8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniAttacco razzista a Parigi: tre curdi uccisi

Attacco razzista a Parigi: tre curdi uccisi

Una donna e due uomini uccisi vicino a un centro culturale curdo. Arrestato un noto razzista. La comunità curda: «Lo Stato turco ha portato ancora una volta il suo terrore di stato in Europa!»

«È chiaro che i sostenitori e promotori europei delle politiche di genocidio e delle operazioni militari di Erdogan hanno permesso ancora una volta all’Europa di essere un’estensione degli attacchi dello Stato turco contro il popolo curdo». Il Movimento delle donne curde in EuropaTJK-E scrive dopo l’atroce attacco contro il Centro Culturale Ahmet Kaya di Parigi, in cui 3 persone hanno perso la vita e 3 sono rimaste ferite, è il risultato di queste politiche. Quasi esattamente 10 anni fa a Parigi, Sakine Cansiz, Fidan Dogan e Leyla Saylemez sono state assassinati dall’intelligence turca. «10 anni dopo questo massacro politico possiamo vedere chiaramente che l’organizzazione di intelligence turca, il MIT, sta continuando le sue operazioni – continua TJK-E – proprio come nel caso dell’utilizzo di armi chimiche da parte dello Stato turco, la Germania e la Francia stanno palesemente ignorando le norme sui diritti umani e il diritto internazionale e ancora una volta chiudono un occhio sugli attacchi contro il popolo curdo.
Come risultato di queste politiche, lo Stato tedesco ha condotto irruzioni contro le istituzioni curde, la comunità curda e i politici curdi. Allo stesso modo la Francia è diventata una terra in cui gli omicidi politici contro i curdi sono diventati un evento regolare.
Così come il popolo curdo chiede giustizia da dieci anni, continuerà a resistere contro gli sporchi giochi e gli interessi geo strategici di tutti gli stati coinvolti.
Cercheremo giustizia e principalmente chiederemo conto dei due stati coinvolti in questi brutali attacchi; vale a dire la Turchia e la Francia. Nessun attacco ci allontanerà dalla nostra legittima lotta per la nostra identità e libertà».

I fatti: una donna e due uomini sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco e altri tre sono rimasti feriti venerdì 23 dicembre, poco prima di mezzogiorno, a Parigi, da un uomo di nazionalità francese che è stato arrestato con la sua arma e posto sotto custodia della polizia. Gli eventi si sono svolti in rue d’Enghien, nel 10° arrondissement, vicino al centro culturale curdo Ahmet-Kaya e a due negozi vicini.

È stata aperta un’indagine sulle accuse di tentato omicidio, omicidio, violenza con arma e reati legati alle armi. Secondo la procura di Parigi, le indagini sono state affidate alla Direzione generale della polizia giudiziaria.

La Procura nazionale antiterrorismo e i suoi servizi sono giunti sul posto “ma, allo stato attuale, […] non ci sono elementi che favoriscano la necessità di rivolgersi a loro”, ha sottolineato il procuratore. “Per quanto riguarda i motivi razzisti degli eventi [di venerdì], essi faranno ovviamente parte delle indagini che sono appena iniziate con un grande dispiegamento di personale” da parte dei servizi investigativi, ha detto.

Cosa si sa del sospetto

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

Il sospetto, William M., un macchinista in pensione di 69 anni che vive nella capitale, secondo la procura di Parigi ha già diversi precedenti penali.

Il 29 giugno 2017 è stato condannato dal tribunale correzionale di Bobigny a una pena detentiva sospesa di sei mesi per “possesso vietato di armi delle categorie A, B e C”. Il 30 giugno 2022 è stato inoltre condannato dallo stesso tribunale correzionale a dodici mesi di reclusione per atti di violenza con un’arma commessi nel 2016, ma ha presentato ricorso contro questa sentenza.

Infine, il 13 dicembre 2021, dopo aver attaccato con una spada cinque giorni prima un campo di migranti allestito nel Parc de Bercy (12° arrondissement di Parigi), strappando le tende e ferendo due persone di origine sudanese, è stato incriminato per “violenza con ITT inferiore o superiore a otto giorni con un’arma, con premeditazione e di natura razzista e danni”.

Posto in detenzione preventiva presso la Maison d’arrêt de la Santé di Parigi, è stato rilasciato il 12 dicembre 2022, “al termine del periodo massimo di un anno di detenzione preventiva previsto dalla legge”, ha dichiarato il procuratore. Come parte della sua sorveglianza giudiziaria, gli è stato vietato di lasciare il Paese e di portare con sé un’arma. Poiché l’indagine giudiziaria è ancora in corso, non è ancora stato processato per questi atti.

Tuttavia, William M. non era noto agli archivi dell’intelligence territoriale o alla Direzione generale della sicurezza interna.

