giovedì 29 Ottobre 2020

Sex and the Covid. Che cosa succede alle coppie confinate

Sex and the Covid. Che cosa succede alle coppie confinate

“Questo è ciò che succede alle coppie sotto stress”: Intervista a Esther Perel, terapista, autrice e conduttrice del podcast sulle relazioni romantiche in quarantena (Rachel Syme)

Le relazioni sono difficili, anche quando non siamo nel bel mezzo di una pandemia globale. Nessuno lo sa più intimamente della psicoterapeuta e autrice belga Esther Perel, il cui podcast di successo, “Where Should We Begin?”, permette agli ascoltatori di giocare a volare oltre il muro mentre conduce delle vere e proprie sessioni di terapia di coppia. Perel è anche l’autrice dei libri più venduti “Mating in Captivity”, sul sesso all’interno di relazioni monogame, e “The State of Affairs”, sulla gestione dell’ infedeltà. Alla fine di marzo, mentre i paesi di tutto il mondo stavano mettendo in atto misure di social-distanza, ha lanciato una serie speciale di podcast chiamata “Coppie in isolamento”. Nella serie finora, Perel ha fatto sedute di terapia con coppie in Italia, Belgio e New York City, consigliandole attraverso le sfide di questo tempo molto ansioso e spesso esasperante. “Se vogliamo guardare alle sfide della comunicazione, della sessualità, del desiderio, del conflitto nelle relazioni, questo è un momento di pietrificazione”, mi ha detto recentemente Perel su Zoom. Durante la nostra conversazione, che è stata modificata e condensata, abbiamo parlato di come combattere con il proprio partner durante la quarantena, di come andare agli appuntamenti da casa, di cosa fare se le abitudini del partner ti fanno impazzire, e di come mantenere il senso di sé quando non si può sfuggire l’uno all’altro.

Ho visto suo marito attraversare la stanza. Siete insieme in casa?

Siamo insieme, sì. (ride)

Come sta andando?

Sai, in questo momento stiamo lavorando entrambi, facendo psicoterapia. Siamo nel nostro mondo professionale e poi ci riuniamo, in momenti diversi della giornata, e abbiamo molto da condividere. Penso che ciò che aiuta molto sia che entrambi sentiamo di fare qualcosa di significativo in questo momento, con quello che sappiamo, con quello che abbiamo praticato. Siamo fisicamente distaccati, ma siamo professionalmente e psicologicamente molto, molto vicini a quello che succede e, quindi, anche l’uno all’altro.

L’altro giorno stavo pensando a uno dei tuoi primi libri, “L’accoppiamento in cattività”. Con quello che stiamo passando ora, la prigionia è diventata piuttosto letterale.

“Mating in Captivity: The Quarantine Edition.”

Hai spesso fatto notare che ci si aspetta troppo dalle relazioni moderne: il tuo partner dovrebbe essere il tuo migliore amico e il tuo amante e il tuo psicoterapeuta e il tuo collaboratore per la cura dei bambini e, sai, la tua lavastoviglie. Tutto. E questi ruoli, storicamente, erano storicamente distribuiti all’interno di strutture comuni. E sembra che questa pandemia abbia solo ingrandito il grado in cui siamo costretti a fare affidamento sui nostri partner.

Penso che, in realtà, ciò che è essenziale in questo momento, soprattutto quando abbiamo una sola persona che ci dà ciò che un intero villaggio dovrebbe fornirci, è che creiamo confini, routine e rituali. Ci deve essere, nel miglior modo possibile, una separazione tra il giorno e la sera, la settimana e il fine settimana, l’orario di lavoro e il tempo libero, il tempo della famiglia e il tempo individuale, i momenti che sono orientati al compito e i momenti in cui ci fermiamo per un po’. Quando andiamo a mangiare, rimetteremo a posto il tavolo o semplicemente allontaneremo un po’ le nostre cose di lavoro in modo da avere spazio per mettere giù un piatto? Penso che, più che mai, la routine che crea una struttura, che porta un certo senso di ordine in un mondo che si sente così caotico e così insicuro, sia cruciale. Il rituale è ciò che separa l’ordinario e il mondano da qualcosa che diventa più elevato, più separato, più sacro. Tutte queste tre cose sono essenziali.
Alcuni dei miei amici hanno commentato che stare a casa con i loro partner ha reso abbastanza visibile parte del “lavoro invisibile” che fanno, che i loro partner davano per scontato. Per esempio, sono del tipo: “Chi pensavi che pulisse la casa e lavasse i piatti? All’improvviso, si vede tutto quello che sto facendo”. O, viceversa, forse qualcuno dice: “Hai finalmente visto quello che faccio al lavoro. E hai visto quanto lavoro duramente. E non lo riconosci”. Che effetto fa, avere queste cose improvvisamente visibili in un modo nuovo?

