La guerra su Gaza è un successo del Made in Italy

La guerra su Gaza è un successo del Made in Italy

L’Italia è oggi il maggiore fornitore di sistemi militari dell’Ue verso Israele. Tutto ciò, denuncia la Rete Disarmo, avviene in violazione della legge. La ministra degli Esteri potrebbe fermare lo scempio ma non lo farà

di Checchino Antonini

M346

 

 

160 morti in 6 giorni 1.100 feriti, il 70% sono civili. Bilancio parziale e destinato ad aggravarsi della guerra di Israele alla gente di Palestina. E’ un successo indiscutibile dell’industria italiana, del Sistema Italia, come amano chiamarlo i media “normali”, i partiti “normali” e gli imprenditori.

«L’Italia è oggi il maggiore fornitore di sistemi militari dell’Unione europea verso Israele e proprio nei giorni scorsi, durante i raid aerei israeliani su Gaza, Alenia Aermacchi del gruppo Finmeccanica, ha inviato i primi due aerei addestratori M-346 (su 30 dell’intera commessa) alla Forza Aerea israeliana», scrive la Rete Italiana per il Disarmo lanciando l’ennesimo inutile appello perché il governo italiano sospenda l’invio di armi e sistemi militari a Israele e si faccia promotore di una simile misura presso l’Unione europea durante il semestre di presidenza Renzi. La Rete Italiana per il Disarmo raggruppa le principali organizzazioni italiane impegnate sui temi del disarmo e del controllo degli armamenti.

I nuovi velivoli addestratori M346 hanno il principale scopo di favorire addestramento e “transizione” a caccia di nuova generazione e possono anche essere armati e utilizzati per bombardamenti, grazie alla loro maneggevolezza, specie in aree urbane e di conflitti a basso dispiegamento di forze armate e di contraerea.

Secondo Rete Italiana per il Disarmo tutto ciò avviene in aperto contrasto con la nostra legislazione relativa all’export di armamenti, il cui primo articolo prevede proprio l’impossibilità di fornire armamenti a Paesi in stato di conflitto armato o i cui governi sono responsabili di gravi violazioni delle convenzioni internazionali in materia di diritti umani, accertate dai competenti organi delle Nazioni Unite, dell’UE o del Consiglio d’Europa. I primi M346 sono stati consegnati il 9 luglio in coincidenza con il 24º anniversario di promulgazione della legge 185/90, una delle più disattese del codice.

La 185/90 attribuisce al Ministero degli Esteri la facoltà di decisione sull’esportazioni di armamenti (tramite l’UAMA – Unità per le autorizzazioni dei materiali d’armamento) ma Federica Mogherini, La Rete Italiana per il Disarmo chiede al Ministro Federica Mogherini, la ministra di Renzi per gli Esteri, non si schioda dalle parole rituali di condanna degli attacchi aerei sulle aree civili quando potrebbe promuovere una decisione veloce e chiara sulla fornitura inopportuna. L’Italia è complice di questo massacro. Mogherini, una decina di anni fa, rappresentava la Sinistra giovanile nei summit del movimento dei social forum. Anche allora la sua organizzazione aveva un pacifismo intermittente e strabico.

Vale la pena di sfogliare l’album dei ricordi e tornare a una trentina di anni fa quando un presidente italiano dicharava “Io sono stato in Libano. Ho visto i cimiteri di Sabra e Chatila. E’ una cosa che angoscia vedere questo cimitero dove sono sepolte le vittime di quell’orrendo massacro. Il responsabile (Ariel Sharon) e’ ancora al governo in Israele. E quasi va baldanzoso di questo massacro compiuto. E’ un responsabile cui dovrebbe essere dato il bando dalla società”. (Sandro Pertini. Messaggio presidenziale agli Italiani. 31 dicembre 1983). Dopo di lui gli inquilini del Quirinale hanno picconato la Costituzione, inventato lager per migranti, benedetto marò e parà.

Related posts

5 Comments

  1. attikus

    senza dimenticare lo schifo di una ministro che si diceva radicale che firmava licenza di esportazioni di armi senza neppure vergognarsene !!!!!!!!!

    Reply
  2. Antonio Ferraro

    Schifo e orrore per questa Italia guerrafondaia. Non si vergognano. La sera, quando gli capita di guardarsi allo specchio, dovrebbero sputarsi in faccia per la vigliccheria che guida la loro vita.
    Antonio Ferraro . Rieti

    Reply
  3. Antonio Ferraro

    Questi guerrafondai italiani, governo compreso, dovrebbero sputarsi in faccia la sera, davanti allo specchio, per il cinismo ed il disprezzo che dimostranoper la vita umana.
    Antonio Ferraro

    Reply
  4. elio

    Secondo i commenti che leggo, Israele dovrebbe starsene buona e zitta a subire i razzi che giornalmente arrivano dai palestinesi.
    Che naturalmente i razzi palestinesi sono buoni e non fanno male..
    Italia guerrafondaia?
    Ma vi siete bevuti tutti il cervello ragazzi?

    Reply
    1. Aldo Rotolo

      no “caro” elio, sei tu che insieme ai guerrafondai al governo vi siete bevuti la vostra coscienza civile, se mai ne avete avuta una. le leggi della Repubblica Italiana sono a discrezione o sono una cosa seria? la domanda è evidentemente retorica! 🙁

      Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.