All’epoca dell’attacco al campo migranti, un anno fa, Ian Brossat, vicesindaco di Parigi con delega agli alloggi e alla protezione dei rifugiati, aveva messo in guardia dalle conseguenze di una liberazione del discorso razzista. Secondo diversi testimoni, William M. avrebbe fatto commenti “contro gli stranieri”.

Contattato dal sito d’inchiesta Mediapart, Ian Brossat deplora che l’autore di questo attacco razzista sia stato rilasciato il 12 dicembre. “C’è una forma di lassismo nei confronti degli atti perpetrati dall’estrema destra che lascia pensare.

Una settimana fa, il suo ufficio aveva visitato una delle vittime dell’attacco al campo migranti. “Mi ha preoccupato il clima che ha prevalso nelle ultime settimane, in particolare l’attacco da parte di un piccolo gruppo di estrema destra a una sala di consumo a basso rischio per i tossicodipendenti nel 10° arrondissement di Parigi. Dopo la campagna presidenziale con la candidatura di Zemmour, che ha sdoganato il discorso razzista, abbiamo assistito a un aumento degli attacchi razzisti o delle manifestazioni da parte di gruppi di estrema destra”, ha concluso Ian Brossat.

Scontro tra manifestanti curdi e polizia

Il ministro dell’Interno Gérald Darmanin ha visitato il luogo dell’attacco nel pomeriggio. Ha detto che l’uomo armato “ovviamente voleva attaccare gli stranieri”. “Non è certo che il killer che ha voluto assassinare queste persone […] lo abbia fatto specificamente per i curdi”, ha aggiunto il ministro, mentre all’interno della comunità curda si diffondevano voci di un attacco “politico”, proveniente dalla Turchia. “Non conosciamo ancora le motivazioni esatte”, ha insistito.

Gérald Darmanin ha anche detto di non avere informazioni che colleghino il sospetto a precedenti eventi legati all'”ultradestra”. Ha spiegato che il sospetto era un “tiratore” in un club sportivo e aveva “dichiarato numerose armi”.

I curdi di Francia sono stati bersaglio di un atroce attacco nel cuore di Parigi”, ha dichiarato il Presidente Emmanuel Macron. Il nostro pensiero va alle vittime, alle persone che stanno lottando per vivere, alle loro famiglie e ai loro cari. Siamo grati alle nostre forze dell’ordine per il loro coraggio e la loro compostezza.

Gli eventi si sono svolti in una zona commerciale molto frequentata, particolarmente apprezzata dalla comunità curda. Sul posto, l’emozione era alta intorno alla strada, che è stata in parte isolata da una grande forza di polizia.

I membri del centro culturale Ahmet-Kaya erano in lacrime e si abbracciavano per consolarsi a vicenda, ha osservato un giornalista dell’Agence France-Presse (AFP). Alcuni, rivolgendosi alla polizia, hanno gridato “sta succedendo di nuovo, non ci state proteggendo, ci stanno uccidendo”.

Dopo l’intervento di Gérard Darmanin, sono scoppiati incidenti tra gli agenti di polizia che proteggevano il ministro degli Interni e i membri della comunità curda venuti a manifestare la loro rabbia. La polizia ha usato i gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti, che a loro volta hanno lanciato proiettili nella loro direzione, bruciato bidoni della spazzatura ed eretto barricate in strada.

I vetri di diversi veicoli civili e della polizia sono stati infranti da pietre e mattoni e numerosi fuochi sono stati accesi sulla strada in Rue du Faubourg Saint-Denis e Boulevard de Strasbourg. “Alcuni manifestanti hanno intonato “PKK” (Partito dei Lavoratori del Kurdistan), “i martiri non muoiono!

Cinque poliziotti sono stati feriti e una persona è stata arrestata per violenza contro la polizia, ha dichiarato una fonte della polizia all’AFP.

“Un attacco terroristico” per il Consiglio democratico curdo in Francia

Selma Akkaya, giornalista e attivista curda presente al momento della sparatoria, ha dichiarato all’AFP che tra i feriti c’era “un famoso cantante curdo”. L’autore ha sparato, secondo la donna, “in direzione di un salone di parrucchieri”.

“Sette o otto spari in strada, è panico totale, siamo rimasti chiusi dentro”, ha detto all’AFP un negoziante di un edificio vicino che ha voluto rimanere anonimo.

“Abbiamo visto un anziano bianco entrare e sparare nel centro culturale curdo, poi è andato dal parrucchiere accanto”, all’angolo con il cortile delle Petites-Écuries. “Ci siamo rifugiati nel ristorante con i dipendenti”, ha detto Romain, il vicedirettore del ristorante Pouliche Paris nella strada, contattato telefonicamente.

Rue d’Enghien e il quartiere sono ricchi di ristoranti, bar e negozi e i suoi marciapiedi e quelli delle strade adiacenti sono solitamente pieni di gente.

