21.4 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
21.4 C
Rome
martedì 26 Ottobre 2021
Homepadrini & padroniE il salario minimo vinse il Nobel per l'Economia

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l’economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l’occupazione [Romaric Godin]

Di fronte all’evidente crisi del consenso neoliberale in economia, il compito del comitato della Riksbank, la banca centrale svedese, di assegnare il “Riksbank Prize for Economics in Memory of Alfred Nobel”, in altre parole il falso premio Nobel per l’economia, non era facile. La scelta di premiare il canadese David Card e due americani, Joshua Angrist e Guido Imbens, è, da questo punto di vista, interessante se si considera che, dalla sua creazione nel 1969, questo premio è stato soprattutto uno specchio delle discussioni interne alla scienza economica.

In questo contesto, la decisione di assegnare il premio a David Card non è neutrale. Discreto e modesto ricercatore dell’Università di Berkeley, a 65 anni, ha dedicato la sua vita a sviluppare, come dice la commissione, “contributi empirici all’economia del lavoro”. E il suo impatto non è stato trascurabile. Mentre alla fine degli anni ’70 la narrazione della “stagflazione” aveva imposto la necessità della moderazione salariale, la critica del salario minimo in termini di equilibrio neoclassico era diventata un successo.

Di cosa si tratta? In sostanza, un salario minimo era, per i difensori del nuovo consenso, un prezzo rigido sul mercato del lavoro. Ha quindi impedito gli aggiustamenti necessari, come tutti i prezzi rigidi. Non potendo pagare ai dipendenti il prezzo di mercato, le aziende sono state costrette a rinunciare alle assunzioni e alla produzione redditizia. Il risultato, secondo questa teoria, era la disoccupazione e l’impoverimento generale. Cercando di regolare il mercato, si è creato l’opposto di ciò che si voleva.

Questa critica serviva a forgiare il consenso neoliberale. Negli anni ’80, i salari minimi sono stati messi sotto pressione. Nei paesi in cui non esiste un salario minimo, come l’Italia e la Svizzera, l’argomento “occupazione”, come descritto sopra, è stato regolarmente utilizzato per rifiutare l’introduzione di questo sistema. In Svizzera, in particolare, la lobby dei datori di lavoro aveva, durante una votazione nel 2014, sollevato la minaccia di un collasso economico se la proposta di un salario minimo di 22 franchi svizzeri (circa 20,5 euro) all’ora fosse stata adottata. La proposta è stata respinta dal 76,3% dei votanti. Questa stessa questione, con gli stessi argomenti presentati, aveva agitato la Germania nello stesso periodo quando fu introdotto un salario minimo federale nel 2015.

Questa logica è tutt’altro che scomparsa dal campo politico ed economico. È ancora difeso da diversi economisti molto influenti, come in Francia Gilbert Cette, che è vicino a Emmanuel Macron e il presidente del “Comitato di esperti SMIC” nominato proprio da questo stesso presidente. Da anni, Gilbert Cette chiede che il salario minimo sia reso più flessibile e che la sua rivalutazione sia legata unicamente alla variazione dei prezzi. La logica viene ripresa sotto il noto angolo del “buon senso” da politici come Bruno Le Maire per giustificare l’assenza di un “aumento” del salario minimo.

Tuttavia, di fronte a questo consenso, David Card, con il suo co-autore Allan Krueger, morto nel 2019, ha condotto un lavoro basato su casi concreti i cui risultati hanno smentito queste conclusioni. In un documento del 1992, ha condotto un’ampia indagine sugli effetti dell’aumento del salario minimo del luglio 1988 in California e ha confrontato i suoi effetti con una serie di stati che considerava comparabili. I suoi risultati sono chiari: l’aumento del salario minimo ha aumentato i redditi dei lavoratori a basso salario del 5-10% e “contrariamente alle previsioni convenzionali, non c’è stato alcun calo dell’occupazione giovanile e nessuna perdita relativa di posti di lavoro nel commercio al dettaglio”.

Ma l’articolo più significativo è un articolo del 1994, scritto con Allan Krueger, che esamina gli effetti di un aumento del salario minimo nell’industria del fast food nel New Jersey. Il metodo utilizzato è quello di confrontare gli effetti occupazionali dell’aumento con la regione adiacente della Pennsylvania orientale, dove l’aumento non si è verificato. In teoria, dato che le due regioni avevano livelli di sviluppo comparabili, ci sarebbe dovuto essere un calo dell’occupazione nel New Jersey e un aumento in Pennsylvania, dove l’offerta di fast food avrebbe dovuto beneficiare degli effetti negativi del provvedimento, attirando lavoratori, clienti e profitti. Ma gli autori non trovano “nessun effetto sull’occupazione” dall’aumento del salario minimo, anche se hanno studiato 410 ristoranti in entrambe le regioni.

