24.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
24.1 C
Rome
domenica 16 Giugno 2024
HomecultureIl ritorno di Harry Potter

Il ritorno di Harry Potter

J.K. Rowling immagina il celebre maghetto con qualche capello bianco in un racconto per il sito Pottermore.

di Giorgia Pietropaoli

il ritorno di Harry potter

Trentaquattrenne, con qualche capello bianco e con una misteriosa cicatrice sulla guancia: ecco Harry Potter vent’anni dopo lo scontro con Voldemort.
Se siete fan della saga di Harry Potter e vi siete chiesti che fine abbia fatto il vostro eroe preferito, la risposta potete trovarla sul sito Pottermore.com in cui la creatrice del maghetto più amato di tutti i tempi, la scrittrice britannica J.K. Rowling, ha pubblicato un racconto, di appena 1.500 parole, ambientato diciannove anni dopo la battaglia di Hogwarts.
Il punto di vista della narrazione è quello della cronista Rita Skeeter e per chi fosse curioso di scoprire più dettagli può trovare il racconto completo anche su Today.

In tanti sperano che questo sia soltanto il primo passo che condurrà la scrittrice a raccontare le nuove avventure del maturo Harry Potter. Non ci resta che aspettare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Ansa: “Ilaria Salis è libera”

Tolto il braccialetto elettronico, l'europarlamentare può tornare in Italia

Francia, nasce il Fronte Popolare

"Siamo pronti a governare". Trattative dure ma i leader della gauche hanno un accordo e un programma per i primi cento giorni [Mathieu Dejean]

Europee, Ilaria Salis ce l’ha fatta. Fine delle buone notizie

La sinistra c'è ma non si scolla dal Pd. L'onda nera c'è ma non ferma Ursula. Primi spunti sui risultati delle elezioni europee 

Le parole sono importanti!

Una lotta vittoriosa oltreoceano per combattere l’antiziganismo anche nell’arte 

Le elezioni non saranno una passeggiata per il Labour

“Stability is change” è lo slogan insipido di Starmer ma le voci alternative non stanno in silenzio [Steve Howell]