19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
19.7 C
Rome
sabato 18 Maggio 2024
Homepadrini & padroniE i cinque stelle si fumano pure l'acqua pubblica

E i cinque stelle si fumano pure l’acqua pubblica

M5s: dopo Tap, Tav, Triv e Ilva, grillini pronti a rimangiarsi l’ultimo tassello della loro storia: l’acqua pubblica. A cominciare da quella del Sud

di Marco Bersani

Mentre la crisi climatica è divenuta realtà quotidiana, rendendo l’emergenza ambientale la priorità presente e futura di ogni comunità territoriale, il Movimento 5 Stelle si appresta a compiere l’ultima giravolta, abbandonando la battaglia per l’acqua pubblica agli interessi delle lobby finanziarie.

Non erano bastate le clamorose inversioni di rotta sulle grandi opere (dal Tav al Tap) sulle trivellazioni nel mare e, da ultima, sull’ex-Ilva di Taranto; per rendere definitiva la completa omologazione di chi, partito per aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, è finito nei panni di quest’ultimo, mancava un ultimo tassello: la legge sull’acqua pubblica.

E’ il Sole 24ore di domenica 1 dicembre a salutare entusiasticamente la svolta, con tanto di interviste ai protagonisti: l’On. Daga (5stelle, prima firmataria della legge voluta dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, ancora formalmente in discussione alla Commissione Ambiente della Camera), l’On. Braga (Pd, che porta a casa bottino pieno) e il dr. Guerrini (ARERA, l’ente regolatore che, fin da subito, ha sabotato il referendum).

Il tema dell’articolo riguarda l’accordo sulla gestione idrica del Mezzogiorno – unico territorio ancora libero dalla “banda dei quattro” (ACEA, IREN, A2A, HERA) – con l’annunciata  costituzione di una mega-utility pubblico/privato, che consegnerà ai capitali finanziari l’acquedotto più grande d’Europa e il relativo e ricchissimo patrimonio idrico. Un grande business che completerà il quadro della finanziarizzazione del servizio idrico e la sua sottrazione al controllo delle comunità locali.

Esattamente il contrario di quanto votato a maggioranza assoluta dal popolo italiano, con 27 milioni di elettori che si erano pronunciati per l’acqua bene comune, la sua sottrazione alle leggi del mercato e la sua gestione territoriale e partecipativa.

Ciò che viene annunciato per il Mezzogiorno è ovviamente prodromico alla nuova legge sulla gestione del servizio idrico, rispetto alla quale, essendo da sempre immutata la posizione del Pd, è evidente come l’accordo significhi la totale resa del Movimento 5Stelle, pronto ad abbandonare anche la foglia di “Fico” dei continui rinvii della discussione sulla legge voluta dai movimenti, per passare, armi e bagagli, agli interessi delle lobby finanziarie.

Con questo ulteriore e gravissimo passo il cerchio si chiude e, mentre le piazze si riempiono di sardine, il Movimento 5stelle si appresta a trasformare in tonni i suoi 330 parlamentari.

La battaglia dell’acqua e la straordinaria vittoria referendaria del 2011 hanno detto con chiarezza che l’acqua è un bene comune, indisponibile ai profitti e al mercato. Oggi, le donne e gli uomini che hanno partecipato con generosità a quella battaglia devono scendere in campo per impedire l’ennesimo furto di beni comuni e diritto al futuro.

Perché, oggi come allora, si scrive acqua e si legge democrazia.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione

Ecco perché hanno arrestato Toti e un po’ di padroni della Liguria

L'ordinanza della Procura della Repubblica e della DDA che ha decapitato la Regione e il mondo degli affari genovesi

Che Palestina sarà dopo il genocidio

La migliore “soluzione” che potrebbe scaturire è peggiore di quella che esisteva prima [Gilbert Achcar*]