18.2 C
Rome
lunedì 20 Maggio 2024
18.2 C
Rome
lunedì 20 Maggio 2024
Homepadrini & padroniCile 1973, conto alla rovescia per il golpe

Cile 1973, conto alla rovescia per il golpe

Il ruolo documentato degli Stati Uniti nei mesi, giorni e ore precedenti il rovesciamento di Allende [Peter Kornbluh]

Alla vigilia del 50° anniversario, l’Archivio pubblica un capitolo di The Pinochet File, libro dell’analista Peter Kornbluh. Il saggio registra le azioni del governo statunitense, i dibattiti interni e le deliberazioni politiche mentre le condizioni per il colpo di Stato si evolvevano tra marzo e settembre 1973. Una storia intricata, complicata e straordinariamente rivelatrice.

Il 12 settembre 1973, un giorno dopo la violenta presa del potere da parte dei militari cileni, i funzionari del Dipartimento di Stato si riunirono per discutere le linee guida per la stampa di Henry Kissinger su “quanto anticipo disponessimo rispetto al colpo di Stato”. L’Assistente Segretario per gli Affari Interamericani Jack Kubisch notò che un esponente militare cileno aveva detto all’ambasciata che i cospiratori avevano nascosto ai loro sostenitori statunitensi la data esatta in cui si sarebbero mossi contro Allende. Ma Kubisch disse che “dubitava che il dottor Kissinger avrebbe usato questa informazione, perché avrebbe rivelato il nostro stretto contatto con i leader del colpo di Stato”.

Nei mesi precedenti il colpo di Stato, la CIA e il Pentagono ebbero ampi contatti con i cospiratori cileni attraverso vari mezzi e agenti e almeno tre giorni di anticipo sulla data concreta del golpe militare. Le loro comunicazioni derivavano dal riorientamento delle operazioni segrete rivolte all’esercito dopo le elezioni congressuali del marzo 1973 in Cile. Il disastroso risultato elettorale convinse molti funzionari della CIA che le operazioni politiche e di propaganda non avevano raggiunto i loro obiettivi e che l’esercito cileno, come suggerito dai documenti dell’Agenzia, era la soluzione finale al problema posto dall’alleanza di Unità Popolare di Allende.

Fino alla primavera del 1973, le operazioni politiche e la propaganda generate da El Mercurio e da altri mezzi di comunicazione finanziati dalla CIA si concentrarono su una grande campagna di opposizione politica per vincere le elezioni congressuali del 4 marzo, quando tutti i deputati e metà dei senatori cileni erano in corsa per la rielezione. L’obiettivo massimo della CIA era quello di ottenere una maggioranza di due terzi per l’opposizione, in modo da poter porre in impeachment Allende; l’obiettivo minimo era quello di impedire a Unità Popolare di ottenere una chiara maggioranza dell’elettorato. Su 3,6 milioni di voti espressi, l’opposizione ottenne il 54,7%; i candidati di Unità Popolare ottennero il 43,4%, conquistando due seggi al Senato e sei al Congresso. “Le azioni intraprese dalla CIA nelle elezioni del 1973 hanno contribuito a rallentare la socializzazione del Cile”, si legge in un “Briefing on Chile Elections” redatto dal quartier generale di Langley.

La realtà era ben diversa, come avevano capito sia il quartier generale della CIA che la stazione di Santiago. Nel primo test nazionale della sua popolarità da quando Allende era entrato in carica, il suo governo di Unità Popolare aveva effettivamente aumentato la sua forza elettorale, nonostante l’azione politica concertata della CIA, una massiccia campagna di propaganda segreta contro Allende e un programma di destabilizzazione socioeconomica diretto dagli Stati Uniti. “Il programma dell’UP piace ancora a una parte consistente dell’elettorato cileno”, lamentava la Stazione in un cablogramma. La CIA doveva ora rivalutare l’intera strategia clandestina in Cile. “Le opzioni future”, ha comunicato il quartier generale il 6 marzo, “ora in fase di revisione alla luce dei deludenti risultati elettorali, che consentiranno ad Allende e all’UP di portare avanti il loro programma con rinnovato vigore ed entusiasmo”.