Secondo un altro testimone, un residente della zona che stava passando per la strada e intervistato dall’AFP, “c’erano persone in preda al panico che gridavano agli agenti di polizia ‘è qui, è qui, andate avanti’ indicando un salone di parrucchiere”.

“Ho visto agenti di polizia entrare nel salone dove ho visto due persone a terra, con ferite alle gambe, ho visto del sangue”, ha aggiunto, descrivendo “persone in stato di shock e panico”.

Il Centro Ahmet-Kaya, che prende il nome dall’omonimo cantante, è un’associazione prevista dalla legge del 1901 il cui scopo è quello di “promuovere l’integrazione graduale” della popolazione curda che vive nella regione di Parigi.

Gli eventi si sono verificati pochi giorni prima del decimo anniversario dell’assassinio di tre attivisti curdi negli uffici del Centro di informazione sul Kurdistan (10° arrondissement di Parigi), il 9 gennaio 2013.

Durante la conferenza stampa di venerdì sera, il Consiglio democratico curdo in Francia (CDK-F), che ha indetto una “grande manifestazione” per sabato 24 dicembre a Place de la République a Parigi, ha ritenuto “inammissibile che non venga mantenuto il carattere terroristico e che si cerchi di farci credere che si tratti di un semplice estremista di destra […] che è venuto a commettere questo orribile attacco nei nostri locali”.

“La situazione politica in Turchia riguardo al movimento curdo ci porta a credere che si tratti di omicidi politici”, ha dichiarato Agit Polat, portavoce dell’organizzazione, aggiungendo che secondo lui “il presidente turco Erdogan e lo Stato turco sono dietro questi omicidi”.

I rappresentanti della CDK-F hanno poi invitato le autorità francesi a “smettere di essere compiacenti con le autorità turche quando si tratta della sicurezza dei curdi”. “Le autorità francesi devono riceverci e porre fine a questo gioco cinico”, ha aggiunto Agit Polat, precisando di aver “condiviso i suoi timori” sulla sicurezza dei militanti curdi con i servizi segreti francesi “solo 20 giorni fa”. “La comunità franco-curda è ora arrabbiata e impaurita”, ha dichiarato David Andic, avvocato della CDK-F.

«Lo Stato turco ha portato ancora una volta il suo terrore di stato in Europa!», scrive anche KNK- Congresso nazionale del Kurdistan: «L’ultimo attentato a Parigi è chiaramente ancora una volta organizzato da Ankara. Questo attacco è anche un attacco contro il popolo francese (…)Non possiamo considerare questo attacco come un attacco ordinario. È un’altra versione dell’assassinio di 10 anni fa a Parigi nel 2013. Non sappiamo chi sia la persona arrestata, ma si tratta di un’operazione con base ad Ankara. È un attacco organizzato dal MİT e dalla controguerriglia.

Non importa chi preme il grilletto, Ankara è il potere dietro di esso, dalle informazioni rivelate nell’indagine sull’assassinio delle tre donne rivoluzionarie il 9 gennaio 2013 e nell’indagine sull’attentato contro i leader curdi in Belgio. Durante questi 10 anni di indagini, noi avvocati e investigatori abbiamo visto che il centro delle squadre di assassini turchi in Europa è in Francia.

Il procuratore capo ha già annunciato che si è trattato di un attacco razzista, ma non lo accettiamo. Anche se questo potrebbe essere il caso, non abbiamo dubbi che sia stato diretto dalla Turchia.

Il pubblico ministero non deve ingannare il pubblico. La Francia, non adottando le misure necessarie, è responsabile di questo attacco.

Il popolo curdo e i suoi amici devono restare uniti di fronte a questi attacchi e devono invitare il governo francese ad assumersi le proprie responsabilità. Lo Stato turco deve essere ritenuto responsabile e deve essere processato per i suoi crimini».

«I metodi di Erdogan sono noti ma l’Unione Europea e gli USA continuano a tenere il Pkk di Ocalan nell’elenco delle organizzazioni terroriste», commenta infine Maurizio Acerbo, segretario del Prc.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"

Pescare nel deserto e raccontarlo a teatro

"Kakuma. Fishing in the desert", di Laura Sicignano, in prima nazionale a Genova

L’impossibile virata a sinistra del Pd

Il percorso lungo, travagliato - e truccato - del congresso del nuovo cosiddetto Pd Son finiti i tempi dei segretari a vita o a fine mand...

Trieste, Romano Held suona ancora

Shoah e Porrajmos. La storia del violinista Romano Held e il bisogno di una memoria a più voci

L’errore Nucleare, la mistificazione del Trattato

Nel primo anniversario della proibizione nucleare non c'è molto da festeggiare [Angelo Baracca]