-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
-1.5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
Homepadrini & padroniTreviso, Gentilini è uno sceriffo razzista. Lo dice la Cassazione

Treviso, Gentilini è uno sceriffo razzista. Lo dice la Cassazione

Pena simbolica ma definitiva per l’ex sindaco-sceriffo: istigazione all’odio razziale.

da Treviso, Enrico Baldin

Treviso, Gentilini è uno sceriffo razzista. Lo dice la Cassazione

E’ stato condannato in via definitiva Giancarlo Gentilini, per due volte sindaco di Treviso, per due mandati vicesindaco della stessa città, e nel 2013 candidato sindaco sconfitto da Giovanni Manildo.

La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di secondo grado condannando l’85enne Gentilini a pagare una sanzione di 4000 euro per incitamento all’odio razziale. L’inchiesta partì dalla magistratura veneziana dopo che in un comizio della Lega Nord svoltosi nel 2008 a Venezia, Gentilini incitò a “pulire le strade da tutte queste etnie che distruggono il nostro paese”.

I discorsi di Gentilini, nei vent’anni di suo assoluto ed indiscusso protagonismo della vita politica trevigiana, sono andati spesso e volentieri oltre i confini trevigiani e veneti, a causa della carica di esplicito razzismo che portavano con sé, rendendolo noto in tutta la penisola come pure all’estero. In passato, con la fascia di tricolore al petto, dichiarò di aver dato mandato al comandante dei vigili di fare “pulizia etnica dei culattoni”. In altre occasioni associò alla parola “stranieri” il sostantivo “cani”, parlò di “eliminare” i bambini degli zingari ed evocò “vagoni piombati” per gli extracomunitari. Si rese noto per aver tolto le panchine dal parco di Sant’Andrea giustificando pubblicamente l’ordinanza con l’esigenza di non vederci accomodati immigrati e “negri”; espresse il desiderio di travestire gli stranieri da leprotti per poi esercitarci le sue doti di cacciatore, ed in molti suoi discorsi, in preda alle sue ossessioni, associò la presenza di migranti a un “complotto dei bolscevichi”. Gentilini inoltre, non di rado usò espressioni richiamanti esplicitamente il ventennio fascista nel suo linguaggio a dir poco colorito.

Per tutto questo palmares di linguaggi, espressioni, intenti, dichiarazioni e ordinanze Gentilini non aveva mai subito alcuna condanna. Per due volte la Procura di Treviso aprì altrettante inchieste, in entrambi i casi per istigazione all’odio razziale, ma il seguito dei procedimenti fu di archiviazione in un caso e di assoluzione nel secondo.

Ma se le inchieste trevigiane non hanno portato a nulla, la magistratura veneziana lo ha condannato. E anche se poco più che simbolica, la condanna definitiva è accolta con sollievo da tutti quei movimenti antirazzisti che per vent’anni hanno osteggiato il sindaco-sceriffo.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi