15.3 C
Rome
venerdì 7 Maggio 2021
15.3 C
Rome
venerdì 7 Maggio 2021
Homecronache socialiMacron fa la guerra ai disoccupati

Macron fa la guerra ai disoccupati

Assicurazione di disoccupazione, il sindacato Cgt ha fatto i conti per verificare la riforma di Macron: è una bomba contro i precari [Cécile Hautefeuille]

C’è stato un momento di sgomento quando abbiamo letto i risultati forniti da Unédic. «Più si scava, più ci si rende conto che questa riforma è ingiusta”, ha commentato Denis Gravouil, della CGT. È estremamente grave”.
Le nuove disuguaglianze sollevate sono impressionanti. Per lo stesso salario e gli stessi periodi di lavoro, due futuri disoccupati potranno ricevere indennità di disoccupazione molto disuguali: quasi cinquanta volte meno! In concreto, le differenze saranno in alcuni casi dell’ordine di 1 a 47, secondo i calcoli di Unédic, il gestore dell’assicurazione di disoccupazione.
Le disuguaglianze di trattamento erano già state esposte, all’inizio di aprile su Mediapart, grazie al lavoro del sociologo Mathieu Grégoire. Specialista in assicurazione contro la disoccupazione e protezione sociale all’Università di Parigi-Nanterre, aveva scoperto differenze “dell’ordine di 1 a 24”.
Su richiesta della CGT, Unédic ha perfezionato questi calcoli e lavorato su nuovi casi di studio, presentati questo lunedì 3 maggio dall’organizzazione sindacale che ha convocato una conferenza stampa.
Le conclusioni sono esplosive. Le differenze tra i destinatari possono essere due volte più grandi (e due volte più ingiuste) dei calcoli iniziali presentati il mese scorso. E sono, ancora una volta, i più precari a soffrire. Queste disuguaglianze di trattamento riguarderanno solo le persone che si alternano tra disoccupazione e impiego e che hanno la sfortuna di iniziare un contratto, o un periodo di disoccupazione, nel momento sbagliato.
In breve, è una questione di tempo, su cui chi cerca lavoro non ha controllo. “Sarà una lotteria”, riassume Mathieu Grégoire.
Prendiamo l’esempio di Florent ed Élodie. Lui ha lavorato dieci mesi, senza interruzione. Ha ricevuto uno stipendio di 2.800 euro. Il suo periodo di disoccupazione di trenta giorni è iniziato il 1° aprile. Quel mese ha ricevuto 1.492 euro di risarcimento.
Elodie ha ricevuto lo stesso stipendio e ha lavorato per dieci mesi. Ma i suoi lavori erano divisi: cinque mesi di occupazione, dieci mesi di disoccupazione e poi cinque mesi di occupazione. I suoi trenta giorni di disoccupazione sono iniziati il 16 aprile. Con la riforma, si traduce in una compensazione di… 31,63 euro. 47,1 volte meno di Florent. 1.460 euro di differenza.
A parità di salario e di impiego, l’indennità per uno stesso episodio di disoccupazione di trenta giorni può quindi variare da una a cinque volte a seconda della data di accadimento e della distribuzione dei posti di lavoro nel periodo di riferimento”, spiega Mathieu Grégoire. Prima della riforma, tali disparità di trattamento potevano anche esistere tra questi due casi, ma la portata non era comparabile. “Elodie avrebbe effettivamente ricevuto 1.080 euro. 1,3 volte meno di Florent.
Come spiegare un tale abisso tra il prima e il dopo? La riforma toccherà il cuore del reattore”, spiega Denis Gravouil. Il metodo di calcolo dell’SJR (salario giornaliero di riferimento, che definisce l’importo delle prestazioni) è modificato e genera effetti a cascata. ”
Come Mediapart ha già dettagliato molte volte (vedi il nostro dossier) la riforma prevede un cambiamento nella definizione del SJR. Invece di partire da una media dei salari percepiti nei giorni lavorati da un dipendente durante un anno (come è stato per gli ultimi quarant’anni), la nuova regola terrà conto anche di una parte dei periodi di inattività, risalendo fino a due anni. Il salario giornaliero medio, e quindi i benefici, saranno quindi matematicamente inferiori.
L’esempio di Élodie lo mostra chiaramente: i suoi dieci mesi di lavoro sono stati divisi. I periodi di disoccupazione tra i suoi contratti hanno abbassato il suo SJR e i suoi benefici. Inoltre, ha subito una doppia pena: il suo periodo di disoccupazione è iniziato il 16 aprile ed è durato fino a metà maggio.
Questo cambia il numero di giorni di indennità che può richiedere. Tuttavia, come Florent, il suo episodio di disoccupazione dura trenta giorni. Questo meccanismo esisteva già prima della riforma, ma il nuovo calcolo dell’RLS ne aggrava gli effetti. La sua combinazione di stipendio e indennità è notevolmente ridotta. Il famoso effetto ” a cascata “.
Le disposizioni che stabiliscono il numero di giorni compensabili al mese sono almeno altrettanto importanti di quelle che regolano l’importo dell’indennità”, ha spiegato Mathieu Grégoire in un post sul blog di Mediapart all’inizio di aprile. Ma anche qui, è il SJR che è la spina dorsale del sistema.

Modificando profondamente questo SJR, la riforma sconvolge anche il modo in cui i beneficiari possono combinare lavoro e compensazione in un dato mese.
Di fronte ai nuovi calcoli di Unédic, il sociologo fa un’analisi tagliente: “Niente, nessuna ideologia, può giustificare tali differenze di trattamento tra due persone con lo stesso background. È intollerabile. È da dilettanti. Non è stato guardato un solo dettaglio. ”
“Il Ministero del Lavoro non si è reso conto di quello che stava facendo, è allucinante”, conclude Denis Gravouil, della CGT.
Contattato lunedì mattina, il Ministero del Lavoro ha risposto che “le differenze segnalate dalla CGT non sono legate alla riforma, esistevano già. Riguardano le persone in cerca di lavoro che beneficiano del regime di attività ridotta, che permette a coloro che tornano al lavoro di combinare parte del loro sussidio di disoccupazione con il salario della loro nuova attività. Questo sistema è stato creato dalle parti sociali. I suoi metodi di calcolo possono dar luogo a differenze che esistevano prima dell’attuale riforma dell’assicurazione di disoccupazione”.
In una risposta scritta, il ministero ha aggiunto: “Non confondiamo la questione: il problema segnalato dalla CGT è legato al regime di attività ridotta stesso, che ha molti effetti perversi chiaramente identificati. Lo scopo di questa riforma non era quello di modificare questo sistema. Se le parti sociali vogliono cambiarlo, siamo pronti a sostenerle”.
La riforma entrerà in vigore tra appena due mesi, il 1° luglio 2021. Incontra un’opposizione sempre più forte, come ha notato Mediapart nel corteo parigino del 1° maggio (vedi il reportage di Dan Israel che racconta come, dopo l’eclissi del 2020, i cortei sindacali della festa dei lavoratori hanno raccolto più di 100.000 persone in Francia. La riforma dell’assicurazione di disoccupazione, che penalizzerà quasi due milioni di persone in cerca di lavoro, era nella mente di tutti).
Secondo l’Unédic, 1,15 milioni di persone saranno potenzialmente colpite, il primo anno di applicazione, dalla riduzione dei benefici all’apertura del diritto. I sindacati stanno preparando le loro armi per farlo annullare. I nuovi calcoli di Unédic si uniranno, senza il minimo dubbio, al fitto dossier che la CGT e Solidaires stanno preparando per il loro ricorso al Consiglio di Stato. Sarà depositata a metà maggio, contemporaneamente agli appelli della CFDT, della FO e della CGC.
Chiederemo una sospensione sommaria affinché la riforma non si applichi, mentre il Consiglio di Stato giudica la sostanza dell’argomento”, spiega Denis Gravouil. Inoltre, per mostrare la serietà dell’argomento e sperare di ottenere la sospensione, forniremo l’intero argomento allo stesso tempo”.
Il Consiglio di Stato aveva già considerato contraria al principio di uguaglianza la prima versione della riforma, presentata nel 2019. Come Mediapart ha dettagliato qui, l’istituzione aveva annullato la revisione del metodo di calcolo del SJR sostenendo una “differenza di trattamento manifestamente sproporzionata al motivo di interesse generale perseguito”.
“L’importo del salario giornaliero di riferimento può d’ora in poi, per lo stesso numero di ore di lavoro, variare da semplice a quadruplo secondo la distribuzione dei periodi di lavoro durante il periodo di riferimento”, aveva scritto il massimo tribunale amministrativo.
Per conformarsi a questa decisione, il governo ha introdotto un piano nella nuova versione della riforma. Si suppone che limiti le variazioni e quindi le disuguaglianze.
I nuovi studi di casi, presentati questo lunedì mattina, mostrano che rimangono. Le variazioni sono addirittura dodici volte più importanti di quelle ritestate dal Consiglio di Stato.

*E’ l’Union nationale interprofessionnelle pour l’emploi dans l’industrie et le commerce, l’agenzia statale che gestisce l’Assurance-chômage, l’assicurazione contro la disoccupazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Europa, 670mila case appartengono a 200 grandi investitori

Un'indagine in sedici paesi europei rivela la portata della finanziarizzazione degli alloggi sulla vita di milioni di abitanti [Alexander Abdelilah e Mathieu Périsse/We Report]

Madrid è un po’ più a destra di ieri. Iglesias si dimette

Regionali a Madrid: Ayuso (PP) guadagna 35 seggi. La sinistra si sgretola a causa della sconfitta del PSOE. Vox mantiene i suoi seggi

Il lago che continua a combattere

Dopo l'ennesimo scontro con il costruttore Pulcini, Attivisti e attiviste del Lago Ex-Snia hanno ottenuto l'attenzione della Regione Lazio

Chi è davvero Navalny, bestia nera di Putin

Alexei Navalny è davvero come lo dipingono gli influencer del Cremlino? La storia del principale oppositore di Putin [François Bonnet]

Macron fa la guerra ai disoccupati

Assicurazione di disoccupazione, il sindacato Cgt ha fatto i conti per verificare la riforma di Macron: è una bomba contro i precari [Cécile Hautefeuille]