5.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
5.7 C
Rome
sabato 23 Gennaio 2021
Home padrini & padroni Il mercato delle body-cam attira i lobbisti

Il mercato delle body-cam attira i lobbisti

La legge sulla Sécurité globale vuol dire anche un mercato da 15 milioni di euro per body-cam e taser [Clément Le Foll e Clément Pouré]

Da un lato, Frédéric Veaux, direttore generale della polizia nazionale. Dall’altro, Patrick Stefanini, ex prefetto, un tempo responsabile della campagna elettorale di François Fillon, ora lobbista di Lysios Public Affairs. Nel menu di questo incontro tenutosi a maggio 2020: gli interessi di Axon, l’azienda americana dietro il marchio Taser, oggi uno dei leader mondiali delle body-cam. La pistola a impulsi elettrici è stata menzionata durante l’intervista, “così come la sua complementarietà con le body-cam”, spiega Patrick Stefanini. Alla fine di ottobre, il lobbista ha nuovamente apparecchiato la tavola, questa volta con Pierre de Bousquet de Florian, il capo di stato maggiore del ministro dell’Interno Gérald Darmanin.
Interrogato via e-mail, il Ministero dell’Interno suppone questo giochetto d’influenza.
“I contatti tra il mondo industriale e commerciale e la sfera pubblica sono naturali. Nell’ambito dell'”analisi comparativa”, queste relazioni permettono ai servizi di conoscere le novità e le prestazioni dei materiali o servizi disponibili sul mercato”, ha reagito Beauvau (il ministero degli Interni, qui diremmo il Viminale, ndr), che d’altra parte si è rifiutato di commentare gli incontri di Patrick Stefanini con Pierre de Bousquet de Florian e Frédéric Veaux. Mentre “il mercato delle body-cam sta esplodendo in tutto il mondo” (secondo il direttore francese di Axon), l’azienda americana guarda al mercato francese. Le sue body cam stanno già servendo agli agenti della RATP e di Keolis. Da alcuni mesi l’azienda ha avviato un’intensa campagna di lobbying, di cui gli incontri con Frédéric Veaux e Pierre de Bousquet de Florian sono solo un capitolo. L’obiettivo è quello di convincere le forze di polizia e il Ministero dell’Interno a investire in body-cam. Un’operazione che ha probabilmente contribuito alla pubblicazione, il 16 novembre 2020, di un bando di gara da 15 milioni di euro indetto da Place Beauvau, con l’obiettivo di acquisire 30.000 body-cam entro giugno 2021, destinate ad equipaggiare le forze dell’ordine.
Il contratto pubblico anticipa l’adozione della legge sulla sécurité globale, il cui articolo 21 prevede la generalizzazione dell’uso delle telecamere a pedale da parte delle forze dell’ordine. Il disegno di legge, che è stato approvato in prima lettura dall’Assemblea nazionale a fine novembre, ma deve ancora essere presentato al Senato a gennaio, è ora contestato da tutti i sindacati dei giornalisti e da molti gruppi per i diritti umani.
A cosa serviranno le riprese effettuate dalla polizia? Come possiamo garantire che le body-cam siano utilizzate tanto per proteggere le forze dell’ordine quanto per proteggere i cittadini che si trovano ad affrontare pratiche di polizia violente? L’uso di body-cam solleva molti interrogativi, in particolare per quanto riguarda i dati personali.
Consultata dal Ministero dell’Interno nel 2018, a seguito della pubblicazione di un decreto che autorizzava l’uso di queste telecamere da parte di agenti di polizia municipale, la Commission nationale informatique et libertés (CNIL) ha insistito sulla necessità di stabilire una dottrina del lavoro, “al fine di evitare alcune pratiche che potrebbero portare a una raccolta sproporzionata di dati personali”.
Attraverso la generalizzazione di queste telecamere, la maggioranza sta perseguendo una delle ambizioni della legge sulla sicurezza globale: la costituzione di un “continuum di sicurezza”, che comprenda agenti di polizia nazionali e comunali, agenti di sicurezza privata e guardie rurali, e l’implementazione di strumenti che permettano alle forze dell’ordine di fare la guerra alle immagini.
Axon potrebbe essere il fornitore principale. In ogni caso, il nuovo mercato puzza di vendetta. Nel 2018 il colosso cinese della videosorveglianza HikVision, tramite il suo importatore francese Allwan Security, si è aggiudicato, sotto il naso dell’azienda americana, un precedente appalto pubblico del Ministero degli Interni (2,4 milioni di euro in quattro anni). Da allora sono state acquistate 10.600 telecamere: 10.480 per la polizia e 120 per la gendarmeria.
Qualche mese dopo, Axon si è rivolta a Lysios Public Affairs, azienda fondata da Jean-Luc Archambault, ex responsabile delle questioni industriali e ambientali presso il Segretariato generale per gli affari europei. Come rivelato dal sito La Lettre A, lo studio ha spinto per la prima volta, a nome di Axon, per un emendamento che consentisse ai controllori e ai conducenti dei trasporti urbani di essere dotati di body-cam come parte della legge sulla mobilità. L’emendamento sarà adottato quando la legge sarà approvata dal Senato nel 2019.
Lysios ha anche il compito di influenzare i membri dell’ufficio del ministro dell’Interno, i deputati e i senatori, il personale parlamentare e persino gli agenti dei servizi delle assemblee parlamentari. L’obiettivo? “Per preparare la stesura di un nuovo bando di gara sulle body-camper le forze dell’ordine”, il gabinetto menziona nelle sue dichiarazioni all’Alta Autorità per la trasparenza della vita pubblica (HATVP), che tiene un registro dei lobbisti. Nel corso del 2018, Lysios spenderà tra 1,5 e 1,75 milioni di euro per rappresentare gli interessi dei suoi clienti. Tra questi vi sono Axon, ma anche multinazionali come Nokia, Suez e Pfizer.
Per distinguersi, Axon non esita a criticare il suo concorrente asiatico HikVision, il cui equipaggiamento, scelto nel 2018 dal Ministero dell’Interno, è stato da allora accantonato dalla polizia dopo molteplici malfunzionamenti. “La qualità delle immagini non era buona quando il tempo è peggiorata, la sicurezza dei dati non era ottimale e l’autonomia della telecamera era stata testata in condizioni ottimali: è durata solo quattro ore al massimo durante le operazioni”, elenca Jean-Michel Mis (LREM), che è stato membro dal 2018 al gennaio 2020 di un gruppo di studio sulla sicurezza presieduto da Jean-Michel Fauvergue. Contattato da Mediapart, HikVision ha rifiutato di commentare. Axon attiva quindi l’indirizzario di Patrick Stefanini. L’ex prefetto ha tenuto numerose riunioni per determinare i limiti delle attrezzature concorrenti e per spingere per una nuova gara d’appalto. Secondo il sito La Lettre A, a settembre, Patrick Stefanini, insieme al direttore francese di Axon, “ha partecipato al nono congresso dell’UNSA [Polizia] per esporre le argomentazioni dello studio. Il sindacato di polizia era stato il primo a segnalare i difetti delle 10.000 telecamere del rivale di Axon, HikVision, impiegate nelle stazioni di polizia dal 2017.
Interrogato da Mediapart, Patrick Stefanini nega di aver accompagnato Cathy Robin a questo incontro. “Ci è andata da sola, ha potuto fare una presentazione del Taser e delle body-cam e mi sembra che abbia anche potuto scambiare qualche parola con il ministro dell’Interno Gérald Darmanin”, ha confidato l’ex prefetto. Il 2 luglio 2020, una nuova operazione di comunicazione, questa volta nei locali di GK Professionnal. L’azienda, uno dei maggiori fornitori di attrezzature per le forze dell’ordine in Francia, distribuisce, tra le altre cose, le attrezzature di Axon.
Occhiali in posizione verticale sulla sommità del cranio, camicia con il logo Axon sulle spalle, un istruttore inizia la sua dimostrazione. Nelle sue mani, il Taser, il fiore all’occhiello di Axon, da tempo noto come “Taser International”. Il direttore francese della società presenta l’attrezzatura, supportato da un ex membro del RAID, l’uomo dei media Bruno Pomart. Il pubblico attento è composto da parlamentari. Tra questi: la maggioranza dei rappresentanti eletti dal LREM, tra cui Jean-Michel Fauvergue, deputato, relatore della legge sulla “sicurezza globale” votata dall’Assemblea nazionale a fine novembre, che prevede in particolare di generalizzare l’uso delle telecamere a piedi.
“La presentazione si è concentrata sul Taser, ma c’è stata una parentesi sul loro utilizzo in aggiunta alle body-cam”, ricorda Jean-Michel Mis (LREM), deputato del Parlamento della regione della Loira, che era presente quel giorno. La complementarietà tra il suo taser e la sua macchina fotografica pedonale, Axon ne fa uno dei suoi argomenti chiave. Come se dotare le forze dell’ordine francesi di body-cam fosse una logica conseguenza dell’acquisizione di Taser.
Axon sta lottando per aggiudicarsi il contratto, ma un criterio potrebbe ostacolarlo: non è francese. “C’è una questione di sovranità nazionale. È opportuno che le aziende americane, asiatiche o russe si aggiudichino un bando di gara che preveda il trattamento dei dati personali? sottolinea Dominique Legrand, presidente dell’Associazione Nazionale di Videoprotezione, la principale lobby del settore. Personalmente, vorrei che il governo fosse coerente con il piano di ripresa e scegliesse almeno un partner europeo».
Un piombo nell’ala di Axon, un’ulteriore spina nel fianco di HikVision che, nonostante le battute d’arresto del primo bando di gara, intende fare un’offerta proponendo un prodotto migliorato. Un’altra difficoltà: a luglio la società ha dovuto ammettere che le sue tecnologie erano state utilizzate dal regime cinese per monitorare gli uiguri.
Da parte sua, una società svedese spera di distinguersi giocando questa carta della sovranità europea: Axis communication, una filiale di Canon specializzata nella videosorveglianza, è arrivata sul mercato delle body-cam lo scorso marzo. “Lavorare in sicurezza, su temi sensibili che fanno riferimento a soluzioni utilizzate dall’esercito o dal Ministero dell’Interno, con attrezzature che provengono da blocchi politici non europei, è preoccupante”, dice Vincent Paumier, responsabile dello sviluppo commerciale di Axis.
L’offerta della società svedese sembra essere stata calibrata per penetrare nel mercato francese. Le sue carte: l’autonomia di 12 ore delle apparecchiature e il livello di sicurezza dei dati, i due punti deboli di HikVision. L’azienda svedese ha anche pensato alla sua telecamera pedonale secondo le possibili modifiche legislative della futura legge sulla “sicurezza globale”. Mentre il testo permette la trasmissione in diretta delle immagini catturate al posto di comando, l’occhio digitale svedese permette anche di trasmettere le immagini a un telefono cellulare via Wi-Fi.
Interrogato sulle attività di lobbying offensive svolte dal suo concorrente Axon, Vincent Paumier, Business Development Manager Smart Cities di Axis, non si lamenta. “Essi compiono azioni di lobbying. Sappiamo che non è proibito. “L’asse ovviamente dispiega la propria strategia di influenza. Per vendere il suo prodotto, la filiale Canon ha ordinato e pagato Opinion Way per condurre un sondaggio che avrebbe dovuto mostrare la massiccia adesione dei francesi alle telecamere pedonali. Secondo questi dati, l’89% dei francesi è favorevole all’uso delle body-cam da parte delle forze dell’ordine, e l’88% le considera utili per facilitare il lavoro delle forze dell’ordine. Una danza del ventre che dovrebbe piacere al Ministero dell’Interno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

NoTav, la protesta di Dana alle Vallette, 32 condanne al maxiprocesso

Dana Lauriola, portavoce No Tav in sciopero della fame a oltranza con altre due detenute per rivendicare i diritti negati nel carcere delle Vallette

Di cosa è davvero fatta la democrazia più grande del mondo

Usa, fascismo, cortine fumogene e alternative. I fatti del 6 gennaio a Washington funzionano come rivelatore [Daniel Tanuro] 

L’altra faccia della crescita cinese

Cina. 503 scioperi in sei mesi. I lavoratori non si compiacciono che vengano compressi i loro salari [Francisco Louçã]

Assunto per un pezzo di pane, licenziato per un pezzo di pane

Ha preso del pane destinato al macero: licenziato. A segnalare il "furto" lo stesso panificatore, allergico al sindacato, già condannato una volta

Cucchi, l’appello potrebbe costare caro ai carabinieri

Chieste pene più severe per chi pestò Stefano Cucchi e per il maresciallo che, secondo la prima sentenza, organizzò il depistaggio