21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
21.9 C
Rome
domenica 19 Settembre 2021
HomemondiGaza: il "giallo" dell'invasione. Tutte le piazze di oggi in Italia

Gaza: il “giallo” dell’invasione. Tutte le piazze di oggi in Italia

Israele aveva detto di essere entrato nella Striscia poi ha smentito. Il bilancio delle vittime palestinesi è salito a 122 morti e più di 800 feriti

Ha fatto marcia indietro venerdì, lasciando il mondo intero nell’incomprensione. L’esercito israeliano, che ha annunciato giovedì sera di essere entrato nell’enclave palestinese di Gaza per condurre un’offensiva di terra, ha ritrattato venerdì mattina, citando un problema interno di “comunicazione”. L’informazione è stata confermata su Twitter dal direttore dell’ufficio dell’Agence France-Presse a Gerusalemme ieri sera (che ha poi cancellato il suo tweet) e trasmessa da vari media internazionali, causando indignazione e profonda preoccupazione sui social network.
Secondo il Jerusalem Post, potrebbe essere stata una strategia per ingannare meglio il nemico e attaccare i tunnel costruiti dopo la guerra di Gaza del 2014, che sono lunghi una dozzina di chilometri e mirano a proteggere l’enclave palestinese, dove Hamas conserva le armi. Annunciando un’offensiva di terra, l’esercito israeliano avrebbe potuto spingere i combattenti di Hamas e della Jihad islamica a prendere posizione nei tunnel. Quest’ultimo sarebbe stato poi attaccato da raid aerei.
Per il momento, nessuna cifra è stata data sul numero di possibili morti, e il portavoce dell’esercito Hidai Zilberman ha detto venerdì che le conseguenze di questa operazione sono ancora in corso di valutazione, mentre da giovedì, migliaia di soldati israeliani sono ammassati alle porte del territorio palestinese.
Per quanto riguarda i civili di Gazan, non sono stati risparmiati. I numerosi raid aerei che hanno colpito la Striscia di Gaza giovedì notte hanno aumentato il bilancio delle vittime da parte palestinese: 122 persone, tra cui 31 bambini, sono state uccise dall’inizio degli scontri lunedì e più di 800 sono state ferite. Nove persone, tra cui un soldato, sono state uccise dalla parte israeliana.
Mentre i militanti israeliani di estrema destra hanno esacerbato le tensioni mercoledì notte, linciando un uomo ritenuto arabo, i lanci di razzi di Hamas verso Israele e i bombardamenti aerei delle forze israeliane non sono cessati giovedì, festa dei palestinesi che celebrano Eid al-Fitr alla fine del Ramadan. “…] A causa di Hamas e delle organizzazioni terroristiche, oggi non ci saranno vacanze”, ha detto il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz in un breve discorso televisivo ai gazesi.
“Se Hamas non ferma la sua violenza, la guerra nel 2021 sarà più dura e dolorosa di quella del 2014. Se i cittadini d’Israele devono dormire nei rifugi a causa del fuoco dei razzi, allora Gaza brucerà”, ha minacciato l’ex capo di stato maggiore dell’operazione Protective Edge, risalente alla guerra di Gaza del luglio e agosto 2014. Quasi 1.500 civili, tra cui più di 500 bambini, erano stati uccisi allora.
A margine di una riunione al ministero della Difesa questo venerdì, Benyamin Netanyahu ha dato il tono, suggerendo che gli attacchi alla Striscia di Gaza continueranno: “Ho detto che infliggeremo seri contraccolpi a Hamas e ad altri gruppi terroristici […]. Stanno pagando e continueranno a pagare caro. Non è ancora finita”.

Scontri e 100 feriti in Cisgiordania

Un palestinese è stato ucciso da munizioni incendiarie durante gli scontri con l’esercito israeliano nella Cisgiordania occupata vicino a Jenin venerdì, secondo il ministro della salute palestinese, che ha annunciato la morte di un altro palestinese poco prima vicino a Ramallah. Altri quattro palestinesi sono stati uccisi dall’esercito nel territorio da lunedì, secondo fonti palestinesi, ha riferito l’AFP. La Mezzaluna Rossa ha riferito che più di 100 persone sono state ferite in Cisgiordania finora.
La violenza potrebbe ancora intensificarsi venerdì sera, mentre manifestazioni contro l’espansione degli insediamenti israeliani erano previste in diverse città della Cisgiordania occupata (Nablus, Qalqilya, Tulkarem e Jenin nel nord; Hebron nel sud), come spesso accade dopo la preghiera del venerdì pomeriggio. Secondo TV5 Monde e Le Point, le manifestazioni di questo giorno hanno dato luogo a “uno dei più violenti scontri con l’esercito israeliano dagli anni 2000″.
Fatou Bensouda, il procuratore capo della Corte penale internazionale, ha avvertito che le persone coinvolte negli scontri iniziati lunedì potrebbero essere prese di mira in un’indagine in corso su presunti crimini di guerra legati a conflitti precedenti. Questi sono eventi che stiamo guardando molto seriamente”, ha detto a Reuters. Stiamo monitorando la situazione molto da vicino e vi ricordo che c’è un’indagine in corso e potremmo prendere in considerazione questi eventi”.

