22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
22.4 C
Rome
sabato 12 Giugno 2021
HomemondiChi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Chi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Alexei Navalny è davvero come lo dipingono gli influencer del Cremlino? La storia del principale oppositore di Putin [François Bonnet]

Almeno sulla carta, Vladimir Putin questa volta ha chiuso con il suo principale avversario. Alexei Navany, 44 anni, è in prigione, indebolito da tre settimane di sciopero della fame interrotto pochi giorni fa. Giovedì ha detto di aver perso 22 chili dalla sua incarcerazione. Rimarrà in prigione per almeno due anni e mezzo, senza pregiudicare le molte altre cause legali contro di lui.
Il suo movimento, il Fronte anti-corruzione (FBK), e il “Navalny HQ”, una rete di filiali regionali presenti in circa 40 città, sono in procinto di essere classificati come “organizzazioni estremiste” e quindi vietati. Essi minacciano “di destabilizzare la situazione sociale e politica del paese, compresi gli inviti alla violenza e al disordine di massa”, secondo il procuratore di Mosca. Chiunque continui a collaborare con questi movimenti o dichiari di esserne membro può essere perseguito e rischia fino a sei anni di prigione.
In un video postato online giovedì 29 aprile, Leonid Volkov, uno degli stretti collaboratori di Navalny, ha preso nota e ha annunciato lo scioglimento della rete regionale. “Continuare le azioni della rete nella sua forma attuale è impossibile: sarà immediatamente soggetto all’articolo sull’estremismo e comporterà condanne penali per coloro che lavorano nella sede, che collaborano con loro, che li aiutano. Ma ci arrendiamo? Certo che no”, dice. Volkov invita le sezioni regionali a trasformarsi in movimenti o collettivi politici regionali indipendenti.
Dal 17 gennaio, il giorno in cui Alexei Navalny è tornato a Mosca ed è stato immediatamente arrestato mentre scendeva dall’aereo da Berlino, il Cremlino ha dispiegato un’intensa propaganda. Vladimir Putin lo aveva accusato nel dicembre 2020 di essere “un agente dei servizi americani”, il che giustificava il suo essere messo sotto sorveglianza, e di riciclare nelle sue indagini “materiali falsificati da servizi stranieri”.
Da allora, i principali media statali, guidati dalla televisione, non hanno smesso di dedicare soggetti a Navalny, che è stato presentato a sua volta come un neonazista, fascista, ultranazionalista, razzista antisemita e xenofobo, che invita all’odio interetnico e fomenta una quasi guerra civile. Vladimir Putin, che ha promesso nel 1999 che “spareremo ai terroristi ceceni fino alla toilette”, ha permesso il fiorire di questa campagna, abbondantemente trasmessa sulle reti sociali.
L’offensiva è stata abbastanza efficace da provocare una crisi anche all’interno di Amnesty International. A febbraio, la venerabile organizzazione per i diritti umani ha deciso di non considerare più Navalny un “prigioniero di coscienza”, il che ha causato un grave tumulto interno e ha esposto Amnesty a molte critiche.
Amnesty ha spiegato in una dichiarazione. “In passato ha fatto dichiarazioni che potrebbero equivalere a discorsi di odio che potrebbero costituire un incitamento alla discriminazione, alla violenza o all’ostilità. Dopo un attento esame, abbiamo concluso che alcune di queste dichiarazioni soddisfano i criteri per il discorso dell’odio, che non si adatta alla nostra definizione di prigioniero di coscienza.
L’organizzazione nega categoricamente di essere stata influenzata “da una campagna diffamatoria condotta dallo stato russo”. Ma gli influencer del Cremlino erano effettivamente al lavoro nella campagna per inviare centinaia di messaggi alla sede di Amnesty che denunciavano il presunto razzismo odioso di Navalny.
Allora, cosa sta succedendo? Per comprendere le osservazioni effettivamente odiose, xenofobe e razziste di Alexei Navalny alla fine degli anni 2000, è necessario ripercorrere l’itinerario politico di questo avvocato di formazione. Ed è necessario situarlo nel paesaggio molto particolare della Russia, dove le categorie politiche dell’Occidente si rivelano per lo più inutilizzabili.
Nel 2000, all’età di 24 anni, il giovane avvocato Navalny ha aderito al partito Yabloko, un piccolo partito liberale e democratico guidato da Grigori Yavlinsky e le cui posizioni sono abbastanza simili a quelle dei democristiani tedeschi. Questo partito è stato poi emarginato e ha perso ogni rappresentanza in Parlamento. Il suo pubblico è limitato a pochi circoli sociali urbani e benestanti, che sostengono una democrazia di tipo europeo o americano.
“Alexei Navalny non è un teorico, non è un intellettuale. È un vero politico, pragmatico, cerca l’appoggio del popolo e crede nel suo destino”, ricorda l’accademica Cécile Vaissié, specialista in Russia e docente all’Università di Rennes. L’uomo è anche iperattivo, frettoloso e ambizioso, e la sua rumorosa militanza provoca forti tensioni all’interno del partito a Mosca, dove ha rapidamente assunto responsabilità. Alexeï Navalny capisce a poco a poco che questo liberalismo all’occidentale è assimilato dalla popolazione russa alla catastrofe degli anni 1990. Scopre anche che una parte di questa opposizione urbana e sofisticata a volte non ha altro che disprezzo per un popolo russo considerato apatico e sottomesso allo zar. Una parola riassume questo popolo-plebe: vatniki; è una specie di bifolco che si astiene da qualsiasi pensiero critico, affidandosi alla “guida” e alla patria…
Ma Navalny vuole conquistare il popolo. Nel 2006, ha iniziato a parlare di nazionalismo sul suo blog. Nel 2007, ha creato il Movimento russo di liberazione nazionale, il cui acronimo russo è Narod (il popolo), che ha portato alla sua esclusione dallo Yabloko per “attività nazionaliste”. E Navalny si è poi definito un “democratico nazionale”.
I tempi sono maturi per discutere su quale dovrebbe essere la nuova “idea russa”. Il Cremlino teorizza che la democrazia occidentale è un vicolo cieco per la Russia. Putin incoraggia la costruzione di una nuova narrazione nazionale, una sintesi barocca della religione ortodossa, l’era zarista, Stalin e il sovietismo, l’eurasismo e il suo teorico Alexander Dugin. Il collante è un patriottismo sfrenato e la continua celebrazione della “Grande Guerra Patriottica”, la vittoria della Seconda Guerra Mondiale.
Ma ci sono molti altri movimenti nazionalisti e ultra-nazionalisti che riuniscono parte dell’opposizione e una gioventù povera e contestatrice: neonazisti, skinheads, un’estrema destra slava e razzista, e nostalgici di Stalin. E una forza domina questa nebulosa: quella dello scrittore Édouard Limonov e del suo partito, i bolscevichi nazionali (il Natsbol).

“Conciliare nazionalismo, democrazia e liberalismo”

Marlène Laruelle, storica specializzata in ideologie nazionaliste nel mondo russo, dettaglia questa esuberanza in un notevole studio pubblicato nel 2014 sulla rivista Post-Soviet Affairs. In questo calderone nazionalista dove convivono il peggio e il nauseante, il progetto di Navalny sarà quello di “conciliare nazionalismo, democrazia e liberalismo”, nota Marlene Laruelle.
Questo porta agli orrori, quando Navalny descrive i caucasici come “scarafaggi”, usa il classico insulto russo di “culi neri” e chiede la “deportazione” di tutti i lavoratori illegali dai paesi ex sovietici dell’Asia centrale.In un video del 2007, Navalny appare in un vestito da dentista mentre le immagini dei migranti sono paragonate alla carie. ” Raccomando una disinfezione completa”, dice. Tutto ciò che si trova sul nostro cammino deve essere accuratamente ma risolutamente eliminato con la deportazione”.
Fino al 2013, Alexei Navalny parteciperà anche ogni 4 novembre alla marcia russa. Questa parata annuale riunisce tutti i movimenti nazionalisti più estremi. Ma non solo. L’evento attira anche gente stufa, senza riferimenti politici, rovinata e declassata dagli anni ’90, e una gioventù persa in cerca di ideali.
È così che Navalny si giustifica sul suo blog, notando che ci sono “persone normali, di buona fede, non solo estremisti, in queste marce e che dobbiamo parlare con loro”. Nel 2011, ha partecipato al comitato organizzatore di questa marcia e sono apparsi altri slogan: “Per i diritti e le libertà russe”; “Per elezioni giuste e libere”. La strategia di Navalny è chiara: fare un lavoro politico in questi movimenti che, alla fine degli anni 2000, hanno riunito gran parte dell’opposizione.
Dal 2007 al 2013, Navalny non ha smesso di descrivere il suo progetto sul suo blog. Natalia Moen-Larsen, una ricercatrice norvegese, ne ha fatto uno studio esaustivo (da leggere qui) che completa utilmente il lavoro di Marlene Laruelle. “In tutto il suo blog, Navalny costruisce il nazionalismo in opposizione ad altre “ideologie marginali”, secondo le sue parole, come il nazionalismo estremista, il fascismo e il nazismo, che collega alla violenza, alla xenofobia e ai pogrom”, nota il ricercatore.
Navalny vuole essere il portavoce di un “nazionalismo normale”. Collega l’immigrazione illegale alla corruzione delle élite, con i lavoratori senza documenti dell’Asia centrale che costituiscono un esercito di schiavi per le grandi corporazioni. Ha lanciato una campagna “Basta alimentare il Caucaso” per denunciare la corruzione e i regimi dittatoriali istituiti o sostenuti dal Cremlino. E attacca tutti coloro che vogliono nascondere questi problemi sotto il tappeto.
Già nel 2006, si spiegava in questi termini: “Gli ultra-radicali sono diventati i volti principali e le forze trainanti del movimento nazionale in Russia. Abbiamo accettato questo. Cosa possiamo fare? Per me, questa domanda è chiara. Dobbiamo combatterli e togliere ai fascisti il diritto di proclamare idee nazionali. Dobbiamo negare loro la posizione di leadership nel movimento russo.
Ma questa sintesi tra nazionalismo, democrazia e liberalismo fallirà. Dal 2013 in poi, dopo la sua campagna elettorale per la carica di sindaco di Mosca (l’unica elezione in cui gli è stato permesso di correre), Navalny abbandonerà questi temi, dedicandosi esclusivamente a denunciare la corruzione del regime di Putin.
Un uomo è stato il primo testimone di questo sviluppo, Zakhar Prilepine. Prilepine è uno dei più brillanti scrittori russi, ma anche un autoproclamato bolscevico nazionale. Soldato nelle due guerre cecene, “figlio spirituale” di Edouard Limonov e autodefinitosi di estrema sinistra nazionalista, è andato a combattere nel Donbass ucraino a fianco delle truppe separatiste filorusse e da allora è stato vicino al Cremlino.
In un’intervista a Mediapart, Prilepine ha spiegato che Navalny “avrebbe potuto essere un grande personaggio ma è chiaramente diventato un sostenitore della borghesia e del grande business”. In un’altra intervista a febbraio con il sito web indipendente russo Meduza (che è stato appena classificato dal regime come “agente straniero”), Prilepine ha dettagliato la sua relazione impossibile con l’avvocato all’interno di un movimento di breve durata che avevano creato, il Movimento Popolare.
“Dobbiamo parlare di questo movimento”, spiega lo scrittore. Abbiamo avuto l’illusione che fosse possibile unire la sinistra e la destra. Navalny era appena stato espulso dallo Yabloko, che mi era profondamente simpatico, sono sempre stato anti-liberale. È arrivato al momento giusto: marce russe, skinheads. Stava diventando una figura sempre più importante, i bolscevichi nazionali e i limonovisti erano più di sinistra. Avevo questa idea illusoria che fosse possibile combinare i nostri movimenti. Ho portato Navalny a incontrare Limonov. Limonov lo odiava. Nel 2014, le nostre strade si sono separate radicalmente”.

“Sapeva circondarsi di persone competenti, efficienti e autosufficienti”.

Nel dicembre 2020, l’economista Sergei Guryev intervista Navalny a lungo sul suo programma. I due uomini si conoscono da molto tempo. L’uomo che ha diretto la prestigiosa Scuola di Economia di Mosca ha aiutato a redigere il suo programma per la campagna elettorale di Mosca nel 2013. Minacciato dal potere, ha dovuto poi andare in esilio, è stato capo economista alla BERS (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo) e ora è professore a Sciences Po Paris.
Guriev chiede a Navalny di questo “nazionalismo etnico”. “Io, che sono osseta, come posso sentirmi un cittadino di prima classe nel mio paese? Quando non ti piace la parola Rossiyanin (cittadino dello stato russo), preferisci la parola russkyi (appartenente al gruppo etnico russo). Dovrei, come osseto, temere che qualcuno come lei diventi il leader politico della Russia?”, gli chiede Sergei Guryev.
Navalny risponde sottolineando “la necessità di lottare contro ogni discriminazione”. “Non vedo alcun problema nel fatto che una grande parte della popolazione non vuole identificarsi come Rossiyanin e preferisce la sua identità come Russkij. Daghestani, russo etnici e tutti gli altri gruppi fanno parte della diversità della società. Che ognuno sia pubblicamente orgoglioso della propria appartenenza. Per qualsiasi leader del sistema politico, è importante proteggere le lingue e le scuole nazionali. Nel nostro paese, ci sarà sempre una questione nazionale perché il nostro paese è grande e diverso”, aggiunge.
L’accademica Cécile Vaissié, che segue da vicino l’itinerario di Navalny e ha partecipato a diversi suoi incontri, lo assicura: “L’antisemitismo? No, mai, non c’è niente. Sui caucasici e gli immigrati, ci sono state dichiarazioni inaccettabili. Ma negli ultimi anni non l’ho mai sentito dire qualcosa di orribile.
Questo perché dall’inizio degli anni 2010, Alexei Navalny capisce che la sua fama non viene dalle sue diatribe nazionaliste, che sta gradualmente smettendo, ma dal suo blog Rospil (Il saccheggio della Russia), che sta diventando uno dei più letti in Russia. Qualche anno prima, l’avvocato ha comprato azioni di grandi aziende per 10.000 dollari. Si è presentato alle assemblee generali, ha preteso documenti e rendiconti finanziari, ed è stato persino nominato per un breve periodo direttore dell’Aeroflot con l’aiuto di un uomo d’affari.
L’avvocato Navalny, aiutato da informatori nel cuore del sistema, rivelerà alcuni dei più grandi scandali di malversazione, evasione fiscale e corruzione. L’aeroporto di Sheremetyevo, l’Aeroflot, le banche, un gasdotto siberiano: miliardi di dollari di denaro fuggono a Malta, in Svizzera, in Israele, nella City di Londra, nelle isole Cayman e in tutti i principali paradisi fiscali del pianeta.
È sospettato di essere un burattino nelle mani di oligarchi desiderosi di regolare i loro conti tra loro attraverso il blog Rospil. Navalny si sta ancora evolvendo mettendo la corruzione di fronte alla miseria sociale e attaccando le grandi figure del potere. Nel 2011, ha creato il FBK, la Fondazione anticorruzione, che ha iniziato a pubblicare indagini devastanti sulle élite.
Durante le grandi proteste del 2011 e del 2012, ha scoperto l’improvvisa popolarità del Fronte di Sinistra, un partito della sinistra radicale radicato nelle lotte sociali. Il suo leader Sergei Udaltsov è diventato in questa occasione una delle figure dell’opposizione e sarà gettato in prigione dal 2014 al 2017. Navalny, che ha deciso di spazzare le regioni russe, parla sempre più di bassi salari, miseria ordinaria, servizi pubblici abbandonati. È il “partito dei truffatori e dei ladri”, Russia Unita, il partito presidenziale, che sta rovinando il paese e bloccando il futuro dei giovani.
Carine Clément, sociologa affiliata al CNRS, è stata molto coinvolta negli anni 2000 nelle lotte sindacali e cittadine in Russia. In un post sul blog di Mediapart, spiega che ha innumerevoli disaccordi con Navalny, che ha incontrato in diverse occasioni. “Ma durante i suoi viaggi alla fine degli anni 2010, ha regolarmente sollevato la questione della disuguaglianza sociale, dei salari tristemente bassi, dello stato decadente delle infrastrutture e dei servizi pubblici, che era l’unico a fare nell’opposizione liberale”, scrive.
Niente di tutto questo è ancora un programma. Dal 2015, mentre la sua notorietà è cresciuta, Navalny ha martellato su tre punti: la lotta contro la corruzione, lo stato di diritto e la democrazia attraverso libere elezioni. Il resto seguirà. E questo è seguito, con rami regionali creati in numero crescente da collettivi formati intorno a lotte locali (alloggi, ambiente, pensioni) e battaglie per essere in grado di correre alle elezioni comunali o regionali.
Con il FBK e il Quartier Generale Navalny, una nuova generazione si è unita al leader, che non ha assolutamente nulla a che fare con i circoli nazionalisti degli anni 2000. Questi attivisti sono generalmente giovani (tra i 20 e i 30 anni), formati e agili sui social network, decisi a chiedere conto alle élite locali bloccate da Russia Unita, desiderosi soprattutto di un paese aperto e democratico.
“Prima di tutto, Navalny va sul campo”, dice Cécile Vaissié, “poi ha saputo circondarsi di persone competenti ed efficienti. Qualcuno come l’economista Sergei Guryev ne è la prova. Viene descritto come un uomo solo, un Bonaparte che decide tutto, il che non è vero. Al contrario, ha creato delle squadre molto autonome, è un movimento decentralizzato. E ben poche persone lo hanno deluso negli ultimi anni.
Le sue organizzazioni sciolte, le sue reti regionali smantellate e lui stesso imprigionato, cosa resterà di tutto questo? Forse niente, forse molto, se dobbiamo credere all’evidente foga del regime russo. Quest’ultimo è in procinto di mettere in atto una repressione sistematica, che non è solo rivolta agli attivisti di Navalny, ma a tutte le voci dissonanti e dissenzienti, tanto diverse sono le ragioni della protesta.
Giovedì 29 aprile, Ivan Jdanov, uno degli stretti collaboratori di Navalny, ha spiegato in un video: “Questa persecuzione che le autorità stanno attualmente portando avanti sta accadendo perché molte persone hanno aperto gli occhi. Si sono svegliati da un’overdose patriottica e sono impazziti: “Cosa sta succedendo?”. E infatti: non c’è lavoro, non c’è salario, la povertà e la devastazione sono ovunque. “In questo senso, l’avvocato anti-corruzione non solo avrà rivelato l’esaurimento del sistema Putin. Può essere il segnale del risveglio della società russa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Scatti di un Paese che cade, e si rialza. Forse

A Genova, L’Italia di Magnum da Robert Capa a Paolo Pellegrin. Alla loggia degli Abati di Palazzo Ducale fino all’8 luglio 

La surreale lotta degli zapatisti per la vita. E contro il capitalismo

Una delegazione degli zapatisti sta salpando per l'Europa. Non per conquistare, ma per connettersi con altri insurgenti [John Holloway]

Taiwan è davvero il posto più pericoloso della terra?

Taiwan, la rivalità tra Cina e Stati Uniti, nonostante l'allarme dell'Economist, non sembra disturbare la vita quotidiana [Alice Herait]

La global tax del G7, un paradiso per le multinazionali

G7: Le multinazionali vanno in Paradiso (fiscale [Marco Bersani, Attac Italia]

Danae non è più sola

Lo sguardo femminile di Zehra Dogan riscrive il mito di Danae. A Villa Brandolini di Treviso la mostra Danae Revisited  [Eliana Como]