18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
18.4 C
Rome
martedì 24 Maggio 2022
Homepadrini & padroniGentili telespettatori la guerra è servita

Gentili telespettatori la guerra è servita

Putin, in diretta tv a notte fonda, lancia l’offensiva in Ucraina frutto avvelenato di un’escalation bipartisan. L’unico antimperialismo possibile è quello dei popoli

Le peggiori previsioni si sono avverate. Vladimir Putin ha lanciato un’offensiva militare contro l’Ucraina. Il presidente russo è apparso alla televisione russa poco prima delle 4 del mattino (ora di Parigi) di giovedì 24 febbraio per una dichiarazione a sorpresa. “Ho preso una decisione sulle operazioni militari”, ha detto.
Il leader russo ha ripetuto le accuse del suo discorso di lunedì sera, durante il quale aveva annunciato il riconoscimento delle due repubbliche autoproclamate di Donetsk e Luhansk, denunciando un “genocidio” orchestrato da Kiev nell’est del paese, sostenendo che i separatisti chiedevano aiuto e che la politica aggressiva della NATO verso la Russia veniva usata come strumento.
Si è rivolto ai militari ucraini, dicendo loro: “Vi invito a deporre le armi”, assicurando loro che poi sarebbero stati in grado di “lasciare il campo di battaglia senza ostacoli”. Ha detto che non vuole una “occupazione” dell’Ucraina, ma la sua “smilitarizzazione”.
Si è poi rivolto a coloro “che cercheranno di interferire con noi […], devono sapere che la risposta della Russia sarà immediata e porterà a conseguenze che non avete mai conosciuto prima”. “Sono sicuro che i soldati e gli ufficiali russi faranno il loro dovere con coraggio”, ha detto, “la sicurezza del paese è garantita”.
Non ha dato dettagli sulla scala dell’operazione militare, se sarà limitata all’Ucraina orientale o più ampia.
Potenti esplosioni sono state sentite stamattina a Kiev, Odessa (sud) e nell’Ucraina orientale, secondo i giornalisti dell’AFP. Nella capitale, almeno due esplosioni sono state sentite nel centro della città la mattina presto, seguite dal suono delle sirene delle ambulanze.
Nella città portuale di Mariupol, la più grande città dell’Ucraina vicino alla linea del fronte con quasi mezzo milione di abitanti, diverse persone hanno detto all’AFP che potevano sentire i bombardamenti dell’artiglieria dalla parte orientale della città.
Più vicino alla linea del fronte del conflitto di otto anni tra i separatisti filorussi e le forze ucraine a Kramatorsk, che serve anche come quartier generale dell’esercito ucraino, almeno quattro potenti esplosioni sono state anche sentite dai giornalisti dell’AFP.
Nella città portuale ucraina meridionale di Odessa, sul Mar Nero, le esplosioni hanno risuonato anche a 600 km di distanza.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato i suoi concittadini a “non farsi prendere dal panico” per l’offensiva russa. “Non fatevi prendere dal panico, siamo pronti a tutto, vinceremo”, ha detto in un video messaggio su Facebook, aggiungendo che la Russia ha effettuato attacchi contro infrastrutture militari e guardie di confine.
Il mondo deve creare “una coalizione anti-Putin” per “costringere la Russia alla pace”, ha detto. “Stiamo costruendo una coalizione anti-Putin”, ha detto Volodymyr Zelensky dopo i colloqui con i leader americani, britannici e tedeschi. “Il mondo deve costringere la Russia a fare la pace”, ha aggiunto.
L’operazione russa in corso in diverse città ucraine ha lo scopo di “distruggere lo stato ucraino, prendere il suo territorio con la forza e stabilire un’occupazione”, ha detto il ministero degli esteri ucraino in una dichiarazione di giovedì. Kiev ha anche chiesto alla comunità internazionale di “agire immediatamente” e imporre nuove sanzioni contro la Russia il più presto possibile.

