10.3 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
10.3 C
Rome
lunedì 22 Aprile 2024
Homequotidiano movimentoFrancia, contro Macron le piazze più piene di sempre

Francia, contro Macron le piazze più piene di sempre

I sindacati, sempre uniti, hanno vinto la loro scommessa martedì, dopo la prima mobilitazione del 19 gennaio. La battaglia continuerà il 7 febbraio

Martedì 31 gennaio, Elisabeth Borne, la prima ministra di Francia, ha accusato gli oppositori della riforma pensionistica di essere “negazionisti”. Ma visto il clamoroso successo della seconda giornata di manifestazioni contro il piano del governo in tutta la Francia, l’accusa rischia di ritorcersi contro l’esecutivo.
Secondo la BFMTV, durante una riunione dei deputati della maggioranza all’Assemblea Nazionale, la Prima Ministra ha accusato coloro che “vorrebbero alimentare una disputa sulle cifre dell’equilibrio del sistema” di essere ciechi di fronte alla realtà. Allo stesso tempo, ha chiesto “rispetto per le opinioni di coloro che manifestano”. Ma questa doppia posizione rischia di diventare rapidamente insostenibile.
Questa giornata del 31 gennaio segna un netto irrigidimento dell’opposizione al progetto voluto da Emmanuel Macron di spostare indietro l’età legale di pensionamento da 62 a 64 anni, e di portare più rapidamente del previsto a 43 gli anni di contribuzione necessari per ottenere il “tasso pieno”. L’unità sindacale regge bene – era una delle incognite della vigilia delle mobilitazioni – e il rifiuto della riforma è stato espresso all’unanimità, e in tutti i modi possibili, nei cortei che Mediapart ha seguito in tutta la Francia.

Le cifre della mobilitazione di giovedì 19 gennaio sono state storiche, con 1,2 milioni di manifestanti secondo la polizia, più di 2 milioni secondo l’intersindacale, tassi di sciopero molto elevati (con una partecipazione eccezionale del settore privato) e mobilitazioni massicce in tutte le città.
Stavolta il Ministero dell’Interno ha contato almeno 1,27 milioni di manifestanti in tutta la Francia, mentre la CGT ne ha annunciati 2,5 milioni.
Se la prima giornata di manifestazioni era stata definita un’ondata popolare, questa volta non siamo lontani da un’onda anomala: per tutta la Francia, le cifre annunciate dalle autorità sono le più alte degli ultimi trent’anni per quanto riguarda le mobilitazioni sindacali. Si tratta di un numero ancora più alto rispetto alle manifestazioni del 1995, del 2003 e del 2010, che avevano tutte superato di poco il milione di persone, con un picco di 1,25 milioni il 12 ottobre 2010.

 

In mezzo c’è stato anche un grande marcia per le pensioni indetta dalle organizzazioni giovanili il 21 gennaio. Ed è stata un successo anche quella.

Anche ieri il segnale incoraggiante per i sindacati è venuto dai giovani che si stanno unendo al movimento di protesta. Circa duecento scuole superiori (rispetto alle settanta del primo giorno) hanno lanciato blocchi o scioperi martedì mattina. Alcune facoltà hanno anche organizzato scioperi. A Parigi, gli studenti di Sciences Po hanno occupato i locali durante la notte. Consapevoli del rapporto di forza che sta diventando sempre più favorevole a loro, i sindacati hanno convocato in serata due nuove assemblee, martedì 7 febbraio e sabato 11 febbraio. La marcia del sabato è stata una richiesta ricorrente della CFDT, e di altre organizzazioni tradizionalmente più combattive come la FSU, per poter far entrare in azienda i lavoratori che non vogliono perdere il salario con lo sciopero.
Le marce riprenderanno quindi seriamente quando il testo sarà discusso all’Assemblea nazionale (dal 6 febbraio). Il testo dell’intersindacale invita inoltre “da qui ad allora, a moltiplicare azioni, iniziative, riunioni o assemblee generali ovunque sul territorio, nelle aziende e nei servizi, nei luoghi di studio, anche attraverso scioperi”.
Questa volta si tratta di una concessione alla CGT, le cui truppe stanno battendo i piedi e vogliono moltiplicare le azioni tra i giorni di manifestazione. Per il momento non è stato lanciato un appello nazionale per uno sciopero delle rinnovabili, anche se i battaglioni sindacali più “duri” non nascondono la volontà di tentare questa opzione, per bloccare il Paese. La giornata del 7 febbraio era già stata prospettata da alcuni come in grado di fungere da trampolino di lancio per tali iniziative.

Più persone in manifestazione, meno scioperi

Questo martedì, nella capitale, la marcia si è estesa per 4 chilometri e le persone partite per ultime da Place d’Italie (13° arrondissement) hanno dovuto aspettare quasi 4 ore prima di mettersi in marcia verso Place des Invalides (7° arrondissement). Per decongestionare la piazza, è stato necessario aprire un secondo percorso, in accordo con la prefettura di polizia.
Ma per la seconda volta consecutiva, la folla ha colpito soprattutto in tutta la Francia. Molte città hanno registrato un aumento della mobilitazione, secondo i dati forniti dalle autorità. Con un aumento particolarmente significativo della partecipazione a Marsiglia, dove la prefettura ha contato 40.000 manifestanti, rispetto ai 26.000 del 19 gennaio. Un livello di mobilitazione mai visto da quasi vent’anni. Anche a Montpellier si è registrato un forte aumento, con 25.000 persone contate dalla polizia, rispetto alle 15.000 del 19 gennaio. La partecipazione è migliorata ancora di più a Nantes (28.000 persone) o a Rennes (10.000), ma anche in piccole città come Calais (5.000), Guéret (4.300) o Sète (4.500).

Grandi folle anche a Tolosa (34.000), Clermont-Ferrand (17.000), Bordeaux (16.500), Rouen (14.000), Strasburgo (10.500) e Nizza (7.000). Le immagini sono spesso impressionanti, come questa folla riunita a Quimper.
D’altra parte, le cifre degli scioperi sono inferiori a quelle del 19 gennaio, in tutti i settori, anche se sono tutt’altro che insignificanti. Alla SNCF, il tasso di sciopero è sceso dal 46,3% al 36,5%. Ma secondo i dati pubblici esaminati dall’AFP, la compagnia ferroviaria ha comunque cancellato tre quarti dei suoi treni al di fuori della regione di Parigi (7.199 treni cancellati su 9.633 previsti).
Nel sistema educativo nazionale, la metà degli insegnanti della scuola primaria si è dichiarata in sciopero il 31 gennaio, rispetto al 70% del 19, secondo lo SNUipp-FSU, il principale sindacato della scuola primaria. Secondo la direzione di La Poste, l’8,79% dei dipendenti era in sciopero, rispetto al 14,64% dell’ultima volta. Nelle raffinerie e nei depositi di carburante di TotalEnergies, la CGT ha contato tra il 75 e il 100% di scioperanti, laddove la direzione ha stimato il tasso di sciopero al 55%, ossia 1 punto in meno rispetto al 19 gennaio.
In EDF, i dipendenti, molto mobilitati contro questo progetto di riforma, hanno optato per operazioni alla Robin Hood piuttosto che per le classiche giornate di sciopero: rendere l’elettricità gratuita per gli ospedali, spostare i contatori su orari non di punta per alcune attività, in particolare per i panettieri, sembra essere più efficace. E le loro azioni sono ampiamente applaudite dal pubblico.

Dialogo dei sordi

La giornata si è svolta come un duello a distanza tra il governo e i manifestanti. In Assemblea, il testo è già all’esame della Commissione Affari sociali. Durante le interrogazioni al governo, il ministro del Lavoro Olivier Dussopt ha proseguito con lo stesso spartito dei suoi colleghi e dei parlamentari di maggioranza dal fine settimana precedente, quello del lavoro e del merito. “È uno sforzo? Sì, è uno sforzo necessario per garantire la sostenibilità del sistema pensionistico a ripartizione. La volontà del governo è quella di garantire che questo sforzo sia il più equo possibile”, ha dichiarato.
Rispondendo al deputato comunista Pierre Dharréville, il ministro ha inoltre affermato: “Se ritirassimo questa riforma, il sistema crollerebbe e le pensioni dei pensionati diminuirebbero del 20%”, basandosi su ciò che il Conseil d’orientation des retraites (COR) direbbe a questo proposito. Tuttavia, se il Comitato prevede un calo del livello delle pensioni in seguito alle riforme già votate, nulla dice che la nuova riforma consenta di correggere questo fatto in modo significativo.

Al di là del rifiuto di questa controriforma, si esprime una vera e propria frustrazione per la situazione economica e sociale globale: dopo le precedenti controriforme, le pensioni erano già basse e l’attuale inflazione sta riducendo ulteriormente il potere d’acquisto delle classi lavoratrici. La rabbia è lì. Il governo vuole abbassare le tasse alle imprese, privatizzare il mercato pensionistico e infliggere una sconfitta storica. Per farlo, prova a far credere che non ci sono alternative: non ci sono abbastanza lavoratori per pagare i contributi di un numero crescente di pensionati, l’allungamento dell’aspettativa di vita, l’impossibilità di aumentare la tassazione e i contributi dei “datori di lavoro”. Si dovrebbe quindi lavorare due anni in più per una pensione più bassa… Peggio ancora, il Modem (la confindustria francese) ha appena proposto di aumentare la settimana lavorativa a 35,5 ore!

Ma il denaro c’è: un pensionamento a 60 anni con 37,5 anni di servizio e una pensione calcolata sulla base dei 10 anni migliori, nel settore pubblico e privato, costerebbe circa il 3% del PIL. Una vera e propria tassa sui ricchi e sulle grandi aziende permetterebbe di trovare questi soldi senza problemi. Lo stesso presidente del Conseil d’orientation des retraites (COR), molto ufficiale, ha appena ricordato che gli argomenti usati dal governo sono falsi: “La spesa pensionistica è globalmente stabilizzata e, anche nel lunghissimo termine, diminuisce in tre ipotesi su quattro. Nell’ipotesi più sfavorevole, aumentano senza aumentare in modo molto significativo […]. Quindi la spesa pensionistica non sta scivolando, è relativamente sotto controllo…”. Non si tratta di “salvare il sistema pensionistico”, ma di trasferire la ricchezza dal basso verso l’alto a vantaggio delle aziende più ricche e più grandi.

Il ministro si limita a dire che lavorando più a lungo, i lavoratori contribuiranno più a lungo, e quindi otterranno pensioni migliori… dimenticando di ricordare che chi attualmente lavora oltre l’età legale ha diritto a una pensione migliore, grazie a una sovrattassa che la futura riforma farà sparire. In un’eco crudele di queste dichiarazioni, le persone che hanno sfilato ad Annonay (Ardèche), la città di cui Olivier Dussopt è originario e di cui è stato sindaco dal 2008 fino all’ingresso nel governo nel 2017, hanno riecheggiato il testo de L’Opportuniste, la canzone di Jacques Dutronc. Nicole, operaia in una fabbrica di materie plastiche, ha avuto parole dure per il ministro: “Dovrebbe sapere cos’è il lavoro duro. Deve aver dimenticato da dove viene.
A più di 500 chilometri di distanza, a Parigi, Mohamed, 60 anni, partecipava alla sua prima manifestazione. Ripara le attrazioni di Disneyland e conta il numero di gesti professionali che non può più compiere, e confuta tutte le argomentazioni dei ministri che gli assicurano che possiamo lavorare sempre più a lungo: “Ci sono già molte cose che non posso fare: salire in cima alle attrazioni, portare una borsa degli attrezzi da 35 chili, strisciare sui binari, non posso più farlo. Come faranno le persone quando avranno 64 anni o più?
Tra i manifestanti e il governo si è instaurato un dialogo tra sordi. E la prossima settimana la battaglia continuerà a intensificarsi.

1 COMMENTO

  1. […] Martedì 31 gennaio, Elisabeth Borne, la prima ministra di Francia, ha accusato gli oppositori della riforma pensionistica di essere “negazionisti”. Ma visto il clamoroso successo della seconda giornata di manifestazioni contro il piano del governo in tutta la Francia, l’accusa rischia di ritorcersi contro l’esecutivo.continua inhttps://www.popoffquotidiano.it/2023/02/01/francia-contro-macron-le-piazze-piu-piene-di-sempre/ […]

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Rappresaglie e nakba: Netanyahu passa all’incasso

Dagli Usa il veto alla Palestina all’Onu e nuovi aiuti militari a Israele. La soluzione finale nella Striscia è ormai prossima

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno