21.8 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
21.8 C
Rome
venerdì 17 Settembre 2021
Homepadrini & padroniNon serve essere complottisti per detestare Bill Gates

Non serve essere complottisti per detestare Bill Gates

L’immagine di Bill Gates si sta offuscando dopo il divorzio ma i suoi abusi di potere, e quelli della fondazione, vanno ben oltre le molestie sessuali [Tim Schwab]

 

Quando si è diffusa la notizia che Bill e Melinda French Gates stavano divorziando, si è incrinata l’immagine pubblica che molti di noi avevano della coppia di potere da copertina di una rivista patinata, apparentemente impegnata l’una con l’altra tanto quanto lo era nel salvare il mondo.
Quella rivelazione, tuttavia, probabilmente non si ricorda, dato che poco dopo è emersa una storia molto più esplosiva, con le principali testate giornalistiche che descrivono Bill Gates come un donnaiolo seriale, se non un predatore sessuale, che avrebbe cercato relazioni romantiche con i suoi subordinati e non avrebbe indagato sulle molestie sessuali perpetrate da un funzionario senior.
Bill Gates ha negato i rapporti, che sono in gran parte basati su fonti anonime. Melinda French Gates, anche se continua a dirigere la Gates Foundation con Bill, è rimasta notevolmente silenziosa in disparte, mentre il ciclo di notizie punitive continua, guidato dai giornali che hanno a lungo elogiato entrambi i Gates.
Questa massa di notizie, tuttavia, non ha riflettuto sulla Fondazione Gates, o riconosciuto come le accuse #MeToo che circondano Bill Gates sembrano incompatibili – o radioattive – accanto al marchio accuratamente prodotto dalla fondazione, incentrato sulle donne e sull’equità.
Questa disconnessione presenta una crisi esistenziale che potrebbe facilmente porre fine alla Fondazione Gates come la conosciamo.
Se questo dovesse accadere – se, per esempio, Bill dovesse dimettersi – non sarebbe solo uno sviluppo sorprendente per la filantropia più potente del mondo, ma anche un riflesso inquietante della nostra ossessione per il culto della personalità.
Cioè, la nostra improvvisa rivalutazione del carattere personale di Bill Gates non fa i conti con i decenni di ingerenza grossolanamente antidemocratica della sua fondazione privata negli affari politici, i suoi colossali fallimenti nel tentativo di gestire la risposta alla pandemia, i suoi sforzi zelanti e distruttivi per monopolizzare la salute globale, o la dilagante apparenza di opportunismo nelle sue donazioni benefiche. Siamo ancora lontani da un luogo dove possiamo avere una seria conversazione su questi abusi di potere.
Invece, i media rimangono concentrati sull'”occhio errante” di Bill Gates, come il New York Times ha goffamente formulato le accuse #MeToo che lui ha dovuto affrontare per usare Microsoft e la Fondazione Gates come suo parco giochi sessuale.
L’indagine in corso sul trattamento delle donne da parte di Gates è una storia vitale che merita assolutamente l’attenzione che sta ricevendo dai giornalisti. Ma non può essere l’intera storia. Interrogare seriamente l’esercizio del potere di Gates significa indagare su quello che potrebbe essere un insieme molto più ampio di vittime e complici.
Per anni, abbiamo volentieri, persino allegramente, permesso a Gates di giocare secondo un diverso insieme di regole rispetto al resto di noi, trattandolo come troppo importante per essere criticato. Le nostre istituzioni democratiche – il Congresso, l’IRS e il procuratore generale dello stato di Washington – hanno guardato dall’altra parte mentre la Bill & Melinda Gates Foundation di Seattle ha agito in modo decisamente poco caritatevole: donando decine di milioni di dollari alla scuola privata frequentata dai figli dei Gates, e allo stesso tempo dando milioni ai gruppi di sostegno che combattono la regolamentazione degli enti di beneficenza miliardari; donando miliardi di dollari a società private, comprese alcune società in cui la fondazione ha investito; raccogliendo proprietà intellettuale dai suoi beneficiari e affidandola a un troll di brevetti (una società gestita da Nathan Myhrvold, l’ex direttore tecnologico di Microsoft il cui nome è saltato fuori anche nei rapporti su Jeffrey Epstein); e generando miliardi di dollari di risparmi fiscali per la famiglia Gates nel processo.
I media, da parte loro, non solo hanno trascurato le contraddizioni della fondazione per la maggior parte dell’ultimo decennio, ma hanno messo il loro peso dietro la deificazione di Bill Gates, spesso commerciando apertamente in finzione e mitologia. Gli stessi canali che ora lo stanno prendendo di mira hanno trascorso anni a gonfiare il suo carattere, sostenendolo come un santo uomo caldo e virtuoso che indossa un maglione, irreprensibile nella sua devozione a sistemare il mondo, e altamente efficace in questi sforzi. E hanno presentato questa agiografia con una passione che ha regolarmente tradito la moneta di base del giornalismo: i fatti.

