15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
15.6 C
Rome
lunedì 4 Marzo 2024
Homepadrini & padroniIran, il vento del terrore di regime

Iran, il vento del terrore di regime

Iran, nessun leader riformista osa denunciare la repressione della Repubblica Islamica [Jean-Pierre Perrin]

Tornare in Iran o no? Questa è la domanda che Mohsen* si pone ogni giorno da un Paese del Golfo Persico dove si è temporaneamente stabilito con la sua famiglia. In qualità di capo di una grande azienda del settore privato, si è tenuto prudentemente lontano dalla rivolta iniziata con il pestaggio a morte di Mahsa Amini il 14 settembre per essersi discostata dal codice di abbigliamento in vigore.
Ma per il regime di Teheran, questa presa di distanza del leader commerciale è tutt’altro che sufficiente. Quello che gli etela’ati (agenti dei servizi segreti) gli hanno chiesto, convocandolo prima della partenza, è stato di spiare i suoi dipendenti e di informare gli agenti del regime di tutto ciò che accade nella sua azienda. E quando questi ultimi gli hanno offerto del denaro, non era per pagarlo, come Mohsen aveva pensato in un primo momento, ma per pagare la futura rete di informatori che volevano fargli creare. Quanto denaro? “Fino al cielo”, gli hanno detto.
A quattro mesi dall’inizio della rivolta, è una repressione senza misura quella che sta attraversando l’Iran. Solo il 21 e il 22 gennaio, tre giornaliste iraniane, Melika Hachemi, Saeideh Safaie e Mehrnoosh Zareie, sono state arrestate e portate nel carcere di Evin, vicino a Teheran, già completamente sovraffollato. Il numero di giornalisti imprigionati sale così a circa 80.
Il 23 gennaio si è appreso che Samaneh Asghari, un’attivista per i diritti dei bambini detenuta da circa 100 giorni, è stata accusata di sette capi d’accusa per “raduno e collusione” contro il regime e “incitamento del popolo alla guerra e all’omicidio”. E che la ventenne Armita Abassi, figura emblematica, insieme a Mahsa Amini, della violenza contro le donne, sarebbe dovuta comparire in tribunale il 26 gennaio – non si sa se questa comparsa sia avvenuta.
Armita Abassi è stata rapita dai miliziani durante una manifestazione, violentata più volte durante la sua “sparizione”, provocandole lesioni interne ed emorragie, e poi nuovamente rapita il 20 ottobre dal suo letto nell’ospedale Imam-Ali di Karaj (alla periferia di Teheran) per impedire alla sua famiglia di farle visita.
Non potendo incontrare la loro cliente e non avendo tempo sufficiente per studiare il suo caso, i suoi avvocati hanno preferito rinunciare. Il capo del tribunale rivoluzionario davanti al quale doveva comparire, Assef al-Hosseini, è ben noto per la sua crudeltà. Alcuni lo hanno soprannominato “il giudice della morte”.
Anche gli avvocati sono presi di mira dalla magistratura. Amir Afshar Najafi è stato appena condannato a 17 mesi di reclusione e al divieto di esercitare la professione e di lasciare il Paese per due anni per aver difeso i manifestanti imprigionati. In totale, sono circa 50 gli avvocati detenuti.

Uso del riconoscimento facciale

Le pesanti condanne, gli arresti più arbitrari, le torture fisiche e psicologiche e le esecuzioni di quattro manifestanti hanno portato una terribile paura nelle città iraniane, permettendo al regime di schiacciare la protesta, almeno per come si è espressa nelle strade. Gli stupri di ragazze, ma anche di ragazzi, i suicidi, per lo più tenuti segreti, di molti giovani dopo la detenzione terrorizzano anche le famiglie.
Di conseguenza, le manifestazioni sono praticamente cessate in tutto il Paese, tranne che a Zahedan, capitale della provincia del Sistan-Baluchistan, dove continuano ogni venerdì. Anche le grida di “Marg Bar dictator” (“Morte al dittatore”), che venivano gridate ogni sera alle 21 da molti edifici di Teheran, sembrano destinate a spegnersi.
Se la repressione non si indebolisce, assume anche una forma sempre più orwelliana. D’ora in poi, le convocazioni dei servizi di sicurezza non riguardano solo persone probabilmente ostili al regime, ma sono dirette anche a coloro che non lo rifiutano, sia per motivi clientelari che per paura di un futuro incerto se l’attuale governo dovesse crollare.
Allo stesso tempo, il governo sta implementando un sistema di riconoscimento facciale per monitorare le donne in pubblico e su Internet, una tecnologia che ha iniziato a utilizzare nell’estate del 2022, dopo l’adozione di una nuova legge che impone regole ancora più severe sull’abbigliamento femminile. “Le donne al volante che non indossano il velo vengono già minacciate con un avvertimento e una fotografia della targa della loro auto”, racconta Afsaneh*, una teheranese in visita a Parigi.
Tuttavia, e questa è una differenza notevole rispetto al periodo precedente la rivolta, le donne che si rifiutano di indossare il velo sono ora numerose nelle strade di Teheran. Nel nord della capitale, dove risiedono le classi sociali più ricche e occidentalizzate, ma non solo. Molti di essi si trovano intorno a Piazza Tajrich, un quartiere commerciale più tradizionale nel centro della città.
“Alcune donne ora escono senza hijab. Altri sono più prudenti: lo portano con sé nella borsa. Lo porto al collo e lo indosso all’occorrenza”, aggiunge Afsaneh. Lo stesso vale per alcune grandi città di provincia, come Isfahan.

