20.4 C
Rome
giovedì 23 Maggio 2024
20.4 C
Rome
giovedì 23 Maggio 2024
HomemondiEstela Carlotto: "Non staremo zitte! Dobbiamo prenderci cura della democrazia"

Estela Carlotto: “Non staremo zitte! Dobbiamo prenderci cura della democrazia”

Argentina. Intervista a Estela Carlotto, presidente delle Abuela de Plaza de Mayo di fronte al revisionismo storico del candidato della destra liberista [Victoria Ginzberg]

I giovani. Unità. Democrazia. Sono queste le preoccupazioni di Estela Carlotto dopo i risultati dell’OSPA, in cui Javier Milei è stato il candidato più votato. La presidente delle Nonne di Plaza de Mayo, le Abuelas de Plaza de Mayo, è diventata l’involontaria protagonista della scorsa settimana, dopo aver dichiarato di non voler passare il tempo a parlare della candidata vicepresidente di La Libertad Avanza, la “paladina dei repressori”, Victoria Villarruel. Questa definizione, a quanto pare, è stata quella che più ha infastidito la deputata, che ha scelto Estela come bersaglio delle sue aggressioni. Ma la presidente delle Abuelas non si concentra su questo, bensì sul futuro del Paese, visto lo scenario che si è aperto dopo le elezioni primarie. “Riuniamoci, noi che vogliamo che la democrazia non vada perduta”, ha detto a Pagina12 poco prima di partire per il Cile, dove participerá alle commemorazioni dei 50 anni del golpe contro Salvador Allende (Villarruel è figlia di militari e difende quella che definisce “la memoria completa”, ha indetto un evento in omaggio alle “altre vittime” della violenza politica degli anni Settanta. Un atto contestato da diverse organizzazioni per i diritti umani, che lo considerano una “provocazione” che minaccia “gli accordi fondamentali” dopo 40 anni di democrazia, ndr).

Dopo che Estela ha dichiarato che Villarruel e la sua apologia della dittatura non meritavano il suo tempo, la parlamentare ha replicato che Estela era “un personaggio sinistro” e che doveva “dire che sua figlia era una montonera”. Come se la presidente delle Nonne di Plaza de Mayo nascondesse l’appartenenza politica della figlia assassinata dal terrorismo di Stato, cosa che non fa. O peggio, come se l’appartenenza a quell’organizzazione giustificasse il sequestro e l’uccisione di Laura Carlotto, come se questo giustificasse il fatto che sia stata costretta a partorire in un centro di detenzione clandestino e che le sia stato rubato il bambino. Perché questa è l’operazione narrativa di Villarruel. “Che dica quello che vuole su di me, ma non gli permetta di toccare mia figlia, è imperdonabile”, ha risposto Carlotto. Gli attacchi hanno suscitato un’ondata di sostegno e affetto per la donna che da 45 anni si dedica alla ricerca ferma, paziente e pacifica dei figli degli scomparsi, sottratti con violenza alle loro famiglie durante l’ultima dittatura militare.

Qual è la sua valutazione dopo quanto accaduto questa settimana con l’atto di Villarruel nella legislatura e le offese che ha detto su di lei?

