martedì 1 Dicembre 2020

Yabba dabba do! La nuova vita dei cartoni nell’era del Covid

Yabba dabba do! La nuova vita dei cartoni nell’era del Covid

Il cinema di animazione per adulti, dagli Antenati ai Simpson fino a Netflix e al tempo del covid (David Barnett)

Chiunque sia stato un bambino dagli anni Settanta in poi probabilmente ricorda i Flintstones come un cartone animato del sabato mattina, un tempo di yabba-dabba-doo, un’epoca di allegria preistorica e di dinosauri anacronistici. Ma quando inizialmente andò in onda 60 anni fa, le avventure di Fred e Wilma, la famiglia titolare dell’età della pietra, erano rivolte agli adulti. Sono i diretti antenati dell’età dell’oro dell’animazione per adulti di cui godiamo oggi.

Quando fu trasmessa per la prima volta sulla rete ABC il 30 settembre 1960, uscì alle 20.30, dopo l’ora di andare a letto per la maggior parte dei bambini. Era il primo spettacolo in prima serata dello studio allestito dai creatori di Tom e Jerry, William Hanna e Joseph Barbera, e avevano passato mesi a cercare di convincere i network che un’animazione rivolta a un pubblico adulto poteva funzionare.

I Flintstones, che andavano in onda negli anni ’60, erano originariamente destinati agli adulti piuttosto che ai bambini

The Flintstones era un tentativo di scimmiottare il popolarissimo “Ciao tesoro, sono a casa!”, un tipo di sitcom familiare degli anni Cinquanta caratterizzata da The Honeymooners di Jackie Gleason. Ma Hanna-Barbera voleva dare un tocco di novità, e un’ambientazione non limitata da un set da studio di due stanze. Hanno attraversato varie iterazioni, dal selvaggio west ai romani, ma nulla si è bloccato fino a quando uno degli artisti non ha abbozzato due cavernicoli in piedi accanto a un giradischi, con il becco appuntito di un uccello esotico che fungeva da ago sul disco di pietra. Hanna-Barbera ha avuto il loro concetto, e dopo un paio di false partenze sui nomi – prima The Flagstones, poi The Gladstones – si sono stabiliti su The Flintstones.

Lo stile di vita dei Flintstones si basava sul boom del dopoguerra.

La storia è che una volta prodotto l’episodio pilota, i network furono immediatamente conquistati – tanto che in una proiezione di prova a cui parteciparono diversi boss del network, ci fu una scoraggiante mancanza di risate da parte dei dirigenti riuniti, che Hanna e Barbera impararono più tardi perché nessuno voleva dare ai loro rivali quanto amassero lo show prima dell’inizio delle offerte.

È stata certamente una scommessa azzardata mandare in onda un cartone animato alle 20.30, ma ha dato i suoi frutti, e The Flintstones si è rivelato incredibilmente popolare. Anche se ora potremmo considerarlo solo un altro dei tanti cartoni animati per bambini che sono emersi a partire dagli anni ’60, si trattava di un argomento molto adulto. È stato solo dopo la sua prima edizione che le repliche sono diventate un punto fermo della televisione per bambini.

“Oggi guardiamo The Flintstones e si vede che lo stile di vita è chiaramente basato sul boom del dopoguerra”, dice il dottor Steve Henderson, il direttore del festival dell’animazione di Manchester, che, a causa della pandemia di Covid, quest’anno si svolgerà online, dal 15 al 30 novembre. “Wilma e Betty dicono in continuazione: “‘carica!”, una cosa molto anni ’60 con l’aumento delle carte di credito. E anche se ci sono tutte queste battute, come il giradischi per uccelli e la gru Brontosauro alla cava dove lavorano Fred e Barney, è essenzialmente il ritratto di una famiglia moderna molto aspirazionale”.

Era talmente aspirazionale che la sponsorizzazione veniva dalle aziende farmaceutiche, che commercializzavano le vitamine Flintstones, e, notoriamente, dall’industria del tabacco; nelle pause pubblicitarie c’erano degli spazi animati in cui Fred e Barney esponevano il gusto e la qualità delle sigarette Winston* (qui sotto lo spot).

Tra giochi di parole e gag, si esploravano argomenti seri – e a volte oscuri -. Henderson dice: “I Flintstones sono stati in realtà il primo show a rappresentare coppie sposate che condividevano il letto, cosa che all’epoca non era normale per la TV. E ci sono episodi in cui Barney e Betty discutono di non poter avere figli, e quando alla fine ottengono il bambino Bamm-Bamm, devono entrare in una battaglia per la custodia.

“Fred ha una dipendenza dal gioco d’azzardo e può essere un individuo orribilmente manipolatore che farebbe di tutto per poter andare al bowling”. Henderson dice anche che c’è stato anche un episodio in cui Barney stava per uccidersi. “Stava in piedi su un ponte con un sasso legato e doveva essere dissuaso. E quando guardi tutto questo, ti rendi conto che non era affatto uno spettacolo per bambini”.

Pur non raggiungendo mai le altezze di popolarità dei Flintstones, da Hanna-Barbera sono seguiti altri spettacoli in prima serata, in particolare Top Cat e The Jetsons. Non è troppo esagerato dire che senza Fred, Barney e compagni, forse non avremmo avuto The Simpsons quasi 30 anni dopo e, da lì, l’animazione per adulti che è prevalente oggi.

“Mentre i Flintstones erano la famiglia del boom del dopoguerra degli anni ’60, i Simpson** erano la famiglia nucleare, 2,4 bambini della fine degli anni ’80”, dice Henderson. “E il successo di ciò ha fatto sì che i network cominciassero a chiedere più spettacoli incentrati sulla vita familiare, e così abbiamo Family Guy, American Dad, e Bob’s Burgers”.

I Simpson ritraevano la famiglia nucleare della fine degli anni ’80.

Nel 2001 è stata lanciata la rete via cavo Adult Swim, che è diventata la programmazione notturna per adulti del Cartoon Network. I cartoni animati per adulti prosperarono e l’output divenne più surreale, piuttosto che limitarsi a copiare il formato delle sitcom degli anni ’50. Al giorno d’oggi, l’animazione è dominata da spettacoli come il reality-hopping Rick and Morty, la spia disfunzionale Archer e Bojack Horseman, in cui una ex star della TV con la testa di cavallo languisce in un annebbiamento da alcol, droga e sesso.


Bojack Horseman è stata la prima serie animata di Netflix, e l’ascesa dei servizi di streaming ha sollevato ancora una volta le sorti dell’animazione per adulti. Potremmo essere pronti per un aumento ancora più marcato della qualità e dell’output grazie, in parte, a Covid. Henderson dice: “Ovviamente, dopo The Flintstones e The Simpsons, tutti vogliono quel successo, ma devono fare qualcosa di diverso, ed è per questo che vediamo tanta inventiva. Stiamo decisamente vivendo un’epoca d’oro per l’animazione televisiva per adulti, e penso che questo aumenterà. Il Coronavirus ha cambiato l’industria dell’intrattenimento. Mentre il contenuto animato è sempre stato visto come il parente povero dell’azione dal vivo, ora la gente vede che si può fare animazione con diverse persone sedute a casa e non c’è bisogno di portare un carico di persone in uno studio per fare uno spettacolo. Quindi penso che vedremo molta più animazione di qualità uscire da questo periodo”.

Se Henderson ha ragione, i fan dell’animazione avranno sicuramente un debito con la roccia di 60 anni fa su cui è stata costruita l’attuale crescita.

articolo tratto da The Guardian dell’8 ottobre 2020

[Il celebre urlo-tormentone di Fred Flintstone “Yabba dabba doo” inizialmente era un semplice “Yahoo”. Alan Reed, doppiatore Usa del personaggio, cambiò l’espressione trasformandola nel motto diventato indimenticabile. Reed s’ispirò a una frase, tratta da una pubblicità che gli ripeteva spesso sua madre: “A little dab’ll do ya” (basta un pizzico e via), NdT].

*Negli anni sessanta e settanta anche ‘gli antenati’ , così come altre serie animate, da Gatto Silvestro ai Pronipoti, vennero utilizzate nella pubblicità televisiva italiana. I Flintstones pubblicizzarono un insetticida e gli spot andarono in onda su Carosello dal 1965 al 1971. Realizzata prima da Toni e Nino Pagot, e, in seguito, dai fratelli Gavioli, la serie di spot a reso celebre la frase urlata da Fred “Wilma, dammi la clava!” che concludeva regolarmente ogni episodio, NdT. 

**Gli stessi Simpson di Matt Groening e i Griffin, creati da Seth MacFarlane, hanno visto l’apparizione di Fred e compagnia in varie puntate, NdT.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.