David Card e Allan Krueger hanno adottato numerosi approcci per dimostrare che la teoria neoclassica non regge nella pratica. Nel 1995, hanno messo il chiodo nella bara con un libro, Myth and Measurement: The New Economics of the Minimum Wage (Princeton University Press). Così facendo, i due economisti non hanno messo fine al ricatto occupazionale contro il salario minimo e il suo aumento, ma hanno contribuito a stabilire un dibattito essenziale in cui l’aumento del salario minimo non era necessariamente negativo per l’economia.

Il lavoro di David Card si è sempre basato sul metodo empirico. Ma i suoi risultati hanno molto spesso contraddetto i risultati attesi dalla logica neoclassica ampiamente formalizzata. Da questo punto di vista, il suo lavoro è simile. Questo è particolarmente vero per il suo lavoro sull’immigrazione. Uno studio del 1991 scritto con Kristin Butcher ha analizzato l’impatto dell’arrivo in massa dei rifugiati cubani a Miami nel 1980 sul mercato del lavoro locale. Non è stato identificato alcun effetto negativo sui salari. Questo ha portato David Card nel 2005 a scrivere un documento più generale per mostrare la mancanza di prove di un effetto negativo dell’immigrazione sui salari, assumendo la visione opposta di George Borjas, il riferimento neoclassico sull’argomento.

Le reazioni della comunità economica tradizionale a questo lavoro hanno assunto in gran parte la forma di indignazione a metà degli anni ’90. James Buchanan, vincitore del premio nel 1984, lanciò un attacco insolitamente violento a Card e Krueger in un articolo pubblicato su Business Week nel 1996, ritenendo che la “scienza” non potesse difendere una posizione a favore del salario minimo se non per motivi ideologici. E si rassicurò: “Non siamo ancora diventati un gruppo di puttane che seguono il mercato. La decisione del consiglio della Riksbank dell’11 ottobre è quindi tutt’altro che insignificante in termini di storia del pensiero economico.

David Card è stato spesso una spina nel fianco della doxa neoliberale, che vorrebbe che ciò che è favorevole ai lavoratori sia negativo per l’economia e, in definitiva, per il benessere. In un’intervista pubblicata sul sito della Federal Reserve di Minneapolis, David Card ha persino messo in dubbio il legame tra la “rigidità salariale”, cioè l’incapacità dei salari di adeguarsi verso il basso, e la disoccupazione. “Non troviamo molte prove di una connessione tra salari e occupazione”, ha detto. Eppure questo legame è oggi al centro dei modelli dominanti concepiti dai neo-keynesiani, ma anche al centro del discorso politico che difende la moderazione salariale come soluzione alla disoccupazione.

Il lavoro di David Card è quindi molto utile in questo contesto, in un momento in cui lo stesso tema si ripropone, in particolare in Francia, dove i datori di lavoro e il governo rifiutano qualsiasi aumento del salario minimo. Aiuta a circoscrivere un’ideologia apertamente neoliberale che, nonostante i dubbi empirici, opta per una “realtà alternativa” governata da modelli macroeconomici e dalla legge disincarnata della domanda e dell’offerta.

Un utile metodo empirico

Ma il consiglio della Riksbank non ha lodato ufficialmente David Card per il contenuto del suo lavoro, ma piuttosto per il suo metodo. Per questo viene premiato insieme a Joshua Angrist e Guido Imbens, il cui lavoro si è concentrato sulla causalità che può essere stabilita dalle misurazioni empiriche. Questo lavoro metodologico ha rafforzato i risultati di Card e Krueger.

Questo metodo è chiamato “quasi-sperimentale” o “sperimentazione naturale” e si basa sul confronto dei dati tra un dato set e un set comparabile. La sfida è ovviamente quella di definire cosa è comparabile e cosa può essere dedotto dal confronto senza cadere nell’estrapolazione della correlazione (un buon riassunto di questo metodo può essere trovato qui).

Questo metodo non è “sperimentale” nel senso di quello condotto dai vincitori del 2019, Esther Duflo, Abhijit Banerjee e Michael Kremer. In questo caso, la sperimentazione non è “naturale”, è costruita creando un gruppo di controllo scelto a caso. Per Arthur Jatteau, economista dell’Università di Lille e autore di un libro critico sul “metodo Duflo” (Faire preuve par le chiffre?, pubblicato dall’Institut de la gestion publique et du développement économique, 2020), il metodo di David Card “prepara il terreno” per quello di Esther Duflo. Ma non è della stessa natura.

D’altra parte, entrambi i metodi fanno parte di una grande tendenza della scienza economica, quella della “rivoluzione empirica” che renderebbe l’economia sempre più una scienza di dati. In un contesto in cui il consenso neoliberale forgiato negli anni ’80 e ’90 si sta sgretolando e si trova a dover giustificare misure che vanno contro le sue stesse dottrine, questa tendenza è destinata a diventare sempre più diffusa, e questo è senza dubbio ciò che il comitato della Riksbank ha voluto sottolineare l’11 ottobre.

