30.9 C
Rome
sabato 22 Giugno 2024
30.9 C
Rome
sabato 22 Giugno 2024
HomecultureUcraina, il battaglione nazi che combatte per Kiev

Ucraina, il battaglione nazi che combatte per Kiev

Si chiama “Azov” ed è stato creato dal ministro dell’Interno. Dodicimila volontari fascisti provenienti da tutta Europa, anche dall’Italia. (video)

di Franco Fracassi

C’è il cinquantaduenne italiano, che ha lasciato a casa moglie e figlio (e assomiglia tanto al Francesco Fontana di cui abbiamo tanto parlato su Popoff): «Per la mia formazione politica combatto dove sono i miei camerati. È per questo che mi sono sentito subito a casa, grazie anche a loro». C’è anche il diciottenne russo, nome di battaglia “Murman”: «Tra dieci anni non apparterrò più al mio Paese, tante persone non apparterrano più al proprio Paese». Ce ne sono altri dodicimila provenienti da tutta Europa. Sono i volontari del battaglione internazionale “Azov”, creato lo scorso 5 maggio dal ministro dell’Interno ucraino Arsen Avakov. Sono tutti dichiaratamente fascisti e nazisti.

La loro base si trova vicino al mare e vicino a Mariupol, nel sud-est del Paese. I volontari internazionali ricevono addestramento basico (tattiche di guerra comprese) prima di essere spediti in prima linea per combattere contro i separatisti russofoni.

Di seguito cinque video (alcuni girati dagli stessi miliziani di “Azov”) che mostrano l’addestramento, il giuramento e, poi, i volontari nazisti in combattimento.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Che cosa ci insegna la sinistra francese

Perché dall'altro versante delle Alpi la devastazione sociale è più arretrata che in Italia [Andrea Martini]

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte