martedì 1 Dicembre 2020

Così lo Zio Sam adesca ragazzini su Twitch

Così lo Zio Sam adesca ragazzini su Twitch

Il Pentagono sta usando il gioco online per reclutare adolescenti. Soldati-giocatori passano ore su Twitch con bambini fino a 13 anni (Jordan Uhl)

“Divertiti a farti bannare, amico mio”, mi ha detto il reclutatore e giocatore dell’esercito Joshua “Strotnium” David prima di cacciarmi dal canale Twitch dell’esercito americano. Avevo appena ricordato ai visitatori la storia delle atrocità commesse dagli Stati Uniti in tutto il mondo, e ho fornito un link alla pagina Wikipedia dei crimini di guerra degli Stati Uniti.

Sono stato poco diplomatico? Certo, ma se l’esercito intende usare una delle piattaforme più popolari al mondo per reclutare ragazzi, allora non dovrebbe essere in grado di farlo senza qualche spinta. In questo momento, con il supporto di Twitch, i giocatori dell’esercito americano stanno passando ore e ore con bambini di 13 anni, cercando di convincerli ad arruolarsi.

L’Esercito, la Marina e l’Aeronautica Militare sono tutti in streaming su Twitch utilizzando squadre dedicate agli sport elettronici. Queste squadre sono composte da giocatori esperti che competono in tornei per ottenere premi in denaro. Mentre i membri delle squadre militari di e-sport forniscono il regolare set di abilità di gioco, sono anche talenti e reclutatori sullo schermo. Invece di avvicinarsi a un reclutatore dietro un tavolo in una mensa scolastica, i ragazzi possono trascorrere delle ore in compagnia di uno che gioca ai loro videogiochi preferiti e risponde ai loro messaggi in chat.

Twitch, una piattaforma per il livestreaming di proprietà di Amazon, vantava più di 5 miliardi di ore guardate da aprile a giugno. (A titolo di confronto, Netflix sostiene che durante la quarantena la gente ha visto circa 6 miliardi di ore al mese di spettacoli e film). Un tipico flusso militare ha un aspetto simile a questo: un reclutatore, di solito un uomo sulla trentina, si siede comodamente sulla sua sedia da giocatore all’interno di una stanza poco illuminata, illuminata da un monitor e dalle luci a LED colorate della sua torre di computer. Una bandiera americana è appesa al muro dietro la sua spalla destra, un grosso animale di peluche siede alla sua sinistra. Sta giocando a Call of Duty o Valorant. È amichevole, e parla di quanto ami stare nell’esercito. Nonostante sia più vecchio della maggior parte dei suoi giovani spettatori, parla come loro. “A volte è così”. Abbiamo delle ottime comunicazioni”, ha detto un reclutatore in una recente sessione.

Le pratiche impiegate su Twitch dalle squadre militari di e-sport fanno parte di un sistema con cui i reclutatori prendono di mira i bambini in situazioni instabili e/o svantaggiate. I reclutatori approfittano dei poveri in cerca di un reddito stabile, dei vulnerabili in cerca di stabilità e dei privi di documenti che vivono nella paura a causa del loro status di cittadini. Ora, in un momento in cui tutti questi fattori sono amplificati da una pandemia che ha lasciato metà del paese senza lavoro e oltre il 30% non può permettersi di pagare l’alloggio, le condizioni sono mature per i reclutatori per approfittare di giovani ansiosi.
“Vedo che state passando dal reclutamento in scuole a basso reddito, bello”, ha detto l’utente di Twitch xCanyon916 in uno streaming della Marina martedì, mentre il reclutatore stava rispondendo a domande sulla vita nell’esercito da chats che esprimevano il desiderio di unirsi alla squadra di e-sport della Marina. Il reclutatore ha avvertito xCanyon916 che se avesse detto di nuovo qualcosa sulle pratiche di reclutamento della Marina, sarebbe stato bandito.

Hasan Piker, un popolare streamer di Twitch con un seguito dedicato di oltre 430.000 utenti, si è ritirato al pensiero di costruire rapporti di reclutamento con giovani visitatori impressionabili.
“Twitch è diverso da qualsiasi cosa abbia mai sperimentato nella mia carriera, ed è perché sei in diretta per ore e ore a parlare con queste persone in chat. Sviluppi una comunità e impari a conoscere le tue singole voci”. C’è un ecosistema in ogni canale di Twitch”, ha detto Piker. “Reclutare in questo modo predatorio è una violazione della sicurezza [degli utenti]”.

Mentre un diciottenne potrebbe guardare un pezzo di propaganda come American Sniper una volta nelle sale cinematografiche e andare avanti con la propria vita, qui gli stessi membri militari stanno diffondendo agitprop hawkish (propaganda aggressiva) in streaming giorno dopo giorno. In alcuni casi, come Call of Duty, si tratta di giochi su cui i militari o gli ex militari si sono consultati e hanno contribuito a dare forma. In questi canali di Twitch, i reclutatori usano questi giochi per sollecitare i giovani spettatori a condividere informazioni personali. Le filiali che utilizzano gli sport elettronici e i flussi di Twitch per raggiungere e reclutare i giovani spettatori si affidano a tattiche di gioco, false promesse e messaggi ingannevoli per indurli a compilare i moduli di reclutamento.

L’account Twitter per il team di e-sport dell’Esercito degli Stati Uniti si collega a una pagina scarsamente frequentata con in cima REGISTRATI PER VINCERE!, nessun dettaglio su cosa si potrebbe vincere, e un modulo di iscrizione che, secondo una minuscola rivelazione in fondo alla pagina, accoglie un’eventuale arringa di un reclutatore dell’Esercito. Permette ai giovani a partire dai 12 anni di presentare il modulo, ma aggiunge un avviso sulla pagina di post-proposta che i reclutatori non sono autorizzati a contattare un bambino di età inferiore ai 16 anni.

La pubblicità di Twitch si vanta di poter raggiungere l’80 per cento degli adolescenti maschi negli Stati Uniti. L’età minima richiesta per Twitch è di 13 anni.

“Tutti i genitori sono preoccupati per la permanenza sullo schermo e per quello che sta facendo ai loro figli”, mi ha detto Justin Hendrix, il direttore esecutivo del NYC Media Lab. “Come genitore, credo che molti di noi non siano consapevoli del fatto che i nostri figli incontrano messaggi di marketing, influencer e venditori in una varietà di contesti online, quando pensiamo che stiano solo giocando”.

Agli spettatori di Twitch nel canale dell’Esercito viene ripetutamente presentato un avviso di chat automatizzata che dice che potrebbero vincere un controller per Xbox Elite Series 2 – un controller potenziato con opzioni personalizzabili e palette extra per il gioco avanzato che costa fino a 200 dollari – e un link dove possono inserire il “giveaway”. Inoltre, li indirizza a un modulo di reclutamento senza alcuna menzione aggiuntiva di un concorso, delle quote, del numero totale di vincitori, o di quando avverrà un sorteggio.

L’Esercito si è rifiutato di commentare.

Ci sono oltre 325.000 uomini e donne dell’esercito in servizio attivo. Il team inaugurale di e-sport della Marina, commissionato all’inizio di quest’anno, è composto da 10 persone. Per qualificarsi per la squadra di e-sport, è necessario essere almeno un E-4, sottufficiale di terza classe, un grado che richiede in media dai due ai tre anni per essere raggiunto. Non si può entrare in Marina ed essere immediatamente nel team di e-sport, ma il canale Twitch della Marina presenta una biografia che recita: “Altre persone vi diranno di non stare svegli tutta la notte a fissare uno schermo”. Vi pagheremo per farlo”. Guardate com’è la vita dentro l’uniforme della marina americana”.

Lara Bollinger, un ufficiale degli affari pubblici del Comando di Reclutamento della Marina, ha detto in una e-mail che la scheda biografica è “un cenno al fatto che quando sta di guardia a vario titolo su una nave (sul ponte, nel centro informazioni di combattimento, ecc.) un marinaio guarderà vari schermi, (radar, sonar, navigazione, ecc…)”.

Twitch non considera i programmi militari per gli sport elettronici come programmi maturi, quindi non richiede alle persone di inserire la loro età prima di vederli. Basta cliccare su un pulsante per riconoscere che lo stream è destinato agli spettatori più anziani. Con l’aumento del tempo di visualizzazione a causa della pandemia, questo presenta una dinamica preoccupante.

“Si può dire quello che si vuole sulle persone che prestano servizio nell’esercito e ciò che questo dice di loro. Non sto dicendo che non dovrebbero essere in grado di giocare ai videogiochi o agli e-sport, ma penso che sia più insidioso avere i militari che lo usano come strumento di reclutamento per persone giovani e impressionabili”, ha detto Rod Breslau, consulente e insider del settore e-sports.

Hart Viges, un veterano, attivista per la pace e ricercatore indipendente ad Austin, allestisce tabelloni informativi nelle scuole e in tutta la sua comunità per aiutare i ragazzi a capire che entrare nell’esercito non è l’unico modo per ottenere una situazione di vita più stabile o denaro per l’università. La retorica del reclutamento ignora anche molti dei rischi della vita militare, soprattutto le complicazioni psicologiche del ritorno nel mondo civile.

“Non si parla di traumi sessuali militari. Non parlano del tasso di suicidio. Si tratta per lo più di “Possiamo pagarti la scuola”. Puoi servire il tuo Paese”, ha detto Viges. “Quando chiedo ai ragazzi perché vogliono iscriversi, si tratta di ‘Voglio servire la mia nazione’ o ‘Voglio pagare l’università’. Immagino che i reclutatori si nutrano maggiormente di queste due motivazioni”.

L’uso della propaganda di guerra gamificata per giocare in quel mito non è una novità per l’esercito americano. L’Esercito ha sviluppato un proprio franchise di giochi, America’s Army, che ha lanciato nel 2002 al culmine della Guerra al Terrore e che include storie e missioni basate su schermaglie nella vita reale. Giochi come Call of Duty mascherano gli orrori della guerra, sterilizzano la violenza e mascherano il trauma inflitto a tutte le persone coinvolte.

L’industria degli sport elettronici è stata invasa da sponsorizzazioni militari e partnership con diversi giochi, organizzazioni di sport elettronici, squadre e persino alcuni singoli giocatori. La Call of Duty League è sponsorizzata sia dall’Esercito che dall’Aeronautica Militare. La Guardia Nazionale ha recentemente collaborato con l’organizzazione di e-sports NRG.

Invece di realizzare uno spot per il Super Bowl, la Marina ha scelto di reindirizzare i fondi per aumentare la sua presenza negli sport elettronici. La Marina sponsorizza ESLGaming e Fandom, due delle più grandi organizzazioni di e-sports del mondo, così come il team di e-sports Evil Geniuses, che lunedì ha annunciato un maggiore sforzo di collaborazione con il suo finanziatore militare.

L’Aeronautica Militare, l’NRG e Evil Geniuses si sono rifiutati di commentare

La Marina ha anche una partnership con Twitch che le garantisce un posto di rilievo nel carosello della homepage. “Grazie alla nostra partnership con Twitch, il più popolare sito di streaming di e-sports, la Marina ha accesso immediato a milioni di appassionati di e-sports tra i 17 e i 24 anni sulla piattaforma per mostrare un lato della vita della Marina che gli spettatori non si aspettano”, ha detto Bollinger. “Gli spettatori pongono ai nostri giocatori delle domande perspicaci, e i nostri giocatori comunicano in modo efficace che c’è un posto per tutti in Marina”.

Nessuno dei comparti militari o di Twitch commenterebbe la promozione a pagamento o come i comparti potrebbero qualificarsi per un posizionamento di rilievo sulla homepage di Twitch, una posizione incredibilmente preziosa grazie ai 15 milioni di utenti attivi giornalieri di Twitch. Gli utenti hanno recentemente espresso sgomento il mese scorso, quando il canale dell’esercito è stato inserito nella categoria “Stream With Pride”, nonostante la storia di discriminazione della comunità LGBT da parte dell’esercito.

Ma al di là del meccanismo di reclutamento, questi sforzi nazionalistici di e-sport non tengono conto della violenza che l’esercito americano infligge in tutto il mondo.

“Quando le piattaforme tecnologiche e di gioco pensano alla sicurezza, probabilmente non pensano alla violenza reale che le comunità prevalentemente musulmane affronteranno in tutto il mondo per aiutare il reclutamento militare”, ha detto Iram Ali, direttore ad interim delle campagne di Kairos, un programma di borse di studio che sostiene una leadership più equa e diversificata nel settore tecnologico. “È stato interessante vedere Call of Duty che vuole esprimere il suo sostegno alla Black Lives Matter. Ma quali passi attivi faranno i creatori per assicurarsi che il modo in cui i militari predano i poveri ragazzi neri e brown nel reclutamento non avvenga anche con l’aiuto del loro videogioco?”.

Questo sentimento è complicato dalla natura in evoluzione della guerra, che rende i giocatori particolarmente preziosi. L’esercito ha impiegato a lungo l’addestramento basato sui videogiochi e ne stava espandendo l’uso anche prima della pandemia. Il personale militare opera con droni senza equipaggio a migliaia di chilometri di distanza usando controllori che sarebbero familiari a un giocatore serio. Uno studio recente ha dimostrato che i giocatori possono essere operatori di droni migliori anche di piloti esperti. Con le strategie di reclutamento di Twitch dell’esercito, è facile vedere l’inizio di una filiera di operatori di droni per gli sport elettronici.

“Mentre pensiamo a come l’automazione e i media stanno cambiando il modo in cui combattiamo le guerre, è preoccupante pensare che ai bambini venga data l’impressione che l’esercito sia come un videogioco”, ha detto Hendrix. “Che si tratti di droni o di robot assassini, l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è meno umanità in guerra”.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.