5.4 C
Rome
giovedì 21 Gennaio 2021
5.4 C
Rome
giovedì 21 Gennaio 2021
Home in genere Lucha y Siesta. Figurine all'attacco della violenza sulle donne

Lucha y Siesta. Figurine all’attacco della violenza sulle donne

All’attacco-Storie da collezionare. L’album di figurine a sostegno di Lucha y Siesta contro la violenza sulle donne

“All’attacco! – storie da collezionare”, è il primo album di figurine firmate a sostegno del crowdfunding “Lucha alla città” per la casa delle donne Lucha y Siesta, a cura del collettivo “Una volta per tutte”.
“All’attacco! – storie da collezionare”, sarà disponibile per la prima volta sabato 23 novembre in occasione del corteo contro la violenza maschile sulle donne ed in seguito presso la Casetta Rossa, la Villetta Social Lab, il CSOA La Strada di Garbatella, la casa delle donne Lucha y Siesta, la libreria Odradek, l’Associazione Culturale Controchiave, la libreria Nuova Europa presso i “Granai”, la libreria TUedIO di Albano Laziale, e altri punti che si aggiungeranno man mano.

Makkox, Gianluca Costantini, Anarkikka, Nicoz Balboa, Marta Baroni, Margherita Barrera, Mauro Biani, Manfredi Ciminale, Chiara Fazi, Vittorio Giacopini, Fabio Magnasciutti, Giancarlo Montelli, Roberta Muci, Dario Pallante, Francesca Protopapa, Irene Rinaldi, The Sando, Rita Petruccioli hanno prestato gratuitamente la loro matita per confezionare “All’attacco! – storie da collezionare”.
Nato da un’idea di Maya Vetri, l’album, impaginato da Chiara Visone, è stato realizzato grazie alla collaborazione tra i Collettivi ‘Una volta per tutte’ e ‘Lucha y Siesta’ che ne hanno curato i testi e la scelta delle storie da rappresentare: un gesto di complicità fra esperienze che si confrontano sulle questione di genere nella nuova ondata del femminismo internazionale.
Storie di lotta, rabbia e forza tracciano i contorni di un mondo solidale e inclusivo che parte da Roma e arriva fino in Kurdistan, passando per l’Argentina, l’India e il Kenya. Ecco allora, fra le tante, che la figurina numero 18 ritrae Ilaria Cucchi, sorella di Stefano; la n.22 la comandanta dell’EZLN Ramona che combatte per il suo Chiapas; la n.25 Carola Rackete, comandanta della Sea Watch; la n.14 la partigiana Lucia Ottobrini.


“Una volta per tutte”, è un gruppo di donne che lavorano e vivono sul territorio del Municipio VIII di Roma e che dal 2018 costruisce momenti di incontro su temi come genere e violenza, narrazione e stereotipi per un confronto senza affanni e senza esclusioni. In questo anno abbiamo gettato le basi del nostro agire collettivo, guardando anche alle sorelle e compagne delle altre esperienze territoriali. È stato naturale perciò scegliere di essere al fianco delle donne di Lucha y Siesta perché rappresenta un patrimonio prezioso da non perdere e da difendere. Questo album vuole sostenere in particolare il Comitato “Lucha alla città” nato il 7 settembre 2019 come risposta della cittadinanza al rischio di chiusura. Sarà inoltre possibile prenotarlo attraverso Facebook e Instagram:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio

Cancellare il debito si può. Ce lo dice l’Europa

Il principio "pacta sunt servanda" - per cui uno Stato deve rispettare gli obblighi - non è assoluto. Importante sentenza europea [Eric Toussaint]