16.6 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
16.6 C
Rome
sabato 24 Febbraio 2024
HomecultureDa Londra, un ricordo di Negri: un grande ottimista del comunismo

Da Londra, un ricordo di Negri: un grande ottimista del comunismo

Una volta un compagno mi disse: “Sai, in Italia nessuno capisce perché Toni Negri sia così popolare in Inghilterra” [Craig Gent]

Una volta un compagno mi disse: “Sai, in Italia nessuno capisce perché Toni Negri sia così popolare in Inghilterra”.

Pensai ai libri sul mio scaffale “Comunismo italiano” e a quanti di essi fossero stati scritti dal teorico politico, e a quanti miei compagni avessero scaffali simili sulle loro librerie, ma non ebbi una risposta. Dopo tutto, Negri non parlava molto inglese e io non so parlare italiano. Non sono mai stato in Italia.

Per questo compagno, ciò rendeva ancora più incredula la nostra apparente fascinazione per il marxismo radicale italiano degli anni Sessanta e Settanta. Ora, all’età di 90 anni, Antonio Negri è morto e la questione è ancora aperta.

Il movimento di alter-globalizzazione della fine degli anni Novanta e dei primi anni Duemila ha avuto una profonda influenza su coloro con cui ho organizzato e sviluppato idee politiche. La sua miscela di politica di strada, creatività culturale ed estetica e anticapitalismo senza fronzoli si scagliava contro la “fine della storia” in un momento in cui il consenso neoliberale sembrava aver vinto in tutta la società.

È in questo contesto che Impero, un grosso libro di cui Negri e Michael Hardt sono coautori, è stato improbabilmente elevato a bestseller. Il libro mirava ad articolare una politica globale al di fuori delle dicotomie dell’era della Guerra Fredda sostenute dai settori più ortodossi della sinistra marxista e, in tal modo, parlava a un movimento che articolava una politica radicale all’ombra dei “lunghi anni Novanta”.

Ma più che un testo zeitgeist, Empire è stato per molti lettori di lingua inglese un’introduzione all’orientamento politico del coinvolgimento di Negri nelle lotte – un punto rilevante al di là delle pagine del libro, dato che l’autore lo ha scritto dal carcere, scontando la seconda parte di una condanna per essere stato “moralmente responsabile” della lotta armata degli anni Settanta dal periodo in cui era tra i fondatori di Potere Operaio durante gli “anni di piombo” italiani.

In quegli anni, come militante e studioso, Negri iniziò a sviluppare un corpo di pensiero che era iniziato con il suo coinvolgimento nell’operaismo negli anni Sessanta, quando aveva curato l’influente rivista Quaderni Rossi insieme a Mario Tronti, morto in agosto, e ad altri.

Esprimendo frustrazione per il fatto che le intuizioni politiche dell’operaismo derivassero da fabbriche isolate piuttosto che tenere il passo con lo sviluppo del capitale nel suo complesso, Negri ha affermato che i marxisti dovevano articolare “il nuovo soggetto sociale”. Il capitalismo, sosteneva, coinvolgeva ormai “l’intera socialità dei rapporti di produzione e riproduzione”, il lavoro era diventato diffuso in tutta la società e la figura storica dell'”operaio di massa” si era ormai trasformata in quello che Negri chiamava “operaio sociale”, il lavoratore “sociale” (o socializzato).

Per Negri, questo nuovo soggetto aveva implicazioni sia per la teoria che per la pratica politica.  “Tutti i concetti che definiscono la classe operaia devono essere inquadrati nei termini di questa trasformabilità storica della composizione della classe”, scriveva nel 1982.

“Come dicevamo: ‘dall’operaio di massa all’operaio sociale’. Ma sarebbe più corretto dire: dalla classe operaia, cioè quella classe operaia massificata nella produzione diretta in fabbrica, al potere-lavoro sociale, che rappresenta la potenzialità di una nuova classe operaia, ora estesa a tutto l’arco della produzione e della riproduzione – una concezione più adeguata alle dimensioni più ampie e più ricercate del controllo capitalistico sulla società e sul lavoro sociale nel suo complesso”.

Ma l’archetipo dell'”operaio sociale” è anche una sfida all’organizzazione politica tipica dell’approccio di Negri, in quanto pone la questione dell’aspetto della lotta di classe al di là del modello della fabbrica, della figura dell’operaio industriale (maschio) e delle gerarchie di partito e sindacali.

Qui, forse, sta il nocciolo dell’appello di Negri alla sinistra inglese: la nostra è una nazione notoriamente ossessionata dalla società di classe, ma del tutto refrattaria a fare qualcosa al riguardo. Persino i nostri sindacati si sono accontentati del loro ruolo di mediatori del capitale; in effetti, lo hanno fatto molto prima che diventasse popolare altrove. Allo stesso modo, la promessa “strada britannica verso il socialismo” non ha fatto altro che soffocare la genuina militanza o l’innovazione politica ovunque essa sorgesse, anche prima che la deindustrializzazione uccidesse le ultime tracce di controllo formale e riorganizzasse la classe operaia in modo irriconoscibile.

Come possiamo fare il comunismo quando la nostra classe è in movimento e non possiamo contare sui veicoli politici che pretendono di rappresentarci? Queste sono state le preoccupazioni di sempre della sinistra libertaria, almeno a partire dagli anni Settanta. Non è un caso, infatti, che il principale traduttore di Negri in inglese, Ed Emery, fosse un membro del gruppo marxista libertario Big Flame, fondato nel 1970, e del Ford Workers’ Group, entrambi tra i primi gruppi a porsi queste domande nella sinistra inglese.

Tuttavia, è interessante notare che mentre gli eventi politici e gli sviluppi del capitale hanno portato Negri dall’operaismo alla teorizzazione della lotta della “moltitudine” globale, coloro che si sono ispirati al suo lavoro sono andati nella direzione opposta, con progetti come Notes from Below che testimoniano un “ritorno al lavoro” tra gli “autonomi”.

Questo è forse ironico, dato che lo stesso Negri ha affrontato regolarmente le critiche di essersi semplicemente “ritirato nella teoria”. Nel 1976, il collega operaista Sergio Bologna sostenne che Negri aveva semplicemente abbandonato le lotte in fabbrica con la sua ipotesi di “operaio sociale”. Nel frattempo, i Comitati Autonomi Operai sottolinearono la debolezza metodologica delle conclusioni di Negri: “Proprio l’innegabile importanza politica di questi fenomeni richiede estremo rigore analitico, grande cautela investigativa, un approccio fortemente empirico (fatti, dati, osservazioni e ancora osservazioni, dati, fatti)”.

È vero che Negri sembrava intenzionato a immaginare una classe sempre più diffusa, più “trasversale”, sempre più mediata dalla tecnologia, eppure intrisa delle sue potenzialità. Negri era tipicamente animato quando prevedeva un’era di sovversione digitale, in cui la classe operaia del passato è in grado di esercitare la sua autonomia politica e la sua capacità di rifiuto politico attraverso una nuova società globale in rete.

Se oggi sembra poco plausibile, nei primi anni dopo il 2008 questa prospettiva sembrava ancora avere un senso, con attori politici, da UK Uncut ai cittadini rivoluzionari di piazza Tahrir, che utilizzavano le tecnologie di comunicazione digitale in modi che erano ampiamente considerati innovativi. Oggi, tra la prigione dei social media e l’ascesa delle tecniche di gestione algoritmica, sono solo uno dei tanti marxisti ispirati da Negri e costretti a fare i conti con il fallimento della tecnologia nel liberare la nostra capacità di organizzarci politicamente.

Ma dobbiamo ricordare che Negri era uno che aveva visto davvero la rivoluzione sconfitta, che sapeva cosa significava essere esiliato, imprigionato e persino deriso dai compagni di sinistra. Era un militante, un pensatore e uno scrittore prolifico, ma soprattutto Negri era e dovrebbe essere ricordato come uno dei grandi ottimisti del comunismo.

In visita in Inghilterra nel 2017, Negri ha affermato che: “Oggi, nell’era post-industriale, il corpo e il cervello del lavoratore non sono più docili per il dressage e l’addestramento dei cavalli da parte dei padroni; al contrario, sono più autonomi nella costruzione della cooperazione e più indipendenti dal comando organizzativo”.

Se posso accettare o meno questo sentimento, dipende da quanto sono influenzato dall’interminabile spinta e dall’attrazione dei cicli di lotta politica. Tuttavia, le parole di Negri tentano di far nascere un tipo di lotta di cui voglio far parte, il cui valore immortale è stato ben riassunto dal compagno Rodrigo Nunes: Toni Negri è stato “un modello di impegno […] e una voce che ci invitava a credere che le sconfitte del passato non erano definitive e che c’erano molte ragioni per ricominciare”.

Craig Gent è direttore operativo di Novara Media.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]