Francia e Germania reprimono le manifestazioni contro la guerra

La Germania, da parte sua, ha denunciato gli “attacchi terroristici” di Hamas in riferimento al lancio di razzi contro varie città israeliane. Mentre manifestazioni a sostegno dei palestinesi sono previste per sabato 15 maggio a Berlino, il portavoce del governo Steffen Seibert si è affrettato a insistere: “La nostra democrazia non tollererà manifestazioni antisemite”. “Coloro che usano queste manifestazioni per gridare il loro odio verso gli ebrei stanno abusando del diritto di manifestare”, ha aggiunto. ”
In Francia, Gérald Darmanin ha vietato la manifestazione prevista per lo stesso giorno a Parigi per timore di “disturbo dell’ordine pubblico”, senza dubbio dimenticando che, qualche mese prima, quella del movimento di estrema destra Génération identitaire contro il suo scioglimento era stata, per esempio, autorizzata, e ignorando il fatto che altrove nel mondo, le manifestazioni a sostegno del popolo palestinese vengono organizzate senza alcun ostacolo e in modo tranquillo.
Venerdì, il ministro dell’interno ha assunto la sua decisione davanti alle telecamere, citando “informazioni” che suggeriscono che la manifestazione “non potrebbe svolgersi in buone condizioni”, e ha avvertito che “un gran numero di agenti di polizia e gendarmi sarà mobilitato a Parigi, indipendentemente dalla decisione del tribunale [il tribunale amministrativo è stato adito dagli organizzatori per contestare il divieto della manifestazione di sabato – ndr]. Il sindaco PS di Parigi, Anne Hidalgo, ha sostenuto il ministro e ha detto che è stata una decisione “saggia”.

Le manifestazioni in Italia

Anche nel nostro paese si stanno tenendo iniziative per la Palestina contro i massacri, contro il razzismo, l’odio, l’occupazione e l’apartheid. E il 15 maggio sarà l’anniversario della Nakba. In tutto il mondo, come in tutta la Palestina, si scende in piazza, per rompere il silenzio e l’indifferenza, a fianco del popolo palestinese.
– Aosta, sabato 15/05 ore 17.30 in Piazza Chanoux
– Ascoli Piceno, 13/05 ore 15 in Piazza Cecco d’Ascoli
– Bari, venerdì 14/05 ore 17.30 in Piazza Prefettura
– Bologna, sabato 15/05 ore 18 in Piazza dell’Unità
– Bolzano, sabato 15/05 ore in 16 Piazza Walther
– Brescia, sabato 15/05 ore 16.30 in Largo Formentone
– Cagliari, venerdì 14/05 ore 18 in Piazza Garibaldi
– Catania, domenica 16/05 ore 18 in Piazza Stesicoro
– Como, domenica 16/05 ore 15 in Piazza Cavour
– Empoli, sabato 15/05 ore 17:00 in Piazza della Vittoria
– Firenze, sabato 15/05 ore 16 San Lorenzo
– Grosseto, sabato 15/05 ore 10.30 in Piazza Rosselli – Prefettura
– La Spezia, domenica 16/05 ore 15.30 in Piazza del Mercato
– Livorno, sabato 15/05 ore 17.30 in Piazza Grande
– Massa (MS) sabato 15/05 ore 17 in Piazza Matteotti
– Messina, sabato 15/05 ore 17 Passeggiata a mare
– Modena domenica 16/05 ore 11 in Piazza Torre
– Napoli, sabato 15/05 ore 16 in Piazza Plebiscito
– Padova, sabato 15/05 ore 11 in Via 8 Febbraio
– Palermo, 13/05 ore 17.30 in Piazza Verdi
– Parma, sabato 15/05 ore 15 in Piazza Garibaldi
– Pavia, sabato 15/05 ore 17 in Piazza della Vittoria
– Perugia, domenica 16/05 ore 15 in Piazza Italia
– Pesaro, domenica 16/05 ore 15.30 in Piazza del Popolo
– Pisa, sabato 15/05 ore 17.30 in Piazza XX settembre
– Ravenna, sabato 15/05 ore 17.30 in Via Cavour, davanti S.Domenico
– Reggio Emilia, venerdì 14/05 ore 18 in Piazza Prampolini
– Roma, sabato 15/05 ore 16 in Piazza dell’Esquilino
– Salerno, sabato 15/05 ore 17.30 in Piazza Caduti di Brescia
– Savona, venerdì 14/05 ore 17.30 in Piazza Mameli
– Siena, venerdì 14/05 ore 18:00 in Logge del Papa
– Terni, sabato 15/05 ore 17 in Piazza del Popolo
– Torino, sabato 15/05 ore 15 in Piazza Castello
– Torino, domenica 16/05 ore 19 al Csoa Gabrio
– Trento, sabato 15/05 ore 16 in Piazza Duomo
– Trieste, venerdì 14/05 ore 10.30 alla Rai, Via Fabio Severo 7
– Trieste, venerdì 14/05 ore 18.30 Online
– Varese, sabato 15/05 ore 10:30 davanti alla Prefettura
– Verona, venerdì 14/05 ore 16 in Piazza Brà
– Venezia, sabato 15/05 ore 17 in Campo San Geremia
– Viareggio, sabato 15/05 ore 10,30 in Piazza Cavour
– Vicenza, sabato 15/05 ore 10.30 in Campo Marzo

La dichiarazione del Bureau della Quarta Internazionale

Nelle ultime settimane, i palestinesi di Gerusalemme si sono mobilitati in massa per difendere un diritto fondamentale – vivere nelle proprie case, le case delle loro famiglie per generazioni – contro i tentativi del governo israeliano e delle organizzazioni di coloni estremisti di cacciarli e sostituirli con coloni ebrei con una politica che può essere descritta solo come pulizia etnica.
Sono stati confrontati con una violenta repressione coloniale, che si è espressa in particolare con l’attacco al complesso di Al-Aqsa venerdì 7 e lunedì 10 maggio, mentre il mese sacro musulmano del Ramadan volgeva al termine.
Dal 10 maggio, l’esercito israeliano conduce anche una violenta campagna di bombardamenti contro la Striscia di Gaza come rappresaglia per le manifestazioni di solidarietà con i palestinesi a Gerusalemme e gli attacchi missilistici.
A Gerusalemme e in altre città miste, oltre alla violenza perpetrata dalla polizia e dall’IDF, gruppi ebraici di destra hanno attaccato gli arabi per le strade. Solo a Gerusalemme, centinaia di palestinesi sono stati feriti e decine imprigionati.
Come risultato della violenza, almeno 83 persone sono state uccise a Gaza (tra cui 16 bambini) e 3 in Cisgiordania. Anche sette israeliani sono stati uccisi.
Le fonti di notizie occidentali insistono sui lanci di razzi da Gaza, il primo ministro israeliano Netanhayu e altri politici invitano alla “calma” mentre Biden dice che “Israele ha il diritto di difendersi” e chiede un ritorno alla situazione precedente al 10 maggio come se fosse una situazione accettabile. Le critiche quasi impercettibili alla politica israeliana degli insediamenti non fanno nulla per cambiare questa posizione della “comunità internazionale” – sosterrà Israele per mantenere lo status quo nella regione.
Non ci può essere una situazione pacifica in questa situazione di aggressione coloniale. Non c’è una “responsabilità condivisa” per la violenza. Lo stato coloniale di Israele pratica una forma di apartheid e di pulizia etnica e ai palestinesi sono negati tutti i diritti democratici e nazionali. Non ci sarà una “soluzione giusta” senza la concessione di pieni diritti ai palestinesi.
Le attuali espressioni globali di solidarietà con i palestinesi – in manifestazioni di strada diffuse, negli stadi di calcio dal Cile alla Scozia – devono essere rafforzate e diventare un movimento potente e permanente volte alla condanna di  Israele come responsabile dei suoi crimini.
Questo è il senso della campagna BDS (Boicottaggio-Divestimento-Sanzioni), che deve essere rafforzata e ampliata per imporre sanzioni contro Israele.
Il sostegno allo stato israeliano deve finire
Fine dell’occupazione civile e militare!
Uguali diritti democratici e nazionali!
Diritto all’autodeterminazione e diritto al ritorno per il popolo palestinese!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati