21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
21.9 C
Rome
mercoledì 17 Luglio 2024
Homepadrini & padroniAlle origini della complessa storia di Hamas

Alle origini della complessa storia di Hamas

Per alcuni, Hamas ha seppellito per sempre la causa palestinese il 7 ottobre 2023. Per altri, è l’alfiere della resistenza all’occupazione [Rachida El Azzouzi]

Sabato 14 ottobre, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver ucciso due esponenti di Hamas ritenuti responsabili dell’attacco terroristico che una settimana fa ha gettato il popolo israeliano nei “giorni più traumatici dalla Shoah”, per usare l’espressione della sociologa franco-israeliana Eva Illouz (più di 1.300 morti, 3.200 feriti e almeno 120 ostaggi, tra cui molti civili).

Il capo delle Nukhba, le unità d’élite di Hamas, Ali Qadi, sarebbe stato ucciso, così come Merad Abou Merad, capo delle operazioni aeree a Gaza City. Domenica è stata annunciata la morte di un comandante della Nukhba, Bilal el-Kadra, presentato dall’esercito israeliano come responsabile dei massacri del 7 ottobre nei kibbutz di Nirim e Nir Oz.

Dopo l’offensiva a sorpresa di Hamas, Israele ha assediato e bombardato la Striscia di Gaza per rappresaglia. In pochi giorni, i bombardamenti hanno ucciso 2.750 persone, tra cui più di 700 bambini, e ne hanno ferite 9.700, secondo un rapporto del Ministero della Sanità palestinese di Hamas di lunedì mattina. “Questo è solo l’inizio”, ha avvertito il Primo Ministro israeliano Benyamin Nétanyahou, che ha dichiarato: “Hamas è Daech e noi lo schiacceremo e lo distruggeremo proprio come il mondo ha distrutto Daech”.

Se è difficile non evocare la barbarie di Daech in Siria, in Iraq o sul suolo europeo di fronte ai massacri commessi il 7 ottobre dal movimento islamista palestinese per strada, nelle case o nel bel mezzo di un rave party, il confronto tra le due organizzazioni ha i suoi limiti.

Sì, Hamas ha commesso crimini odiosi, crimini di guerra e crimini contro l’umanità, ma è un movimento nazionalista che non ha nulla in comune con Daech o al-Qaeda”, spiega Jean-Paul Chagnollaud, professore universitario e direttore dell’Institut de recherche et d’études Méditerranée/Moyen-Orient (iReMMO). Rappresenta o rappresenta in larga misura un buon terzo del popolo palestinese. Se Mahmoud Abbas [capo dell’Autorità Palestinese – n.d.t.] ha annullato le elezioni due anni fa, è stato perché Hamas aveva la possibilità di vincere le elezioni legislative”.

Il paragone con Daech ha un obiettivo politico, che è quello di confinare Hamas al ruolo di gruppo jihadista”, concorda Xavier Guignard, ricercatore specializzato in Palestina presso il centro di ricerca indipendente Noria. Capisco la necessità di caratterizzare ciò che è accaduto, ma questo paragone ci priva della visione di ciò che è Hamas”, un movimento islamista di liberazione nazionale, proteiforme, politico e militare, che è l’acronimo di “Harakat al-muqawama al-islamiya”, che significa “Movimento della resistenza islamica”.

Considerato terrorista dall’Unione Europea, dagli Stati Uniti e da molti Paesi occidentali, Hamas, la cui ala politica nella Striscia di Gaza è guidata da Yahya Sinouar (liberato nel 2011 dopo 22 anni di carcere israeliano quando 1.027 prigionieri palestinesi furono scambiati con il soldato franco-israeliano Gilad Shalit), è salito al potere con elezioni democratiche. Ha vinto le elezioni legislative del 2006. L’anno successivo ha preso il controllo della Striscia di Gaza con la forza, dopo sanguinosi scontri e a scapito dell’Autorità Palestinese ( ANP), riconosciuta dalla comunità internazionale e dominata da Fatah (Movimento di Liberazione Nazionale Palestinese, non religioso) di Mahmoud Abbas, che controlla la Cisgiordania.

Guerra fratricida

Questa presa di potere è stata un momento cruciale. Ha scatenato una guerra fratricida tra le fazioni palestinesi e ha dato allo Stato ebraico l’opportunità di inasprire ulteriormente il blocco sulla Striscia di Gaza, limitando la circolazione di persone e merci, con il sostegno dell’Egitto. Un blocco devastante via terra, aria e mare che ha soffocato l’economia e la popolazione per oltre un decennio ed è stato aggravato dalle guerre successive e dalla distruzione provocata dai bombardamenti israeliani.

Ufficialmente per Israele, che ha decolonizzato il territorio nel 2005, il blocco ha lo scopo di impedire ad Hamas, impegnata nella lotta armata contro lo Stato ebraico, di procurarsi armi. Creato nel dicembre 1987 dai Fratelli Musulmani palestinesi (la cui filiale era stata fondata a Gerusalemme nel 1946, due anni prima della proclamazione dello Stato di Israele), durante la prima intifada (cioè la rivolta palestinese contro l’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza), allora massiccia e popolare, il movimento sposava la lotta armata contro Israele.

Un “profondo dibattito interno” ha poi agitato i suoi fondatori, come racconta l’accademico palestinese Khaled Hroub sulla piattaforma Cairn: “Ci sono due punti di vista opposti. Alcuni spingono per una svolta politica in direzione della resistenza all’occupazione, aggirando così le vecchie e tradizionali idee secondo cui l’islamizzazione della società dovrebbe essere l’obiettivo principale. Gli altri sono della classica scuola dei Fratelli Musulmani: “preparare le generazioni” per una battaglia la cui data precisa non è ancora stata fissata. Con lo scoppio dell’intifada, gli integralisti hanno guadagnato terreno, sostenendo che ci saranno ripercussioni molto negative per il movimento se gli islamisti non parteciperanno chiaramente alla rivolta, allo stesso livello delle altre organizzazioni palestinesi partecipanti”.

Messa all’angolo dal suo “rivale più piccolo e più attivo”, la Jihad islamica, “un’organizzazione dello stesso tipo – non nazionalista o di sinistra”, continua Khaled Hroub, Hamas ha finito per accelerare la sua trasformazione interna.

La trasformazione del ramo palestinese dei Fratelli Musulmani in Movimento di Resistenza Islamica non era scontata e ci sono state accese discussioni prima che lo sceicco Yassin, fragile sulla sua sedia a rotelle paralizzata, avesse la meglio. Alcuni membri hanno insistito per attenersi alla linea dei Fratelli:  trasformare la società attraverso la predicazione, l’educazione e l’azione sociale. Il nazionalismo non trova spazio in questo concetto: è la comunità dei credenti che conta. Hamas, invece, aggiunge una dimensione nazionalista all’Islam politico.

Il suo statuto, 36 articoli in cinque capitoli, scritto nel 1988 e violentemente antisemita, è inequivocabile: Hamas chiede la jihad (guerra santa) contro gli ebrei, la distruzione di Israele e l’istituzione di uno Stato palestinese islamico. Ventinove anni dopo, nel 2017, è stato pubblicato un nuovo statuto senza cancellare quello del 1988. Hamas accetta l’idea di uno Stato palestinese limitato ai confini del 1967, con Gerusalemme come capitale e il diritto al ritorno per i rifugiati, e afferma di combattere contro “gli aggressori sionisti occupanti” e non contro gli ebrei.

Nel 1991, l’ala dell’intelligence di Hamas è diventata un’ala armata, le Brigate Izz al-Din al-Qassam. Dall’aprile 1993, anno degli accordi di Oslo firmati tra l’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) di Yasser Arafat e lo Stato ebraico, che Hamas ha respinto come una capitolazione, le Brigate Izz al-Din al-Qassam hanno compiuto regolarmente attacchi terroristici contro soldati e civili israeliani per far deragliare il processo di pace. Per anni le Brigate hanno privilegiato gli attentati suicidi, prima di scegliere, nel 2006, di lanciare razzi e mortai da Gaza.

Negli ultimi anni, Hamas, criticato per la sua gestione autoritaria della Striscia di Gaza, la sua corruzione e le sue numerose violazioni dei diritti umani (nel 2019, ha represso la rabbia di una popolazione stremata dal blocco israeliano), era considerato in perdita di slancio e alle prese con l’usura del potere.

Il ramo militare prende il potere

La sua micidiale offensiva terrestre, aerea e marittima di sabato 7 ottobre – a cinquant’anni, quasi alla data odierna, dallo scoppio della Guerra dello Yom Kippur e in un momento in cui gli Accordi di Abramo miravano a normalizzare le relazioni tra Israele e diversi Paesi arabi a scapito dei palestinesi e sotto la pressione degli Stati Uniti – lo ha riportato in prima linea. Ha rivelato la nuova potenza di Israele e la sua capacità, fino ad allora inedita, di abbattere uno dei più potenti eserciti della regione e di umiliare il Mossad e lo Shin Bet, le onnipotenti agenzie di intelligence esterne e interne di Israele.

Il fatto rivela anche il potere assunto dal ramo militare su quello politico di un movimento sunnita che, secondo la Reuters, avrebbe un mini-esercito con circa 40.000 combattenti e una schiera di specialisti, in particolare nella cybersecurity. Un movimento che può contare sui suoi alleati del “Fronte di Resistenza”: Iran, Siria e il gruppo islamista sciita Hezbollah in Libano, con cui condivide il rifiuto di Israele.

In termini militari, diplomatici e finanziari, l’Iran sciita è uno dei suoi principali sostenitori. Secondo un rapporto del Dipartimento di Stato americano del 2020, citato da Reuters, l’Iran fornisce circa 100 milioni di dollari all’anno ai gruppi palestinesi, in particolare ad Hamas. Questi aiuti sono aumentati notevolmente nell’ultimo anno, fino a raggiungere circa 350 milioni di dollari, secondo la Reuters.

Hamas non è solo un movimento politico e un’organizzazione combattente, ma anche un’amministrazione. In quanto tale, riscuote tasse e impone dazi su tutto ciò che entra nella Striscia di Gaza, sia legalmente, attraverso i valichi con Israele ed Egitto, sia illegalmente. Le entrate che raccoglie in questo modo sono stimate in quasi 12 milioni di euro al mese. Il che non è molto, dopo tutto, perché questa amministrazione deve pagare i suoi dipendenti pubblici e fornire un minimo di protezione sociale, sotto forma di scuole, istituzioni sanitarie e aiuti per i più svantaggiati. In questo è aiutata dal Qatar sunnita, con il sostegno del governo israeliano. L’Emirato ha versato 228 milioni di euro nel 2021, somma che sarebbe stata aumentata a 342 milioni nel 2021.

Poiché Hamas figura nelle liste americane ed europee dei movimenti che sostengono il terrorismo, il sistema bancario internazionale gli è precluso. Così, quando questo aiuto è stato messo in atto nel 2018, le valigie di contanti sono arrivate dal Qatar all’aeroporto di Tel Aviv e poi hanno preso la strada per Gaza, dove sono entrate più ufficialmente. In seguito, le operazioni saranno più discrete.

Più discreti sono anche gli altri trasferimenti, per scopi molto meno discutibili del pagamento del carburante per la centrale elettrica o delle medicine per gli ospedali. Questi raggiungono Hamas attraverso le criptovalute. Anche se i rapporti con l’Iran sono meno buoni da quando Hamas ha sostenuto la rivoluzione siriana nel 2011, la Repubblica islamica è ancora il principale finanziatore del suo arsenale, come ammette lo stesso Ismail Hanniyeh. Il capo dell’ufficio politico di Hamas, con sede a Doha, ha affermato nel marzo 2023 che Teheran ha contribuito con 66 milioni di euro allo sviluppo delle sue armi.

Il Qatar ospita anche diversi leader di Hamas. Quando non si rifugiano in Libano o nella “metropolitana” di Gaza, quel labirinto di tunnel scavati nel sottosuolo dall’alba degli anni Duemila, che servono sia come nascondigli sia come fabbriche in cui si producono o importano armi, bombe, mortai, razzi, missili anticarro e antiaerei, ecc.

Per alcuni, Hamas ha seppellito per sempre la causa palestinese il 7 ottobre 2023 ed è il più grande nemico dei palestinesi. Per altri, è stato un atto di resistenza, di liberazione nazionale di fronte alla continua occupazione, la messa in pericolo dei luoghi santi di Gerusalemme e l’occupazione della Cisgiordania. “Quando si tratta della causa palestinese, ogni movimento che si oppone a Israele è considerato un araldo, qualunque sia la sua ideologia”, osserva Mohamed al-Masri, ricercatore presso il Centro arabo per la ricerca e gli studi politici di Doha, in Qatar, in un’intervista a Mediapart.

Sabato 7 ottobre, Mohammed Deif ha annunciato il lancio dell’operazione “Inondazione di al-Aqsa” contro Israele per “porre fine a tutti i crimini dell’occupazione”. Il nome non è stato scelto a caso. Si riferisce all’emblematica moschea della Città Vecchia di Gerusalemme, simbolo della resistenza palestinese e terzo luogo sacro dell’Islam dopo La Mecca e Medina, da dove il profeta Maometto salì in cielo per incontrare gli antichi profeti, tra cui Mosè, e avvicinarsi a Dio.

Mohammed Deif è il nemico numero uno dello Stato ebraico, la mente di quello che è diventato “l’11 settembre di Israele”: è il comandante del braccio armato di Hamas. Soprannominato il “gatto dalle nove vite” per essere sopravvissuto a molteplici tentativi di assassinio, Mohammed Diab Ibrahim al-Masri, questo il suo vero nome, è nato nel 1965 nel campo profughi di Khan Younès, nel sud della Striscia di Gaza. Deve il suo soprannome “Deif” – “ospite” in arabo – al fatto che non dorme mai nello stesso posto.

Si è unito ad Hamas negli anni ’90 ed è stato imprigionato in Israele per questo, prima di contribuire a fondare l’ala armata di Hamas sulle orme del suo mentore, Yahya Ayyash, che gli ha insegnato i rudimenti degli esplosivi. Dopo l’assassinio di Ayyash, ha preso le redini delle Brigate Al-Qassam. Israele può distruggere l’apparato di Hamas con omicidi mirati. Altri sono pronti a subentrare all’ombra dei loro maestri. Deif è un esempio emblematico.

“Hamas è stato promosso in modo subdolo da Netanyahu”, ricorda lo scrittore palestinese ed ex ambasciatore palestinese presso l’UNESCO, Elias Sanbar, in un’intervista a Mediapart. Ricordo che quando Israele organizzò un blocco finanziario contro Fatah e l’Autorità Palestinese, i trasferimenti di denaro a Hamas passavano attraverso le banche israeliane! La creatura di Israele gli si è rivoltata contro. Nel frattempo, si è nutrita dei fallimenti dell’Autorità Palestinese, i cui rappresentanti sono accusati di essere ingenui, se non traditori, che hanno negoziato con Israele dal 1993, per poi tornare a mani vuote”.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Dietro lo stallo del Nuovo Fronte Popolare, due strategie opposte

Francia, la sinistra è lacerata su un governo destinato a durare poco. I socialisti stanno inviando segnali di apertura al campo macronista [Mathieu Dejean]

E’ sbagliato tifare per la Nazionale? Noi compagni e il calcio

Europei: football, politica e società. Uno sguardo con gli occhi di un socialista inglese [Dave Kellaway]

Francia, la gauche in stallo, cresce l’impazienza popolare

Duello Ps-LFI per chi guiderà il governo del NFP. Ma intanto Macron punta a dividerlo. Se resisterà sarà solo per la pressione dei movimenti

Il passepartout del sionismo

L'accusa di antisemitismo e altre sfumature retoriche per negare le responsabilità di Israele nel massacro di Gaza

Strega, storie di donne sull’orlo d’una crisi d’identità 

Donatella Di Pietrantonio vince il premio Strega 2024. La famiglia come filo conduttore della sestina