–La sensazione che abbiamo è che stiamo attraversando un momento politico molto particolare, pericoloso e di cambiamento. C’è una confusione pubblica che vedo quando si fanno i sondaggi per strada, persone che non vogliono votare, che non hanno interesse, e altre che offendono persone che non lo meritano. Non è solo in Argentina, è in tutto il mondo. La reazione sociale della destra è preoccupante. Dopo quello che abbiamo vissuto negli ultimi giorni, dobbiamo essere consapevoli dell’unità di coloro che vogliono un governo che non sia contrario ai diritti dei cittadini. Il candidato che è arrivato primo è piuttosto imprevedibile. Sta dicendo tutto quello che farà e quello che farà è scandaloso. Quelli di noi che sono d’accordo nel voler continuare a sostenere gli ideali di questa democrazia, che è la più lunga della nostra storia, devono unirsi e cercare di intraprendere azioni di solidarietà, azioni collettive, in cui tutti siano presenti. Per poter portare un chiarimento a chi dice che non vale la pena andare a votare, a chi è disilluso. Dobbiamo rafforzare il fatto che vogliamo continuare a vivere in democrazia. Non sono un’esperta in materia, quando è il mio turno di parlare parlo come cittadina e come nonna di Plaza de Mayo. Non dobbiamo subire aggressioni, come è successo con quella signora arrogante. Non staremo zitti, andremo a difendere noi stessi e i 30.000 scomparsi, i nostri nipoti recuperati e tutti quelli che sono ancora dispersi, e continueremo a cercarli con la stessa forza di sempre. Non è un momento facile, ma nemmeno impossibile da portare avanti. L’importante è che, anche se non la pensiamo allo stesso modo su tutto, dobbiamo unire quelli di noi che non vogliono che alle prossime elezioni arrivi quello che vuole lui, che è una persona anomala nei suoi atteggiamenti e che ci porterebbe al disastro. Non voglio nemmeno pensare a quello che potrebbe accadere. L’idea di Abuelas è sempre l’unità, anche se abbiamo delle differenze, uniamoci, noi che vogliamo che la democrazia non vada persa. Dobbiamo salvare il Paese da queste persone. Dobbiamo essere prima di tutto argentini, appartenere al partito della patria.

–Cosa immagina che accadrà se diventeranno il governo?

–È impressionante vedere Milei che toglie i foglietti con i messaggi di ciò che non vuole (si riferisce a un video di propaganda in cui il candidato ultra liberista illustra il suo programma delirante, ndr). Sembra che rimarremo privi di vestiti, senza vestiti tutti gli argentini. Non so molto di politica, ma dobbiamo occuparci della democrazia.

-Ma come fa a non sapere di politica, lei che è un esempio di democrazia, cosa ha fatto in questi 40 anni?

–Ma sempre dal mio posto, sono una nonna, non una politica, non mi sono mai candidata a nessuna carica. I politici sono mutevoli. Per me ciò che è bianco è bianco e ciò che è nero è nero. Io sono un’insegnante. Un insegnante deve essere serio e corretto. Non deve dire quello che le fa comodo. Ciò che è giusto è giusto e ciò che è sbagliato è sbagliato. Questo non può cambiare a seconda di quello che succede nella tua vita. E i politici… a volte ci riservano delle sorprese, alcune persone che ci piacevano cambiano posizione per motivi personali, per il potere. La politica dei partiti è difficile.

Enriqueta Estela Barnes de Carlotto è la parente argentina dello scrittore Massimo Carlotto che ne ha narrato la storia nel libro Le irregolari. Una figlia di Estela, Laura, incinta di 3 mesi fu sequestrata nel 1977 e imprigionata a La Cacha, La Plata

–Cosa direbbe ai giovani o meno giovani che si avvicinano a Milei perché stanno passando un brutto momento dal punto di vista economico o perché sono disillusi dai partiti più tradizionali e finiscono per sostenere persone che giustificano o appoggiano il terrorismo di Stato?

–Se una persona di oltre 50 o 60 anni approva questo, è perché ha vissuto su un altro pianeta. La dittatura, la repressione, le Malvine, abbiamo vissuto tutto questo e ha influenzato la società e il nostro popolo. Non c’è alcuna giustificazione nelle persone anziane, ma sono preoccupato per i giovani, che probabilmente andranno a votare per la prima volta e si sono lasciati coinvolgere dalla strana melodia di Milei di rompere tutto. I giovani sono generalmente forti nelle loro azioni, sono attivi, e potrebbero esercitare questo modo di pensare sbagliato. Bisogna aiutarli, tutti noi. Mi preoccupano. Li ha agganciati bene nel suo discorso, in una presunta “rivoluzione” totalmente pericolosa. Come nonna di Plaza de Mayo vorrei dire loro di leggere la nostra storia e di vedere cosa è successo, che è stato terribile e molto doloroso. E che sappiano che non cerchiamo e lottiamo solo per i nostri problemi personali, ma per quelli di tutti. Ci siamo riuniti per lottare per i diritti di tutti. Ci siamo riuniti per aiutarci a vicenda, quelli di noi che non sapevano dove fossero i nostri figli e dove stessero nascendo i nostri nipoti. E che sappiano cosa è successo, quante centinaia di centri di detenzione clandestini ci sono stati in tutto il Paese per torture e morte, e questo è ciò che non vogliamo di nuovo. E dire loro che non devono ignorare quella storia, anche se fa male, ma che deve essere studiata, perché è accaduta. Far capire loro che non è nel loro interesse seguire qualcuno che incita a qualcosa che non è nell’interesse di nessuno, nemmeno nel loro.

–Quando è stato annunciato l’atto di Villarruel, lei ha detto che non bisognava farne un dramma, come si fa?

–Quando è stato annunciato il gesto di Villarruel, lei ha detto che non bisognava darle tanta importanza. Come possiamo evitare di metterla sotto i riflettori e darle più visibilità, e allo stesso tempo difenderci o smascherare le bugie che dice perché non continuino a essere diffuse?

–Non voglio più parlare di questa donna. È un personaggio lugubre. L’unica cosa che ho detto è che non avrei usato un secondo della mia vita per questo. Ho pensato che fosse necessario denunciare il fatto che stavano usando uno spazio pubblico per compiere questo atto, con le caratteristiche che conosciamo. Ho detto solo “non un minuto per questa signora”. Non so se non le è piaciuto e allora se n’è uscita con tutte queste cose oltraggiose. Non ne parlerò più. Quello che voglio fare ora è pensare a come gestire tra di noi la lotta per la democrazia. Ad Abuelas, per esempio, facciamo attività, teniamo conferenze, andiamo ovunque ci invitino, per continuare a lottare per la piena democrazia. Non vogliamo un altro Paese mortificato.

La candidata vicepresidente di Milei, Victoria Villarruel

–Villaruel e la sua organizzazione parlano di rendere omaggio alle vittime, qual è secondo lei il loro obiettivo, la loro strategia?

–C’è l’intenzione di rivendicare coloro che hanno portato le armi, i militari, coloro che hanno rapito i 30.000 e non sappiamo dove siano i loro resti, hanno creato centinaia di campi di concentramento. La storia è una sola ed è che c’è stato un terrorismo di Stato. Uno Stato che ha sottomesso, con la paura, con i colpi. Questo è già stato detto, è scritto, vi chiedo di leggerlo, soprattutto i giovani. E poi c’è una giustizia che l’ha detto. Anche questa giustizia, con quello che sappiamo della Corte Suprema. Il pericolo deve essere eliminato da noi cittadini quando andiamo a votare.

–Che ruolo immagina che avranno le organizzazioni per i diritti umani in un governo Milei?

–Immagino una persecuzione. Cercheranno o inventeranno qualcosa per condannarci. Hanno fatto tante cose a Comodoro Py (sede del Tribunale federale a Buenos Aires, ndr). Ma noi non staremo zitti. Non riesco quasi a camminare, cammino lentamente, ma posso parlare, non abbiamo intenzione di tacere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

L’esercito francese addestra i neonazisti ucraini

Un'inchiesta rivela che gli eredi del famigerato Reggimento Azov si allenano in Francia [Sébastien Bourdon]

Sollievo temporaneo per Assange

Nessuna garanzia Usa di giusto processo: la Corte Suprema britannica concede ad Assange il ricorso contro la sua imminente estradizione [Tariq Alì]

Prima di leggere l’ultimo, postumo, di Garcia Marquez

La recensione di The Nation dell'ultima opera di narrativa di Gabriel García Márquez [Nicolás Medina Mora]

7 ottobre: il giornalismo come arma contro la distorsione e l’oblio

La stampa e le commissioni d'inchiesta hanno cercato di ricostruire gli eventi, lontano da fake news e propaganda [Rachida El Azzouzi]

Beccaria: tortura, razzismo sistemico, sovraffollamento

Mai così tanti minori in carcere da decenni. Il punto di Antigone sugli IPM. Il nodo della giustizia riparativa