8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
8.5 C
Rome
domenica 29 Gennaio 2023
FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page
Homepadrini & padroniIran, la repressione è di classe

Iran, la repressione è di classe

A quattro mesi dall’omicidio di Mahsa Amini, la spietatezza del regime sta colpendo soprattutto gli strati sociali più poveri [Jean-Pierre Perrin]

Non possiamo dire il suo nome e nemmeno la sua età. Né alcun elemento che possa permetterci di identificare i suoi parenti. Possiamo semplicemente dire che si tratta di una ragazza, che si chiamerà Raheleh, e che proviene da un quartiere povero del sud di Teheran o della sua immediata periferia. La sua storia è rivelata da un artista iraniano che si è impegnato finanziariamente per aiutare la sua famiglia, completamente distrutta dalla violenza della repressione. Ha chiesto il rigoroso anonimato.

Quando Raheleh viene restituita alla madre, dopo essere stata arrestata a novembre o dicembre per aver manifestato, è in cattive condizioni. È stata picchiata e violentata con vari oggetti, tanto che le ferite nella zona anale hanno richiesto dodici punti di sutura. Ma è anche determinata a far conoscere il suo tormento. Come si può fare? Una famiglia modesta in Iran non ha gli stessi mezzi della classe media o dei ricchi.

Un vicino si offre di aiutarla a contattare un’organizzazione per i diritti umani. Ma sono gli agenti del regime che l’uomo va a trovare. Raheleh viene nuovamente arrestata, dichiarata demente e mandata in un istituto psichiatrico, dove muore poco dopo. “Non tollerava le medicine”, è stato detto alla madre. Quest’ultima è stata a sua volta arrestata e violentata. Allertato da un amico della famiglia di Raheleh, l’artista ha pagato la cauzione che ha permesso il suo rilascio.

Quando sabato 14 gennaio l’Iran ha annunciato l’esecuzione per impiccagione di Ali Reza Akbari, un iraniano-britannico accusato di spionaggio, questa storia di feroce repressione risuona come una realtà. “Anche se non si può escludere del tutto una certa ingigantimento, tanto è forte l’odio del popolo per il regime, ciò che è accaduto a questa giovane ragazza non mi sorprende affatto”, commenta da Parigi l’avvocato Karim Lahidji, fondatore della Lega iraniana per la difesa dei diritti umani e presidente onorario della Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH).

FILLEA CGIL: una storia lunga 136 anni, vai alla landing page

“Se ti opponi a questo regime, non sei più considerato un essere umano, non sei più nulla. Sei solo uno schiavo e, come previsto dalla Sharia, rischi di essere frustato, violentato, picchiato a morte. E anche le tue proprietà saranno portate via”, ricorda l’attivista per i diritti umani.

Nel 1981, quando ero ricercato dalla polizia, mi hanno tolto tutto e hanno arrestato mio figlio di 15 anni”, racconta l’avvocato, noto per aver difeso centinaia di oppositori del regime dello scià e poi dei mullah. Grazie a una personalità del regime che conoscevo bene, sono riuscito a farlo rilasciare. Ma il giudice di un tribunale rivoluzionario di Teheran ordinò comunque di punirlo con trenta frustate, semplicemente perché era mio figlio e non aveva rivelato il mio nascondiglio. Ciò che è accaduto all’inizio della rivoluzione islamica è vero anche oggi.

Quello che succede in Iran è molto più grave di quello che ti succede in Europa”, aggiunge un giovane intellettuale iraniano in visita a Parigi. Si parla molto di artisti, attrici o sportivi quando vengono arrestati. Ma il regime si guarda bene dal risparmiarli. Abbiamo assistito al rilascio dell’attrice Taraneh Aldousti [il 4 gennaio, dopo aver pagato una cauzione di un miliardo di toman, pari a circa 25.000 euro – n.d.r.], che è uscita dalla prigione di Evin senza velo e sorridente, accolta dai suoi amici del cinema. Questo non ha nulla a che vedere con la ben più terribile repressione delle classi lavoratrici e delle minoranze. E non c’è nessuno che li difenda.

“Non dirlo a mamma”.

Lo vediamo con i quattro giovani recentemente giustiziati con l’accusa di “inimicizia contro Dio” o “corruzione sulla terra”, a seguito di confessioni estorte con la tortura e di processi sommari condotti senza avvocati. Tutti provenivano da ambienti umili.

