26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
26.4 C
Rome
venerdì 20 Maggio 2022
Homepadrini & padroniI piani di Putin e la poca voglia di guerra dei cittadini russi

I piani di Putin e la poca voglia di guerra dei cittadini russi

Putin ha invaso l’Ucraina ma questo potrebbe destabilizzare il  regime. I russi mostrano poco entusiasmo [Ilya Matveev Ilya Budraitskis]

La Russia ha attaccato l’Ucraina ieri sera. I peggiori timori sono stati confermati. La portata dell’invasione non è del tutto compresa, ma è già chiaro che l’esercito russo ha attaccato obiettivi in tutto il paese, non solo nel sud-est (lungo il confine delle cosiddette “repubbliche popolari”). Questa mattina, gli ucraini in varie città sono stati svegliati da esplosioni.

Vladimir Putin ha chiarito l’obiettivo militare dell’operazione: la resa completa dell’esercito ucraino. Il piano politico rimane poco chiaro – ma forse molto probabilmente significa l’istituzione di un governo filorusso a Kiev. La leadership russa presume che la resistenza sarà rapidamente spezzata e che la maggior parte degli ucraini comuni accetterà doverosamente il nuovo regime. Le conseguenze sociali per la Russia stessa saranno ovviamente gravi – già in mattinata, anche prima che le sanzioni occidentali fossero annunciate, le borse russe sono crollate e la caduta del rublo ha battuto ogni record.

Il discorso di Putin di ieri sera, in cui ha annunciato lo scoppio della guerra, ha rappresentato il linguaggio non celato dell’imperialismo e del colonialismo. In questo senso, il suo è l’unico governo che parla così apertamente come una potenza imperialista del primo Novecento. Il Cremlino non è più in grado di nascondere dietro altre rimostranze – compreso l’allargamento della NATO – il suo odio per l’Ucraina e il desiderio di darle una “lezione” punitiva. Queste azioni sono al di là degli “interessi” razionalmente intesi e si trovano da qualche parte nel regno della “missione storica”, come la intende Putin.

Dall’arresto di Alexei Navalny nel gennaio 2021, la polizia e i servizi di sicurezza hanno essenzialmente schiacciato l’opposizione organizzata in Russia. L’organizzazione di Navalny è stata considerata “estremista” e smantellata, le manifestazioni in sua difesa hanno provocato circa quindicimila arresti, e quasi tutti i media indipendenti sono stati chiusi o bollati come “agenti stranieri”, limitando gravemente il loro funzionamento. Manifestazioni di massa contro la guerra sono improbabili – non c’è una forza politica in grado di coordinarle e la partecipazione a qualsiasi protesta di strada, incluso anche un picchetto di una sola persona, viene punita rapidamente e severamente. Gli ambienti attivisti e intellettuali in Russia sono scioccati e demoralizzati dagli eventi.

Un segno rassicurante è che nella società russa non si percepisce un chiaro sostegno alla guerra. Secondo il Centro Levada, l’ultima agenzia di sondaggi indipendente (essa stessa bollata come “agente straniero” dal governo russo), il 40% dei russi non sostiene il riconoscimento ufficiale delle “repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk da parte delle autorità russe, mentre il 45% dei russi sì. Mentre alcuni segni di “raduno intorno alla bandiera” sono inevitabili, è notevole che, nonostante il controllo completo sulle principali fonti di media e un drammatico sfogo di demagogia propagandistica in TV, il Cremlino non è in grado di fomentare l’entusiasmo per la guerra.

Niente di simile alla mobilitazione patriottica che ha seguito l’annessione della Crimea nel 2014 sta accadendo oggi. In questo senso, l’invasione dell’Ucraina smentisce la teoria popolare che l’aggressione esterna del Cremlino è sempre finalizzata a sostenere la legittimità interna. Al contrario, semmai, questa guerra destabilizzerà il regime e ne minaccerà in qualche misura la sopravvivenza, poiché il “problema del 2024” – la necessità di mettere in piedi uno show convincente per la rielezione di Putin, quando i russi voteranno per il presidente – è ancora sul tavolo.

La sinistra di tutto il mondo ha bisogno di unirsi intorno a un semplice messaggio: no all’invasione russa dell’Ucraina. Non c’è alcuna giustificazione per le azioni della Russia; esse porteranno sofferenza e morte. In questi giorni di tragedia, chiediamo la solidarietà internazionale con l’Ucraina.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’inflazione che cambia tutto

Perché l'esplosione dell'inflazione rivela una crisi profonda del capitalismo, La spirale prezzi-profitti, la recessione in arrivo [Romaric Godin]

Besancenot: la sinistra e la guerra in Ucraina

Di ritorno dall'Ucraina, Besancenot ritiene che la sinistra europea debba sostenere più apertamente le vittime dell'imperialismo russo [Geslin e Goanec]

La commedia delle risorse umane. Lavoretti a teatro

In scena al Teatro Nazionale di Genova, Il mercato della carne di Bruno Fornasari 

«Un metodo e un processo per uscire dal grande riflusso italiano»

Intervista a Dario Salvetti alla vigilia dell'assemblea nazionale convocata dal collettivo Gkn a Campi Bisenzio

Fumetti, ritorna ARF! e si porta Paco Roca

Tra gli eventi di ARF!, il festival dei fumetti in programma dal 13 al 15 maggio, c'è una mostra sul disegnatore spagnolo Considerato all’u...