Questa disinformazione ha raggiunto nuovi e preoccupanti livelli durante la pandemia. Quando Gates si è catapultato per la prima volta alla ribalta del Covid, il suo biglietto da visita era aver “previsto la pandemia” in un Ted Talk del 2015, un cosiddetto fatto che i giornalisti hanno recitato alla nausea nell’ultimo anno. Gates ha suonato gli allarmi, ha riferito Anderson Cooper della CNN, ma “nessuno ha veramente ascoltato”.
In realtà, innumerevoli ricercatori, scrittori e politici avevano da tempo parlato e coordinato piani per una potenziale pandemia. Se Bill Gates era davvero preoccupato dell’arrivo di una pandemia, perché non ha mobilitato tutte le risorse della sua fondazione da 50 miliardi di dollari per prepararci? In effetti, la beneficenza ha dato una minuscola percentuale della sua ricchezza alla preparazione alla pandemia negli anni precedenti al Covid, principalmente una donazione di 100 milioni di dollari alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, i cui sforzi per aiutare a finanziare lo sviluppo del vaccino Covid (cioè, sovvenzionare le aziende farmaceutiche) sono stati messi in ombra dalla critica che il gruppo non si è impegnato a fare in modo che i poveri abbiano uguale accesso ai vaccini.
Anche quando la pandemia è decollata, la presenza mediatica e l’influenza politica della Fondazione Gates sembravano superare di gran lunga la sua effettiva filantropia. Al momento della stesura odierna, la Fondazione Gates riporta solo 1,75 miliardi di dollari in sovvenzioni di beneficenza per la pandemia.
La dotazione dell’ente è attualmente di 50 miliardi di dollari e il patrimonio privato di Bill e Melinda French Gates è stimato intorno ai 130 miliardi di dollari. Da quello che possiamo vedere, i Gates hanno 180 miliardi di dollari a loro disposizione, ma hanno dato solo l’1% di questa enorme ricchezza – 1,75 miliardi di dollari – per affrontare la più grande crisi di salute pubblica da generazioni. La storia che leggiamo nelle notizie, tuttavia, non parla dell’avara donazione dei Gates, ma del fatto che hanno investito la loro fortuna per salvare il mondo.
Forse la narrazione più iperbolica che abbiamo visto nell’ultimo anno sono le infinite rappresentazioni della Fondazione Gates come il bersaglio di teorie di cospirazione. Questa narrazione di Gates come vittima appare ovunque. Politico ha persino suggerito che il mio servizio sui conflitti di interesse finanziari della Fondazione Gates per The Nation, basato su un’analisi del portafoglio di investimenti dell’ente, avrebbe incoraggiato altre teorie del complotto.
Ironicamente, il pensiero di gruppo dei media e il giornalismo da branco nel trasmettere questa narrazione attinge alle stesse patologie che guidano le teorie della cospirazione contro cui si batte. In un mondo razionale, i giornalisti non dovrebbero prestare almeno altrettanta attenzione a indagare il controverso lavoro della Fondazione Gates sulla pandemia che alle teorie cospirative di frangia su Bill Gates che mette microchip nei nostri vaccini?
Se non lo fanno, dovremmo davvero sorprenderci che la gente ricorra a voli di fantasia? È davvero irragionevole che la gente si chieda come uno che ha abbandonato il college e uno dei più grandi cattivi imprenditori della storia sia diventato in qualche modo una delle persone più potenti nella risposta alla pandemia? Solo perché Bill Gates dice di essere un esperto o si propone come leader sul cambiamento climatico o sull’educazione o sulla salute globale o sull’agricoltura, non lo rende vero.
E solo perché Gates si mette un maglione pastello e dice che sta donando soldi a buone cause non significa che stia effettivamente aiutando il mondo.
Questo punto di vista ha effettivamente iniziato a fare breccia nelle notizie nelle settimane precedenti al recente ciclo di notizie #MeToo, quando sono apparsi articoli su The Nation, The New Republic, Current Affairs, Jacobin, The Intercept, e altri punti di vista che profilavano i disastrosi errori di Gates nella risposta alla pandemia, e i modi in cui la sua autoproclamata leadership ha presieduto a un apartheid dei vaccini ancora in corso.
Le voci più influenti nelle notizie, tuttavia, come il New York Times e il Wall Street Journal, non hanno mai raccolto la storia.
Queste testate stanno ora dedicando una grande attenzione all’indagine su come Bill Gates tratta – o maltratta – le donne, che sta rapidamente trasformando l’opinione pubblica contro di lui e potrebbe porre fine al suo lungo mandato come nostro filantropo in capo. Se questo rapporto lo defenestra dalla torre d’avorio della Grande Filantropia, sembra anche lasciare la finestra spalancata per un miliardario più gentile e gentile a prendere il suo posto – o almeno uno la cui natura mostruosa non è ancora stata rivelata.
Il mondo sarà significativamente migliore o diverso se Bill Gates si dimette dalla fondazione e Melinda prende le redini di questa organizzazione politica profondamente antidemocratica, totalmente irresponsabile e aggressivamente non trasparente – che sollecita con zelo i riconoscimenti per le misere somme di denaro che dona ad un ritmo glacialmente lento? O se un altro “buon miliardario” -Elon, MacKenzie, Mark o Jeff- decidesse di riempire il vuoto lasciato da Bill? Sarebbe davvero un progresso sociale? O solo risciacquare e ripetere?
Crediamo davvero che questi individui meritino il privilegio politico che la filantropia miliardaria permette – di rifare il mondo secondo la loro visione del mondo, senza controlli o equilibri – perché sono riusciti a diventare così oscenamente ricchi? Non importa quanto ben intenzionati o virtuosi immaginiamo che questi individui siano, cosa possono sapere queste persone scandalosamente ricche delle vite dei poveri che dicono di aiutare? La storia che abbiamo davanti è quella di un miliardario dalla mela marcia di nome Bill Gates, o i difetti fondamentali degli individui che hanno troppi soldi e troppo potere? L’attuale ciclo di notizie presenta un’opportunità estremamente rara di sollevare finalmente questo tipo di domande, e non dovremmo sprecare il momento. Dobbiamo continuare a indagare su come Bill Gates tratta le sue dipendenti, ma dobbiamo anche considerare come Gates maltratti tutti noi, ed eroda la nostra democrazia, accaparrandosi più potere di quanto meriti.
Fare pienamente i conti con Gates significa confrontarsi con la nostra radicata adorazione della ricchezza e la nostra convinzione radicata nelle narrazioni degli eroi. Se vogliamo davvero aggiustare il mondo – eliminando le disuguaglianze nel modo in cui educhiamo, curiamo, nutriamo, ospitiamo, paghiamo e trattiamo in altro modo le persone – non possiamo contare su miliardari con grandi idee.

Tim Schwab è un giornalista freelance di Washington, D.C., la cui inchiesta sulla Fondazione Gates è stata finanziata da una borsa di studio della Fondazione Alicia Patterson del 2019

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore

Roma, chi fa cultura chiede buona politica

Un cartello di associazioni, in rappresentanza di migliaia di operatori e utenti, ha stilato un manifesto da sottoporre ai candidati

Referendum cannabis, onda verde a quota 100mila in 24 ore

Una partenza da sballo per il referendum cannabis. C'è tempo solo fino al 30 settembre per raggiungere le 500mila firme necessarie