14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
14 C
Rome
venerdì 24 Settembre 2021
Homepadrini & padroniTokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Tokio 2020, nemmeno un minuto per le vittime di Hiroshima

Hiroshima protesta con il Cio per la mancata commemorazione dell’anniversario. La minaccia atomica oggi e l’ambiguità di Italia e Nato

La città di Hiroshima protesta contro gli organizzatori dei Giochi olimpici di Tokyo 2020, per il rifiuto ad onorare le vittime del bombardamento atomico del 1945. Asahi Shimbun, principale quotidiano nipponico, ricorda che nonostante la pandemia di Covid-19, i funzionari della città avevano anche accolto il presidente del Cio Thomas Bach a luglio per un tour dei siti commemorativi del bombardamento atomico, compreso l’Hiroshima Peace Memorial Park. Quella visita aveva illuso le istituzioni municipali, che credevano che quell’esperienza potesse indurre il Cio a spingere per accettare la richiesta della città: far fare un minuto di silenzio agli atleti olimpici il 6 agosto prossimo, giorno dell’attentato di 76 anni fa. Il presidente ad interim della Confederazione delle organizzazioni per le vittime della bomba atomica, Toshiyuki Mimaki, ha ammesso all’Asahi: «Sono deluso. Non pensavo che un breve momento di preghiera potesse incontrare obiezioni da parte di qualcuno. E’ un peccato che (Bach, ndr) sia venuto all’Hiroshima Peace Memorial Museum e tuttavia non gli sia venuta voglia di chiedere un momento di silenzio». Il comitato organizzatore di Tokyo ha affermato che alla base della decisione ci sono varie ragioni, come il fatto che già la cerimonia di chiusura prevista l’8 agosto preveda già un segmento di commemorazione per le vittime di tragedie storiche. Sempre secondo la stampa giapponese, il sindaco di Hiroshima Kazumi Matsui ha inviato una lettera al Cio il 28 luglio scorso, invitando gli atleti al villaggio olimpico a raccogliersi in una preghiera silenziosa alle 8:15, l’ora del bombardamento atomico.

Il 6 agosto 1945 la città di Hiroshima in Giappone veniva distrutta dalla bomba statunitense denominata “Little boy” e pochi giorni dopo, il 9 agosto, Nagasaki subiva la stessa sorte con “Fat Man”. Iniziava così l’era degli armamenti nucleari, che sarebbero in breve proliferati negli arsenali di vari stati, arrivando nel corso della Guerra Fredda all’astronomica cifra di circa 70.000 testate, per lo più in mano a Washington e Mosca.

«E questo è avvenuto nonostante che fosse poi stato firmato nel 1968 il Trattato di Non Proliferazione, che richiede ai paesi firmatari d’impegnarsi per il disarmo e per l’uso dell’energia nucleare solo a fini pacifici – spiega Maurizio Simoncelli, vicepresidente dell”Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo, IRIAD – con la fine del bipolarismo gli arsenali nucleari si sono ridotti per quantità di testate, ma non dal punto di vista qualitativo. La ricerca di una maggiore precisione e potenza, nonché il miglioramento dei vettori rimangono una politica seguita da tutte le potenze nucleari, come nel caso dei missili ipersonici, altra nuova frontiera della sfida militare».

Oltre 13.000 testate, secondo IRIAD, continuano a permanere negli arsenali e quasi 4.000 di esse sono immediatamente operative, «pronte a distruggere il mondo. Se poi consideriamo che l’adozione di sistemi d’intelligenza artificiale in questo settore, pur offrendo elevate capacità di analisi ed elaborazione dati, aumenta il rischio di un conflitto dati i margini di errore e le vulnerabilità delle tecnologie informatiche, che potrebbero causare un conflitto che distruggerebbe l’umanità».

A preoccupare i ricercatori e i pacifisti è la permanenza dell’opzione nucleare all’interno dei documenti strategici delle grandi potenze e anche della NATO, che ne ha recentemente ribadito l’importanza affermando l’“impegno a mantenere un mix appropriato di capacità di difesa nucleare, convenzionale e missilistica per la deterrenza e la difesa” (Comunicato del Consiglio Nord Atlantico, Bruxelles 14 giugno 2021).

La Quarta riunione ministeriale dell’Iniziativa di Stoccolma per il disarmo nucleare (Madrid, luglio 2021) ha visto i tre copresidenti (i ministri degli Esteri di Germania, Spagna e Norvegia, Heiko Maas, Arancha Galez Laya e Anne Linde) lanciare un pubblico appello per ridurre in quantità apprezzabile il numero di testate e per “una nuova generazione di accordi sul controllo degli armamenti” strategici. Il ministro tedesco Maas ha dichiarato che “dobbiamo costruire su questo ora, attraverso passi chiari con cui gli Stati dotati di armi nucleari adempiono al loro obbligo e responsabilità di disarmare”.

Come si può notare, anche paesi alleati NATO e filooccidentali richiedono a gran voce un cambio di passo decisivo per il disarmo nucleare, visto che dopo mezzo secolo dalla firma del TNP l’obiettivo finale è ancora lontano ed imprecisato nei tempi. Non è un caso che da parte di oltre 120 paesi, stanchi delle lentezze e delle ambiguità delle potenze nucleari, sia stato poi approvato all’ONU nel 2017 il TPNW, che prevede un disarmo nucleare immediato da parte degli aderenti.

Il TPNW, entrato in vigore quest’anno, «purtroppo vede l’assenza tra i firmatari anche dell’Italia, peraltro firmataria del TNP, ma che ospita in Italia (basi di Aviano e Ghedi) decine di testate di bombe statunitensi B-61, destinate ad un’eventuale guerra tattica di teatro, da combattere in Europa, cioè a casa nostra», sottolinea Simoncelli. Questa dotazione di bombe B-61 presso alcuni paesi europei è uno dei motivi ostativi ad un dialogo con Mosca, la quale procede anch’essa nel rinnovo del proprio arsenale nucleare.

E’ necessario, secondo IRIAD, che i colloqui e le trattative tra le potenze nucleari, in particolare tra Stati Uniti e Russia, riprendano dopo un lungo periodo di silenzio. Altrettanto importante è che il governo italiano, anche con il sostegno della società civile, avvii un’azione il più possibile condivisa per impedire un’accettazione passiva della realtà degli arsenali nucleari, che costituiscono una grave minaccia alla sicurezza internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

GKN, il tribunale cancella il licenziamento

Condotta antisindacale: i lavoratori Gkn riescono a inceppare la macchina della delocalizzazione. Ora dovrebbe agire il governo

«Non ci ammaleremo di paura». Gkn si prende Firenze

Firenze, è il giorno del corteo nazionale indetto dal Collettivo di Fabbrica Gkn contro i licenziamenti

Assemblea Gkn: ecco come bloccare le delocalizzazioni

Perché è illegittimo il comportamento dell'azienda nella delocalizzazione della Gkn. Un documento dell'assemblea permanente

Big Pharma, profitti alle stelle e quasi niente tasse

Denuncia di Oxfam ed Emergency: il monopolio sui vaccini anti Covid è una manna per le multinazionali e un genocidio per i paesi poveri

Gkn, gli operai che non rispettano il copione

Gkn. Marco Bersani spiega perché quella lotta parla a tutti noi , un appello della società della cura e un articolo di Francesco Locantore