6.4 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
6.4 C
Rome
sabato 2 Marzo 2024
Homepadrini & padroniLe stronzate dei padroni (Corporate Bullsh*t) e come combatterle

Le stronzate dei padroni (Corporate Bullsh*t) e come combatterle

Ecco un manuale per fermare le bugie aziendali e cambiare il Paese [Joan Walsh, Nick Hanauer, Donald Cohen]

Dal movimento per l’abolizione della schiavitù alla campagna per porre fine al lavoro minorile, dalla spinta dell’era progressista per un sistema fiscale più equo alla ricerca pluridecennale di creare e poi rafforzare la rete di sicurezza sociale, dallo sforzo per proteggere le vite dalle automobili e dalle sostanze chimiche pericolose all’urgente lotta odierna per frenare il cambiamento climatico, gran parte della nostra storia è stata una battaglia tra gli americani comuni che si mobilitano per costruire un Paese più giusto, più sicuro, più forte, e le élite politiche o aziendali che si oppongono alle riforme per preservare uno status quo distorto che serve i loro interessi. Queste élite si basano su una serie di bugie che hanno riciclato, a volte per decenni, a volte più a lungo. Ancora e ancora, le industrie negano i problemi – il fumo non causa il cancro; le automobili non causano l’inquinamento; le avide aziende farmaceutiche non sono responsabili della crisi della dipendenza da oppioidi – molto tempo dopo che le prove del contrario sono ampiamente disponibili.

Le persone normali hanno ottenuto molte vittorie. Il nucleo del New Deal, che ha creato le basi del sostegno sociale e delle opportunità economiche su cui facciamo affidamento oggi, è durato quasi un secolo grazie a un movimento popolare che ha raccolto consensi. Molti meno americani muoiono sulle strade rispetto al passato, perché abbiamo imposto alle case automobilistiche di costruire auto più sicure. Meno lavoratori vengono feriti, ammalati o uccisi sul lavoro grazie alle norme sulla sicurezza sul posto di lavoro, e le leggi sul salario minimo significano che più lavoratori sono economicamente sicuri.  I nostri figli respirano aria e bevono acqua più pulita rispetto ai nostri genitori e nonni. Abbiamo ridotto drasticamente la povertà, soprattutto tra gli anziani, e ampliato costantemente l’accesso all’assistenza sanitaria. Abbiamo reso molto più difficile per le aziende o il governo escludere donne, persone di colore e americani LGBTQ da un trattamento iniquo.

Ma tutti questi progressi sono stati ostacolati da una serie di bugie delle imprese che cercano di ingannarci, di dirci che i problemi non sono problemi e che, se lo sono, potrebbe essere colpa nostra e che se cerchiamo di risolverli, non faremo altro che peggiorare le cose. Abbiamo quindi scritto un manuale per aiutarvi a combattere queste sfacciate falsità. Una volta visto il loro piano di gioco, non potrete più farne a meno.

“Il governo federale ha combattuto una guerra contro la povertà e la povertà ha vinto” – Presidente Ronald Reagan, 1988

Ogni progresso è stato una lotta, e le ondate di progresso sono state spesso seguite da periodi in cui le forze del potere e del privilegio hanno riaffermato il controllo. Nei decenni successivi al New Deal e alla Seconda Guerra Mondiale, gli Stati Uniti hanno creato un’infrastruttura di opportunità che ha permesso di creare la classe media più numerosa del mondo e di condividere ampiamente i guadagni di un lungo boom economico. Naturalmente, data l’ignobile storia di razzismo, esclusione sistemica e oppressione istituzionale del nostro Paese, le comunità di colore, compresi i neri, gli indigeni e gli ispanici, sono state e continuano a essere largamente escluse da questa prosperità, spesso per scelta. Per gli americani bianchi, l’economia di questo periodo è stata caratterizzata da un sorprendente grado di uguaglianza. Negli anni dal 1947 al 1973, sotto i presidenti di entrambi i partiti, i salari reali di tutti gli americani sono aumentati dell’81%, mentre quelli dell’1% superiore sono aumentati di meno della metà.

Negli anni ’70, però, le multinazionali e i loro alleati politici hanno iniziato a organizzarsi in modo aggressivo per ripristinare la loro supremazia. Hanno finanziato un gruppo di “think tank”, programmi universitari, gruppi di difesa e organizzazioni mediatiche per ribaltare il copione e dipingere il “grande governo” come il cattivo e loro stessi come le vere vittime. “Il governo federale ha combattuto una guerra contro la povertà, e la povertà ha vinto”, ha intonato il presidente Ronald Reagan nel 1988, in modo autorevole ma scorretto, mentre iniziava a indebolire gli investimenti della nazione nelle politiche del New Deal che per decenni avevano livellato il campo di gioco tra aziende e consumatori, proprietari e dipendenti, i ricchi e il resto di noi.

Oggi, i divari di reddito e di ricchezza che si sono ridotti dopo la Seconda Guerra Mondiale si sono nuovamente ampliati. Secondo Pew Research, la disuguaglianza di reddito è aumentata del 20% tra il 1980 e il 2016. La quota dell’1% del reddito imponibile è passata dal 9% del 1975 al 22% del 2018, mentre il 90% del reddito inferiore è sceso dal 67% al 50%. Uno studio della RAND Corporation ha rilevato che tra il 1975 e il 2020, a causa delle politiche fiscali che favoriscono i ricchi e della stagnazione dei salari tra i non ricchi, è stata distribuita una ricchezza di ben 50.000 miliardi di dollari verso l’alto, allontanando le buste paga del 90 percento inferiore delle famiglie. I divari di ricchezza razziali sono particolarmente sconcertanti. Il patrimonio netto di una tipica famiglia bianca è 10 volte superiore a quello delle famiglie nere e, nel 2019, la ricchezza mediana di una famiglia latina era pari al 9% della ricchezza mediana di una famiglia bianca.

Per ridistribuire la ricchezza verso l’alto, le potenti élite aziendali hanno condotto una campagna di allarmante successo per stabilire i termini del dibattito economico con una serie di editti ormai familiari: Il libero mercato sa fare meglio di tutti e deve essere lasciato libero di agire; ogni regolamentazione governativa è un socialismo strisciante; programmi come il welfare e il salario minimo tendono a danneggiare, non ad aiutare, coloro che mirano a beneficiare. Molti di questi espedienti non erano nuovi nemmeno decenni fa. Sono state rispolverate dalla tradizione secolare della retorica usata dalle élite aziendali e politiche per contrastare le riforme.

“I datori di lavoro non permettono deliberatamente l’esistenza di condizioni di lavoro che causano infortuni o malattie. La sicurezza è un buon affare” – Newsletter della Camera di Commercio degli Stati Uniti, 1973.

Alcune di queste bugie sono francamente troppo assurde per essere prese sul serio. “Garantire agli anziani l’assistenza sanitaria porterà inevitabilmente al comunismo”. “Il riscaldamento globale è ottimo per il pianeta!”. Avete capito bene. Ma la maggior parte è un po’ diversa. La loro efficacia è dovuta al fatto che, almeno in superficie, offrono una giustificazione civica e ragionevole per posizioni che in realtà sono motivate esclusivamente da interessi personali. “Ci piacerebbe pagare ai nostri lavoratori un salario di sussistenza, ma poi dovremmo licenziare, cosa che nessuno vuole!”. “Vogliamo davvero costruire auto più sicure, quindi è meglio se ci lasciate fare da soli invece di imporcelo”. E così via. Non importa molto se l’argomentazione regge sotto esame: per il solo fatto di esistere, queste false affermazioni possono suggerire l’esistenza di un dibattito in buona fede. Una volta che ciò accade, la maggior parte delle persone non ha il tempo di capire chi ha ragione.

Mentre gli americani cercano di farsi strada in questa bufera di bugie, può essere utile notare che la miriade di falsità può essere classificata in alcune storie comuni e sovrapposte. Storie false, storie fasulle, ma a volte comunque seducenti. Favole tranquillizzanti ma tossiche.

Il nostro libro identifica le Big Six. Primo: Non è un problema!

“È solo il naturale corso degli eventi minerari a causare ferite e morti per incidenti” – Governatore della Virginia Occidentale G.W. Atkinson, 1901.

Il primo passo è la negazione. Per qualsiasi pratica dannosa si voglia difendere, dalla schiavitù al fumo all’inquinamento globale, i difensori dello status quo dicono semplicemente che i problemi non esistono, o che sono esagerati, o che non ne siamo certi. A volte si spingono oltre, sostenendo che non solo non è un problema, ma è addirittura una cosa positiva:

“Mai prima d’ora la razza nera dell’Africa centrale… ha raggiunto una condizione così civile e così migliorata, non solo fisicamente, ma anche moralmente e intellettualmente” – Senatore ed ex vicepresidente John Calhoun della Carolina del Sud, 1837.

Sì, quel John Calhoun (era uno schiavista convinto, riteneva che lo schiavismo fosse un bene sia per i proprietari sia per gli schiavi, ndr).

Quando alla fine sono costretti ad ammettere un problema, si affidano a pochi e affidabili argomenti. Uno dei preferiti: Il libero mercato può risolvere il problema! Certo, a volte… le cose succedono. Ma il nostro sistema di libera impresa garantisce che le aziende sistemino le cose. Non c’è bisogno di leggi sulla sicurezza dei lavoratori, perché “la sicurezza è un buon affare”, ha detto la Camera di Commercio degli Stati Uniti al Congresso nel 1973. Leggi sui diritti civili applicate alle imprese private? Non serve! Gli avventori avrebbero fatto fallire i locali che discriminavano. (Attenzione, spoiler: nel Sud del Jim Crow, quei posti prosperavano).

“Ciò che i collettivisti si rifiutano di riconoscere è che è nell’interesse di ogni uomo d’affari avere una reputazione di onestà e un prodotto di qualità” – Futuro presidente della Federal Reserve Alan Greenspan, 1963.

Oppure, si dice che non è colpa nostra, è colpa vostra! Infortuni sul lavoro? Colpa della negligenza dei lavoratori. Problemi di sicurezza per i consumatori? Tutta colpa dei consumatori pigri e a caccia di occasioni. Il crollo immobiliare del 2008? Colpa di persone avide che volevano case che non potevano permettersi e di sostenitori del bene che hanno costretto le banche a concedere prestiti a persone che non li meritavano.

 “Vogliamo davvero sovvenzionare i mutui dei perdenti?” – Rick Santelli, conduttore della CNBC, 2009

Se gli sforzi di riforma iniziano a guadagnare trazione, si concentrano su quelle che, secondo loro, sarebbero le conseguenze catastrofiche di un’effettiva azione per risolvere il problema. Per esempio: È un killer di posti di lavoro! Fin dai primi sforzi per migliorare la sicurezza sul lavoro e i livelli retributivi, che risalgono al XIX secolo, i leader dell’industria hanno lamentato, insistito, minacciato o ululato che qualsiasi proposta finirà per costare posti di lavoro e affossare l’economia. Le protezioni della salute pubblica e dell’ambiente che oggi diamo per scontate avrebbero già ucciso intere industrie se gli oppositori che gridano al lupo avessero avuto ragione. Ricordate cosa dicevano della legge sul congedo familiare e medico del 1993?

“È un killer di posti di lavoro… rende più costoso assumere persone, quindi le imprese dicono che non assumeranno”.

Ecco un’obiezione correlata: Non farete altro che peggiorare le cose! Il tentativo di risolvere il problema, avvertono, si ritorcerà contro, portando conseguenze indesiderate che spesso danneggiano le persone che si sta cercando di aiutare. Il welfare danneggia i poveri.

Il salario minimo è negativo per i lavoratori. Il suffragio femminile porterà le donne fuori di casa, il che significa che non piaceranno più agli uomini e che i bambini moriranno! E così via.

“Le conseguenze delle leggi sul salario minimo sono state quasi del tutto negative: aumento della disoccupazione e della povertà” – Milton Friedman, anni Settanta.

Se tutto il resto fallisce, c’è il vecchio approccio infallibile: è il socialismo! Come vedrete, ogni presidente, a partire da Franklin Delano Roosevelt, che ha spinto per una società meno diseguale è stato cestinato come socialista o, per lo meno, come un impostore di un’agenda socialista guidata da altri. Allo stesso modo, quasi ogni sforzo importante per proteggere i lavoratori o il pubblico da prodotti o pratiche pericolose, sporche o malsane si è guadagnato l’etichetta di socialista.

“Non chiedetemi di entrare nella mente di un liberale, progressista, socialista, marxista come il presidente Biden” – Senatore del Wisconsin Ron Johnson, 2021.

I tempi stanno cambiando. Il crollo finanziario del 2008 e la Grande Recessione che ne è seguita, per non parlare della minaccia esistenziale del cambiamento climatico, hanno definitivamente e fondamentalmente minato l’idea che le aziende e il libero mercato possano essere lasciati liberi di autoregolarsi. Una serie di massicci tagli alle imposte sulle imprese ha fatto poco per stimolare l’occupazione e la crescita su larga scala, screditando l’economia del trickle-down (lo sgocciolamento dai ricchi ai poveri, tanto caro a Salvini, ndr). Nel frattempo, la disuguaglianza economica che dura da decenni e la pandemia di Covid-19 hanno messo a nudo una rete di sicurezza molto logora. È ora più chiaro che mai che questi argomenti – alcuni dei quali avanzati dalle aziende e dai loro alleati per oltre un secolo – non hanno quasi mai retto. I disastri che avevano previsto non si sono mai verificati.

Tutto questo ha dato vita a un nuovo movimento per un governo che faccia di più per livellare il campo di gioco e garantire a tutti la possibilità di prosperare, in grado di aggiornare il New Deal e la Great Society per il XXI secolo. Affinché questo movimento abbia successo, dobbiamo seppellire queste bugie una volta per tutte. Per farlo, dobbiamo capire come funzionano: come gli stessi miti dal suono intelligente che sono stati martellati nelle nostre teste quasi fin dalla fondazione vengono costantemente aggiornati e riciclati; come utilizzano la negazione, l’incertezza, lo spostamento delle colpe e una falsa posa di responsabilità civica; e come sono stati quasi sempre dimostrati falsi dalla realtà.

La posta in gioco non potrebbe essere più alta. Costruire un Paese più giusto e più forte è urgente di per sé. In un momento in cui la nostra democrazia è sotto attacco, potrebbe anche essere l’unico modo per ripristinare la fiducia che il nostro sistema possa ancora rispondere ai grandi problemi e migliorare la vita degli americani in modo concreto.

Se riuscissimo a smascherare una volta per tutte questi imbroglioni, potremmo privarli del potere che hanno avuto per troppo tempo nel plasmare l’opinione pubblica. Una volta fatto questo, potremo iniziare a costruire un Paese che offra davvero a tutti una possibilità equa.

Estratto da Corporate Bullsh*t (The New Press) ripreso dal settimanale Usa The Nation

 

 

Articolo precedente
Articolo successivo

1 COMMENTO

  1. Regna la confusione e la disinformazione più totale, tanto che certe manifestazioni avvengono solo in alcune città soprattutto italiane. E non c’è solo McDonald ma anche Eni.
    https://ilrovescio.info/2023/11/27/quando-pensiamo-alla-palestina-non-scordiamoci-di-eni/
    E’ ormai provato che multinazionali e miliardari sono inconpatibili con la democrazia.
    https://la.indymedia.org/news/2023/12/301863.php
    Ecco perchè c’è un riproporsi a livello globale di governi di estrema destra, le classiche teste di cazzo guerrafondaie che non ragionano, ma sanno solo escludere, dividere, scartare, ed incaponirsi su decisioni inadeguate a risolvere problemi che loro stessi hanno creato, perchè quello che conta sono orgoglio e vittoria ad oltranza. Malati mentali distruttori di civiltà.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

«Il partito è l’unica via per l’emancipazione collettiva»

Intervista al filosofo Jean Quétier: nonostante la sua storia contrastante, il partito non ha "esaurito" il suo potenziale [Fabien Escalona]

Effetto Milei, Argentina mai così povera da vent’anni

Nel giro di due mesi, la controrivoluzione libertaria del presidente ha aggravato la recessione in cui il Paese era già impantanato [Romaric Godin]

Mattarella e i manganelli, un raggio di normalità

Il Quirinale non l’ha mandate a dire a Piantedosi, tanto più notevole se si pensa che l’inquilino del Colle non è proprio uso a dar voce al dissenso

Cronaca da una Pisa in rivolta

I comunicati, i presidi, gli striscioni, Mattarella. E la destra ancora parla. Martedì 27 assemblea cittadina [Giulia De Ieso*]

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»