23.4 C
Rome
mercoledì 24 Aprile 2024
23.4 C
Rome
mercoledì 24 Aprile 2024

Not my King!

Non è il mio re! Le ragioni della protesta contro l’incoronazione di Carlo III. La monarchia non è eletta, è ricca grazie colonialismo e schiavitù [Dave Kellaway]

Stiamo pagando per questo

Si stima che i contribuenti contribuiranno fino a 100 milioni di sterline. Tutti paghiamo le tasse, e i lavoratori salariati in proporzione pagano più tasse dei ricchi. Non è che la famiglia reale non abbia un sacco di ricchezza accumulata nel corso dei secoli attraverso l’esproprio delle terre, i diritti feudali, gli imperi coloniali e la schiavitù. Non c’è da stupirsi che il governo eviti accuratamente di fornire una ripartizione dei costi reali. Ciò che è interessante è che i sondaggi mostrano che il 51% pensa che i reali dovrebbero pagare per la propria incoronazione e lasciare che le nostre tasse aiutino ad affrontare la grave crisi del servizio sanitario nazionale.

    Il sostegno alla monarchia è in calo, soprattutto tra i giovani.

Il sostegno per una repubblica è stabile al 25-26% negli ultimi sondaggi ed è aumentato di circa cinque punti negli ultimi decenni. I sondaggi mostrano che il 31% vuole un referendum sulla questione. Circa due terzi della popolazione sono ancora favorevoli alla monarchia, in calo rispetto ai tre quarti degli anni Novanta. Se si aggiunge il numero crescente di persone che desiderano una monarchia snellita o modernizzata e li si aggiunge ai repubblicani, i sostenitori dello status quo sono appena la metà della popolazione.

La crescente opposizione all’unione e il sostegno all’autodeterminazione in Scozia e Galles stanno indebolendo la popolarità della famiglia reale. Se la parte progressista sta iniziando a guadagnare più consensi, c’è un motivo in più per la sinistra socialista di scendere in campo e sostenere le varie campagne repubblicane. Possiamo concordare sul fatto che inserire la richiesta di abolizione della monarchia tra i punti chiave del manifesto di Corbyn sarebbe stato tatticamente inopportuno, ma non c’è motivo per la sinistra radicale di non sollevare la questione come parte di una campagna in corso e di un dibattito politico mirato ad allontanare le persone dal laburismo di una sola nazione.

    Rifiutiamo il mito dell’unità nazionale che l’incoronazione dovrebbe esprimere.

Quando all’ex antimonarchico Keir Starmer è stato chiesto della sua partecipazione al Coronation Party, si è mostrato adeguatamente entusiasta. Si è quasi commosso, dicendo di essere eccitato e di essere interessato a sapere chi si sarebbe seduto accanto a lui. Naturalmente, per lui si trattava di una grande occasione per dimostrare come il popolo britannico “si riunisce in unità”. L’essenza del suo tiepido liberalismo sociale è che siamo tutti sulla stessa nave; possiamo lavorare con le grandi imprese per rendere le cose più giuste per i lavoratori e per realizzare una transizione verde. Tutti quei potenti capitalisti che hanno bisogno di sfruttarci ogni giorno per mantenere la loro ricchezza possono essere convinti, in nome dell’unità nazionale, a rinunciare a parte della loro ricchezza.

“Coniugando una scena di contadini felici che esultano alle feste di strada, ha detto: “Il mondo vedrà il nostro Paese al suo meglio, celebrando un nuovo capitolo della nostra storia. Ma sarà anche un ricordo della perdita della defunta Regina Elisabetta… Quindi il Primo Ministro si unirà a me nell’onorare la nostra defunta Regina e nell’augurare al nostro nuovo Re un lungo e felice regno?”, scrive Robert McNeil a proposito di Sir Keir Starmer su The Herald.

Dov’è l’unità nazionale tra gli azionisti della Shell o della BP che raccolgono superprofitti e i milioni di persone che quest’inverno si sono ammalate decidendo se riscaldarsi o mangiare? Dov’è l’unità tra gli anziani che possono permettersi la migliore assistenza sociale privata e i milioni di persone che stanno sopportando condizioni terribili in comunità o in case di cura privatizzate? Esiste un’unità nazionale tra le persone che non hanno mai problemi con la polizia e i giovani neri o asiatici che vengono regolarmente molestati? Questi eventi reali svolgono un ruolo importante nel riprodurre giorno per giorno l’ideologia della nazione come famiglia. Dobbiamo smascherarla.

    La famiglia reale è la piaga incancrenita sul corpo marcio del nostro sistema politico antidemocratico.

La maggior parte dei Paesi non ha un capo di Stato non eletto o, addirittura, una Camera alta non eletta. Ai vescovi viene dato un posto di diritto nella Camera dei Lord. È il monarca a nominare il Primo Ministro e ad aprire o sciogliere il Parlamento. Non esiste una costituzione scritta. Il Primo Ministro ha regolari incontri formali con lui o con lei. C’è un enorme sistema di onorificenze che è sotto il patrocinio del Primo Ministro tramite il consenso reale. Certo, sappiamo tutti che si tratta di una monarchia costituzionale e che questi poteri sono sempre stati usati sotto il comando del governo eletto, ma in situazioni eccezionali di crisi potrebbero benissimo essere usati per mantenere lo status quo.

La monarchia collega questi fili di un sistema politico che è meno democratico per i lavoratori rispetto ad altri Paesi europei come l’Italia. Alcuni esponenti della sinistra, persino della sinistra rivoluzionaria, sembrano pensare che, come l’antidemocratico sistema pre e post elettorale, queste questioni siano secondarie rispetto a una vera e propria lotta di classe in corso altrove. L’opposizione alla monarchia dovrebbe essere parte di una critica generale e di un’opposizione all’antiquato sistema costituzionale britannico nel suo complesso.

La monarchia riproduce un’ideologia religiosa che non ha più il sostegno della maggioranza.

L’arcivescovo di Canterbury continua a ungere il capo di Stato britannico con oli sacri, come se Dio lo avesse scelto. L’intera incoronazione dimostra l’integrazione della Chiesa protestante d’Inghilterra come religione di Stato riconosciuta, nonostante le modifiche apportate questo fine settimana per consentire la partecipazione di altre religioni. Quasi nessuno va alle funzioni religiose della Chiesa d’Inghilterra e tutti i sondaggi mostrano che la Gran Bretagna è una società laica. L’inno nazionale e l’ormai nota proclamazione di fedeltà al monarca fanno tutti riferimento a Dio. Non è forse vero che il capo di Stato dovrebbe rappresentare la realtà della società britannica di oggi?

Siamo cittadini, non sudditi, e rifiutiamo qualsiasi giuramento di fedeltà.

La proposta di pronunciare tutti il giuramento di fedeltà che i pari del regno pronunciano in un momento particolare della cerimonia ha ricevuto molta eco in occasione di questa incoronazione. Secondo quanto sostiene oggi Jonathon Dimbleby, un confidente di Carlo III, si tratta di una manovra di facciata dell’arcivescovo di Canterbury Welby. Quest’ultimo ha replicato che la liturgia è stata elaborata in collaborazione. Questo fa pensare che Carlo abbia fatto un passo indietro, vista la reazione – in parte di indignazione, in parte di scherno. Di certo, questo tipo di grida di fedeltà pubbliche di massa ricordano un po’ il fascismo o i regimi stalinisti e non si addicono all’ideologia britannica, che non ammetterebbe mai tali pratiche. Il partito laburista di Starmer, ovviamente, non ha reagito affatto alla proposta. Se vogliamo progredire nella costruzione di un’alternativa socialista, dobbiamo oltrepassare la soglia in cui le persone si considerino almeno come soggetti.

Rifiutiamo lo spettacolo; possiamo riunirci e goderci rituali più innocui o lotte collettive.

Le occasioni reali sono oggi pienamente integrate nello spettacolo capitalista delle celebrità e degli eventi di massa artificiosi. Alle persone piace riunirsi, incontrare nuove persone e partecipare a eventi comunitari. Non c’è nulla di male in questo. Come socialisti, vogliamo più di questo, e le lotte per gli scioperi di massa spesso producono gli stessi sentimenti. La maggior parte delle inevitabili interviste vox pop alle persone accampate nel centro commerciale includono riferimenti all’atmosfera e al cameratismo. Il problema è che tutto ciò che si riunisce è intorno a un circo, che in realtà onora un’élite privilegiata e si riduce a un consumo passivo con scarsa partecipazione attiva. Perfino gli eventi sportivi di massa sono meno tossici per la costruzione della nostra visione del mondo. Gli sforzi comunitari o di beneficenza, come l’organizzazione di un banco alimentare, sarebbero migliori e le lotte salariali o politiche collettive, come quelle a cui abbiamo assistito nell’ultimo anno, lo sono ancora di più.

Rifiutare l’incoronazione significa rifiutare il colonialismo e la schiavitù.

Il Guardian ha recentemente pubblicato una serie di eccellenti articoli che rivelano come la ricchezza della famiglia reale sia intimamente legata al bottino dell’impero e della schiavitù. È stata la famiglia reale a dare legittimità ufficiale alle imprese coloniali come la Compagnia delle Indie Orientali. Anche i gioielli della corona, uno dei protagonisti della cerimonia, sono espressione materiale delle ricchezze rubate alle colonie britanniche. Il monarca è ancora a capo del Commonwealth e non si è scusato per il suo coinvolgimento nella schiavitù. Non sorprende che sempre più Paesi del Commonwealth mettano in discussione il ruolo del monarca britannico all’interno delle loro costituzioni. La partecipazione della famiglia reale all’Impero ha prodotto direttamente la sua super ricchezza e dovremmo chiedere il riconoscimento pubblico del suo ruolo. Sarebbe giusto confiscare le sue ricchezze e usarle per risarcire quelle persone.

Cosa possiamo fare oggi per protestare?

È un peccato che la sinistra radicale non sia riuscita a riunirsi per costruire una campagna decente e unitaria contro la monarchia. Sono stati prodotti distintivi e manifesti, ma stiamo perdendo l’opportunità di raggiungere molte persone, spesso giovani, che sono critiche e vogliono un cambiamento. La campagna principale, Republic, è riuscita a farsi pubblicità e sta organizzando una protesta a Trafalgar Square. Clive Lewis, deputato laburista, sta salvando l’onore del movimento operaio parlando lì. Sono previsti eventi a Cardiff e in altri luoghi. (La leadership laburista ha esplicitamente vietato ai partiti locali di affiliarsi a questa campagna. Starmer ha persino paura di una campagna democratica che includa la bandiera del sindacato tra le sue risorse! Dal loro sito web è possibile scaricare e stampare un poster da affiggere alla finestra. Dovremmo guardare oltre la festa dell’incoronazione per una campagna continua.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Verso il 25 aprile – Visita al “Sotterraneo dei tormenti”

Visita alla Casa dello studente di Genova occupata nel 43 dalla Gestapo e divenuta luogo di tortura per partigiani e resistenti.  Anche que...

Rappresaglie e nakba: Netanyahu passa all’incasso

Dagli Usa il veto alla Palestina all’Onu e nuovi aiuti militari a Israele. La soluzione finale nella Striscia è ormai prossima

Scurati, ecco il monologo censurato da Tele Meloni

Il testo integrale del monologo sul 25 aprile che lo scrittore avrebbe dovuto portare a “Che sarà” e censurato dalla Rai [Antonio Scurati]

Alloisio, Flaco Biondini e le partigiane

Il cantautore genovese e in chitarrista storico di Guccini in scena con "Signora Libertà". Con loro il sassofonista Antonio Marangolo

Un’autobiografia danzante

Genova, Chotto Deshm del coreografo Akram Khan chiuderà la decima edizione di Resistere e creare