Ciò che sta accadendo ora, in questa visione allargata di noi stessi e dei nostri partner, può andare in due direzioni. In una direzione si dice: “Sono curioso. Dimmi di più. Non l’ho mai saputo. Lo apprezzo molto. Mi rendo conto di quanto fossi incapace, di come ti ho lasciato fare tutto”. E diventa davvero una fonte di connessione. Nell’altra versione, diventa fonte di biasimo: “Vuoi che ti dica quanto ho fatto? Ho appena fatto il bucato! Ho appena pulito i lavandini! Vivresti in un porcile! Ma che ti prende?”. Cominciate a lamentarvi in modo tale da assicurarvi che l’altra persona cercherà di masticarvi il più velocemente possibile, e non riceverete aiuto.

Questo mi porta alla questione di come le persone dovrebbero reagire. Le coppie litigheranno e si bloccheranno durante questo periodo. Ma non si può letteralmente andarsene. Mi chiedo come vedete le coppie risolvere le cose quando non riescono a separarsi fisicamente.

Non c’è bisogno di una porta per uscire di casa. Si può stare da qualche parte senza essere assolutamente presenti. Penso che le coppie, per definizione, attraversino l’armonia, la disarmonia e la riparazione. Questo è un ballo che facciamo a prescindere da tutto. Per definizione, noi combattiamo. Ciò che conta è come si combatte. Quando ti arrabbi davvero per qualcosa, puoi poi dire: “O.K., l’ho tolto dal mio sistema – come lo risolveremo?” oppure “Guarda, mi rendo conto di essere stato abbastanza ingiusto”. Lasciami prima dire quello che apprezzo di quello che fai prima che ti scarichi addosso l’intera lista di cose che non credo tu faccia”. Ecco perché faccio questo piccolo esercizio di dieci sì e dieci no, che mi ha insegnato il mio collega Dan Siegel. È così potente. Perché se si inizia con il sì, si combatte in modo diverso. Avrete in realtà un’argomentazione diversa. Potete diffonderlo con umorismo.

Comincia col dire a te stesso: “Quali sono le una o due cose che hanno fatto che posso apprezzare? Altrimenti, metterò in evidenza tutto ciò che è negativo e tutto ciò che è positivo lo darò per scontato. Se siamo arrivati in tempo, è perché non c’era traffico e, se siamo arrivati tardi, è per colpa tua. Il negativo è attribuito all’altra persona, e il positivo è semplicemente preso come “è così che dovrebbe essere”.

E si può avere tutto il diritto di dire: “Beh, non c’è motivo per cui dovrei apprezzarlo, perché ho fatto un sacco di cose, e nemmeno voi le avete apprezzate”. Ma la cosa produttiva è cominciare da te. Vuoi cambiare l’altro? Cambiate voi stessi.

Cos’altro si può dire su come affrontare meglio il conflitto?

Rimanete concentrati sul compito. Quando volete parlare dei piatti, non finite di parlare di cinque cose diverse, due delle quali sono vecchie di anni. Non “lavarli in cucina”. Tieni a mente l’unica cosa che ti sconvolge in questo momento.

noltre, fate una richiesta e non solo una protesta. Dite al vostro partner: “Volevo davvero che lo facessi. Contavo su di te. Siamo d’accordo che lo farai entro le dodici di oggi?”. Lotta da un luogo di illuminato interesse personale, come dice [il terapeuta della famiglia] Terry Real, non solo per tirarlo fuori dal vostro sistema. Per togliertelo dalla testa, chiama i tuoi amici. Sfogati quanto vuoi. E poi tornate dal vostro partner e siate strategici. Perché non vuoi solo togliertelo dalla testa. Volete davvero un cambiamento.

Che ne dici del sesso? Ci sono barzellette in giro sul numero di bambini che nasceranno in nove mesi, solo tanti bambini, ma come si fa a creare spazio per la sessualità quando si è intrappolati in casa con animali domestici, bambini, lavoro, ecc.

Ci sono tali miti che devono essere sfatati intorno a ciò che in realtà conserva l’interesse erotico in una coppia. L’idea che non ci sia alcun mistero perché sono nella stessa stanza con te è in qualche modo vera, se pensi semplicemente che stare lontano dalla persona sia sufficiente. Per definizione, dobbiamo creare quello spazio. Per chi ha dei bambini piccoli in casa, guardate cosa fanno: non hanno bisogno di uscire di casa per diventare improvvisamente il capitano di una nave, o l’ufficiale della fortezza, o l’autista del camion. Entrano semplicemente in un personaggio e, da quella “modalità di gioco” attraverso la loro immaginazione, trascendono tutti i confini e i limiti della realtà. È lo stesso con la mente erotica. È la versione adulta di ciò che i bambini fanno quando giocano.

C’è una coppia che hai intervistato nel tuo podcast, una coppia sposata a New York. Stanno per divorziare e il marito ha una fidanzata, e anche in quarantena vuole ancora uscire a trovarla. Cosa vedi o senti parlare di problemi di infedeltà mentre la gente è in isolamento? Come sta andando?

Guarda, la questione dell’infedeltà è la stessa di sempre. Comincia con ” Che cosa si definisce l’infedeltà? Sappiamo che la gente sta passando molto più tempo sul porno in questo momento. Se lo si considera un’infedeltà, beh, allora ce n’è di più. Le persone hanno la possibilità di andare a incontrare i loro amanti in termini fisici? No, molti non ce l’hanno. Ma hanno l’accesso, online, per connettersi con gli host di persone? Certo che ce l’hanno. Possono farlo mentre sono accanto al loro partner? Questo è il problema dell’infedeltà moderna: si può avere una vera e propria relazione con qualcuno mentre si è sdraiati accanto al proprio partner a letto. Quindi non c’è un grande cambiamento in questo senso.

Per le persone che hanno un altro partner e non possono andare a trovare quella persona in questo momento, penso che quello che sta succedendo è che, in alcuni casi, le persone si stanno riconnettendo con il loro partner e si disconnettono dai loro interessi esterni, e, in altri casi, le persone si disconnettono dai loro partner e diventano più desiderose di connettersi con tutte le altre opportunità che possono avere all’esterno.

Sì, in un altro episodio del podcast, c’è una coppia tedesca in cui la donna è tornata dall’uomo dopo un periodo di dolorosa separazione, perché voleva tornare a casa durante l’epidemia.

Prima dell’isolamento, non riuscivano a risolvere il loro stallo. “Mi hai abbandonato”, ha detto, e lui ha risposto: “Mi hai abbandonato”. Ed erano in un vero e proprio isolamento. Ma il virus ha preso la decisione, e così nessuno ha vinto. Nessuno ha dovuto cedere. È stato il virus a farlo accadere, e potevano dire: “Grazie al virus, siamo insieme”. E poi, una volta che sono insieme, si rendono conto di quanto si apprezzano l’un l’altro.

Parliamo di altre storie positive. Ci sono modi in cui questo potrebbe essere un momento straordinario per le coppie?

Penso che, nei momenti di difficoltà, le nostre priorità si riorganizzano e il superfluo viene spesso gettato in mare. E i disastri funzionano anche come acceleratori. Così le persone prendono decisioni: “Ci muoveremo. Cambieremo lavoro. Andremo a vivere più vicini ai nostri genitori. Avremo un altro figlio. Cominceremo a fare quello che volevamo fare da tanto tempo”. Queste cose succedono spesso. Stanno succedendo un sacco di cose meravigliose e positive. Ci sono tante nuove aperture. Ma spesso non ottengono lo stesso tempo mediatico delle brutte storie.

Penso che, in generale, quando le persone vivono in condizioni di stress acuto, o le crepe del loro rapporto saranno amplificate o la luce che brilla attraverso le crepe sarà amplificata. Si ottiene un’amplificazione del meglio e del peggio.

Voglio sentire i tuoi pensieri sulle persone che hanno iniziato a frequentarsi di recente. Come consigli loro di innescare nuove relazioni in questo periodo di isolamento?

Le cose sono molto più lente. Si parla di più, molto di più di quanto ci ha permesso il tipico appuntamento; non si riesce a rimorchiare così velocemente, quindi si vuole davvero avere delle conversazioni. E le conversazioni sono più profonde. Le nuove coppie parlano immediatamente di “Dove sei? Sei al sicuro? Come sta la tua famiglia? Hai avuto contatti con loro? Le persone condividono parti molto più importanti di se stesse.

Stai dicendo che le relazioni sono più profonde quando non si fa sesso subito?

Sai, una delle formule sessuali più belle è attrazione più ostacoli uguale eccitazione. Questo è quello che succede sempre nelle relazioni. È quello che fanno le persone che sono diverse l’una dall’altra. Si struggono. Si agitano. fantasticano. Sognano. Quando non puoi incontrare la persona subito, ti viene impedito di fare le scorciatoie, e ognuno ha la propria versione di scorciatoie – magari hai degli agganci dove non sai nemmeno il nome della persona. Ma, in questo momento, le persone sono davvero dell’umore giusto per incontrare qualcuno. E sono stupito da quante persone stanno iniziando delle vere storie d’amore.

C’era un grande saggio sul Times di un editore il cui marito si è ammalato gravemente di coronavirus, che descriveva l’esperienza incredibilmente intensa di prendersi cura di lui. Cosa diresti alle persone che improvvisamente devono prendersi cura l’una dell’altra in questo modo nuovo e incredibilmente ansioso?

Guarda, trentasette milioni di americani si prendono cura di lui a casa ogni giorno, in tempi normali. Quindi non dovremmo idealizzare il mondo prima del covid-19 e pensare improvvisamente che tutto questo sia nuovo. Hai bisogno di tre cose: hai bisogno di aiuto per la persona che è malata, hai bisogno di aiuto per la persona che si prende cura della persona che è malata, e hai bisogno di un sostegno strutturale. In questo momento quelli su cui normalmente faresti affidamento potrebbero essere troppo lontani per venire da te. Quindi il tuo sistema di sostegno non è più solo il tuo gruppo familiare o il tuo gruppo di amici. Deve essere chiunque sia fisicamente in grado di venire da voi. E siccome molte persone vogliono essere d’aiuto, vogliono avere uno scopo, vogliono sentirsi meno in colpa per il fatto di averne più di altri in questo momento, si tratta di coinvolgere le persone intorno a te in questo modo. Devi geo-localizzare gli estranei. E questa è una novità.

Voglio fare una specie di giro di ricognizione di alcuni scenari di isolamento di cui ho sentito parlare, per sentire cosa consiglieresti di fare.

Facciamolo.

O.K., questo viene da mia madre. Mio padre, nel suo pensionamento, è diventato davvero ossessionato dal suonare il suo banjo, e mia madre non sopporta il suono del banjo. Ora sono sempre insieme, e lei si sente come se non riuscisse ad allontanarsi dal rumore. Eppure, suonare è il suo sollievo dallo stress. Cosa dovrebbero fare?

Se si inizia con “Non sopporto il rumore di questa cosa”, allora si sa esattamente quale conversazione si avrà. Ma se si parte da “So che questo ti dà una gioia tremenda”, si può dire che, allo stesso tempo, “È difficile da ascoltare così spesso, e possiamo trovare un programma di qualche tipo? Forse posso mettermi le cuffie. Forse sai di non farlo al mattino, quando non ho ancora preso il primo caffè”. Tu dici all’altra persona: “Senti, capisco perfettamente che questa è una cosa tua, e sono così felice che tu ce l’abbia”. Ma poi gli dici: “Per quanto lo apprezzi per te, vorrei trovare un modo perché non diventi lo strumento che devo ascoltare tutto il giorno”.

Questo è un bene. Lo trasmetterò a mia madre. Ok, il prossimo. C’è una coppia in un monolocale. Una persona ha una libido molto alta in questo momento; l’altra non ha desiderio sessuale. Come suggerisci che si comportino?

Chi ha più interesse vuole impegnarsi con l’altro, o va bene l’autostimolazione?

Diciamo che andrebbero bene con la masturbazione, ma dove andrebbero a finire?

Guarda, puoi stare sotto le lenzuola, puoi stare in bagno, puoi far girare la testa all’altra persona. La prima cosa da dire è: “Non mi piace, è un bene che tu sappia badare a te stesso”. Oppure: “Anch’io posso prendermi cura di te qualche volta; non deve eccitarmi per prendermi cura di te: sono felice di accontentarti”. Qui c’è un po’ di generosità. Quello che la gente farà ha molto a che fare con quello che la gente pensa del sesso, quello che la gente pensa dei desideri sessuali dell’altro, quello che la gente pensa dell’io auto-erotico dell’altro in sua presenza. Voglio dire, ci sono persone che non vogliono sapere che il loro partner si masturba, Dio non voglia.

O.K., il prossimo: Se un membro di una coppia sta facendo terapia virtuale, o parla al telefono con i suoi amici, l’altro membro di quella coppia dovrebbe mettere le cuffie?

Penso che le coppie abbiano bisogno di regolare la convivenza e la separazione in ogni momento, con o senza confinamento. In una situazione come questa, sia che siate nel vostro piccolo studio, sia che siate sul punto di separarvi, avete bisogno di autonomia. Hai bisogno di spazio per te stesso e di spazio con altre persone che non sono necessariamente condivise con il tuo partner, indipendentemente dal conflitto. La vostra sessione di terapia è privata. Le conversazioni con i tuoi migliori amici sono private.

Che ne dici di una coppia in cui una sola persona cucina sempre? L’altra persona deve sempre lavare i piatti?

Si può dire: “So che abbiamo entrambi molte cose di cui dobbiamo occuparci. Possiamo sederci e fare una divisione dei ruoli? Non mi aspetto che le cose siano al 50%, ma mi aspetto che siano giuste”. Tipo, odio fare la spazzatura, sai?

Allora tuo marito si occupa della spazzatura, Esther?

Si’. Dividiamo per la cosa a cui l’altra persona dà meno importanza. Tipo, a me non dispiace svuotare la maledetta lavastoviglie. So che non vuole farlo. Abbiamo trentacinque anni insieme e scherziamo, tipo: “Non lo faccio”. “Non mi piego”, mi dice. E poi si avvicina a me scherzando e mi dice: “Grazie per il ripiegamento”, quando non ho ancora fatto niente. Così ricevo il messaggio. Avete bisogno di una dose di umorismo, o vi prenderete per la gola.

Qual è l’unica cosa che tutti possono fare ogni giorno per migliorare il loro rapporto mentre sono bloccati insieme durante questa crisi?

Direi che è davvero importante normalizzare la situazione. Dovete sapere che questo è quello che succede alle coppie sotto stress. Si rivolteranno l’uno contro l’altro e si sfogheranno l’uno contro l’altro, perché non sentono di poter controllare il quadro generale. Questo è normale. Invece di litigare per questo ed entrare nel “chi se la passa peggio qui”, basta ammetterlo insieme, e passare dal “io e te” al “noi”. “Che cosa ci sta facendo questo? Di cosa ha bisogno il “noi” in questo momento? Se si può pensare a quella terza entità chiamata la relazione, e fare certe cose perché la relazione ne ha bisogno, anche se non è quello di cui si ha bisogno, questo vi darà un quadro molto promettente.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.