo passaggio continua a crescere. Il governo Macron si rifiuta di rendere sicuro il confine; gli dimostreremo che, volendo, è perfettamente possibile». Per la cronaca il confine è stato “riaperto” il giorno appresso da un corteo di antirazzisti francesi e italiani, No Tav e Briser les frontieres, caricato violentemente dai flic francesi.

In Italia si chiama Generazione identitaria il terminale locale del lugubre circo di fascisti, predicatori cristiani integralisti, starlette social in cerca di notorietà e mercenari in cerca di nuovi affari dopo la fine dell’emergenza pirati nell’Oceano Indiano nell’estate del 2017. La sigla fu protagonista della grottesca vicenda della C-Star, una nave che voleva abbordare le imbarcazioni delle Ong ma restò in avaria e rimorchiata proprio dagli odiati buonisti al largo della Libia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati