32.1 C
Rome
mercoledì 28 Luglio 2021
32.1 C
Rome
mercoledì 28 Luglio 2021
Homein genereLucha y Siesta. Figurine all'attacco della violenza sulle donne

Lucha y Siesta. Figurine all’attacco della violenza sulle donne

All’attacco-Storie da collezionare. L’album di figurine a sostegno di Lucha y Siesta contro la violenza sulle donne

“All’attacco! – storie da collezionare”, è il primo album di figurine firmate a sostegno del crowdfunding “Lucha alla città” per la casa delle donne Lucha y Siesta, a cura del collettivo “Una volta per tutte”.
“All’attacco! – storie da collezionare”, sarà disponibile per la prima volta sabato 23 novembre in occasione del corteo contro la violenza maschile sulle donne ed in seguito presso la Casetta Rossa, la Villetta Social Lab, il CSOA La Strada di Garbatella, la casa delle donne Lucha y Siesta, la libreria Odradek, l’Associazione Culturale Controchiave, la libreria Nuova Europa presso i “Granai”, la libreria TUedIO di Albano Laziale, e altri punti che si aggiungeranno man mano.

Makkox, Gianluca Costantini, Anarkikka, Nicoz Balboa, Marta Baroni, Margherita Barrera, Mauro Biani, Manfredi Ciminale, Chiara Fazi, Vittorio Giacopini, Fabio Magnasciutti, Giancarlo Montelli, Roberta Muci, Dario Pallante, Francesca Protopapa, Irene Rinaldi, The Sando, Rita Petruccioli hanno prestato gratuitamente la loro matita per confezionare “All’attacco! – storie da collezionare”.
Nato da un’idea di Maya Vetri, l’album, impaginato da Chiara Visone, è stato realizzato grazie alla collaborazione tra i Collettivi ‘Una volta per tutte’ e ‘Lucha y Siesta’ che ne hanno curato i testi e la scelta delle storie da rappresentare: un gesto di complicità fra esperienze che si confrontano sulle questione di genere nella nuova ondata del femminismo internazionale.
Storie di lotta, rabbia e forza tracciano i contorni di un mondo solidale e inclusivo che parte da Roma e arriva fino in Kurdistan, passando per l’Argentina, l’India e il Kenya. Ecco allora, fra le tante, che la figurina numero 18 ritrae Ilaria Cucchi, sorella di Stefano; la n.22 la comandanta dell’EZLN Ramona che combatte per il suo Chiapas; la n.25 Carola Rackete, comandanta della Sea Watch; la n.14 la partigiana Lucia Ottobrini.


“Una volta per tutte”, è un gruppo di donne che lavorano e vivono sul territorio del Municipio VIII di Roma e che dal 2018 costruisce momenti di incontro su temi come genere e violenza, narrazione e stereotipi per un confronto senza affanni e senza esclusioni. In questo anno abbiamo gettato le basi del nostro agire collettivo, guardando anche alle sorelle e compagne delle altre esperienze territoriali. È stato naturale perciò scegliere di essere al fianco delle donne di Lucha y Siesta perché rappresenta un patrimonio prezioso da non perdere e da difendere. Questo album vuole sostenere in particolare il Comitato “Lucha alla città” nato il 7 settembre 2019 come risposta della cittadinanza al rischio di chiusura. Sarà inoltre possibile prenotarlo attraverso Facebook e Instagram:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20