14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
HomemondiOlympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Olympics kill the poor, i Giochi ammazzano i più poveri

Tokyo non ama granché queste Olimpiadi, un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia [Chelsea Szendi Schieder]

TOKYO – In Giappone la gente spesso evita argomenti spiacevoli nelle conversazioni casuali. Eppure le imminenti Olimpiadi hanno trasformato l’umore, e i miei scambi nelle ultime settimane hanno spesso toccato il disgusto, l’ansia e lo smarrimento che la gente che vive qui prova ora. La mia vicina di casa si lamenta che i bambini della sua vita, i suoi nipoti ma anche mio figlio, hanno dovuto rinunciare a tanti eventi importanti per loro. “Come possono fare le Olimpiadi se i bambini non possono fare le loro gare della Giornata dello Sport?”, mi ha chiesto l’altro giorno, mentre mi soffermavo fuori dalla sua finestra sempre aperta per spettegolare. I miei studenti hanno fatto tanti sacrifici; molti stanno ancora studiando online. Altri stanno tornando all’istruzione in classe anche senza una chiara idea di quando potranno essere vaccinati. Il personale dei nostri asili e delle scuole locali è allo stesso modo spesso all’oscuro di quando potranno ottenere il vaccino, e nel frattempo i casi quotidiani di Covid-19 a Tokyo, ora sotto il suo quarto stato di emergenza, stanno raggiungendo livelli che non si vedevano da gennaio.
Tutto ciò è molto diverso da quando Tokyo ha vinto la prima offerta per ospitare i Giochi nel 2013. Mentre una precedente offerta per ospitare le Olimpiadi del 2016 è fallita a causa della mancanza di sostegno pubblico, un sondaggio all’inizio del 2013 ha rilevato che il 73% (10 milioni) dei residenti di Tokyo ha sostenuto la candidatura del 2020, molti dei quali giovani. Potevo sentire l’eccitazione tra i miei studenti universitari, molti dei quali volevano lavorare come volontari. Lo vedevano come una grande opportunità per praticare l’inglese, acquisire una prospettiva più globale e presentare la città in cui vivono a visitatori provenienti da tutto il mondo. Le università si sono preparate a organizzare i loro semestri per facilitare il volontariato.
Le Olimpiadi di Tokyo del 2020 sono state vendute al pubblico come “Giochi di recupero e ricostruzione”. Una promessa centrale era quella di sostenere le regioni del nord-est devastate dal triplice disastro di terremoto, tsunami e fusione nucleare nel marzo 2011. Da quando la candidatura ha avuto successo nel 2013, il Giappone ha avuto molti altri disastri naturali: terremoti, inondazioni e, più recentemente, una frana letale. Ma tutti questi disastri sono stati eclissati dal Covid-19, e la promessa fatta quando il Giappone ha deciso di rinviare le Olimpiadi e le Paralimpiadi 2020 all’estate 2021 era che i giochi di Tokyo avrebbe simboleggiato una ripresa globale dalla pandemia. Con quella promessa ora nulla, i pali della porta si sono spostati di nuovo. Il Comitato olimpico internazionale è ora affermando i giochi come un simbolo di “pace”.
Sudo Kimiko, membro del gruppo Hangorin ( Anti-Olimpiadi), mi ha detto che prima del Covid era difficile raggiungere le persone con il messaggio anti-Olimpiadi del gruppo. Dal 2013, Hangorin ha cercato di sottolineare la natura intrinsecamente discriminatoria e diseguale delle Olimpiadi. I residenti delle città ospitanti hanno pochissimo input sul processo contrattuale, eppure devono contribuire con risorse e manodopera per facilitare gli eventi. I profitti vanno a beneficio di un’élite di pochi. Come è stato il caso in altri luoghi, i preparativi olimpici a Tokyo hanno incluso una campagna ostile contro la popolazione dei senzatetto della città. Ma il gruppo si è scontrato con quello che Sudo ha chiamato il “potere terrificante” della popolarità delle Olimpiadi. “Alla gente piacciono le Olimpiadi”, ha detto – o almeno a loro piacevano. Il sostegno popolare per l’ospitalità è crollato, con i sondaggi che ora mostrano una maggioranza di giapponesi contrari ad andare avanti con i Giochi.
Eppure, le organizzazioni anti-olimpiadi stanno lottando per determinare la migliore strategia per sfruttare questo malcontento. In parte a causa della cultura contemporanea di protesta di estrema destra del Giappone, in parte a causa della storia relativamente recente di protesta di strada e violenza politica della sinistra, l’attivismo di strada in Giappone ha difficoltà ad ottenere un’attenzione positiva dai media. In un caso, l’emittente pubblica nazionale, NHK, ha silenziato un segmento di un livestream della staffetta della torcia olimpica, tagliando l’audio proprio quando si potevano sentire le voci di protesta. Anche quando i media notano le proteste, è una lotta in salita. Sudo ha fatto eco a un commento che ho sentito da altri attivisti con cui ho parlato in Giappone negli ultimi anni: molte persone in Giappone pensano alle proteste di strada come una seccatura. So dalla mia ricerca che un’eredità negativa della vigorosa cultura della protesta degli anni ’60 in Giappone è stata un’avversione alla politica di strada conflittuale tra molti che si sono convinti che alla fine serva a poco per ottenere un cambiamento e possa portare alla violenza estremista.
Alcuni cittadini si stanno rivolgendo ai tribunali per cercare di ottenere qualche effetto. Il 9 luglio, un gruppo ha chiesto un’ingiunzione per fermare l’apertura delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi, sulla base del fatto che gli organizzatori non hanno effettivamente dimostrato come i giochi saranno “sicuri e protetti” nel bel mezzo della pandemia. Questo fallimento, sostengono, viola il loro diritto costituzionale a vivere.
Anche le organizzazioni professionali e alcune aziende sono entrate nel dibattito. A maggio, l’editore di riviste Takarajimasha ha pubblicato su tre quotidiani nazionali un annuncio a tutta pagina che paragonava la preparazione delle Olimpiadi di Tokyo alla preparazione di un’invasione alleata negli anni ’40, con un’immagine di un gigantesco coronavirus rosso imposto su una foto storica di bambini che si esercitano con le lance. Dichiarava: “Di questo passo, la politica ci ucciderà”. Poco dopo, l’Asahi Shimbun, un giornale progressista ma anche uno sponsor ufficiale delle Olimpiadi di Tokyo, ha pubblicato un editoriale chiedendo al primo ministro Suga Yoshihide di “annullare le Olimpiadi di quest’estate”. Molti professionisti medici e gruppi come la Japan Medical Women’s Association si sono sempre opposti all’organizzazione di un evento sportivo globale che potrebbe mettere a dura prova le istituzioni mediche del Giappone. Riflettendo come il pubblico vede male i prossimi Giochi, anche gli sponsor aziendali hanno preso le distanze. La Toyota ha annunciato che non farà pubblicità alle Olimpiadi.
Il mio vicino e altri con cui ho chiacchierato a Tokyo negli ultimi mesi si sentono spesso impotenti di fronte a questo grande evento che scende sulla nostra città – un affare curato per un pubblico televisivo, poiché gli unici spettatori locali saranno i dignitari. Condividiamo le nostre paure di essere al centro di un grande esperimento in una nuova pericolosa fase della pandemia. Poiché il Covid è stato inquadrato come una “minaccia esterna” al Giappone, c’è anche il rischio che un’Olimpiade disastrosa approfondisca la xenofobia in Giappone. Per tutta la durata della pandemia, il Giappone ha avuto alcune delle più severe chiusure di frontiera, che a volte escludevano persino gli attuali titolari di visto, i residenti a lungo termine in Giappone e i coniugi non giapponesi di cittadini giapponesi. Ora abbiamo migliaia di visitatori che si riversano dall’estero in quella che sembra essere una “bolla” porosa, sotto un incredibile scrutinio dei media. L’intera situazione sembra costruita per massimizzare i malintesi.
Mi preoccupa che un’Olimpiade pandemica mal gestita crei nella mente del pubblico nazionale dei collegamenti tra l’invitare quelli da “fuori” con il contagio e il pericolo. L’unica cosa più frustrante di capire che coloro che sono incaricati di organizzare tutto questo non possono sentire le voci dei residenti è rendersi conto che anche loro non dovranno vivere con le conseguenze. Parlando con i residenti di Tokyo, dai miei studenti alle imprese locali in difficoltà ai miei vicini anziani, sento spesso la frase: “A cosa stanno pensando, organizzando questo evento proprio ora? Non stanno pensando a noi.

Chelsea Szendi Schieder è una professoressa della facoltà di economia all’Università Aoyama Gakuin di Tokyo, Giappone, e l’autrice di Coed Revolution: The Female Student in the Japanese New Left (Duke University Press, 2021).

#Tokio2021 #Tokio2020 #Olympics #Olimpiadi #OlympicGame

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore