28.1 C
Rome
martedì 16 Aprile 2024
28.1 C
Rome
martedì 16 Aprile 2024
HomecultureL'assolo catartico di Cristiana Morganti

L’assolo catartico di Cristiana Morganti

Già solista di Pina Bausch al Tanstheater, la danzatrice con Behind the light torna a Genova al Teatro Ivo Chiesa

“Mi sono rotta il cazzo di essere gentile!…” E’ l’incipit senza se e senza ma di un monologo danzato, parlato, urlato, riflessione tragicomica di una coreografa/danzatrice in crisi esistenziale. Con Behind the light torna a Genova al Teatro Ivo Chiesa la pluripremiata Cristiana Morganti, per 20 anni e a lungo solista del Tanztheater di Pina Bausch.  E da diverso tempo anche autrice di spettacoli dalla cifra auto ironica e poetica.  Come questo bilancio senza sconti, neanche a se stessa, degli ultimi 4 anni di una vita attraversata da tempeste esistenziali e professionali a partire da quella piccola sigla, Covid 19, che ha cambiato il mondo. Quello di tutti e anche il suo. E quindi, nell’ordine, in un perfetto effetto domino: pandemia, lockdown, lutti familiari e separazioni, il tutto somatizzato in dermatiti, lombalgie, dolori articolari e aumento di peso di un corpo che è anche e soprattutto lo strumento di lavoro  di una danzatrice di mezza età, segnato da una vita di disciplina a volte crudele come forse solo la danza sa essere.  Ma che rimane  straordinariamente elegante, come anche nella scena di ripetuti collassi, seminuda o vestita, da un divano.

Ne risulta un assolo autobiografico e spiazzante, composto da una serie di quadri, in cui Morganti recita, danza, canta su una scena bianca e sospesa in cui irrompono, per dialogare con lei i, raffinati video di Connie Prantera. Su un collage musicale che spazia da Vivaldi al punk-rock, da Giselle di Adolphe Adam alla musica elettronica di Ryoji Ikeda, si srotolano sullo schermo le immagini del racconto degli ultimi 40 anni di un’esistenza assieme privata e del mondo intero.

Fino al termine di una  “personale crisi globale” mostrata, presa in giro, attraversata, evasa e infine superata grazie all potere catartico dell’arte e del teatro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Il Carro del principe, un viaggio durato 27 secoli

Inaugurata nel museo di Fara Sabina la sala del carro di Eretum. Dalla Sabina alla Danimarca e ritorno

Fotografare per immaginare

Marchionni e Scattolini, itinerari del reportage poetico al museo Ghergo di Montefano

Il malgusto ai tempi del consumo

Food porn, oltre la satira del cibo spazzatura: Andrea Martella torna in scena con Hangar Duchamp

Perché Israele uccide i giornalisti

Intervista a Haggaï Matar, direttore dei media israelo-palestinesi autori di un'inchiesta shock sull'uso dell'intelligenza artificiale per uccidere civili a Gaza Rachida El Azzouzi]

Il marchese del Grillo in salsa mediorientale

Eccidio di cooperanti a Gaza e bombe su Damasco, Netanyahu cerca di allargare il conflitto fidando nello strabismo degli alleati