Mohsen Shekari, 23 anni, faceva il cameriere a Teheran. Majid Reza Raznavard, 23 anni, impiccato pubblicamente a una gru a Macchad (Iran nord-orientale), non aveva una professione definita. Seyyed Mohammad Hosseini, 39 anni, era un operaio, orfano di entrambi i genitori. Mehdi Karami, 22 anni, era figlio di un venditore di fazzoletti. Le sue ultime parole hanno sconvolto l’Iran: “Papà, le sentenze sono state emesse. Sono condannato a morte. Non dirlo alla mamma”.

Accanto alla terrificante repressione ufficiale, c’era quella altrettanto spaventosa che si svolgeva nell’ombra e prendeva di mira gli ambienti più modesti, risparmiando le classi più elevate, come del resto gli arresti e le condanne. È stata portata avanti da miliziani, agenti in borghese, ma anche da teppisti.

Ai tempi dello Scià, il regime li chiamava già per reprimere le manifestazioni”, ricorda l’intellettuale iraniano. Erano chiamati gardan kolof [letteralmente, “colli robusti”]. Erano più simili a bande di quartiere guidate da un piccolo leader. Ora, l’attuale regime introduce i mahkoumin [detenuti], che escono direttamente dal carcere. Alcuni indossano anche braccialetti elettronici. E sono molto più cattivi del gardan kolof.

Inoltre, le famiglie modeste e della classe media sono preoccupate per le pesanti cauzioni richieste dalla magistratura per il rilascio dei loro figli detenuti, che ammontano a miliardi di toman, o migliaia di euro, e che le costringono a indebitarsi per anni, o addirittura per tutta la vita, e a ipotecare i loro appartamenti.

“Quando si parla di disuguaglianze nel contesto delle manifestazioni e delle risposte del regime, la brutalizzazione non è l’unico elemento da prendere in considerazione, ma si può citare anche l’ipocrisia del regime”, insiste lo storico Jonathan Piron, coordinatore del polo strategico di Etopia, un centro di ricerca indipendente con sede a Bruxelles, e ricercatore associato al Gruppo di ricerca e informazione sulla pace e la sicurezza (Grip).

Un esempio: “All’inizio di gennaio, un video girato nel centro commerciale Opal, a nord di Teheran, è diventato virale. Mostra donne che camminano senza indossare il velo. Mentre in Occidente queste immagini sono state interpretate come un segno che le cose stavano cambiando, in Iran sono state viste come una continuazione della disuguaglianza. Solo le classi più ricche godono di tali benefici, mentre le classi povere e lavoratrici continuano a subire le stesse limitazioni. Allo stesso tempo, nelle vicinanze del bazar di Teheran o altrove nel Paese, i requisiti per indossare il velo non sono cambiati affatto.

Eppure è in nome dei mostazafin (i “diseredati”, termine preso in prestito dal Corano) che è stata fatta la rivoluzione islamica del 1979. “I mostazafin conoscono il significato dei diritti umani meglio di Jimmy Carter”, l’allora presidente democratico degli Stati Uniti, ha detto persino l’imam Khomeini, il fondatore della Repubblica islamica.

Per il regime, queste classi popolari sono diventate la principale minaccia. Da qui la ferocia della repressione contro di loro.

Durante le cerimonie, le parate o le commemorazioni, gli oratori del regime continuano a celebrarli, a rendere omaggio alla loro umiltà, alla loro pietà, al loro coraggio – sono stati la carne da cannone della guerra Iraq-Iran – e al loro martirio: “Siete la torcia dell’Islam”, amava dire loro Khomeini.

Questo è uno dei motivi per cui i mostazafin, insieme ai commercianti dei bazar, sono stati a lungo la clientela del regime. Hanno formato i grandi battaglioni del Basij, la milizia islamica responsabile del controllo delle strade e della società, e spesso hanno votato per candidati conservatori. Nel 2009 sono stati notoriamente assenti dalle grandi manifestazioni della “rivoluzione verde”, contro i massicci brogli che hanno portato alla rielezione di Mahmoud Ahmadinejad.

Oggi è ancora nei quartieri più poveri di Teheran, quelli a sud della città, dove ci sono meno zone di protesta. Ma per il regime queste classi lavoratrici sono diventate la principale minaccia. Da qui la ferocia della repressione contro di loro.

L’addio alla rivoluzione islamica dei ‘diseredati’

Infatti, nel 2017-2018, e soprattutto nel 2019, si è finalmente verificato un divorzio che il regime probabilmente non aveva previsto. Sono stati i giovani degli strati più popolari e delle classi medio-basse a confrontarsi con le forze del regime durante manifestazioni particolarmente violente per protestare contro l’aumento dei prezzi dell’energia.

Non si riconoscevano più nel vocabolario religioso. Ma il resto dell’Iran è rimasto a guardare e ha lasciato che la loro rivolta venisse schiacciata in tre settimane. Secondo una ricerca della Reuters, la repressione avrebbe ucciso almeno 1.500 persone. Si spezzerà il movimento.

Quattro mesi dopo il pestaggio di Mahsa Amini, avvenuto a Teheran il 14 settembre, l’uccisione di oltre 500 manifestanti e l’arresto di altri 16.000, il movimento si è indebolito. Le proteste, che riunivano diverse decine o addirittura centinaia di persone in varie parti del Paese, si stanno estinguendo”, riconosce Jonathan Piron. Le prime condanne a morte, la brutalizzazione delle forze del regime e l’aumento della presenza delle forze di sicurezza in alcuni eventi, come le cerimonie per il quarantesimo giorno di lutto dopo la morte di un manifestante, hanno avuto un impatto. Vale anche la pena ricordare che la protesta ha un costo economico per alcuni iraniani, già pesantemente colpiti dalla crisi sociale ed economica.

Il ricercatore aggiunge: “Impegnarsi in una lunga protesta richiede una resistenza finanziaria che gran parte della popolazione non ha più. La chiusura forzata da parte del regime dei negozi dei commercianti in sciopero e la privazione dello stipendio dei dipendenti pubblici che hanno sostenuto le proteste potrebbero aver contribuito a smobilitare alcuni dei manifestanti. La disuguaglianza economica è quindi un elemento che può indurre una parte della popolazione a non impegnarsi nelle proteste.

Ma le mobilitazioni in corso non riguardano solo il numero di manifestanti, né il numero di manifestazioni – anche se sono state la regolarità e la portata di queste ultime, con oltre 250 località interessate, a preoccupare il regime. Il repertorio della protesta è molto più ampio e si basa su slogan urlati dai palazzi di notte, graffiti, canzoni, condivisione di esperienze e informazioni sui social network, petizioni, scioperi…

Queste mobilitazioni “alternative” continuano, anche se con minore intensità, ma contribuiscono a mantenere la dinamica della protesta e la sua documentazione”, continua Jonathan Piron. Nell’ambiente universitario, le mobilitazioni riguardano la protezione degli studenti espulsi o imprigionati, o di altri attivisti e leader studenteschi. Ci sono anche dei vincoli nei confronti degli insegnanti che hanno criticato la repressione e i cui stipendi sono stati sospesi dal regime come ritorsione.

Sembra certo che si verificheranno nuove dimostrazioni, a breve o medio termine”, anticipa il ricercatore. Le cause della rabbia sono difficilmente risolvibili. Il regime ha risposto poco alle aspettative o ha tentato di placare la rabbia con nuove politiche economiche e sociali. Le poche misure adottate si sono immediatamente dissolte nell’inflazione. La memoria delle proteste e delle repressioni è attivata anche attraverso i social network e sembra essere scesa anche negli spazi conservatori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Cancel culture: fascisti e polizia contro francobolli e giochi

Succede in Spagna per via di un francobollo sui cent'anni del Pce e in Francia contro un gioco "antifa"

Pescare nel deserto e raccontarlo a teatro

"Kakuma. Fishing in the desert", di Laura Sicignano, in prima nazionale a Genova

L’impossibile virata a sinistra del Pd

Il percorso lungo, travagliato - e truccato - del congresso del nuovo cosiddetto Pd Son finiti i tempi dei segretari a vita o a fine mand...

Trieste, Romano Held suona ancora

Shoah e Porrajmos. La storia del violinista Romano Held e il bisogno di una memoria a più voci

L’errore Nucleare, la mistificazione del Trattato

Nel primo anniversario della proibizione nucleare non c'è molto da festeggiare [Angelo Baracca]