L’utilità dell’approccio non può essere scartata, in particolare nella sua superiorità rispetto alle costruzioni modellate che sono generalmente utilizzate come metodo di valutazione delle politiche pubbliche. Ricordiamo i dibattiti sugli effetti della CICE (Crédit d’impôt pour la compétitivité et l’emploi), in particolare, dove la scelta dei metodi era accuratamente orientata a raggiungere il risultato desiderato. Significativamente, il laboratorio più empirico è stato escluso dalla valutazione. Allo stesso modo, gli effetti empiricamente convalidati delle riforme fiscali sono spesso trascurati nell’attuazione delle politiche fiscali. Invece, gli effetti attesi, con milioni di posti di lavoro, sono affidati a modelli macroeconomici che sono precisamente calibrati per rispondere in qualche modo a questo tipo di misure.

C’è quindi un effetto “promemoria” degli studi empirici e il premio “Nobel” 2021 non può che giocare a favore dello sviluppo di questi approcci e, di conseguenza, di valutazioni più efficaci. Questo è tanto più importante in quanto la costruzione teorica del neoliberalismo sta lottando per resistere ai risultati empirici. Arthur Jatteau sottolinea che “gli economisti eterodossi di sinistra non hanno bisogno del lavoro di David Card per sapere che il salario minimo non uccide i posti di lavoro”, ma aggiunge: “Questo lavoro, come quello altrettanto empirico di Thomas Piketty, è importante, perché dà credibilità alle nostre posizioni. In altre parole, il lavoro empirico ci permette di pesare nel dibattito presentandoci come “quasi-fatti” ed è, in questo senso, indubbiamente prezioso.

Resta da vedere se questa visione della “fine della teoria” è sufficiente per costruire una scienza economica e per rispondere alle sfide della politica pubblica. L’ideale dell’empirismo è la verifica degli effetti delle politiche attraverso la gestione dei dati e la costruzione di una politica ideale basata sulle “buone pratiche”. È qui che si può fare il collegamento con gli esperimenti randomizzati alla Esther Duflo. Questi esperimenti permetterebbero infatti di testare le politiche a priori per scegliere le “migliori”.

In questo caso, però, non si tratta più di una semplice forza di richiamo o di un contropotere, ma di scelte di gestione. La scelta delle politiche da testare, delle variabili da esaminare e degli obiettivi da fissare si basa sempre su presupposti teorici. Non scegliamo di favorire questo o quel comportamento perché è buono “in sé”, ma perché corrisponde a scelte che fanno parte di quadri teorici.

L’empirismo ha molte virtù, soprattutto quando prende la forma scelta dal Card di verificare a posteriori se gli obiettivi sono stati raggiunti, il che permette di imparare dalla storia. Ma non basta costruire politiche indiscutibili perché sono “verificate”. È sempre necessario chiedere cosa si verifica e come si verifica.

Arthur Jatteau ritiene quindi che “l’economia non può essere solo una scienza dei dati”. I dati stessi sono costruzioni sociali. Possiamo mettere in discussione gli effetti del salario minimo sull’occupazione, ma non possiamo evitare di pensare a ciò che chiamiamo “occupazione” e a ciò che il salario implica per il modo di vivere. “L’economia non è solo una costruzione quantitativa di cifre”, riassume Arthur Jatteau. Nel capitolo del Capitale (1.4) sul “feticismo della merce”, Marx aveva già intuito questo rischio di ridurre i rapporti economici alla logica interna della merce e quindi a rapporti astratti “misurabili”. Per capire il quadro economico e agire, la teoria rimane uno strumento indispensabile.

Non si può ragionevolmente chiedere al comitato della Riksbank di spingere il suo pensiero fino a questo punto, poiché pone le basi per una critica della stessa scienza economica. Nel contesto di questo pseudo premio “Nobel”, l’annata 2021 è quindi una buona notizia, che ci permette di passare dal riduzionismo matematico formale a una logica della matematica applicata. È in questo modo un altro sintomo della crisi del neoliberalismo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Amico Rom, l’arte romanì patrimonio dell’umanità

"Amico Rom", il più importante e longevo concorso al mondo che riguarda la popolazione romanì [Chiara Nencioni]

Ilaria Cucchi: «Leggete bene quella sentenza»

Ilaria Cucchi commenta la sentenza d'appello del processo per l'omicidio di suo fratello Stefano. Il 22 la VII edizione del memorial

Il G8 in scena, senza tregua. A Genova

Teatro nazionale di Genova, G8 Project 2021, atto secondo. Il paesaggio orribile di un ventennio atroce Senza tregua, come una corsa che la...

Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

E il salario minimo vinse il Nobel per l’Economia

Nobel per l'economia a tre ricercatori tra cui David Card che ha sbugiardato la teoria che il salario minimo danneggi l'occupazione [Romaric Godin]