5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
5 C
Rome
lunedì 24 Gennaio 2022
si fa di carta grazie a te! Arriva
Libro-rivista di racconti, inchieste, riflessioni

Il primo numero, ottimo anche come idea regalo, è già pronto e si intitola Cocktail partigiani. Parole in fondo al bicchiere, un volume di Gabriele Brundo, scrittore-barman genovese corredato da illustrazioni di una dozzina di disegnatori, da un ricettario di cocktail a base di Amaro Partigiano e da alcune riflessioni su produzione e consumo di alcol e letteratura.

OLTREPOP

E SAI COSA BEVI!!!
HomeculturePkk: anche gli Usa dietro l'offensiva Isis in Iraq

Pkk: anche gli Usa dietro l’offensiva Isis in Iraq

I massacri dei jihadisti pianificati insieme a Usa, Arabia Saudita, Qatar, Israele, Turchia, sunniti fedeli a Saddam Hussein e curdi iracheni.

di Franco Fracassi

Cadaveri di soldati iracheni ammassati all'interno di un magazzino. Si calcola che siano stati giustiziati quasi duemila prigionieri.
Cadaveri di soldati iracheni ammassati all’interno di un magazzino. Si calcola che siano stati giustiziati quasi duemila prigionieri.

«Il primo maggio ad Amman, in Giordania, si è tenuta una riunione a cui hanno partecipato rappresentanti dell’Isis, degli Stati Uniti, dell’Arabia Saudita, del Qatar, di Israele e della Turchia, oltre che di un rappresentante del Partito democratico curdo. In quell’occasione si è decisa l’offensiva dello Stato islamico dell’Iraq e del levante». La denuncia viene dal giornale del Partito comunista curdo (Pkk), che si dice disgustato dalla partecipazione di curdi a una riunione del genere e totalmente contrario alla nascita del Kurdistan. «Si tratta di uno Stato frutto di un abominio imperialista. Almeno così com’è stato disegnato nelle mappe che abbiamo visto. Serve solo gli scopi dell’America».

L’offensiva dell’Isis si è svolta nella parte centrale del mese di giugno. L’esercito jihadista ha conquistato quasi tutto l’Iraq settentrionale, lasciando al partito curdo di Marsur Barzani il controllo della zona di Kirkuk. Video e fotografie hanno testimoniato i massacri compiuti dall’Isis. I prigionieri (ma non solo loro) sono stati giustiziati a migliaia, e poi gettati in fosse comuni. Il primo luglio il loro leader, Abu Bakr al-Baghdadi, si è autoproclamato califfo di un neonato Stato islamico.

«Il 27 maggio, sempre ad Amman, si è svolta una riunione preparatoria del vertice del primo giugno. A questa ha partecipato anche il capo dei servizi segreti del governo del Kurdistan iracheno Masrur Barzani», ha scritto “Özgür Gündem”. Il quotidiano curdo ha, poi, aggiunto: «Nella prima riunione era oresente anche l’ex vicepresidente del Partito Baat di Saddam Hussein e un delegato della formazione terroristica Ansar al Islam».

Una pagina del verbale della riunione del primo giugno ad Amman:

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

I nazisti ucraini nei giochi di guerra tra Putin e Biden

La CIA sta segretamente addestrando gruppi nazisti anti-russi in Ucraina dal 2015 [Branko Marcetic]

A #BlackLivesMatter serve un programma economico

In un paese che ha sempre usato la razza per giustificare la disuguaglianza, porre fine alla brutalità della polizia è solo l'inizio

Violenze di gruppo a Milano, i 3 cerchi dell’orrore dei Taharrush JamaR...

La pratica dei Taharrush Jama'i viene dall'Egitto. L'obiettivo è scoraggiare donne e attiviste a partecipare a raduni ed eventi pubblici

Il virus della disuguaglianza

Il rapporto Oxfam: cresce in Italia e nel mondo la concentrazione delle ricchezze, aumenta il numero dei poveri 

Scuola al freddo, linea dura della preside: sospesi in 66

Sospesi in 66 in un liceo artistico di Milano per aver rivendicato un diritto. Una storia in apparenza d'altri tempi