23.7 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
23.7 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
Homepadrini & padroniUsa/Hollywood: i soldati del futuro in divisa da supereroi

Usa/Hollywood: i soldati del futuro in divisa da supereroi

Oltre a rendere invulnerabili i soldati, la divisa avrà incorporati al suo interno sofisticati dispositivi di guerra. Coinvolta nel progetto del Pentagono anche Hollywood.

di Marina Zenobio

Usa/Hollywood: soldati in divisa come i supereroi

Esperti militari del Pentagono stanno sviluppando una uniforme speciale per le forze armate statunitensi che dovrebbero proteggere i soldati con una corazza blindata, sullo stile di quella usata dal protagonista del film Iron Man.

progetto TalosIl progetto, presentato dall’ammiraglio Bill McRaven, veterano dell’Afghanistan e capo del comando delle Operazioni speciali Usa (Socom), è stato battezzato col nome di Talos (Tactical Assault Light Operator Suit), che in italiano potremmo tradurre come “uniforme leggera per operatori dell’assalto tattico”.

L’armatura Talos dovrebbe essere fatta di “metallo liquido” sviluppato dall’Istituto di tecnologia del Massachusetts che, a contatto con un campo magnetico o corrente elettrica, diventerebbe rigido in millesimi di secondi. Oltre a proteggere i soldati dalle pallottole, l’uniforme sarà dotata di sistemi integrati, sofisticati sensori e differenti gradi di durezza per non toglierle flessibilità. Sistemi di protezione nell’esoscheletro permetteranno di monitorare il corpo e controllarne temperatura, battito cardiaco e livello di idratazione.

McRaven è convinto che questa tecnologia renderà invincibili i soldati statunitensi sul campo di battaglia. L’uniforme per i futuri iron men, dovrebbe essere pronta entro un anno e, per il 2016, ce ne sarà una seconda versione molto più avanzata, secondo quanto scrive la rivista americana Foreign Policy. Obama ha già chiesto il primo esemplare per la sua scorta.

Ma non è destinata a tutti i soldati, solo l’elite delle forze Usa – Berretti verdi, Delta force, Navy seals – saranno dotati di tali armature in grado di resistere ad armi non convenzionali e di azionarsi meccanicamente e muoversi sotto la spinta di una forza propulsiva. Il Dipartimento di stato considera il progetto Talos come “una vera e propria rivoluzione” che cambierà completamente il modo di combattere.

Non sappiamo quanto ci sia di vero, almeno per quanto riguarda la realizzazione di Talos, di certo negli intenti il sogno americano, e anche quello di Obama, presidente Usa nonché grottesco premio Nobel per la pace, è di avere soldati invincibili, proprio come i supereroi hollywoodiani della Marvel Comics. Non a caso anche Hollywood è stata arruolata nel progetto del Pentagono, in particolare gli ingegneri e i designer di Legacy Effects, maghi in effetti speciali, creatori di Terminator, RoboCop, Capitan America, che dovranno costruire un vestito armatura molto simile a quello di un’altra loro creatura, Iron Man. Come diceva Alberto Sordi? “Aho, l’americani so’ forti!”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

La trappola del debito incastra le comunali

Comunali 2021: il grande rimosso del debito mentre i faccioni dei candidati già fanno promesse dai cartelloni [Marco Bersani]

La guerra di Lamorgese al dissenso. 10mila agenti Sì Tav

Quasi diecimila rinforzi per l'occupazione militare della Val Susa: è il senso del governo Draghi per la libertà di movimento

Insorgere, allora. La lezione di Gkn

“Siamo tutti GKN!” era l'urlo del corteo, a segnare il salto di qualità di una lotta di riunificazione del mondo del lavoro [Cristina Quintavalla]

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]