21 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
21 C
Rome
mercoledì 8 Febbraio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homecronache socialiPressing di Raggi, partecipate a rischio: sciopera Roma Metropolitane

Pressing di Raggi, partecipate a rischio: sciopera Roma Metropolitane

Roma Metropolitane, il Comune non versa i soldi stanziati, i lavoratori temono licenziamenti, il 27 sciopero e tutti in Campidoglio

In agitazione i lavoratori di Roma Metropolitane, la società partecipata del Comune di Roma, incaricata della progettazione e realizzazione di nuove linee metropolitane.  Il 27 novembre sarà giornata di sciopero e manifestazione in Campidoglio. «L’ultima notizia sulla interminabile crisi della partecipata Roma Metropolitane ha del paradossale: gli stipendi di novembre, ha annunciato ai dipendenti l’Amministratore Unico tirando un sospiro di sollievo, saranno pagati. Ma come? Grazie a un incasso del tutto inatteso pervenuto nei giorni scorsi, quando solo una settimana prima lo stesso Au aveva annunciato alle Rappresentanze Sindacali Aziendali che le casse della Società erano vuote: ecco la rappresentazione plastica di un’azienda che vive alla giornata, a causa del totale fallimento della gestione manageriale e della funzione di indirizzo che dovrebbe essere esercitata dall’Amministrazione capitolina – spiegano in una nota dei lavoratori di Roma Metropolitane – eppure quelli che rischiano di pagare il prezzo più alto di questa interminabile crisi siamo noi lavoratrici e lavoratori. Riuniti in assemblea, noi denunciamo due questioni critiche: alla fine di ottobre una fulminea “ricognizione” delle attività di progettazione svolte da Roma Metropolitane nel 2018, avrebbe rilevato, secondo gli Uffici capitolini, una scarsa produttività. Ma come è mai possibile valutare la produttività del nostro lavoro senza avere stabilito a monte i criteri di valutazione? Per l’intero anno 2018 le attività si sono svolte senza la formalizzazione di alcun contratto e senza l’affidamento di alcun incarico. Gli Uffici capitolini inoltre fingono di non sapere che gli sviluppi concreti di queste attività sono ostacolati proprio dall’assenza di un contratto e dalla conseguente indisponibilità di risorse economiche; che lavoriamo ogni mese senza la certezza che il 27 gli stipendi saranno corrisposti; che le condizioni operative minime della nostra attività non sono assicurate, in un’azienda in cui numerose normative (di sicurezza, manutenzione, amministrative, ecc.) vengono violate a causa di carenze gestionali ormai insostenibili».

La seconda questione, secondo i lavoratori in agitazione è che «gli uffici capitolini chiedono ulteriori riduzioni dei costi di funzionamento. Ma la società ha già attuato, sulla pelle di noi lavoratrici e lavoratori, ogni possibile taglio di spesa: dal blocco del pagamento degli straordinari al mancato adeguamento degli stipendi al contratto nazionale, fino ad accordi al ribasso su permessi, festività, ecc. Basta fare due più due – affermano i lavoratori – per capire che se, da una parte, si insiste su produttività e costi e, dall’altra, si annuncia pubblicamente che il diritto al lavoro non è una priorità nelle società partecipate (vedi le dichiarazioni del Direttore generale di Roma Capitale Giampaoletti, censurate solo dal Vicesindaco Bergamo), la logica conseguenza è che si stiano pianificando dei licenziamenti, purtroppo senza che il vertice aziendale si opponga a tale pretesa. Una richiesta del resto già trasmessa la scorsa estate dagli uffici capitolini al precedente Au, come da lui stesso riferito pubblicamente: questo ci induce a credere che il disegno si sia consolidato da tempo, e che solo a posteriori si cerchino giustificazioni nel presunto nodo critico della produttività e nello squilibrio economico-finanziario. La crisi finanziaria della Società, che la espone tuttora al rischio di fallimento, è in realtà dovuta ai mancati versamenti da parte di Roma Capitale di somme dovute e peraltro stanziate, e non può in nessun modo essere pagata da noi. Un’altra cosa ci appare evidente  questi interlocutori non sono più credibili. Spetta, ora e finalmente, alla politica, fin qui assente e/o ostaggio degli Uffici, dire una parola chiara sulla tutela del diritto al lavoro nella nostra come nelle altre aziende partecipate, nonchè sulle infrastrutture di trasporto che intende realizzare e sulla sorte dell’azienda, Roma Metropolitane, che è il soggetto naturalmente preposto alla realizzazione di questi interventi, come le urgenti manutenzioni straordinarie delle linee A e B. Come lavoratrici e lavoratori di Roma Metropolitane annunciamo l’astensione dal lavoro per l’intera giornata del 27 novembre e una manifestazione in Campidoglio a partire dalle 9.30».

I lavoratori concludono chiedendo: «che il socio unico Roma Capitale risolva la crisi aziendale, che ormai è divenuta cronica, ma in nessun modo può essere pagata dalle lavoratrici e dai lavoratori; che l’Assemblea Capitolina e la Giunta si esprimano con chiarezza sulla tutela del lavoro; che venga aperto un tavolo di confronto con le Oo.Ss come strumento democratico irrinunciabile per la tutela dei diritti dei lavoratori; che l’amministrazione capitolina non disperda un patrimonio pubblico di competenze qualificate che rappresentano una risorsa a disposizione della città per il rilancio dello sviluppo delle reti di trasporto».

Una situazione paradossale, quella determinata dal malgoverno grillino, che consente addirittura a esponenti del Pd di fare un figurone. Infatti, due consigliere capitoline,Valeria Baglio e Ilaria Piccolo, dello stesso partito che ha inventato il jobs act, demolito l’articolo 18, piuttosto ambiguo sul recente tentativo di privatizzare Atac, annunciano la loro presenza martedì prossimo a fianco dei lavoratori della partecipata: «per rinnovare la nostra difesa a posti di lavoro, che per il direttore generale del Comune Giampaoletti “Non sono una priorità” come ha specificato in commissione Trasparenza qualche settimana fa, e per la valorizzazione di professionalità e qualità dei servizi per Roma. Da Roma Metropolitane dipendono i lavori per la metro C, gli interventi per la sicurezza delle linee di metropolitana: colpire l’azienda significa anche colpire al cuore i trasporti romani».

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli architetti della Resistenza

Fino al 26 febbraio, a Milano, la mostra Progettare la memoria. Lo studio BBPR: i monumenti, le deportazioni

Parla come te l’Intelligenza Artificiale di Microsoft

Dopo ChatGPT, la controversa IA di Microsoft che imita le voci. Il suo nome: Vall-E. IA sempre più realistiche e pericolose per la democrazi...

Che cosa ha prodotto l’Olocausto

Un saggio di Ernest Mandel: Premesse materiali, sociali e ideologiche del genocidio nazista

UK, successo dello sciopero di solidarietà e scuole chiuse

UK, sciopero nel settore pubblico e nelle scuole contro l'inflazione. La più grande mobilitazione dal 2011 [Marie Billon]

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio