6.9 C
Rome
domenica 25 Febbraio 2024
6.9 C
Rome
domenica 25 Febbraio 2024
HomecultureDella stessa materia di cui è fatta la danza

Della stessa materia di cui è fatta la danza

Ritorna a Genova “Resistere e Creare”, rassegna di danza contemporanea

(foto di copertina Darragh McLoughlin)

Assolo per uomo e polistirolo. Dove il primo esplora del secondo tutte le imprevedibili potenzialità poetiche di materiale povero e quotidiano. E ne fa, di volta in volta:  presenze evanescenti che danzano da sole fino al momento in cui si afflosciano al suolo quando si esaurisce il soffio vitale che le animano; corpi celesti in equilibrio dinamico di una microscopico sistema solare confinato tra i palmi delle sue mani; nuvola di lucciole luminose che brillano in una notte d’estate; zampilli di una piccola eruzione vulcanica tutta elettrodomestica, dato che il tutto viene evocato con l’ausilio di ventole di ventilatore.  Onda di marea, infine, che si abbatte sul mare nero e immobile del palco dei Teatri di Sant’Agostino di Genova. Dove lo spettacolo MATERIA, di e con Andrea Salustri,  è il primo titolo in programma dell’edizione 2024 della rassegna di danza contemporanea Resistere e Creare, che si estende così a coprire tutta la stagione dello storico teatro genovese.

MATERIA (c)Milan Szypura

Uno spettacolo per tutti, di confine tra circo danza e giocoleria, un  passo a due tra un corpo e  un materiale  che diventa vivo e  protagonista delle vicende in scena. Solo un uomo, lastre e sfere di polistirolo sul palco per uno spettacolo in cui l’attenzione passa dal giocoliere alle sue manovre,  fino ad arrivare agli oggetti stessi,  che trasformano il performer da protagonista in semplice facilitatore. Andrea Salustri, performer di formazione transdisciplinare plasma  una partitura di oggetti liberi di agire e prendere iniziative, un mondo magico di materia da manipolare, trasformare e assecondare con il corpo, rivelandone la più  segreta vitalità.

Un percorso alla deriva tra calma e oscurità, tra scoperta e distruzione. Un miraggio ipnotico e inutile, di quella inutilità divina di cui solo la bellezza – perfettamente paga dell’istante eterno di stupore che suscita – può partecipare.

MATERIA (c)Milan Szypura

I prossimi appuntamenti della rassegna:  

3 e 4 febbraio sala Agorà CARNET EROTICO Francesca Zaccaria|Aldes

8 febbraio sala Aldo Trionfo YOLT Manuel Ronda|Tenecno

10 febbraio Teatro del Ponente MY BODY IS YOUR BODY Overhead Project

15 marzo sala Aldo Trionfo IGRA Kor’sia

20 e 21 aprile sala Aldo Trionfo CHOTTO DESH Akram Khan

CLICCA PER INFO E PRENOTAZIONI

MATERIA (c)Susana Chicó

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Gli appalti sono una montagna di merda

Mentre continuano le ricerche della quinta vittima nel cantiere Esselunga, Dario Salvetti spiega a cosa servono gli appalti: «a disumanizzare, renderci irriconoscibili tra di noi»

Lo stradario coloniale: il passato imperiale che non passa

I nomi delle strade, immutati dall'epoca, dicono molto di come l'Italia sia in deficit di riflessione sul suo curriculum criminale

Fantozzi si riprende Genova passando dal teatro

Davide Livermore porta in scena l'antieroe di Paolo Villaggio  

L’amore ci salverà. Oppure no

Come gli uccelli  del franco-libanese Wajdi Mouawad per la regia di Marco Lorenzi in scena a Genova

Qual è la storia della parola fascismo negli Stati Uniti?

I mutevoli significati del termine "fascista" e come, nel corso degli anni, abbia gradualmente perso la sua coerenza [Richard J.Evans]