29 C
Rome
mercoledì 28 Luglio 2021
29 C
Rome
mercoledì 28 Luglio 2021
HomemalapoliziaBudroni, assolto l'agente che sparò

Budroni, assolto l’agente che sparò

Il pm chiede due anni e sei mesi per l’agente che il 30 luglio 2011 uccise Dino Budroni sul Gra di Roma. Il giudice ha provveduto ad azzerare quella richiesta.

di Checchino Antonini

NEWS_67573

Ha sparato male, ha sparato due volte, ha sparato quando non era necessario. Il pm ha appena chiesto due anni e sei mesi per l’agente che, il 30 luglio del 2011, uccise Dino Budroni sul Gra di Roma. In questo momento sta parlando Fabio Anselmo, legale dei familiari della vittima.

Per Anselmo, legale dei Budroni, non fu eccesso doloso perché non è vero che l’agente sparò in rapida successione: le macchine erano ferme e l’angolazione degli spari dimostrerebbe che non si può liquidare la morte di un uomo come eccesso in un’azione legittima.

[15h25] Tra difesa e accusa, lo scontro, nella ricostruzione dei fatti, è sulla eventuale velocità dellè macchine al momento dello sparo, sull’ uso legittimo delle armi e sulla distanza tra i due colpi. Il difensore del poliziotto sta cercando di dimostrare che l’auto di Budroni correva ancora quando l’agente ha sparato. Budroni sarebbe morto solo perché aveva assunto una posizione inclinata per ripararsi dagli spari. Il film.della difesa é molto diverso da quello del pm e della parte civile.

Dopo un’ora e mezza di camera di consiglio la lettura fulminea della sentenza, che assolve probabilmente perché considera legittimo delle armi in quella circostanza. Il giudice scompare dall’uscita di servizio e nei corridoi di Piazzale Clodio va in scena a disperazione dei familiari.

(segue)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, prego!
Inserisci il tuo nome qui, prego

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli

Genova, mille ore di silenzio contro la guerra

Il 28 luglio, per la millesima volta, un gruppo di pacifiste/i si riunirà sui gradini di Palazzo Ducale. Stavolta la dedica è alle Veglie contro le morti in mare

L’inganno del Pleasure, ma esiste un porno etico?

Tutto quello che c’è da sapere sul porno – e che il film di Ninja Thyberg non ti dice [Monica Mazzitelli]

G8, poca luce sotto il Qr Code

Fare Luce, innovativa installazione tecnologica, ideata dal direttore Livermore che apre il G8 PROJECT del Teatro Nazionale di Genova [Carlo Rosati]

Cuba, l’urlo di Padura

A questo avvertimento disperato delle rivolte popolari, le autorità cubane non dovrebbero rispondere con gli slogan abituali [Leonardo Padura]

Genova, è ancora il giorno di Carlo

Vent'anni fa l'omicidio di Carlo Giuliani, ucciso da un carabiniere che non sarebbe mai stato processato. L'agenda dei movimenti parte a fianco dei licenziati della Gkn. A Napoli contro il G20