12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
12.2 C
Rome
giovedì 2 Dicembre 2021
HomemondiCile, Piñera verso l'impeachment

Cile, Piñera verso l’impeachment

Cile. I Pandora Papers inguaiano Piñera. Ora l’opposizione ha bisogno di due terzi al Senato per l’impeachment [J.C. Ramírez Figueroa]

Da Santiago. Dopo che il Congresso cileno ha approvato l’apertura di un processo di impeachment contro il presidente Sebastián Piñera per un business offshore incompatibile con la carica pubblica, il governo e i suoi alleati di destra hanno espresso il loro nervosismo in dichiarazioni ai media.

È la prima volta dalla Costituzione del 1980 – la stessa che si sta riscrivendo – che un’accusa contro un presidente cileno va avanti. Un’altra pietra miliare che si aggiunge al record di Piñera. E a differenza dell’Argentina, dove le accuse di manovre offshore dell’ex presidente Mauricio Macri giacciono dormienti nei tribunali, in Cile Piñera è a una manciata di voti dall’impeachment.

L’impeachment dei deputati sarà trattato nei prossimi giorni al Senato, dove è necessaria una maggioranza di due terzi per ottenere l’impeachment. Alcuni analisti sottolineano che l’opposizione potrebbe essere in grado di raggiungerlo se riuscisse ad aggiungere anche solo cinque voti del partito al potere.

“La porta è aperta dicendo che i presidenti potrebbero non durare quattro anni perché ci sono alcuni che per motivi meschini, per paura delle reti sociali, per paura dei loro colleghi di banco, per paura di essere minacciati o “funen” (sbattuti) non votano per la loro convinzione ma votano per la loro presunta convenienza”, ha detto Jaime Bellolio, un portavoce del Palacio de la Moneda.

Da parte sua, Diego Shalper del partito del Rinnovamento Nazionale al potere, un politico famoso per i suoi interventi inopportuni, al punto che il momento in cui fu messo a tacere dalla deputata del PC Carmen Hertz l’anno scorso è diventato virale, ha descritto il voto al Congresso come uno “spettacolo” e un “assemblaggio”. Il suo settore è stato profondamente turbato dall’arrivo all’ultimo minuto di due deputati dell’opposizione per votare contro Piñera.

Il presidente, dicono, ha “monitorato” l’intero processo e si sente “stanco”. Anche se è stato in grado di affrontare lo “scoppio sociale” dell’ottobre 2018, la vittoria del processo costituente e una pandemia globale, è la scoperta degli atti illeciti che non si aspettava, o almeno sperava di affrontare in questo modo.

Quindici ore

Quindici ore. Questo è stato il tempo che il deputato Jaime Naranjo del Partito Socialista ha impiegato ieri per intervenire durante la sessione per l’accusa costituzionale contro il presidente Sebastián Piñera a causa delle operazioni illegali che hanno favorito la compagnia mineraria Dominga durante il suo primo mandato tra il 2010-2014 e di cui era proprietario prima di entrare in carica. Un complotto rivelato dai Pandora Papers che il governo insiste a negare.

La performance di Naranjo – che ha suscitato applausi, meme sui social network e stanchezza tra i suoi colleghi – era evidentemente strategica: doveva guadagnare tempo in attesa dell’arrivo al Congresso dei deputati Giorgio Jackson ( Revolución Democratica) e Jorge Sabaj (Democrazia Cristiana) per assicurarsi voti e quindi favorire l’accusa che cerca di rimuovere Piñera dalla carica.

Le ragioni dell’assenza? Jackson ha terminato il suo periodo di isolamento a mezzanotte a causa dello stretto contatto del candidato presidenziale Gabriel Boric, affetto da COVID-19 nella sua vena Delta, e Sabaj ha viaggiato da Chillán a Valparaíso, la sede del Congresso, a circa otto ore di macchina. La presenza era obbligatoria per votare. Entrambi sono arrivati dopo mezzanotte in un giorno insolito.

Piñera è accusato fondamentalmente perché durante il suo primo mandato, nel 2010 ha venduto la sua parte del progetto Domingo al suo amico Carlos Delano con una clausola che stabiliva che l’area mineraria non sarebbe stata dichiarata riserva naturale, una decisione che apparteneva a Piñera stesso.

Dopo le deliberazioni, la difesa del presidente ha preso la parola alle 3:25 del mattino, l’avvocato Jorge Gálvez che ha parlato fino alle 5 del mattino in modo che, infine, alle 8 del mattino, sono stati ottenuti 78 voti a favore, 63 contro e 3 astensioni per passare al Senato dove si stabilisce un periodo di 4-6 giorni massimo per iniziare la discussione.  Piñera ha ancora una possibilità di “salvarsi”, ma se perde, verrebbe espulso dalla carica pubblica per 5 anni.

Così, la strategia di Naranjo per guadagnare tempo era appena iniziata, e alle 17:00 la sua stanchezza era già evidente: confusioni di parole, testi che venivano riletti perché un deputato aveva acceso una radio e perso la concentrazione, pause per bere acqua o mangiare della frutta secca.

La tarda notte

Tra le riflessioni sulle cattive pratiche del presidente cileno, famoso per giocare al limite tra affari e vita pubblica, Naranjo ha citato tra le “pietre miliari” di Piñera il fallimento della Banca di Talca a causa dell’uso improprio dei suoi fondi quando era direttore, alla negoziazione di zone di pesca con il Perù mentre il Cile era nel mezzo di una disputa di confine.

Ha anche parlato dell’importanza dell’ambiente, della necessità di un uso legittimo dell’autorità presidenziale e che la vita viene prima degli affari. Idee che, per molti, sarebbero un modo per unire la sinistra frammentata nelle future elezioni del 21 novembre tra ciò che resta della Concertación che ha governato per più di 20 anni dopo il ritorno della democrazia incarnato dalla DC, Yasna Provoste, e la sinistra più giovane (o meno centrista) di Boric che rappresenta il Frente Amplio e con l’appoggio del PC. Soprattutto in un periodo in cui i sondaggi danno una leggera vittoria all’estrema destra José Antonio Kast, apertamente pinochetista e il cui populismo ricorda Donald Trump e Jair Bolsonaro.

“Voglio che sia chiaro come testimonianza che questo parlamento è capace di mettere fine agli abusi e all’impunità di questo governo”, ha detto Naranjo alla fine del suo lungo discorso tra gli applausi e le grida dei parlamentari dell’opposizione. Il Cile e il suo popolo giudicheranno coloro che hanno permesso l’impunità di questo presidente”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Pertini, tra resistenza e star system. Un podcast

On line dal 2 dicembre “Il più amato dagli italiani”, podcast scritto da Massimiliano Di Giorgio e Giorgio Cappozzo

Scontri a Corvetto, il controprocesso di Genova Antifascista

Ragioni, contesto e sviluppi della mobilitazione antifascista del 23 maggio 2019. Il 2 dicembre al via processo contro più di 50 antifascisti

Predatori e predati nel caso Carige

Un libro spiega il sistema Carige a pochi giorni dalla sentenza in favore della banca e a danno dei piccoli azionisti [Mauro Baldassarri]

Mass shooting negli Usa, la guerra interna tra civili

La guerra dimenticata negli USA: i Mass Shootings. L'editoriale del nuovo numero di IRIAD Review [Maurizio Simoncelli]

Se l’esodo diventa una fuga

No-vax di sinistra, libertà e pensiero dialettico