Faezeh, la figlia ribelle dell’ex presidente iraniano

Non si sente nessuna voce discordante all’interno del regime osare la minima critica a questa fenomenale repressione. Il silenzio dei leader della corrente riformista è schiacciante. Non una parola dagli ex presidenti Mohammad Khatami – al potere dal 1997 al 2005, voleva dare un volto umanista alla Repubblica islamica – e Hassan Rohani – durante il suo primo mandato aveva promesso di liberare i prigionieri politici.
Non un solo messaggio né da Mir Hossein Moussavi né da Mehdi Karoubi, nel cui nome si è svolta la “rivoluzione verde” del 2009, che ha visto milioni di iraniani scendere in piazza a Teheran per protestare contro i brogli delle elezioni presidenziali. “Sono sotto il giogo. Sanno che il sistema, assetato di repressione, è alla ricerca di capri espiatori. E sono sempre più convinti che chi scende in piazza non li ascolterà e che il loro destino è legato al regime”, afferma da Parigi il politologo Ahmad Salamatian, ex deputato e vice ministro degli Esteri agli albori della Repubblica islamica.
Ha osato difendere i manifestanti in un messaggio vocale trasmesso su Clubhouse, un’applicazione audio: “I nostri giovani vogliono un futuro, vogliono avere una vita. Se i giovani danno fuoco ai cassonetti […], se picchiano un membro delle forze di sicurezza, è perché sono stati attaccati e si stanno difendendo”. Ha persino affermato che il bilancio della Repubblica islamica è peggiore di quello dello Scià. Queste dichiarazioni l’hanno portata a essere condannata a cinque anni di carcere. Da allora, il suo nome è stato incluso nella petizione di 30 donne prigioniere a Evin che hanno chiesto la fine delle esecuzioni e delle “sentenze ingiuste” inflitte ai prigionieri.

Un’esecuzione manipolata

L’annuncio dell’impiccagione, il 14 gennaio, per “spionaggio” del cittadino iraniano-britannico Alireza Akbari, ex alto funzionario della difesa iraniana, vicino ad alcuni alti dirigenti iraniani e al Ministero dell’Intelligence, ha dato l’impressione di divisioni all’interno del regime.
No, la sua morte non è direttamente collegata al movimento attuale”, afferma Ahmad Salamatian. È stato in prigione per quattro anni. Il suo caso era gestito dai Pasdaran, che aspettavano il momento giusto per giustiziarlo. Poiché il regime ha problemi a giustificare l’impiccagione dei quattro giovani manifestanti agli occhi della sua stessa opinione pubblica, poiché non è riuscito a convincerla che erano al servizio di potenze straniere, ha dovuto dimostrare con ogni mezzo che c’era davvero un complotto. Così ha messo in piedi una grande manipolazione e ha prodotto una storia in cui Alireza Akbari non era altro che un oggetto. Aveva il profilo tipico per convincere alcuni di coloro che non erano stati convinti dall’esecuzione di Mohsen Shekari, Majid Reza Rahnavard, Seyyed Mohammad Hosseini e Mehdi Karami.
È dalla parte degli alti chierici della città santa di Qom, forse perché preoccupati dall’aumento del risentimento anticlericale e persino antireligioso nella società iraniana, che si percepisce un malcontento nei confronti delle autorità. È il concetto di “mohareb”, cioè “guerra a Dio”, usato dalla magistratura per condannare a morte i manifestanti, che li ha fatti reagire.
L’ayatollah Mohammad Ali Ayazi, membro del potente Collegio dei Seminari Teologici, ha dichiarato in un’intervista dopo le prime esecuzioni che non si può chiamare mohareb una persona che cerca di difendere i propri diritti. Il 14 dicembre, l’ayatollah Mohammad Ali Gerami ha aggiunto che “poiché il Corano prevede tre tipi di punizione, l’esecuzione, l’amputazione di mani e piedi e l’esilio, per coloro che commettono mohareb non possono essere condannati a morte se non hanno ucciso o rubato, ma possono essere esiliati”.
L’ayatollah Asadollah Bayat Zanjani si è spinto oltre, sostenendo che “la pena di morte si applica a chi fa guerra a Dio solo se commette un omicidio”. Altrimenti, la pena di morte non è legittima. L’attacco più forte è arrivato dall’ayatollah Mostafa Mohaqiq Damad, capo del dipartimento di diritto islamico dell’importante università Shahid-Beheshti di Teheran, che ha lamentato il fatto che le sentenze sono state emesse da funzionari senza una sufficiente conoscenza delle procedure giudiziarie del sistema islamico.
In una lettera eccezionale indirizzata il 15 dicembre ai giudici che hanno emesso le condanne a morte, li ha addirittura ammoniti: “La storia non dimenticherà mai gli errori e la negligenza per lo spargimento di sangue e le punizioni illegittime.
Le autorità hanno reagito il 24 dicembre con una dichiarazione della Società degli insegnanti del seminario di Qom, considerata apertamente filogovernativa, che ha definito le accuse di “clerici politicamente falliti”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»