La Stazione, ora sotto la direzione di un nuovo Capo Stazione, Ray Warren, prese una posizione decisa sulle “opzioni future” necessarie. In un importante post-mortem del 14 marzo sulle elezioni del Congresso, la Stazione della CIA ha articolato piani per rafforzare la sua attenzione sul programma militare. “Riteniamo che, nel prossimo futuro, la Stazione debba porre l’accento sull’attività [segreta], per ampliare i nostri contatti, le nostre conoscenze e le nostre capacità, al fine di creare una delle seguenti situazioni:” Consenso da parte dei leader delle forze armate (che rimangano o meno al governo) sulla necessità di muoversi contro il regime. La Stazione ritiene che dovremmo cercare di indurre la maggior parte dei militari possibile, se non tutti, a prendere il controllo e a sostituire il governo Allende …..

Relazione sicura e significativa della Stazione con un gruppo di pianificazione militare serio. Se il nostro nuovo studio dei gruppi delle forze armate dovesse indicare che gli aspiranti complottisti sono effettivamente seri nelle loro intenzioni e che hanno le capacità necessarie, la Stazione vorrebbe stabilire un canale unico e sicuro con questi elementi per dialogare e, una volta ottenuti i dati di base sulle loro capacità collettive, chiedere l’autorizzazione del Quartier Generale per entrare in un ruolo … più ampio.

Allo stesso tempo, la Stazione ha anche riaffermato la necessità di concentrare l’attenzione sulla creazione di un clima di golpe, obiettivo di lunga data della politica statunitense. “Mentre la Stazione prevede di dare ulteriore impulso al nostro programma [militare]”.

Altri centri di potere politico (partiti politici, comunità imprenditoriale, media) svolgeranno un ruolo di supporto essenziale nel creare l’atmosfera politica che ci permetterebbe di realizzare gli obiettivi (A) o (B) di cui sopra. Dato l’esito delle elezioni, la Stazione ritiene che sia necessario creare una nuova atmosfera di disordine politico e di crisi controllata per stimolare una seria considerazione di intervento da parte dei militari.

La posizione di forza della Stazione, che ha chiaramente influenzato il suo atteggiamento e le sue azioni sul campo in Cile, è stata sostenuta da alcuni integralisti all’interno della direzione dell’Emisfero occidentale che hanno spinto per un approccio molto più aggressivo e violento, un approccio che chiaramente non considerava la “salvezza della democrazia” in Cile come un obiettivo. In una sfida interna, pura e senza mezzi termini, alla strategia di perseguire operazioni politiche, il 17 aprile un gruppo di ufficiali della CIA inviò un memorandum a WH/C Shackley sugli “Obiettivi politici per il Cile”, in cui si chiedeva di ridurre il sostegno segreto ai principali partiti di opposizione. Tale sostegno “cullava” questi partiti nella convinzione di poter sopravvivere fino alle elezioni del 1976. Inoltre, se la CIA avesse aiutato l’opposizione democristiana a vincere nel 1976, secondo gli autori, sarebbe stata una “vittoria pirrica” [sic] perché la DC avrebbe perseguito “politiche comunitarie” di sinistra.

Invece, la CIA dovrebbe cercare direttamente “di sviluppare le condizioni che sarebbero favorevoli alle azioni militari”. Ciò comportava un “sostegno su larga scala” agli elementi terroristici in Cile, tra cui Patria y Libertad e gli “elementi militanti del Partito Nazionale”, in un arco di tempo prestabilito – da sei a nove mesi – “durante il quale sarebbe stato fatto ogni sforzo per promuovere il caos economico, intensificare le tensioni politiche e indurre un clima di disperazione in cui il PDC e il popolo in generale arrivassero a desiderare un intervento militare”. L’ideale sarebbe riuscire a indurre i militari a prendere completamente il controllo del governo”.

Ma la posizione della Stazione e degli irriducibili di Langley non era condivisa dal Dipartimento di Stato, né dagli alti funzionari della CIA, che temevano le conseguenze di un’azione militare precipitosa e credevano nella cautela, vista l’indagine in corso della commissione congressuale sulla ITT (International Telephone & Telegraph) e sulle operazioni segrete in Cile. C’era disaccordo su una serie di questioni fondamentali e strategiche:

Si poteva contare sull’esercito cileno per agire contro Allende?

La CIA avrebbe dovuto incoraggiare manifestazioni violente attraverso il finanziamento occulto di gruppi militanti prima di sapere con certezza che i militari non si sarebbero mossi per reprimere i manifestanti?

Alla luce dell’inchiesta congressuale in corso sulla CIA in Cile, i rischi di esposizione superavano i potenziali vantaggi di una collaborazione diretta con il settore privato militante e l’esercito cileno per sponsorizzare un colpo di Stato?

Queste domande sono state discusse ripetutamente mentre il processo di formulazione delle proposte e del bilancio dell’Agenzia per l’anno fiscale 1974 per le azioni segrete diventava motivo di un significativo dibattito interno – tenuto segreto per 27 anni – sulle sfumature strategiche dell’intervento statunitense in Cile.

Il Dipartimento di Stato, guidato dal nuovo Assistente Segretario per gli Affari Interamericani, Jack Kubisch, si oppose al desiderio della Stazione di fomentare un colpo di Stato attraverso il sostegno diretto ai militari cileni o la collaborazione con gruppi privati estremisti. Insieme all’ambasciatore Nathaniel Davis, che sostituì Edward Korry a metà del 1971, Kubisch preferì concentrare l’azione segreta su una vittoria dell’opposizione alle elezioni del 1976. Inoltre, gli ufficiali della CIA al quartier generale, come l’ex direttore della Task Force Cile David Atlee Phillips – che a giugno sarebbe tornato alle operazioni in Cile come nuovo capo della Divisione Emisfero Occidentale – ricordavano bene il fiasco di Schneider e rimanevano scettici sull’impegno dei militari cileni per un colpo di Stato. I cablogrammi inviati dal quartier generale a Santiago riflettevano la loro incertezza sul fatto che i militari cileni sarebbero stati più propensi a muoversi contro il governo piuttosto che contro i dimostranti di strada e gli scioperanti che la Stazione voleva sostenere. La promozione di “proteste su larga scala come uno sciopero”, avvertiva un cablogramma del 6 marzo da Langley, “dovrebbe essere evitata, così come qualsiasi azione che potrebbe provocare una reazione militare contro l’opposizione”. In una proposta di bilancio del 31 marzo 1973, “Opzioni di azione segreta per il Cile – anno 1974”, il quartier generale sosteneva che, “Sebbene dovremmo tenere aperte tutte le opzioni, compreso un possibile colpo di stato futuro, dovremmo riconoscere che è improbabile che gli ingredienti per un colpo di stato riuscito si materializzino, indipendentemente dalla quantità di denaro speso, e quindi dovremmo evitare di incoraggiare il settore privato ad avviare azioni che potrebbero produrre un colpo di stato abortito o una sanguinosa guerra civile. Dovremmo chiarire che non sosterremo un tentativo di colpo di Stato a meno che non sia chiaro che tale colpo di Stato avrebbe il sostegno della maggior parte delle Forze Armate e dei partiti del CODE [opposizione democratica cilena], compresa la DC.

Il 1° maggio, Langley inviò un cablogramma al Capo della Stazione Warren in cui si affermava che “desideriamo rimandare qualsiasi considerazione sul programma d’azione volto a stimolare l’intervento militare fino a quando non avremo prove più certe che le forze armate sono pronte a muoversi e che l’opposizione, compresa la DC, sosterrebbe un tentativo di colpo di stato”.

Il capo della stazione ha risposto chiedendo al quartier generale di rimandare la richiesta di finanziamenti per l’anno 1974 fino a quando la proposta non fosse stata riformulata per riflettere le attuali realtà cilene. La stazione ha riferito che “le parti più militanti dell’opposizione”, comprese le organizzazioni sostenute dalla CIA come El Mercurio e il Partito Nazionale, si stavano mobilitando per fomentare un colpo di stato:

La pianificazione e l’azione di tutte le forze di opposizione si concentra sul periodo immediatamente successivo piuttosto che sul 1976. Se vogliamo massimizzare la nostra influenza e aiutare l’opposizione nel modo in cui ha bisogno di aiuto, dovremmo lavorare all’interno di questa tendenza piuttosto che cercare di opporci e contrastarla cercando di far concentrare l’opposizione nel suo complesso sull’obiettivo lontano e tenue del 1976. In sintesi, riteniamo che l’orientamento e il focus del nostro sforzo operativo debba essere l’intervento militare.

Il 10 aprile, la divisione Emisfero Occidentale ha ottenuto l’approvazione del direttore della CIA James Schlesinger per “accelerare gli sforzi contro l’obiettivo militare”. Queste azioni segrete, secondo un memorandum del 7 maggio inviato a Schlesinger dal capo della divisione WH Theodore Shackley, erano “progettate per monitorare meglio qualsiasi complotto golpista e per esercitare la nostra influenza sui principali comandanti militari in modo che potessero svolgere un ruolo decisivo a favore delle forze golpiste quando e se l’esercito cileno decidesse di agire da solo contro Allende”. Il quartier generale ha autorizzato la stazione di Santiago “a procedere contro l’obiettivo militare in termini di sviluppo di fonti aggiuntive” e ha promesso di chiedere stanziamenti per un programma militare ampliato quando “avremo prove molto più solide che l’esercito è pronto ad agire e ha ragionevoli possibilità di successo”.

L’alto comando cileno ha fornito la prova che l’esercito non era ancora pronto ad agire il 29 giugno, quando diverse unità deviate delle forze armate cilene si sono schierate per conquistare il palazzo presidenziale noto come La Moneda. Nel suo “Sit Rep # 1” segreto per il Presidente Nixon, Kissinger riferì che le unità dell’esercito cileno avevano “lanciato un tentativo di colpo di stato contro il governo di Salvadore Allende”. Più tardi, quello stesso giorno, Kissinger inviò a Nixon un altro memo, “Il tentativo di ribellione cilena finisce”, notando che “il tentativo di colpo di stato è stato uno sforzo isolato e scarsamente coordinato” e che i leader di tutti e tre i rami dell’esercito “sono rimasti fedeli al governo”. Il fallito tentativo di colpo di Stato ha rafforzato la posizione dei cauti politici statunitensi che si opponevano a un ruolo più attivo della CIA nel sostenere direttamente l’esercito cileno.

Il dibattito interno in corso portò a ritardare l’approvazione del budget per le azioni segrete della CIA per l’anno 1974, in quanto la CIA e il Dipartimento di Stato trovarono un compromesso sulle modalità di utilizzo delle autorizzazioni di finanziamento in Cile. Infine, il 20 agosto, il Comitato 40 – un gruppo interagenzie incaricato di supervisionare le operazioni segrete – autorizzò per telefono un milione di dollari per finanziamenti clandestini ai partiti politici dell’opposizione e alle organizzazioni del settore privato, ma designò un “fondo di contingenza” per le operazioni del settore privato che poteva essere speso solo con l’approvazione dell’ambasciatore Davis. Nel giro di tre giorni, la Stazione ha fatto pressione per ottenere l’approvazione a utilizzare il denaro per sostenere scioperi e manifestazioni di piazza e per orchestrare un golpe dall’interno, spingendo i militari a occupare posizioni chiave nel gabinetto di Allende, dove avrebbero potuto esercitare il potere dello Stato e ridurlo a un presidente “di facciata”. “Gli eventi si stanno muovendo molto velocemente e l’atteggiamento dei militari potrebbe essere decisivo in questo momento”, ha comunicato la Stazione il 24 agosto. “È un momento in cui eventi o pressioni significative potrebbero influenzare il futuro di [Allende]”.

Il giorno successivo, a Washington, il direttore della CIA William Colby inviò una nota a Kissinger, presentando le argomentazioni della Stazione, parola per parola, e chiedendo l’autorizzazione a procedere con i fondi. Il promemoria, “Proposed Covert Financial Support of Chilean Private Sector” (Proposta di sostegno finanziario segreto al settore privato cileno), utilizzava un linguaggio pensato per placare le sensibilità del Dipartimento di Stato. “La Stazione di Santiago non lavorerebbe direttamente con le forze armate nel tentativo di provocare un colpo di Stato, né il suo sostegno alle forze di opposizione avrebbe questo risultato”, ha dichiarato Colby. Ma aggiunse un’avvertenza: “Realisticamente, naturalmente, un colpo di Stato potrebbe derivare da una maggiore pressione dell’opposizione sul governo Allende”.

A quel punto, la CIA disponeva di molteplici e promettenti rapporti su complotti golpisti. A metà agosto, il C/WHD Phillips aveva inviato un agente veterano a Santiago per valutare la situazione. Egli comunicò che “nelle ultime settimane abbiamo ricevuto un numero crescente di segnalazioni di complotti e abbiamo visto una varietà di date elencate per un possibile tentativo di colpo di stato”. In un rapporto si legge che i complottisti militari avevano scelto il 7 luglio come “data obiettivo” per un altro tentativo di colpo di Stato, ma che la data era stata rinviata a causa dell’opposizione del comandante in capo Carlos Prats e della difficoltà di schierare “i reggimenti chiave dell’esercito nella zona di Santiago”. Secondo la fonte della CIA:

Il problema principale per i complottisti militari è ora come superare questo impedimento di comando verticale. Un modo sarebbe che i generali dell’esercito complottista incontrassero il generale Prats, gli dicessero che non godeva più della fiducia dell’alto comando dell’esercito e quindi lo rimuovessero. La scelta dei complottisti per sostituire Prats, al momento del tentativo di colpo di Stato, è il generale Manuel Torres, comandante della quinta divisione dell’esercito e terzo generale dell’esercito. I complottisti non considerano il generale Augusto Pinochet, che è il secondo ufficiale più anziano dell’esercito, come un sostituto adatto per Prats in queste condizioni.

Alla fine di luglio, la CIA ha riferito che un piano di colpo di Stato coordinato era “quasi completato”. I complottisti stavano ancora affrontando il problema di Prats. L’unico modo per rimuovere Prats”, ha osservato la Stazione, “sembra essere il rapimento o l’assassinio”. Con il ricordo dell’affare dell’ex comandante dell’esercito, Rene Schneider, sempre presente nelle loro menti, sarà difficile per i complottisti portarsi a compiere un tale atto”.

La CIA ha anche riferito che i militari stavano cercando di coordinare la loro presa di potere con la Truck Owners Federation, che stava per iniziare un massiccio sciopero dei camionisti. Il violento sciopero, che paralizzò il Paese per tutto il mese di agosto, divenne un fattore chiave per creare il clima golpista che la CIA aveva a lungo cercato in Cile. Tra gli altri fattori, la decisione della leadership della Democrazia Cristiana di abbandonare i negoziati con il governo di Unità Popolare e di lavorare, invece, per un colpo di stato militare. In un “rapporto sui progressi” della CIA datato all’inizio di luglio, la Stazione ha notato che “c’è stata una crescente accettazione da parte dei leader della DC che un colpo di stato militare di intervento è probabilmente essenziale per prevenire un completo golpe marxista in Cile”. Mentre i leader DC non ammettono apertamente che le loro decisioni politiche e le loro tattiche sono destinate a creare le circostanze per provocare un intervento militare, Le risorse [segrete] della Stazione riferiscono che in privato questo è un fatto politico generalmente accettato”. La posizione democristiana, a sua volta, ha spinto il Partito Comunista Cileno, tradizionalmente moderato, a concludere che un accomodamento politico con l’opposizione tradizionale non era più fattibile e ad adottare una posizione più militante, creando profonde divisioni con la stessa coalizione di Allende. Anche il rifiuto della linea dura dei militari di accettare l’offerta di Allende di alcuni posti di governo ha accelerato le tensioni politiche. “La sensazione che si debba fare qualcosa sembra diffondersi”, ha osservato il quartier generale della CIA in un rapporto analitico sulle “Conseguenze di un colpo di Stato militare in Cile”.

Le dimissioni del comandante in capo Carlos Prats alla fine di agosto, dopo un’intensa campagna di diffamazione pubblica condotta da El Mercurio e dalla destra cilena, hanno eliminato l’ultimo ostacolo al successo di un colpo di Stato. Come il suo predecessore, il generale Schneider, Prats aveva sostenuto il ruolo costituzionale dell’esercito cileno, bloccando gli ufficiali più giovani che volevano intervenire nel processo politico cileno. In un rapporto di intelligence del 25 agosto, con il timbro “TOP SECRET UMBRA”, la Defense Intelligence Agency (DIA) ha osservato che la partenza di Prats “ha rimosso il principale fattore di attenuazione contro un colpo di Stato”. Il 31 agosto, fonti militari statunitensi all’interno dell’esercito cileno riferivano che “L’esercito è unito per un colpo di Stato e i principali comandanti dei reggimenti di Santiago si sono impegnati a sostenerlo. Si dice che siano in corso sforzi per completare il coordinamento tra i tre servizi, ma non è stata fissata una data per un tentativo di colpo di stato”.

A quel punto, l’esercito cileno aveva creato una “squadra speciale di coordinamento” composta da tre rappresentanti di ciascuno dei servizi e da civili di destra accuratamente selezionati. In una serie di riunioni segrete, il 1° e il 2 settembre, questa squadra presentò ai capi dell’esercito, dell’aviazione e della marina cilena un piano completo per rovesciare il governo Allende. L’incipiente giunta approvò il piano e fissò il 10 settembre come data limite per il colpo di stato. Secondo una documentazione sui complotti golpisti ottenuta dalla CIA, il generale che aveva sostituito Carlos Prats come comandante in capo, il generale Augusto Pinochet, era stato “scelto come capo del gruppo” e avrebbe stabilito l’ora di inizio del colpo di stato.

L’8 settembre, sia la CIA che la DIA avvisarono Washington dell’imminenza di un colpo di Stato e confermarono la data del 10 settembre. Un riassunto dell’intelligence della DIA con il timbro TOP SECRET UMBRA riferiva che “i tre servizi si sono accordati per muoversi contro il governo il 10 settembre, e gruppi terroristici civili e di destra presumibilmente sosterranno lo sforzo”. La CIA ha riferito che la marina cilena avrebbe “iniziato un’azione per rovesciare il governo” alle 8:30 del 10 settembre e che Pinochet “ha detto che l’esercito non si opporrà all’azione della marina”.

Il 9 settembre, la Stazione ha aggiornato il conto alla rovescia per il colpo di Stato. Un membro della squadra di agenti segreti della CIA a Santiago, Jack Devine, ricevette una telefonata da una risorsa che stava fuggendo dal Paese. Devine ha ricordato la conversazione: “Succederà l’undici”. Il suo rapporto, distribuito al quartier generale di Langley il 10 settembre, affermava:

Un tentativo di colpo di stato sarà avviato l’11 settembre. Tutti e tre i rami delle Forze Armate e i Carabineros sono coinvolti in questa azione. Una dichiarazione sarà letta su Radio Agricultura alle 7 del mattino dell’11 settembre. I Carabineros hanno la responsabilità di catturare il Presidente Salvador Allende.

Secondo Donald Winters, un agente di alto livello della CIA in Cile all’epoca del colpo di Stato, “l’intesa era che loro [i militari cileni] l’avrebbero fatto quando sarebbero stati pronti e all’ultimo momento ci avrebbero detto che sarebbe successo”. Alla vigilia del colpo di Stato, tuttavia, almeno un settore dei complottisti divenne nervoso per quello che sarebbe successo se i combattimenti si fossero protratti e il golpe non fosse andato come previsto. La notte del 10 settembre, mentre i militari assumevano silenziosamente le posizioni per prendere violentemente il potere il giorno successivo, un “ufficiale chiave del gruppo militare cileno che progettava di rovesciare il presidente Allende”, come lo descrive il quartier generale della CIA, contattò un funzionario statunitense – non è chiaro se si trattasse di un ufficiale della CIA, della Difesa o dell’ambasciata – e “chiese se il governo degli Stati Uniti sarebbe venuto in aiuto dell’esercito cileno se la situazione fosse diventata difficile”. All’ufficiale fu assicurato che la sua domanda “sarebbe stata prontamente resa nota a Washington”, secondo un memo altamente riservato inviato da David Atlee Phillips a Henry Kissinger l’11 settembre, mentre il colpo di Stato era in corso.

Al momento del colpo di Stato, sia il Dipartimento di Stato che la CIA stavano preparando piani di emergenza per l’assistenza degli Stati Uniti nel caso in cui la mossa militare fosse fallita. Il 7 settembre, l’Assistente Segretario Kubisch riferì agli ufficiali di Stato e della CIA che funzionari di alto livello del Dipartimento avevano discusso del Cile e stabilito quanto segue: “Se dovesse esserci un tentativo di colpo di Stato, che sembra avere successo e soddisfacente dal nostro punto di vista, ci asterremo”; ma “se dovesse esserci un colpo di Stato, che potrebbe essere visto come favorevole ma che sembra in pericolo di fallimento, potremmo volere una capacità di influenzare la situazione”. Kubisch incaricò la CIA di “prestare attenzione a questo problema”.

La questione si rivelò irrilevante. “Il colpo di Stato cileno è stato quasi perfetto”, ha riferito il tenente colonnello Patrick Ryan, capo del gruppo militare statunitense a Valparaiso, in un “Sitrep” a Washington. Alle 8:00 dell’11 settembre, la marina cilena aveva messo in sicurezza la città portuale di Valparaiso e annunciato il rovesciamento del governo di Unità Popolare. A Santiago, le forze dei carabineros avrebbero dovuto trattenere il presidente Allende nella sua residenza, ma egli riuscì a dirigersi verso La Moneda, la Casa Bianca cilena, e iniziò a trasmettere messaggi radiofonici a “lavoratori e studenti” affinché venissero “a difendere il vostro governo contro le forze armate”. Mentre i carri armati dell’esercito circondavano la Moneda sparando sui muri, i jet Hunter Hawker lanciarono un attacco missilistico mirato sugli uffici di Allende intorno a mezzogiorno, uccidendo molte delle sue guardie. Un altro attacco aereo di bombardamento ha accompagnato lo sforzo di terra dell’esercito per conquistare il cortile interno della Moneda alle 13:30.

Durante i combattimenti, i militari chiesero ripetutamente al Presidente Allende di arrendersi e si offrirono sommariamente di portare lui e la sua famiglia fuori dal Paese. In un’ormai famosa registrazione audio del generale Pinochet che dà istruzioni alle sue truppe via radio l’11 settembre, lo si sente ridere e giurare “quell’aereo non atterrerà mai”. Anticipando la ferocia del suo regime, Pinochet aggiunse: “Uccidete la puttana ed eliminate la cucciolata”. Salvador Allende fu trovato morto per una ferita d’arma da fuoco autoinflitta nel suo ufficio interno intorno alle 14.00. Alle 14.30, la rete radiofonica delle forze armate trasmise l’annuncio che La Moneda si era “arresa” e che l’intero Paese era sotto controllo militare.

La reazione internazionale al colpo di Stato è stata immediata, diffusa e di condanna. Numerosi governi hanno denunciato il golpe militare e in tutta l’America Latina si sono tenute proteste di massa.

Durante le udienze per la sua conferma a Segretario di Stato – solo un giorno dopo il colpo di Stato – Kissinger fu tempestato di domande sul coinvolgimento della CIA. L’Agenzia “è stata coinvolta in minima parte nel 1970 e da allora ci siamo tenuti assolutamente lontani da qualsiasi colpo di Stato”, ha risposto Kissinger. “I nostri sforzi in Cile erano volti a rafforzare i partiti politici democratici e a fornire loro una base per vincere le elezioni del 1976”.

“Preservare la democrazia cilena” riassumeva la linea ufficiale, stesa dopo i fatti, per offuscare l’intervento statunitense contro il governo Allende. Il 13 settembre, il direttore della CIA Colby inviò a Kissinger una panoramica segreta di due pagine sul “Programma di azione segreta della CIA in Cile dal 1970”, con l’intento di fornire una guida alle domande sul ruolo dell’Agenzia. “La politica degli Stati Uniti è stata quella di mantenere la massima pressione segreta per impedire il consolidamento del regime di Allende”, affermava candidamente il memo. Dopo un esame selettivo delle operazioni segrete politiche, mediatiche e private, Colby concludeva che: “Sebbene l’agenzia sia stata determinante nel permettere ai partiti politici e ai media dell’opposizione di sopravvivere e di mantenere la loro resistenza dinamica al regime di Allende, la CIA non ha avuto un ruolo diretto negli eventi che hanno portato all’istituzione di un nuovo governo militare”.

Secondo la definizione più ristretta di “ruolo diretto” – fornire pianificazione, equipaggiamento, supporto strategico e garanzie – la CIA non sembra essere stata coinvolta negli eventi violenti che hanno portato all’insediamento del nuovo governo militare nelle violente azioni dei militari cileni dell’11 settembre 1973. La Casa Bianca di Nixon cercò, sostenne e abbracciò il colpo di Stato, ma i rischi politici di un impegno diretto erano semplicemente superiori a qualsiasi necessità effettiva di successo. I militari cileni, tuttavia, non avevano dubbi sulla posizione degli Stati Uniti. “Non eravamo coinvolti nella pianificazione”, ha ricordato l’agente della CIA Donald Winters. “Ma i nostri contatti con i militari hanno fatto capire loro la nostra posizione, ovvero che non eravamo molto contenti del governo [di Allende]”. La CIA e altri settori del governo statunitense, inoltre, erano direttamente coinvolti in operazioni volte a creare un “clima da golpe” in cui il rovesciamento della democrazia cilena avrebbe potuto e voluto avere luogo. Il promemoria di Colby sembra omettere il progetto di inganno militare della CIA, gli sforzi di propaganda nera occulta per seminare il dissenso all’interno della coalizione di Unità Popolare, il sostegno a elementi estremisti come Patria y Libertad e i risultati incendiari del progetto El Mercurio, che i documenti dell’agenzia accreditano di aver giocato “un ruolo significativo nel preparare la scena” per il colpo di Stato, per non parlare dell’impatto destabilizzante del blocco economico invisibile. L’argomentazione secondo cui queste operazioni avrebbero avuto lo scopo di preservare le istituzioni democratiche del Cile era uno stratagemma di pubbliche relazioni contraddetto dal peso della documentazione storica. In effetti, il massiccio sostegno fornito dalla CIA ai principali rappresentanti della democrazia cilena – la Democrazia Cristiana, il Partito Nazionale e El Mercurio – ha facilitato la loro trasformazione in attori principali e in sostenitori chiave della violenta interruzione dei processi democratici in Cile da parte dei militari cileni.

“Forse ricorderete anche la discussione su un Track Two alla fine del 1970, che non è stata inclusa in questo riassunto”, scrisse Colby a Kissinger sulla ricevuta del suo memorandum del 13 settembre. Fondamentale per la comprensione del sostegno di Washington da parte dei generali cileni era la consapevolezza che la CIA aveva cercato di istigare direttamente un colpo di Stato tre anni prima. “La Track II non si è mai conclusa”, come testimoniò nel 1975 Thomas Karamessines, il più alto funzionario della CIA incaricato delle operazioni segrete contro Allende. “Quello che ci è stato detto di fare è stato di continuare i nostri sforzi. Rimanere all’erta e fare il possibile per contribuire al raggiungimento degli obiettivi e degli scopi del Tracciato II. Sono certo che i semi gettati in quello sforzo nel 1970 hanno avuto il loro impatto nel 1973. Non ho alcun dubbio al riguardo”.

.

** ** ** **

“La nostra politica su Allende ha funzionato molto bene”, commentò l’Assistente Segretario Kubisch a Kissinger il giorno dopo il colpo di stato. In effetti, nel settembre del 1973, l’amministrazione Nixon aveva raggiunto l’obiettivo di Kissinger, enunciato nell’autunno del 1970, di creare condizioni che avrebbero portato al crollo o al rovesciamento di Allende. Alla prima riunione del Gruppo per le Azioni Speciali di Washington, tenutasi la mattina del 12 settembre per discutere su come assistere il nuovo regime militare cileno, Kissinger scherzò sul fatto che “il Presidente è preoccupato che si voglia mandare qualcuno al funerale di Allende”. Ho detto che non credevo che stessimo prendendo in considerazione questa possibilità”. “No”, rispose un assistente, “a meno che lei non voglia andarci”.

Il 16 settembre il Presidente Nixon chiamò Kissinger per un aggiornamento; la loro conversazione fu registrata dal sistema di registrazione segreto di Kissinger. I due discussero candidamente del ruolo degli Stati Uniti. Nixon sembrava preoccupato che l’intervento statunitense in Cile potesse essere scoperto. “Beh, non abbiamo fatto – come sapete – la nostra mano non si vede in questo caso”, fece notare il presidente. “Non siamo stati noi”, rispose Kissinger, riferendosi alla questione del coinvolgimento diretto nel colpo di Stato dell’11 settembre. “Voglio dire che li abbiamo aiutati. [Abbiamo creato le condizioni migliori possibili”. “È vero”, ha concordato Nixon.

Nixon e Kissinger si sono commiserati per il fatto che non avrebbero ricevuto un riconoscimento elogiativo dai media per la caduta di Allende. “La vicenda del Cile si sta consolidando”, ha riferito Kissinger, “e naturalmente i giornali si lamentano perché è stato rovesciato un governo filocomunista”. “Non è una cosa da poco?”, ha detto Nixon, esaltando le “stronzate liberal” dei media. Kissinger ha suggerito che la stampa dovrebbe “celebrare” il colpo di Stato militare. “Nel periodo di Eisenhower”, disse Kissinger a Nixon, “saremmo stati degli eroi”.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Beccaria: tortura, razzismo sistemico, sovraffollamento

Mai così tanti minori in carcere da decenni. Il punto di Antigone sugli IPM. Il nodo della giustizia riparativa

Arci Roma, una festa per “fare rumore”

80 circoli, 4 giornate, dibattiti, laboratori e 22 spettacoli. Dal 30 Maggio al 2 Giugno la prima festa dei Circoli Arci della Capitale 

Di nuovo a Firenze. L’ex GKN parla a tuttз

A fianco del Collettivo di Fabbrica nella manifestazione nazionale del 18 maggio: “EX GKN: con tutta la dignità in corpo” [Franco Turigliatto]

Teatro. Segreti e ricordi, il puzzle di Bedos

Il viaggio di Victor prima assoluta a Genova, con repliche sino al 19 maggio, per poi iniziare una tournée nella prossima stagione

Ecco perché hanno arrestato Toti e un po’ di padroni della Liguria

L'ordinanza della Procura della Repubblica e della DDA che ha decapitato la Regione e il mondo degli affari genovesi