I leader occidentali hanno condannato l’offensiva militare.
Il presidente americano Joe Biden ha denunciato “l’attacco ingiustificato” della Russia. “Il presidente Putin ha scelto [di lanciare] una guerra premeditata che si tradurrà in sofferenze catastrofiche e perdite di vite umane”, ha detto il presidente degli Stati Uniti in una dichiarazione. “Solo la Russia è responsabile della morte e della distruzione che questo attacco causerà”, ha insistito.
Il presidente degli Stati Uniti, che ha detto che parlerà giovedì delle “conseguenze” per la Russia dell’annuncio e incontrerà le sue controparti del G7 lo stesso giorno, ha anche promesso che “il mondo terrà Mosca responsabile”.
L’annuncio del presidente russo è arrivato proprio mentre il Consiglio di sicurezza dell’ONU si riuniva a New York sulla questione della crisi tra Ucraina e Russia.
Questa decisione, “proprio nel momento in cui il Consiglio si riunisce, illustra il disprezzo in cui la Russia tiene il diritto internazionale e le Nazioni Unite”, ha detto l’ambasciatore francese, Nicolas de Rivière.
Il Cremlino dovrà essere “ritenuto responsabile”, hanno avvertito i leader dell’UE Charles Michel e Ursula von der Leyen dopo il lancio dell’operazione militare russa contro l’Ucraina. I leader dell’UE dovrebbero incontrarsi in un vertice a Bruxelles alle 20 di questo giovedì 24 febbraio, mentre l’UE ha avvertito di sanzioni “massicce” contro Mosca se attacca l’Ucraina.
“Chiederemo conto al Cremlino”, hanno avvertito il presidente del Consiglio europeo e il presidente della Commissione europea in un tweet congiunto.

 

Una escalation di cui Nato e Russia condividono le responsabilità ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa. I civili ne saranno le sole vittime, loro e i lavoratori di tutte le nazioni perché la guerra è un passo in avanti verso la catastrofe sociale ed ecologica capitalista. Anche i movimenti sociali stanno reagendo a questa terribile, quanto prevedibile, notizia.

«I blocchi concorrenti sono ugualmente criminali. Il gruppo Wagner che opera per conto di Mosca in Siria e in Africa non è diverso dal gruppo Blackwater che operava in Iraq e Afghanistan per conto di Washington. Il soffocamento sistematico della popolazione uigura da parte di Pechino non ha nulla da invidiare al soffocamento sistematico della popolazione palestinese da parte di Israele, fedele alleato degli USA», scrive il belga Daniel Tanuro spazzando via ogni tentazione campista, ossia di schierarsi con l’una o l’altra parte in guerra in nome dell’antimperialismo così come veniva interpretato ai tempi della guerra fredda.
La visione globale di una lotta contro tutti i blocchi non può che essere una presa di posizione solidale con tutte le vittime. Tanuro soiega che «tutti i blocchi sono fabbricanti di guerra perché sono tutti capitalisti e il capitalismo, come diceva Jaurès, “porta la guerra dentro di sé, come la nuvola, la tempesta”».
Una linea non facile da mantenere, avverte Tanuro, soprattutto in tempi di conflitto, e ancora di più in zone di conflitto quando c’è la tentazione di cercare di distinguere tra il “nemico principale” e il “nemico secondario”. E’ quello che accade in Africa dove l’odio giustificato verso il neocolonialismo francese porta certi settori della popolazione a dire “viva i russi”. O proprio in queste ore in Ucraina dove le minacce di Putin stanno spingendo la maggioranza della popolazione a chiedere l’adesione alla NATO che, invece, non aveva accettato nel 2014. Una questione che rischia di scuotere anche movimento contro la guerra in Italia, incomparabile con la forza che esprimeva vent’anni fa. Oltre Tuttavia 150 associazioni pacifiste e del volontariato stanno facendo rete contro la guerra. Peacelink fa da raccordo telematico fra moltissime realtà associative riportando puntualmente online le date dei presidi nelle città e diffondendo le testimonianze e gli interventi sulla stampa. L’unico campo antimperialista possibile è quello dal basso, delle persone, contro chi usa la guerra per il potere di oligarchi e multinazionali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il fascismo discreto: Giorgia Meloni spiegata ai francesi

Come Giorgia Meloni cerca di far dimenticare le sue radici fasciste e spera di diventare la prima donna premier in Italia [Ludovic Lamant]

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio