24.7 C
Rome
domenica 16 Maggio 2021
24.7 C
Rome
domenica 16 Maggio 2021
HomeculturePeter Gabriel rifà Biko con musicisti di tutto il mondo

Peter Gabriel rifà Biko con musicisti di tutto il mondo

Ecco il video della nuova versione di Biko, pezzo di Peter Gabriel del 1980

Più di 40 anni dopo la sua uscita originale, Peter Gabriel ha ri-registrato la sua classica canzone di protesta del 1980 “Biko”. Questa nuova versione si è avvalsa dell’aiuto di 25 musicisti di tutto il mondo.
Tra il gruppo di artisti che hanno contribuito a questa nuova versione ci sono la vocalista e attivista beninese Angélique Kidjo, Yo-Yo Ma, Cape Town Ensemble, Sebastian Robertson e il bassista Meshell Ndegeocello.
La canzone è stata originariamente scritta come un tributo all’attivista sudafricano anti-apartheid Stephen Biko, che fu ucciso in custodia della polizia nel 1977 tra le politiche razziste e violente del governo sudafricano dell’epoca.
Anche se è stata molto presente ai tempi, per Peter Gabriel la canzone ha ancora un significato con la realtà di oggi. “Anche se il dominio della minoranza bianca è finito in Sudafrica, il razzismo nel mondo che l’apartheid rappresentava non lo è”, ha detto a Rolling Stone. “Il razzismo e il nazionalismo sono purtroppo in aumento. In India, Myanmar e Turchia, Israele e Cina, il razzismo è deliberatamente sfruttato per il guadagno politico”.
Anche nel contesto attuale degli Stati Uniti, il messaggio contro il razzismo è ancora valido, nota Gabriel. “Sul fronte bianco e nero, il movimento Black Lives Matter ha reso molto chiaro quanta strada dobbiamo ancora fare prima di poter sperare di dire che siamo sfuggiti all’ombra oscura del razzismo”, aggiunge il musicista.
Il video è stato prodotto da Sebastian Robertson e Mark Johnson come parte dell’iniziativa Song Around the World di Playing for Change, e tutti i proventi del video saranno donati per sostenere la Playing for Change Foundation, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, il programma Remember Slavery dell’ONU, Sankofa, la Bob Marley Foundation, Silkroad e la Rock & Roll Hall of Fame Foundation.

Stephen Bantu Biko, conosciuto come Steve Biko, personalità con idee folgoranti, è l’altra grande icona degli anni di lotta in Sudafrica. Sulla sua lapide modesta tra le modeste del “giardino della memoria” inaugurato da Mandela nel 1997, c’è un pugno alzato e le parole: “One Azania, one nation” (Azania, antico termine per indicare una parte dell’Africa, è usato come sinonimo di Sudafrica nei movimenti ispirati dalla Coscienza Nera). Biko fu arrestato dalla polizia sudafricana nell’agosto del 1977 e, dopo essere stato tenuto in custodia per giorni, fu interrogato nella prigione di Walmer Street a Port Elizabeth. Uscito dall’interrogatorio con serie ferite alla testa, Biko fu trasferito in una prigione di Pretoria dove morì poco dopo, il 12 settembre 1977. La versione del brano tratta dall’album comincia e finisce con le registrazioni di due canzoni sudafricane, “Ngomhla sibuyayo” e “Senzeni Na?”, cantate al funerale di Biko.

Ecco il testo della canzone:

September ’77
Port Elizabeth weather fine
It was business as usual
In police room 619
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
The man is dead
The man is dead
When I try to sleep at night
I can only dream in red
The outside world is black and white
With only one colour dead
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
The man is dead
The man is dead
You can blow out a candle
But you can’t blow out a fire
Once the flames begin to catch
The wind will blow it higher
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
The man is dead
The man is dead
And the eyes of the world are watching now, watching now

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Zona Letteraria, tutta un’altra musica

Imparare ad ascoltare. Anteprima del nuovo numero della rivista Zona Letteraria dedicato a musica e impegno [Alberto Sebastiani]

Perché quello che accade ai palestinesi riguarda anche noi

Vita, terra e libertà. I diritti fondamentali della popolazione palestinese ci riguardano Le notizie sempre più drammatiche che giungono d...

Il peggiore Israele di sempre

Mentre gli estremisti israeliani linciano i palestinesi, e i loro caccia bombardano Gaza, è essenziale capire come siamo arrivati a questo  [Yousef Munayyer]

Gaza: il “giallo” dell’invasione. Tutte le piazze di oggi in I...

Israele aveva detto di essere entrato nella Striscia poi ha smentito. Il bilancio delle vittime palestinesi è salito a 122 morti e più di 800 feriti

Soldati israeliani penetrano nella Striscia di Gaza

Intanto a Gerusalemme: cresce la violenza dell'estrema destra. Finora Israele ha trucidato 83 persone, di cui 17 bambini a Gaza. -20210513&a...