20.7 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
20.7 C
Rome
venerdì 25 Giugno 2021
HomecultureIl Nordest disperante di Rossetto

Il Nordest disperante di Rossetto

Effetto Domino, il nuovo film di Alessandro Rossetto. La fine del mito dell’operosità familiare del Veneto

Un film per raccontare le dinamiche economiche, sociali ed umane nel nordest italiano della crisi economica: Alessandro Rossetto con Effetto Domino ha centrato in pieno il nocciolo della questione, descrivendo con minuziosa attenzione una storia che assume connotati tragici e beffardi, niente di più della coazione a ripetere del lugubre e vorticoso declino economico veneto. Declino che, va detto, capita in sorte a taluni e – guarda caso – non capita certo in sorte ad altri.

Tutto parte da un geometra ed un impresario (ben interpretati da Mirko Artuso e Diego Ribon) ultimi figli di una generazione di uomini che si sono costruiti con le loro mani col duro lavoro. I due pensano all’idea ambiziosa di rilevare dei vecchi stabili dismessi per farne residenze di lusso per anziani. Numeri e prezzi da capogiro, l’eccitante brama veneta di un rapido far schei, pratiche edilizie “oliate” attraverso mazzette erogate a compiacenti dipendenti comunali, la furia costruttiva che non si ferma di fronte a niente. Ma nel Veneto globalizzato in cui il pesce grande mangia il pesce piccolo – e l’impresa familiare veneta non è per forza un pesce grande – subentrano le difficoltà: gli istituti di credito decidono che il prestito inizialmente accordato non è più valido.

Da lì parte l’effetto domino, il crollo delle pedine, l’una sull’altra, il ribaltarsi fragoroso del castello di carte, fino a cadere sugli ultimi degli ultimi, i lavoratori dipendenti che rimangono senza lavoro.

Il film di Rossetto a quel punto diventa un crescendo di angoscia, un rincorrersi di disperazioni che hanno risvolti nell’economia di piccola scala, ma anche nelle relazioni umane e familiari.

Sullo sfondo un mix di temi. Alcuni trattati per semplificazioni, superficialmente (l’innalzamento dell’età media della popolazione), altri affrontati coi dovuti crismi del caso. Il Veneto lavoratore, cristiano praticante, a tratti bigotto e fissato nelle sue abitudini stakanoviste, ne esce fatto a pezzi: spinta alla cementificazione (proprio nei giorni in cui l’Ispra ricorda che il Veneto non smette di consumare suolo), disuguaglianze sociali, famiglie che vanno in pezzi, sfruttatori che diventano vittime, imprenditori più o meno onesti che, inguaiati, preferiscono farla finita.

Un film che meriterebbe d’esser visto, se non altro per interrogarsi su quale modello sia oggi quello del Nordest del terzo millennio. Un film che, pur ben accolto alla mostra del cinema di Venezia, avrebbe meritato maggior fortuna ai botteghini.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Quanto costerà agli ungheresi l’omofobia di Orban

La legge omofoba ungherese ha sconvolto l'agenda del vertice UE. Diciassette leader chiedono sanzioni. Gli scenari [Ludovic Lamant] 

Ogni movimento ha un filo che lo porta a Genova

Si va verso il ventennale di Genova e partiamo seguendo una delle tracce seminate da Guadagnucci e Agnoletto con «L'eclisse della democrazia»

Stracciamo il Concordato: Ddl Zan ora!

Il Vaticano invade lo spazio pubblico, la destra familista gioca col fuoco, il dibattito nel mondo femminista Il Vaticano fa...

Catalogna, l’ambigua grazia di Sànchez

I nove leader catalani ancora in prigione sono stati graziati ma Sánchez chiude la porta alle vere amnistie [Ludovic Lamant]

Così i fascisti francesi volevano avvelenare il cibo halal

Come un infiltrato ha ingannato i "patrioti" che stavano pianificando attacchi islamofobi [Matthieu Suc]